15 persone di successo con autismo che hanno ispirato milioni di persone

Coach e tirocinante consulente specializzato in salute mentale e dipendenza. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Ci sono quelli che si limitano a girarsi e accettare qualunque mano il destino gli offra come la scusa perfetta per accontentarsi della mediocrità.

Poi, ci sono l'altro tipo di persone:

Le figure ispiratrici.

Leader, innovatori e creatori di grande successo.

Gli eroi che prendono quello che gli altri vedrebbero come un limite e lo trasformano nel loro superpotere, usandolo per cambiare il mondo, portare gioia nella vita degli altri e ispirare milioni di persone.

Da nessuna parte troverai un esempio più classico di questi supereroi che tra quelle persone influenti a cui è stato diagnosticato (o che mostrano almeno i sintomi classici) del disturbo dello spettro autistico (ASD).

Colpendo circa 1,5 milioni di persone negli Stati Uniti e circa 700.000 nel Regno Unito, ASD è un termine che copre una serie di condizioni uniche, che vanno dalla sindrome di Aspergers al disturbo autistico o 'autismo classico', quest'ultimo è il tipico condizione a cui pensa la maggior parte delle persone quando sente la parola "autismo".

Nel mezzo, ci sono quelli con Disturbo pervasivo dello sviluppo - Non altrimenti specificato (PDD-NOS) o "autismo atipico", che è il termine tipicamente usato per descrivere le persone che mostrano alcuni segni di essere nello spettro autistico ma non lo fanno t soddisfare i criteri completi per una diagnosi di Asperger o disturbo autistico.

Le persone con autismo possono affrontare un numero qualsiasi di sfide diverse nella vita, incluse, ma non limitate a:

  • Difficoltà a comunicare con gli altri
  • Difficoltà a mantenere le amicizie
  • Interessi ossessivi
  • Movimenti ripetitivi del corpo, come sbattere le mani o dondolarsi avanti e indietro
  • Discorso ritardato e abilità linguistiche.

Tuttavia, qualunque sia la sfida che ASD può aver presentato alle persone che incontreremo oggi, queste non sono il tipo di persone che lasciano che quelle sfide si frappongano al raggiungimento dei loro sogni.

Pronto per essere ispirato?

Immergiamoci e incontriamo i leader aziendali, gli intellettuali, gli artisti e altre persone con autismo di grande successo che hanno ispirato milioni di persone.

1. Dr. Temple Grandin

Professore di scienze animali / Portavoce influente dell'autismo

Nessun elenco di persone stimolanti con autismo potrebbe davvero iniziare senza prima menzionare Temple Grandin.

Muto fino all'età di tre anni e mezzo, al dottor Grandin è stato diagnosticato l'autismo da bambino e alla fine è stato in grado di parlare grazie all'aiuto di un logopedista.

Trovando la sua voce, ha continuato a pubblicare Emergence: Labeled Autistic, un libro innovativo che è ampiamente considerato come la prima vera intuizione della vita e dei pensieri di una persona con autismo.

Scrittrice e oratrice prolifica non solo sull'argomento dell'autismo ma anche sul comportamento degli animali, la dottoressa Grandin è una professoressa di scienze animali alla Colorado University, dove è stata definita "l'adulto con autismo più affermato e conosciuto nel mondo. "

Nel 2010, Time Magazine l'ha nominata una delle 100 persone più influenti al mondo ed è stata anche protagonista di un film biografico con l'attrice vincitrice di un Emmy Award, Claire Danes.

2. Wolfgang Amadeus Mozart

Compositore

Sebbene il primo caso registrato di autismo non si sia verificato fino a due secoli dopo la morte di Mozart, molti esperti di spicco hanno diagnosticato retroattivamente che il famoso compositore mostrava segni di Tourettes e Aspergers.

Dai suoi movimenti ripetitivi e dalle espressioni facciali insolite agli stati d'animo irregolari e ai pensieri e comportamenti ossessivi, è probabile che Mozart abbia classificato come membro dello spettro ai suoi tempi.

Tuttavia, questo ha fatto poco per ostacolare il suo progresso o la sua creatività.

Oggi Mozart è considerato uno dei più grandi compositori che il mondo abbia mai conosciuto, componendo oltre 600 brani dall'infanzia fino alla sua prematura scomparsa all'età di 35 anni. Molte di queste opere sono ancora considerate l'epitome dell'eccellenza nella musica classica musica.

