23 cose che dovresti includere per creare un curriculum killer

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Mettiti nei panni di un reclutatore.

Se ti trovassi di fronte a una pila di curriculum, cosa vorresti? La possibilità di scaricare tutte le informazioni nel tuo cervello, il modo in cui Neo di Matrix viene collegato e impara il Kung Fu in circa dieci secondi?

Sfortunatamente non funziona davvero così. In effetti, la ricerca mostra che i reclutatori impiegano solo sei secondi per esprimere il loro giudizio iniziale su un curriculum. Se il tuo curriculum viene prima controllato da un computer, potrebbe non arrivare nemmeno così lontano.

Quindi, il tuo compito, quando crei un curriculum eccezionale, è rendere davvero facile per il reclutatore individuare i vantaggi più importanti che offri al datore di lavoro.

Fai il lavoro, così non devono farlo loro. Ecco come:

1. Assicurati che il tuo curriculum sia adattato al lavoro per cui ti stai candidando

I curriculum generici possono essere veloci da presentare, ma molto meno efficaci. Meglio un'eccellente candidatura di lavoro che tre scadenti.

Vale la pena fare ricerche sulle norme culturali dell'organizzazione. Ad esempio, all'interno di un settore alcuni apprezzeranno l'esperienza ma non si preoccuperanno molto dell'istruzione, mentre altri si preoccuperanno delle tue qualifiche.

2. Candidati solo se soddisfi i criteri di lavoro

Non sprecare il tuo tempo o il reclutatore che fa domanda per un lavoro se non soddisfi i suoi criteri. Se desideri ancora quel lavoro, espandi le tue capacità prima di riprovare in futuro.

3. Non mentire

Anche se superi il primo screening, è probabile che mentire o esagerare sui tuoi risultati torni a morderti. Recuperare dalla perdita di fiducia è difficile.

4. Aggiungi parole chiave

Dopo aver scritto il curriculum, controlla le parole chiave dalla descrizione del lavoro.

Le parole chiave sono regali che ti vengono dal datore di lavoro. Aggiungili al testo esistente in modo che fluiscano naturalmente. Ciò aiuterà il tuo curriculum a superare il software di screening e i reclutatori abituati a cercare rapidamente queste parole chiave.

5. Struttura attentamente il tuo curriculum

È più facile per il reclutatore se le tue competenze chiave e il tuo background sono riassunti in alto. Assicurati che il tuo ruolo attuale e quello precedente più recente siano nella prima pagina.

La tua istruzione e le tue qualifiche sono generalmente meno importanti della tua esperienza professionale, quindi inseriscile più tardi.

6. Mostra l'importanza dei tuoi due lavori più recenti

I reclutatori dedicheranno l'80% del loro tempo al tuo nome, azienda, titolo di lavoro, date di inizio e fine per la tua azienda attuale e precedente e infine la tua formazione.

Se stai cambiando direzione nella tua carriera, dovrai lavorare ancora di più per tirare fuori le competenze e le reti che stai portando da questi ultimi due lavori.

7. Mantieni il curriculum breve

Ricorda che il reclutatore scansionerà il tuo curriculum in pochi secondi. Includere il tuo giro di carta scolastica o anche i dettagli lunghi del tuo primo lavoro dopo il college non è qualcosa per cui un reclutatore ti ringrazierà (a meno che, ovviamente, tu non stia facendo domanda per il tuo secondo lavoro dopo il college).

8. Dimostrare i progressi

Mostra al reclutatore che la tua carriera ha senso. Racconta una storia che mostri promozioni e responsabilità aggiuntive man mano che fornivi valore al tuo datore di lavoro.

9. Usa CAR come guida

CAR sta per contesto, azione, risultati. Usali come una lista di controllo mentale. Mantieni il contesto breve: quanto basta perché il reclutatore sappia qual era il tuo lavoro. Spendi più a lungo ciò che hai effettivamente ottenuto grazie alle azioni che hai intrapreso.

10. Fornisci una prova

Qualifica i tuoi risultati ove possibile. Raggiungere i propri obiettivi, raccogliere finanziamenti, tagliare i costi, realizzare ottime vendite forniscono tutti dati convincenti e facilmente digeribili che dimostrano i tuoi risultati. Anche le prove sociali come promozioni e feedback dei clienti sono utili.

