5 suggerimenti per ricostruire i punteggi di credito dopo i 20 anni

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Se sei come me, i tuoi primi 20 anni non sono stati i tuoi anni finanziariamente più solidi. Con un lavoro poco retribuito, l'affitto e le bollette da pagare e un sacco di gadget scintillanti che ti tentano ad ogni turno, le carte di credito spesso sembrano magicamente far funzionare tutto ... fino a quando non funzionano più.

Purtroppo, una volta che ti sei messo d'accordo e vuoi iniziare a fare acquisti per adulti come auto e case, quegli sciocchi passi falsi finanziari possono tornare a perseguitarti. Per fortuna, ci sono molti modi per aiutarti a riparare i tuoi punteggi di credito, il che a sua volta ti consentirà di ottenere finanziamenti migliori su quegli acquisti importanti e importanti su cui la tua mente più matura è ora concentrata. Ecco 5 suggerimenti per aiutarti ad arrivarci.

1. Considera il consolidamento del debito

Da non confondere con la cancellazione del debito o il fallimento, il consolidamento del debito si riferisce semplicemente all'idea di spostare tutti i debiti in sospeso in un unico luogo nel tentativo di renderli più facili. Ci sono alcuni motivi per cui questa potrebbe essere una buona idea, non ultimo il percorso verso la libertà finanziaria che ti offre. Inoltre, a seconda di come scegli di consolidare, potrebbe servire per aumentare i tuoi punteggi di credito.

Le due forme più popolari di consolidamento del debito sono i prestiti personali e i trasferimenti di saldo, entrambi hanno i loro pro e contro. In primo luogo, i prestiti personali possono essere utili per aumentare i tuoi punteggi di credito perché sposteranno il tuo debito da linee di credito rotanti a rate. Ciò è significativo perché le tue carte di credito esaurite avranno più peso dei prestiti rateali quando si tratta del tuo rapporto di utilizzo del credito. Poiché l'utilizzo del credito / credito disponibile rappresenta il 30% dei tuoi punteggi FICO, pagare le tue carte di credito con un prestito dovrebbe darti una spinta.

Suona bene? Bene, ci sono un paio di ostacoli che dovresti sapere. Come sicuramente saprai, le banche non sono realmente impegnate a prestarti denaro gratuitamente. Per questo motivo, ti consigliamo di assicurarti che il tasso di interesse e il TAEG (tasso annuo effettivo globale) che ti vengono offerti per un prestito non superino l'importo che stai pagando sulla tua carta di credito. Inoltre, molti istituti di credito addebiteranno quella che viene chiamata una commissione di raccolta, una percentuale dell'importo del prestito che paghi al prestatore e non ti verrà restituita. Per questi motivi, è una buona idea fare i conti o utilizzare un calcolatore di prestiti personali quando si esplorano le opzioni.

Un'altra forma di consolidamento del debito è il trasferimento del saldo. In genere questo viene fatto aprendo una nuova carta di credito con un tasso di lancio dello 0% e quindi trasferendo i debiti dalle altre carte a quella nuova. Anche se questo potrebbe farti risparmiare una buona quantità di denaro in interessi se sei in grado di ripagare l'intero debito rapidamente, potrebbe finire per farti male anche peggio se lasci che l'offerta di lancio finisca. Inoltre, tieni presente che la maggior parte delle carte ti addebita una commissione per il trasferimento del saldo, fino al 5% dell'importo che stai trasferendo. Infine, l'apertura di una nuova carta farà effettivamente diminuire temporaneamente il tuo credito poiché si tratta di una nuova richiesta di credito, ma la disponibilità di credito aggiunta ti aiuterà lungo la strada.

2. Tieni le tue carte aperte

Indipendentemente dal metodo di consolidamento del debito che usi (o non usi, del resto), potresti essere sorpreso di apprendere che chiudere le tue carte pagate è in realtà un'idea terribile. Certo, potrebbe essere utile chiamare la società della tua carta di credito e dire loro dove andare, ma chiudere il tuo account può danneggiare i tuoi punteggi di credito alla grande.

Parte del motivo risale all'idea di utilizzo del credito. Se chiudi i tuoi account, avrai molto meno credito disponibile, il che è uno svantaggio agli occhi di FICO. Inoltre, un fattore minore (ma comunque importante) che influenza i tuoi punteggi è la tua storia creditizia. Sfortunatamente, quando chiudi un account, il tempo in cui hai tenuto quella carta non viene più aggiunto a questa media. È un'idea molto migliore lasciare le tue carte aperte e usarle in modo responsabile.

3. Prova una carta di credito protetta

Non hai ricevuto il promemoria "non chiudere le tue carte" finché non è stato troppo tardi? Se hai davvero esaurito il tuo credito, all'inizio potrebbe essere difficile ottenere l'approvazione per una nuova carta di credito. Ancora più frustrante, senza una carta di credito, ricostruire i tuoi punteggi può essere complicato. È qui che entrano in gioco le carte di credito protette.

Ciò che rende le carte protette diverse da quelle che conosci è che richiedono un deposito. L'ammontare del deposito dipenderà dall'emittente della carta e dal limite di credito che stai cercando, ma in genere è di poche centinaia di dollari. Dal momento che offri una garanzia all'emittente della carta, queste carte sono molto più facili da ottenere rispetto a quelle non garantite, rendendole una buona scelta per coloro che sono quasi senza opzioni.

4. Paga le bollette in tempo

Può sembrare ovvio, ma è di enorme aiuto. Sebbene qualsiasi pagamento scaduto che hai effettuato in passato rimarrà fedele alla tua relazione di credito per sette anni (proprio come una gomma ingerita), lasciarti dietro di te e stabilire una serie positiva ti servirà bene. Inoltre, anche se vedrai ancora quei pagamenti errati sul tuo rapporto, il loro danno ai tuoi punteggi diminuirà con il tempo, quindi non preoccuparti troppo.

5. Monitora il tuo credito

Anche se ti attieni a tutti questi suggerimenti nella speranza di riparare i tuoi punteggi di credito, come fai a sapere se qualcuno dei tuoi sforzi sta dando i suoi frutti se non ti preoccupi di controllare? Grazie alla tecnologia moderna, tenere il passo con i tuoi punteggi di credito è ora più facile che mai e spesso gratuito.

Un punto da cui dovresti iniziare è AnnualCreditReport.com, che ti fornisce i rapporti di credito Equifax, Experian e Transunion gratuitamente una volta all'anno. Il problema qui è che, per visualizzare effettivamente i tuoi punteggi, dovrai pagare. Tuttavia, esaminare la tua segnalazione è estremamente importante perché potresti rilevare errori che stanno trascinando i tuoi punteggi verso il basso ingiustamente.

Per quanto riguarda i tuoi punteggi, alcune carte di credito ora ti forniscono un punteggio FICO sul tuo estratto conto o sul loro sito web. In caso contrario, puoi anche provare siti come Credit Karma per avere un'idea approssimativa di come sono i tuoi punteggi. Dico "un'idea approssimativa" perché Credit Karma utilizza il modello Vantage per il calcolo dei punteggi di credito rispetto al modello FICO più comune. Per questo motivo, potresti vedere discrepanze, ma almeno sarai nello stadio di baseball.