3. Satoshi Tajiri

Inventore di Pokémon

Satoshi Tajiri potrebbe non essere il nome più famoso della nostra lista, ma non c'è dubbio che avrai sentito parlare della sua creazione.

A cui è stata diagnosticata la sindrome di Asperger, Tajiri è cresciuto con l'amore per il Game Boy di Nintendo e la passione per la raccolta di insetti. In seguito ha continuato a combinare i due in una nuova versione innovativa del Game Boy chiamata Pokémon, in cui i giocatori avrebbero "collezionato" creature uniche e immaginarie e le avrebbero usate per combattere contro i loro avversari.

I giochi sarebbero diventati il ​​nucleo di quello che alla fine sarebbe diventato il franchise multimediale di maggior successo di tutti i tempi, inclusi giochi, libri, film, merchandising e altro ancora.

Sebbene Tajiri abbia confermato che vive con Aspergers in numerose occasioni, dice anche che preferisce lasciare che il suo lavoro parli da solo. Avendo creato un franchise del valore di 15 miliardi di dollari, chi potrebbe biasimarlo?

4. Emily Dickinson

Scrittore e poeta

La scrittrice reclusiva Emily Dickisnon è spesso considerata una dei più grandi poeti di tutti i tempi.

Anche se si è parlato molto della sua epilessia, un fatto meno noto è che probabilmente era nello spettro.

In Writers on the Spectrum: come l'autismo e la sindrome di Asperger hanno influenzato la scrittura letteraria, la scrittrice Julie Brown accredita molti dei comportamenti e delle caratteristiche notoriamente "stravaganti" di Dickinson all'autismo.

5. Anthony Ianni

Giocatore di basket vincitore del campionato nazionale

Quando ad Anthony Ianni fu diagnosticato per la prima volta il PDD-NOS, i medici dissero ai suoi genitori che la condizione in ultima analisi significava che non avrebbe mai ottenuto molto nella sua vita.

Secondo quei medici, Ianni si diplomerebbe a malapena al liceo, non andrebbe mai al college e di certo non diventerebbe mai un atleta.

Fortunatamente, il tifoso di basket semplicemente non ha accettato questa previsione, usandola invece come motivazione per spingersi verso cose più grandi.

Alla fine, è diventato la prima persona con autismo a giocare a basket in Prima Divisione, vincendo il campionato nazionale NCAA con i Michigan Spartans nel 2000.

Oggi, Ianni è un popolare oratore motivazionale che incoraggia i giovani con autismo a non lasciare che nulla li trattenga quando si tratta di realizzare i loro sogni.

6. Sir Anthony Hopkins

Attore

La star vincitrice dell'Oscar de Il silenzio degli innocenti e di molti altri film classici, Sir Anthony Hopkins ha parlato apertamente della diagnosi di Asperger ad alto funzionamento.

In un'intervista, ha affermato che essere nello spettro significa che, nonostante gli piacciano veramente le persone, non ha molti amici né va alle feste.

Indipendentemente da ciò, Sir Anthony è diventato un attore amato da milioni di persone e uno degli attori di maggior successo della sua generazione.

7. Albert Einstein

Fisico teorico

Se nell'elenco di oggi di persone con autismo di grande successo c'è qualcuno che non ha davvero bisogno di presentazioni, Einstein lo è senza dubbio.

Sappiamo tutti che ha sviluppato la teoria della relatività. Sappiamo tutti che ha inventato E = MC2, soprannominato "l'equazione più famosa del mondo". La maggior parte di noi sapeva persino che è ampiamente considerato come uno degli scienziati più influenti della sua o di qualsiasi altra generazione.

Eppure non tutti sanno che Einstein soddisfaceva anche molti dei criteri per l'autismo.

Come Temple Grandin, non parlò fino all'età di tre anni. Quindi, a differenza di altri bambini che sviluppano gradualmente il loro linguaggio, ha immediatamente iniziato a parlare in frasi complete.

Altrove, la sua inflessibile insistenza su routine stabilite e "uniformità" per non parlare della sua difficoltà con altre persone ha anche portato molti analisti comportamentali oggi a credere che a Einstein sarebbe stato diagnosticato un ASD se fosse stato testato nella sua vita.

8. Dani Bowman

Scrittore, artista e oratore motivazionale

A differenza di altri che hanno aspettato fino all'età adulta per ispirare gli altri, Dani Bowman ha motivato i compagni giovani nello spettro dell'autismo sin dalla giovane età.

