6 buoni motivi per smettere di essere al centro dell'attenzione

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Gli americani sono bombardati quotidianamente da segnali manipolatori dei media. È iniziato generazioni fa con modelli di cartelloni pubblicitari sexy, riviste e campagne pubblicitarie che giocavano sulle nostre insicurezze. Con la recente ascesa della televisione di realtà, delle pop star prive di talento, dei cosplay e della gratificazione immediata dei social media, il comportamento di ricerca dell'attenzione è diventato inquietantemente comune. Anche se da bambino eri al riparo da tali influenze, probabilmente sei cresciuto con una lunga lista di insicurezze. Questo è ciò su cui si basano l'economia e la società. La fonte potrebbe essere al di fuori del tuo controllo, ma puoi comunque decidere quanto attivamente vuoi partecipare. L'attenzione che cerca il comportamento non è salutare e potrebbe distruggere le tue relazioni mentre parliamo. Ecco alcuni suggerimenti su come smettere di essere al centro dell'attenzione.

Ammetti il ​​tuo problema

Il primo passo per qualsiasi grande cambiamento comportamentale è affrontare il problema. L'attenzione che cerca il comportamento è spesso una fonte di gratificazione e rinforzo positivo. Ciò significa che è improbabile che modifichi questi comportamenti prima che abbiano provocato un livello di sfortuna pari o superiore alle tue esperienze positive. Alcune persone non arrivano mai a questo punto. Se ti conosci abbastanza bene da leggere questo, sei sulla strada giusta. Ecco alcune domande da porre prima di decidere di apportare una modifica:

  • Ti senti minacciato quando altre persone sono sotto i riflettori invece di te?
  • Sembra che molte persone non ti piacciano per ragioni sconosciute?
  • Hai problemi a lavorare con gli altri senza essere in una posizione di autorità?
  • Rispondi negativamente al successo degli altri?
  • Interrompi o parli con le persone nelle conversazioni?
  • Quanto spesso ti senti geloso? Sii onesto.
  • Hai bisogno di visualizzare le foto di tutto ciò che fai?
  • Ti descriveresti come un esibizionista?
  • Sei mai stato chiamato in cose come dominante, alfa o diva?

Nel rispondere a queste domande con sfacciata onestà, dovresti essere in grado di determinare se il tuo comportamento di ricerca dell'attenzione ha raggiunto livelli problematici. La maggior parte delle persone risponderà di sì ad alcune di queste. Se rispondi sì a più della metà, potresti continuare a leggere.

Fai l'inventario delle tue insicurezze

Il comportamento di ricerca dell'attenzione è molto spesso indicativo di profonde insicurezze. Inizia facendo un elenco delle cose di cui sei insicuro. Pensa da dove vengono queste insicurezze e perché ti senti in questo modo. Da lì, elenca tutti i modi in cui ti stai comportando per compensare eccessivamente queste presunte carenze. Chiediti se l'attenzione che ricevi dalla recitazione stia davvero facendo qualcosa per farti sentire più sicuro o sicuro di te stesso. Quindi prova a pensare ad altri modi più efficaci in cui potresti essere in grado di lavorare su queste insicurezze. Aiuta a tenere un diario quotidiano di riflessioni e osservazioni generali durante questo processo.

Osserva il tuo comportamento

Dopo aver scritto un po 'e meditato a distanza, prova a sorprenderti a recitare in tempo reale. Scoprirai che le tue motivazioni sono un po 'più facili da individuare dall'interno del momento. Non cercare di fermarti all'inizio, presta solo attenzione a ciò che sta accadendo e da dove proviene. Nota come ti fa sentire l'attenzione e cosa ti spinge a cercarla. Quindi, presta attenzione alle conseguenze. Hai calpestato qualcuno mentre ti avvicinavi ai riflettori? La gente ha elogiato la tua performance? Come ti ha fatto sentire questa lode? Qualcuno è sembrato scoraggiato dalle tue azioni? Perché pensi che potrebbe essere? Dovresti scrivere su queste osservazioni in dettaglio per consentire un'analisi approfondita. Se hai problemi a iniziare, prova a ripensare ogni sera a un momento in cui quel giorno hai attivamente cercato ricompense o attenzioni. Quindi scrivilo in retrospettiva. Se lo fai ogni giorno per un po ', dovrebbe essere più facile per te riprenderti e pensare alle cose nel momento. Cerca di mantenere questa presenza consapevole il più costantemente possibile una volta capito.

Smetti di cercare di influenzare gli altri

Molte persone che cercano attenzione su larga scala hanno problemi legati al controllo. Hanno difficoltà a controllarsi, ma sono fortemente motivati ​​a controllare gli altri. Poiché gli altri sono più fortemente influenzati dall'esempio che dalle intenzioni, i cercatori di attenzione passano molto tempo a sentirsi frustrati quando le cose non vanno secondo i loro piani o desideri. Notizie flash: non puoi aspettarti che altre persone facciano quello che vuoi che facciano. Non puoi controllare nessun altro, e più ti aspetti dagli altri più rimarrai deluso. Trasforma la tua energia verso l'interno e renditi un esempio migliore di ciò che vuoi vedere negli altri. Anche se nessun altro segue l'esempio, almeno saprai che stai facendo la tua parte per far accadere le cose nel modo in cui desideri. Quando ti concentri sul controllo dell'unica cosa che puoi veramente - che sei te stesso - rimarrai sorpreso di quanto le cose vengano fatte più correttamente. In questo modo, crei una fonte sostenibile della convalida che hai sempre cercato dagli altri e, prometto, scoprirai che è il vero modo per aumentare la fiducia ed eliminare le insicurezze.

Comprendi che il progresso richiederà tempo

Dopo aver affrontato un problema come questo e aver preso l'impegno di lavorarci, la parte più importante è seguire. Ciò significa cambiare molte cattive abitudini. Sarà difficile poiché non vedrai i cambiamenti per i quali stai scattando durante la notte. Le epifanie richiedono tempo per penetrare. Il comportamento compulsivo spesso impiega anni per cambiare completamente. Sebbene ci siano molte pietre miliari del progresso lungo la strada, sappi anche che ci saranno molti fallimenti. È importante assumersi la responsabilità dei propri errori senza punirsi troppo duramente o rinunciare alla lotta. Questo è estremamente difficile ma ne vale la pena.