10 semplici trucchi per far fare al tuo cervello ciò che desideri

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Ti senti come se fossi fuori controllo? Devi assumerti il ​​controllo e far fare al tuo cervello quello che vuoi. Considera che il tuo cervello funziona come un computer. Se il tuo computer non sta facendo quello che vuoi, puoi cambiare i programmi.

Cambia i programmi che il tuo cervello esegue con alcuni semplici trucchi.

1. Svuota la mente riordinando la tua vita.

Ti senti confuso o facilmente distratto? L'ambiente circostante influisce sul modo in cui pensi e senti. Inoltre, quando butti via, o dai via le cose che non ti servono più, è un atto simbolico. Sarai stupito di sentirti più leggero e concentrato. Provalo. Apri un cassetto della scrivania e riordinalo, scartando quanti più oggetti puoi.

Se sei un accaparratore, può essere una sfida rompere questa abitudine. Prova questo: decidi che per ogni oggetto che porti in casa, rimuoverai almeno una cosa.

2. Sii sano: elimina le voglie di cibo sostituendo cibi naturali con cibi raffinati.

I ricercatori hanno scoperto che quando cedi al desiderio di cibo, le sostanze chimiche rilasciate possono cambiare il tuo cervello. I nostri antenati degli uomini delle caverne desideravano sostanze nutritive come grassi, zucchero e sale, e anche noi. Sfortunatamente, oggi queste sostanze sono altamente raffinate, quindi ne otteniamo più facilmente di quanto potremmo se mangiassimo cibi naturali. Quando cediamo alle nostre voglie, otteniamo uno sballo di endorfine e possiamo diventare dipendenti dalla fretta che otteniamo.

Inganna il tuo cervello sostituendo cibi naturali con cibi raffinati. Mangia il più possibile cibi non trasformati e usa sostituti sani dello zucchero come la stevia. Hai voglia di cioccolato? Prova la carruba come sostituto sano. Eliminerai gradualmente le voglie.

3. Fallo ora. Conquista la procrastinazione usando i rituali.

Se la procrastinazione è una sfida, crea un'abitudine "fallo ORA" sviluppando rituali. I rituali conquistano l'inerzia e il tuo umore non ti controllerà più.

Ecco un semplice rituale per sviluppare una sana abitudine di esercizio. Pianifica l'esercizio in un momento specifico ogni giorno. Quando arriva il momento, cambia immediatamente la tua attrezzatura da ginnastica, senza pensarci.

Il mio rituale di scrittura ogni giorno è preparare una tazza di caffè e portarla nel mio ufficio. Lo faccio da così tanto tempo che quando entro in ufficio con il caffè ho voglia di scrivere.

Assicurati che il tuo rituale sia un'attività fisica. Pensare a ciò che devi fare porta alla procrastinazione; essere attivi.

4. Elimina i pensieri negativi con musica e movimento.

Ecco un semplice trucco per sentirti più positivo: accendi della musica allegra. Alzati e balla. Entro uno o due minuti ti sentirai molto più positivo.

Provalo la prossima volta che sei sommerso dalla negatività. Sii consapevole di come si sente la negatività. Il tuo corpo si sente pesante. Accendi la tua musica e balla. Quindi considera come ti senti: ti senti più leggero, vero?

5. Pratica la gratitudine in modo che il tuo cervello si inonda di norepinefrina e ti senti bene.

Di cosa sei grato? Fai un elenco di tre cose. Ognuno ha tre cose che ama e di cui si sente grato.

Da un articolo di Rick Hanson, psicologo e autore di best seller:

"La ricerca suggerisce che quando le persone praticano la gratitudine, sperimentano un generale allarme e luminosità della mente, e questo è probabilmente correlato con una maggiore quantità di neurotrasmettitore noradrenalina."

6. Pensa il meglio delle persone e trova più amici.

Adoro questa citazione dal film Harvey. L'eroe del film, Elwood P. Dowd, ha un migliore amico che è un pooka, un invisibile coniglio alto sei piedi. Elwood ha una filosofia di vita molto semplice:

Anni fa mia madre mi diceva: "In questo mondo, Elwood, devi essere" - mi chiamava sempre Elwood - "In questo mondo, Elwood, devi essere oh così intelligente o oh così piacevole. " Beh, per anni sono stato intelligente. Raccomando piacevole. Puoi citarmi.

Sii gentile. Non solo ti farai più amici, ma sarai anche più felice. La prossima volta che qualcuno è cattivo, considera la sua azione dal suo punto di vista. Forse stanno solo passando una brutta giornata.

7. Aumenta il tempo aumentando l'input al tuo cervello.

Partecipa attivamente all'apprendimento. Fare nuove attività e imparare cose nuove induce il tuo cervello a pensare che sia passato meno tempo. Il tempo sembra dilatarsi. Se hai sempre desiderato imparare a cucinare, a deltaplano o imparare una lingua, inizia; hai un sacco di tempo.

8. Usa l'autosuggestione: "Ogni giorno, in ogni modo, sto migliorando sempre di più".

L'autosuggestione inganna il tuo cervello. La psicologa francese Émile Coué ha creato il mantra del pensiero positivo: "Ogni giorno, in ogni modo, sto migliorando sempre di più".

Darti suggerimenti positivi inganna il tuo cervello facendogli credere. Siamo tutti suggestionabili. Se non lo fossimo, il marketing non sarebbe un'industria globale da miliardi di dollari. Considera l'autosuggestione come una pubblicità positiva che fai per te stesso. L'autosuggestione può fare un'enorme differenza nella tua vita.

Dalla voce di Wikipedia su Coué:

A differenza di una credenza comune che una forte volontà cosciente costituisca la strada migliore per il successo, Coué sosteneva che la cura di alcuni dei nostri problemi richiede un cambiamento nel nostro pensiero inconscio, che può essere ottenuto solo usando la nostra immaginazione. < / p>

Puoi cambiare il tuo pensiero inconscio, la tua programmazione mentale, usando suggerimenti positivi. Prova a usarli 20 volte al mattino e alla sera, come consigliato da Coué.

9. Fai esercizio per cambiare il tuo cervello.

Sapevi che l'esercizio produce cambiamenti nel tuo cervello? Chi sapeva che l'esercizio fosse un trucco così potente?

In uno studio su 25 adulti sani, la dott.ssa Michelle McDonnell e il suo team hanno scoperto che il cervello era in grado di ricablare in modo più efficace le connessioni nervose - chiamate neuroplasticità - nella mano dopo 30 minuti di ciclismo a bassa intensità.