Illustratrice e animatrice di talento, Bowman ha lanciato la sua società, DaniMation Entertainment, a soli 11 anni e ha iniziato a lavorare professionalmente nel settore dell'animazione tre anni dopo.

Appassionata sostenitrice dell'autismo e oratrice pubblica, è molto attiva nell'ispirare le persone con ASD e con disabilità a utilizzare il loro pieno potenziale, seguire i loro sogni e raggiungere i loro obiettivi.

9. Andy Warhol

Artista

Famoso per la sua eccentricità quanto per dipingere lattine di zuppa, ad Andy Warhol non è mai stato diagnosticato l'autismo in vita sua.

Tuttavia, come Mozart, Einstein e molti altri, molti importanti esperti concordano sul fatto che il famoso artista pop abbia mostrato molte delle caratteristiche e dei comportamenti sinonimo di diagnosi di autismo.

Noto per essere socialmente inetto e spesso fatica a riconoscere i suoi amici, Warhol usava anche pochissime parole nel discorso ed era anche irremovibile sulla routine e l'uniformità nella sua vita.

La maggior parte degli esperti suggerisce che Warhol avesse Asperger, anche se, ovviamente, questo non gli ha mai impedito di diventare uno degli artisti più iconici della sua epoca.

10. Daryl Hannah

Attrice

Famosa per aver recitato in film di successo degli anni '80 come Blade Runner, Wall Street e Steel Magnolias, l'attrice Daryl Hannah ha parlato nelle interviste di come la sua diagnosi di sindrome di Asperger abbia fatto deragliare la sua carriera.

In passato, ha parlato di come si sentisse "socialmente imbarazzante ea disagio", alle anteprime e agli eventi, e di come il comportamento causato dal suo Asperger l'abbia "praticamente inserita nella lista nera" dell'industria cinematografica.

Per non accettare la sconfitta, Hannah ha continuato ad avere successo nonostante le sue difficoltà, apparendo nei film di Kill Bill acclamati dalla critica e in molti altri film e spettacoli teatrali popolari.

11. Dan Aykroyd

Attore, comico, musicista

L'attore canadese Dan Aykroyd è stato aperto sul fatto che le siano stati diagnosticati Tourettes e Asperger, mentre il primo è stato trattato come un bambino.

Prendendo i tratti ossessivi dell'autismo e usandoli a suo vantaggio, Aykroyd afferma che l'ossessione per cose come i fantasmi lo ha aiutato a creare il film Ghostbuster.

12. Susan Boyle

Cantante

Quando una donna scozzese di mezza età, timida e goffa, è arrivata sul palco del programma televisivo britannico Britain’s Got Talent, pochi erano pronti a darle una possibilità e molti addirittura l'hanno derisa.

Quindi, ha aperto la bocca, mettendo a tacere i suoi oppositori e stordendo il pubblico con la sua voce incredibile.

Quell'unica apparizione in TV ha lanciato la carriera di Susan Boyle, una carriera che l'ha vista vendere oltre 14 milioni di album, suonare concerti esauriti e accumulare un esercito di fedeli seguaci.

Tutto questo è accaduto mentre viveva con la sindrome di Asperger, una diagnosi che secondo la cantante è stata un "sollievo" in quanto l'ha aiutata a capire e dare un senso alla sua unicità.

13. Clay Marzo

Surfer

Come Anthony Ianni, Clay Marzo ha dimostrato che essere nello spettro dell'autismo non è un ostacolo all'abilità atletica o sportiva.

Nonostante gli sia stata diagnosticata la sindrome di Asperger, Marzo si è ritagliato un nome come una delle star più influenti e innovative nel mondo del surf da campionato.

Dopo aver vinto le gare di nuoto da bambino, ha ottenuto il terzo posto nella National Scholastic Surfing Association (NSSA) Nationals all'età di 11 anni, cosa che lo ha portato a firmare un contratto professionale con la sua squadra Quicksilver.

Quattro anni dopo, è diventato il primo surfista a raggiungere due 10 perfetti nella storia della NSSA, vincendo anche il campionato nazionale nello stesso anno.

Non permettendo mai ad Asperger di trattenerlo, Marzo ha recitato nel film documentario "Clay Marzo: Just Add Water", parlando dei suoi incredibili risultati e della sua esperienza con Asperger's. "

Oggi fa volontariato con Surfers Healing, un ente di beneficenza che insegna ai giovani autistici come fare surf.