11. Dimostra di essere una persona arrotondata

Includi progetti personali, sport o volontariato a cui partecipi, ma fai attenzione se si tratta di attività che potrebbero creare uno stereotipo o allontanare un datore di lavoro.

12. Includi link ad altri siti e social media

Mantieni il tuo curriculum breve mentre dimostri i tuoi talenti fornendo link ad articoli, foto o siti web che hai progettato o un portfolio. Inoltre, fornisci l'URL del tuo profilo LinkedIn e il feed Twitter che riflettono le tue capacità professionali.

Chiaramente, vuoi evitare una pagina Facebook con le foto dei tuoi exploit da ubriachi. Meglio ancora, non pubblicarli sui social media in primo luogo.

13. Fornisci una buona ragione per lasciare un datore di lavoro

I reclutatori esamineranno in particolare i motivi per cui desideri lasciare il tuo attuale datore di lavoro e per quanto tempo sei stato con loro. Se hai avuto una serie di posizioni di breve durata, avrai bisogno di una spiegazione convincente del motivo per cui un reclutatore dovrebbe assumersi un rischio su di te.

14. Spiega le lacune nella tua carriera lavorativa

Lasciare un vuoto nel tuo curriculum lascia il reclutatore a chiedersi. Se ti sei preso del tempo per la genitorialità o per avviare la tua attività, diglielo. Se hai viaggiato, mostra come ti ha arricchito come candidato.

15. Escludi informazioni irrilevanti

Non rivelare la tua età, razza, sesso, stato civile o se hai figli. La ricerca mostra che anche i reclutatori più consapevoli di sé hanno pregiudizi inconsci.

16. Dimostra la tua idoneità a lavorare

Rendi più facile per un reclutatore essere sicuro che sei idoneo a lavorare senza dover richiedere permessi di lavoro.

17. Consenti al reclutatore di contattarti facilmente

Includi i dettagli di contatto con la tua email e un numero di telefono (non obbligare il reclutatore a indovinare quale numero utilizzare). Non preoccuparti del tuo indirizzo di casa.

18. Formato per chiarezza

Assicurati che la formattazione vada di pari passo con la struttura del curriculum per assicurarti che i reclutatori possano individuare facilmente le informazioni chiave.

Crea sezioni chiare con titoli coerenti e di facile lettura. Usa un carattere attraente, che sia anche facile da leggere. Non utilizzare modelli di Word. Se le tue capacità di progettazione sono davvero pessime, chiedi a qualcun altro di eseguire la formattazione per te.

19. Attenersi a un formato familiare

In questo caso, noioso va bene. A meno che tu non stia richiedendo specificamente un design grafico o un ruolo creativo e desideri dimostrare il tuo talento, evita formati insoliti. Ricorda, il reclutatore non vuole essere distratto mentre scansiona la pagina.

Taglia tutto ciò che sembra intelligente ma riduce la chiarezza, comprese le immagini. Se utilizzi qualcosa di diverso, assicurati che sia efficace e si adatti allo stile del datore di lavoro prima di inviarlo.

20. Invia il tuo curriculum in formato pdf

Salvo diversa richiesta, invia il tuo curriculum in formato pdf. Ciò garantirà che la formattazione rimanga coerente su qualsiasi dispositivo.

21. Controllo ortografico e grammaticale

Ovvio, forse, ma sorprendentemente spesso gli errori di ortografia e grammatica sono ciò che porta a inserire un curriculum nella pila degli scarti. Usa il passato e la terza persona, non la prima persona in modo coerente in tutto il tuo curriculum.

Non fare affidamento sui correttori ortografici e grammaticali del tuo computer. Spesso si sbagliano. Modificalo tu stesso e poi chiedi a un'altra persona di leggere il tuo curriculum con occhi nuovi.

22. Controlla prima di includere una lettera di presentazione

La maggior parte delle lettere di presentazione sono una perdita di tempo. O non preoccuparti o, se il reclutatore ne richiede specificamente uno, assicurati che dica qualcosa di significativo.

