5 fattori chiave per apprezzare di nuovo i social media (e non sentirsi come un perdente noioso e senza risultati)

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Quando siamo saliti sull'autobus della festa dei social media, abbiamo pensato che sarebbe stato il biglietto per Friendsville. Ma sebbene abbia molti vantaggi, i social media possono portare il blues.

È possibile godersi la festa online con i postumi di una sbornia? Assolutamente! Con questi 5 tasti di seguito, puoi goderti di nuovo i social media (e smetterla di sentirti un perdente noioso e senza risultati).

1. Perché sei sui social media per cominciare?

Torniamo all'inizio quando hai sentito parlare per la prima volta di siti come Facebook e Twitter. Hai pensato: “Oh, che bel modo di restare in contatto con i miei amici. Sono dentro!" Mantenuti in quella cornice, un modo per rimanere in contatto, i social media sono solo uno strumento.

Da qualche parte lungo la linea, tendevamo a essere manipolati dai numeri: quanti amici hai, quanti amici hanno i tuoi amici, quante persone hanno apprezzato i tuoi post, ecc. Si trattava di quantità, non di qualità.

Pensa al motivo per cui sei sui social media. Lascia che sia una cosa che aggiunge alla tua vita, non una cosa che la definisce. Sii molto preoccupato se diventa la tua vita. Invece di passare ore a traina senza pensare, prendi il controllo in modo da ottenere ciò che desideri dall'esperienza. Fai un elenco delle prime 12 persone con cui vuoi davvero rimanere in contatto. Scrivi loro un messaggio privato, dicendo qualcosa del tipo "Sei qualcuno con cui voglio restare in contatto". Quindi, una volta alla settimana, scrivi un messaggio più lungo a una persona nella tua lista. Sviluppa amicizie di qualità, non solo di quantità.

2. Perché lo condividi?

Gran parte del divertimento dei social media è leggere commenti divertenti. Alcuni dei peggiori social media derivano dal maniacale eccesso di condivisione in cui tutti possiamo cadere di tanto in tanto.

Prima di condividere uno stato o un commento, chiediti: "Perché sento il bisogno di condividerlo?" A volte la condivisione dalla piattaforma di annunci pubblici è comoda, appropriata e divertente. Ma non sempre.

Compilando questi piccoli messaggi istantanei nella privacy, a volte perdiamo di vista il pubblico più numeroso nella stanza. Ora, con le funzionalità di aggiornamento in esecuzione, non sai mai chi vedrà ciò che pubblichi o in quale contesto lo vedrà.

Ti alzi in un ristorante pubblico e annunceresti che hai mangiato troppo? Entreresti in una festa e parleresti a tutti dei collant stretti che si accumulano nelle tue regioni inferiori? Se la risposta è no, pensaci due volte prima di condividerlo sui social media. Esistono modi più personali per condividere la tua vita con le persone che si sono guadagnate la tua fiducia e il tuo rispetto o che apprezzano il tuo umorismo.

Quando riconosci di aver bisogno di amore e sostegno, utilizza la funzione di messaggio privato e seleziona le persone con cui scegli di condividere. Un po 'di discrezione aiuterà a eliminare i postumi della vergogna.

3. Il confronto è il ladro della felicità.

Brené Brown ha reso popolare questa frase di Laura Williams. È così buono che non riesco a superarlo ed è una chiave enorme per godersi i social media.

Se vai sui social media e confronti la tua vita, i risultati, il corpo, la casa, i figli, il coniuge, la cucina, la scrittura o il mondo con ciò che trovi lì, ti stai preparando a sentirti veramente cattivo in pochissimo tempo. Ti riporterà indietro all'infanzia quando i tuoi fratelli hanno sempre avuto un affare migliore. Se vuoi ancora continuare a riprodurre quel copione, vai avanti, ma ti lascerà per sempre nel ruolo di "non abbastanza buono".

Prova questo: quando vedi le cose che gli altri hanno o hanno ottenuto, aggiungile al tuo elenco di cose interessanti: "Oh, forse l'anno prossimo farò quel costume di Halloween". E "Forse farò qualche ricerca per vedere come possiamo andare in vacanza lì". Quelle cose non sono off-limits per te; semplicemente non sono ancora accaduti.

Oppure, gioca al gioco della gratitudine. Per le cose che colpiscono davvero il tuo pulsante di invidia, fai un elenco di 10 cose nella tua vita per le quali puoi sentirti sinceramente grato. Non è affatto originale, ma funziona se ci lavori. Quindi, se arrivi a un punto in cui senti che non c'è nulla nella tua vita per cui valga la pena ringraziare, vai in un rifugio per senzatetto, in un rifugio per donne maltrattate, in un rifugio per giovani di emergenza o in una struttura di assistenza per anziani STAT. È il momento per un controllo della realtà!

4. Datti un limite.

Hai sentito parlare di FOMO? È la paura di perdersi qualcosa. Quando ti stai godendo una festa, ha senso restare. Ma a volte non ti stai davvero divertendo; ti fermi solo perché non hai niente di meglio da fare o hai paura che succeda qualcosa di fantastico nel momento in cui te ne vai.

Ecco l'affare: non sarai coinvolto in tutto. E solo forse rimanendo alla festa, ti sei perso un momento ancora migliore che si svolge da qualche altra parte. Proprio come un casinò, molti siti di social media sono progettati per mantenerti lì. Devi praticare un po 'di autocontrollo e uscire. Non lasciare che la tua noia o il tuo FOMO ti succhino il divertimento.

Cerca di limitare il tempo che trascorri sui social media, come i 10 minuti del caffè mattutino. O i 20 minuti prima che arrivi il tuo appuntamento. Giusto il tempo per sentirti come se fossi entrato e detto: "Ciao". Se sei abituato a lunghi periodi di social media durante un pendolarismo, inizia a ridurre una volta alla settimana con uno scambio per un podcast motivazionale. Oppure leggi un libro!

5. Ricorda che non è reale.

Amavamo guardare i film a casa mia crescendo. Mia madre aveva uno slogan per quando i film avevano effetti che erano esagerati o finali che non sarebbero mai accaduti nella vita reale. Suona le mani jazz e canta "Hollywood!" Ci ha segnalato: Ricorda che non è reale!

La scena online è diventata assurda e inventata come un film di Hollywood. Ma il tuo cervello non lo riconosce sempre perché è protagonista di persone che conosci. Devi tenere a mente che non è reale. Non è nemmeno del tutto falso, motivo per cui possiamo perderci così tanto.