14. Tony DeBlois

Musicista

Nonostante fosse cieco dalla nascita, il musicista jazz Tony DeBlois ha iniziato a imparare il pianoforte a soli due anni.

Mostrando una naturale propensione per lo strumento, DeBlois avrebbe presto rivelato che i suoi talenti non iniziavano e non finivano solo con il pianoforte.

A cui è stato diagnosticato l'autismo, ha continuato a padroneggiare più di 20 strumenti e può suonare fino a 8.000 brani musicali dalla sola memoria.

DeBlois ha pubblicato diversi album, è andato in tournée in tutto il mondo eseguendo concerti ed è stato persino protagonista di un film per la TV sulla sua vita.

15. Dr. Vernon Smith

Professore di economia vincitore del Premio Nobel

Ultimo ma non meno importante, finiamo con un perfetto esempio di qualcuno che vede veramente l'autismo come il proprio superpotere.

Dr. Vernon Smith è un professore di economia pionieristico ampiamente accreditato con l'invenzione dell'economia sperimentale.

Questa creazione lo ha portato a vincere il Premio Nobel per le scienze economiche nel 2002.

Parlando della sua sindrome di Asperger, il dottor Smith ha detto che gran parte del suo successo è dovuto al suo autismo.

"Non sento alcuna pressione sociale per fare le cose nel modo in cui le fanno le altre persone, professionalmente", ha detto una volta a un intervistatore. "Quindi sono stato più aperto a diversi modi di considerare molti dei problemi economici".

Non trattenersi: i supereroi autistici dimostrano che nulla è impossibile

Che stiano cambiando il mondo come lo conosciamo, intrattenendoci con i nostri film, libri e poesie preferiti o superando le probabilità di diventare campioni nel loro campo, ciò che tutte queste persone di enorme successo con autismo dimostrano è che essere nello spettro non deve essere un ostacolo al successo.

Tutti, da Albert Einstein a Sir Anthony Hopkins, ci hanno dimostrato che, indipendentemente dagli ostacoli sul nostro cammino, possiamo sempre superarli per realizzare i nostri sogni.

Se non altro, è qualcosa che tutti noi possiamo sicuramente trovare stimolante, indipendentemente dal fatto che siamo o meno nello spettro.

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Chris Skoyles

Coach e consulente tirocinante specializzato in salute mentale e dipendenza.

Tendenza nella forza mentale

Altro di questo autore

Chris Skoyles

Coach e consulente tirocinante specializzato in salute mentale e dipendenza.

Tendenza nella forza mentale

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 18 dicembre 2020

5 tecniche di gestione dello stress che hanno dimostrato di funzionare

Certified NeuroHealth Coach, specializzato in gestione dello stress e stile di vita integrato nel benessere per l'equilibrio tra lavoro e vita privata Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Senti la frustrazione di essere trascinato in un milione di direzioni?

L'energia dispersa, il risultato del tentativo di fare tutte le cose, ma la sensazione di non riuscire a essere efficace in nessuna di esse, si accende travolgente sia al lavoro che a casa. Forse stai lottando più del solito perché i confini tra vita professionale e personale sono diventati sfocati. O forse le sfide extra di quest'anno stanno semplicemente amplificando questa battaglia che stavi combattendo già da un po '.

Sebbene sia impossibile eliminare tutti i fattori di stress che ci spingono a strapparci i capelli dalle radici o rannicchiarci nel comodo comfort dei nostri letti, possiamo controllare le nostre reazioni a loro. La chiave per una gestione efficace dello stress è semplice: adottare un approccio proattivo.

Queste tecniche di gestione dello stress basate sulla scienza ti aiuteranno a fermare la ruota del criceto in modo che tu possa sentirti più calmo, indipendentemente da ciò che la vita ti propone.

I rituali mattutini consapevoli danno il tono a una giornata tranquilla

Ti capita mai di sentire come se fossi solo faticoso nei movimenti ma non ti piace davvero il processo di iniziare la giornata? Non deve essere così. Iniziare le nostre mattine con intenzione mette in moto un effetto a catena positivo che tocca ogni aspetto della nostra vita. Prendersi semplicemente il tempo per creare un senso di calma e di auto-nutrimento al mattino fa molto per una gestione efficace dello stress.

