5 cose da non dire ai tuoi figli e cosa dire invece, parte 2

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Diciamo tutti cose ai nostri figli di cui in seguito ci pentiamo, e talvolta le cose che escono dalla nostra bocca sono solo automatiche e inconsce. Sai, come le volte in cui ti rendi conto di aver appena detto la stessa identica cosa che ti diceva tua madre ?! Altre volte, potremmo pensare che stiamo aiutando a costruirli mentre in realtà stiamo danneggiando la fiducia dei nostri figli. Qualche settimana fa ho scritto 5 cose da smettere di dire ai tuoi figli e cosa dire invece. Ecco alcune altre frasi chiave a cui prestare attenzione e suggerimenti per un linguaggio alternativo che creerà la fiducia, la consapevolezza emotiva e la connessione che desideri per i tuoi figli.

1) Sei così intelligente–

Quando diciamo ai bambini che sono intelligenti, pensiamo di aiutarli a rafforzare la loro autostima e la loro autostima. Sfortunatamente, dare questo tipo di elogio al personaggio in realtà fa il contrario. Dicendo ai bambini che sono intelligenti, inviamo involontariamente il messaggio che sono intelligenti solo quando ottengono il voto, raggiungono l'obiettivo o producono il risultato ideale - e questa è una grande pressione per un giovane a cui essere all'altezza. Gli studi hanno dimostrato che quando diciamo ai bambini che sono intelligenti dopo aver completato un puzzle, sono meno propensi a tentare un puzzle più difficile dopo. Questo perché i bambini sono preoccupati che se non fanno bene, non penseremo più che sono "intelligenti".

Prova invece a dire ai bambini che apprezzi il loro impegno. Concentrandoti sullo sforzo, piuttosto che sul risultato, permetti a un bambino di sapere cosa conta davvero. Certo, risolvere il puzzle è divertente, ma lo è anche tentare un puzzle ancora più difficile. Quegli stessi studi hanno dimostrato che quando ci concentriamo sullo sforzo - "Wow, ci hai davvero provato!" - la prossima volta i bambini sono molto più propensi a tentare un puzzle più impegnativo.

2) Non piangere–

Stare con le lacrime di tuo figlio non è sempre facile. Ma quando diciamo cose come "Non piangere", invalidiamo i loro sentimenti e diciamo loro che le loro lacrime sono inaccettabili. Questo fa sì che i bambini imparino a riempire le loro emozioni, il che alla fine può portare a esplosioni emotive più esplosive.

Prova a tenere lo spazio per tuo figlio mentre piange. Di 'cose come: "Va bene piangere. Tutti hanno bisogno di piangere a volte. Sarò qui per ascoltarti. " Potresti anche provare a verbalizzare i sentimenti che tuo figlio potrebbe provare: "Sei davvero deluso dal fatto che non possiamo andare al parco in questo momento, eh?" Questo può aiutare tuo figlio a capire i suoi sentimenti e imparare a verbalizzarli prima di quanto potrebbe altrimenti. E incoraggiando la sua espressione emotiva, lo stai aiutando a imparare a regolare le sue emozioni, che è un'abilità cruciale che lo servirà per tutta la vita.

3) Lo prometto–

Le promesse non mantenute fanno male. Alla grande. E poiché la vita è chiaramente imprevedibile, ti consiglio di rimuovere completamente questa frase dal tuo vocabolario.