Le lettere di presentazione possono essere utilizzate come titoli, individuando le parti più rilevanti di un curriculum. Possono affrontare le questioni di cui il reclutatore potrebbe essere preoccupato, come un cambio di orientamento professionale. Possono ricordare a un reclutatore un'occasione che gli ha dato motivo di fidarsi o di prendersi cura di te.

23. Non scrivere al CEO

A meno che non ti stia candidando per una piccola azienda o conosci personalmente il CEO, non è il CEO che farà lo screening iniziale. Non sprecare il loro tempo.

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Devi Clark

Tendenze nel lavoro

Altro di questo autore

Devi Clark

Tendenze nel lavoro

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 17 dicembre 2020

Rendi felici tutti in ufficio installando questo

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Ammettiamolo, per quanto positivo e ottimista sia il tuo ambiente d'ufficio, i tuoi dipendenti continueranno a soffrire di stress di tanto in tanto. Questi stress possono derivare da una miriade di fonti, tra cui: superlavoro, pressione sulle scadenze e mancanza di pause adeguate.

Ad esempio, il tuo team di vendita potrebbe essere vicino alla fine del trimestre e si impegna a fornire i migliori risultati possibili. Sebbene questo sia un obiettivo degno, i membri del team corrono il rischio di spingersi troppo oltre e di lasciarsi privi di energia e pieni di tensione.

È in momenti come questi che tutti i tuoi dipendenti possono essere influenzati negativamente.

Non è una novità che lo stress possa ridurre la produttività o addirittura la qualità del lavoro

Uno dei sintomi dello stress è che può portare a una minore produttività. Ciò significa che se molti (o tutti) i tuoi dipendenti iniziano a mostrare segni di stress, puoi essere certo che la produttività complessiva della tua azienda ne risentirà.

Se ti rendi conto che i tuoi dipendenti soffrono di stress, allora è il momento di intraprendere un'azione per ridurre o eliminare questo peso. Un ottimo modo per farlo è presentare ai tuoi dipendenti i benefici positivi della meditazione. La ricerca mostra che le persone che meditano regolarmente potrebbero sperimentare i seguenti benefici:

  • Una maggiore capacità di concentrazione.
  • Un miglioramento della memoria.
  • Meno fatica.
  • Un aumento della percezione.
  • Una riduzione dello stress. [1]

Queste sono solo una piccola selezione dei benefici che la meditazione può offrire, ed è perfettamente logico che la meditazione sia un ottimo strumento per migliorare le prestazioni dei dipendenti. (E a sua volta, un aumento delle prestazioni complessive della tua azienda.)

Immagina per un momento che i tuoi dipendenti si prendano una pausa giornaliera di 5-10 minuti dal loro lavoro per praticare la meditazione. Non solo loro e la tua azienda vedrebbero un aumento della produttività, ma i tuoi dipendenti migliorerebbero anche la loro autodisciplina. Inoltre troverebbero più facile mantenere una mentalità positiva. [2]

Che cos'è esattamente l'app "Stop, Breathe & Think"?

Si spera di averti dato ragioni sufficienti per accendere il tuo interesse nel rendere la meditazione regolare parte del tuo ambiente d'ufficio. Ora potresti pensare: "Qual è il prossimo? Come posso presentare la meditazione ai miei dipendenti? "

Bene, qui a Lifehack, ci siamo imbattuti in una fantastica app chiamata Stop, Breathe & Think. Riteniamo che l'app sia il modo ideale per avviare sessioni di meditazione regolari in un ambiente d'ufficio.

Sebbene l'app sia disponibile come download per Android o iOS, questi sono principalmente per utenti personali. Quando si tratta di meditazione in ufficio, Stop, Breathe & Think è disponibile come pratico plug-in Slack.

Una volta attivato sul tuo account Slack, Stop, Breathe & Think consentirà a individui o gruppi di programmare attività di consapevolezza. Queste attività includono:

  • Brevi pause per facilitare il recupero della mente e del corpo.
  • Esercizi di respirazione per condizionare pensieri, emozioni e reazioni.
  • Meditazioni personalizzate per contribuire a portare pace e armonia generali.

In che modo l'app aiuterà i tuoi dipendenti a diventare più produttivi