1. Concentrati innanzitutto sul sentirti bene

Invece di sentirti sconfitto dal momento in cui apri gli occhi, pianifica in anticipo di fare qualcosa che ti dia gioia. Affinché ciò sia più efficace, scegli qualcosa in base a ciò che ti piace veramente, piuttosto che a ciò che pensi di dover fare.

Ad esempio, potresti aver letto che gli allenamenti mattutini alleviano lo stress aumentando la serotonina (quel meraviglioso ormone che stimola l'umore). Questo è vero, e se allenarti ti fa sentire bene, continua così!

Se temi di alzarti dal letto per fare esercizio, tuttavia, è tempo di un approccio diverso. Fare pressione su noi stessi per fare qualcosa che non possiamo sopportare diminuisce la nostra motivazione e aggrava il nostro stress!

Strategia: lascia andare i "dovrei" e fai qualcosa che sai ti piace.

In caso di dubbi, ecco alcune semplici idee da provare:

Concediti un silenzio tranquillo prima che tutti gli altri in casa si svegliano. Assapora il calore, il sapore e l'aroma del tuo caffè. Esci per goderti la pacifica bellezza dell'alba. Ascolta musica edificante o il cinguettio degli uccelli. Scrivi ciò per cui sei grato o cosa sta andando bene nella tua vita.

Attività di consapevolezza come queste ci aiutano a sintonizzarci con i nostri sensi e a notare i nostri pensieri e sentimenti senza interruzioni. Allevia lo stress costruendo la resilienza sotto forma di migliori capacità di coping e diminuzione delle tendenze ad assumere le emozioni negative degli altri. Queste capacità significano che i futuri fattori di stress hanno un impatto minore sulla nostra felicità e sul nostro benessere fisico. [1]

2. Coltiva con attenzione chi / cosa permetti nel tuo spazio mentale

"Sei la media delle cinque persone con cui trascorri più tempo".

Questa famosa citazione di Jim Rohn è stata scritta molto prima dell'avvento delle moderne tecnologie come Internet e i social media. Grazie a questi progressi, la nostra bolla di cinque persone si è espansa in modo esponenziale.

Faremmo bene a non ignorare il fatto che anche un "rapido check-in mattutino" sui nostri telefoni può avere un forte impatto. Il nostro umore e i livelli di stress durante la giornata spesso dipendono da questo singolo elemento.

Un metodo efficiente per controllare questo impatto è creare confini solidi. Decidi quali individui, eventi e pensieri meritano il prezioso patrimonio immobiliare del tuo cervello. Rifiuta di lasciare che le urgenze di altre persone diventino le tue emergenze.

Strategia: evita email, social media e notizie fino a quando non ti sei preso del tempo per la tua attività di benessere mattutina.

Limita l'esposizione a questi punti vendita durante il giorno per ridurre al minimo i livelli di stress. [2] Identifica persone, argomenti di conversazione o situazioni che innescano in te una risposta allo stress. Evitalo il più possibile ed elimina qualsiasi rumore extra che non ti aiuti a sentirti calmo.

Evita i crolli di mezzogiorno e prendi il controllo della tua vita

Hai mai notato che molti suggerimenti per alleviare lo stress, soprattutto se correlati all'aumento del successo e al miglioramento della nostra qualità di vita, si concentrano sulle routine mattutine e serali?

Darren Hardy, autore di The Compound Effect, chiama queste abitudini i "reggilibri" dei nostri giorni e afferma che sono i tratti distintivi di una vita di successo. Sebbene questa pratica di per sé ci aiuti ad alleviare lo stress mettendo noi stessi in controllo dei nostri inizi e finali quotidiani, c'è un merito spesso sottovalutato nel creare punti di ancoraggio aggiuntivi durante il giorno per mantenere la nostra energia radicata e ottimizzata.

3. Crea spazio per il divertimento

Ammettiamolo: l'età adulta può essere una vera seccatura. Abbiamo così tanta tensione repressa a causa della nostra attenzione su "dovrei", "must" e "need-to". In tutta quella frenesia e preoccupazione che ne deriva, a volte ci dimentichiamo di lasciar andare le aspettative e sintonizzarci sui nostri desideri, sogni e requisiti fisiologici di sollievo.

Strategia: resisti all'impulso di rimproverarti di essere egoista o pigro, o di non "guadagnartela".

Quel critico interiore è del tutto normale, ma non è solo un killer di divertimento, intensificherà i tuoi sentimenti di stress. Gestire quella voce può essere un po 'complicato, ma è totalmente fattibile.

Questi pensieri auto-sabotanti, in fondo, provengono dalla tua mente subconscia che cerca di proteggerti dal giudizio, da te stesso o dagli altri. Il semplice fatto di notarli è il primo passo per superare questo problema. Chiediti: "È proprio vero o è il mio cervello che parla per paura?" Paragonabile a rivolgersi a un bambino piccolo: le diresti che è egoista o pigra per giocare, fare una pausa o divertirsi? Ovviamente no! Immaginarsi nei suoi panni è un modo semplice per praticare l'auto-compassione.

Evita anche la tendenza a risparmiare il divertimento per la fine della giornata dopo che te lo sei "guadagnato". Non si tratta di mantenere il punteggio e, se ci provi, rischi di perdere. La felicità e la soddisfazione per la nostra vita non devono essere guadagnate, indipendentemente da ciò che ci è stato insegnato.

Il nostro cervello e il nostro corpo reagiscono in modo così positivo alle esperienze che evocano gioia, conforto, connessione e gioco che gli effetti sono misurabili. In effetti, è stato dimostrato che il semplice impegno in attività piacevoli riduce i livelli di cortisolo (ormone dello stress). [3]

4. Mangia per combattere lo stress

Un cervello affamato di carburante è un cervello stressato. Quando il nostro stomaco è vuoto, i livelli di zucchero nel sangue diminuiscono, riducendo la nostra energia. Ciò riduce anche i livelli di pazienza.

Se hai mai visto un bambino, o anche il tuo coniuge o un collega, arrabbiarsi con te come una bomba antistress ticchettante, potresti aver assistito a quelli che alcuni chiamano "gli impiccati" (fame + rabbia). Le persone hanno maggiori probabilità di farsi prendere dal panico o esplodere quando funzionano a questo livello. La parte del nostro cervello che prende decisioni istruite, logiche e perspicaci viene letteralmente chiusa in questa situazione.

È normale notare che abbiamo fame o ricordarci di mangiare solo una volta che abbiamo già raggiunto il limite. Il problema, come detto, è che le nostre capacità decisionali a questo punto sono nulle. È probabile che afferreremo tutto ciò che rassicurerà più rapidamente il nostro cervello che non sta morendo di fame e poiché una delle principali fonti di carburante del nostro cervello è il glucosio, naturalmente desideriamo ardentemente carboidrati semplici e dolci per ottenere quello zucchero colpito velocemente. Questo aumenta lo stress un paio d'ore dopo, quando la nostra energia crolla. Crea ancora più stress facendoci sprecare molte energie mentali picchiandoci su scelte che ci fanno sentire schifosi.

Strategia: pianificare in anticipo è essenziale, ma non deve essere complicato.

Prepara in lotti alimenti di base, come pasta, quinoa e vari tipi di frutta e verdura, per preparare pasti e spuntini veloci al volo. Mantieni stuzzichini nutrienti in standby - in auto, scrivania, frigorifero - per un comodo e rapido recupero dai "blocchi".

Includi cibi ricchi di magnesio, che hanno dimostrato di funzionare per gestire lo stress e creare un'atmosfera tranquilla. [4] La farina d'avena ricca di magnesio e il riso integrale sono facili da preparare in anticipo. Carica insalate o panini con verdure a foglia verde come lattuga romana, lattuga rossa o spinaci. Fai uno spuntino con banane, yogurt, broccoli o noci del Brasile per una rapida dose di questo minerale antistress.

Rilassati e decomprimi per rilasciare tensione e stress

Alla fine di una giornata caotica, è naturale voler mettere da parte i nostri problemi e sintonizzarsi per un po '. La dura verità è che molti dei nostri go-to per il relax notturno in realtà non ci danno i risultati che stiamo cercando di ottenere. Nella migliore delle ipotesi, forniscono sollievo a livello superficiale di breve durata ... e nel peggiore dei casi, in realtà aggravano lo stress che stiamo tentando di sfuggire.

5. Liberati dalla trappola del berretto da notte

L'alcol è comunemente usato come metodo per rilassarsi alla fine di una giornata stressante. In effetti, circa un quinto di tutti gli adulti americani usa l'alcol per aiutarli a rilassarsi abbastanza da dormire la notte. [5] Gli effetti di un sonno di qualità adeguata sul sollievo dallo stress sono ben documentati, quindi ha senso equiparare la combinazione di questi benefici e gli effetti sedativi dell'alcol con livelli di stress ridotti.