6 tè che bloccano il grasso e prevengono l'obesità

Operatore di marketing dei contenuti e appassionato di fitness Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Bere il tè non è solo un'esperienza rilassante e piacevole, ma è anche una delle bevande più consumate al mondo accanto all'acqua. Il consumo pro capite globale di tè è di circa 120 ml / giorno. La sua enorme popolarità può essere attribuita al fatto che è piuttosto economico, stimolante e pieno di proprietà sensoriali a cui le persone non possono resistere. Oh, a proposito ... ho menzionato i loro immensi benefici per la salute e il loro potenziale per curare / prevenire la nostra pandemia chiamata obesità che ora colpisce un terzo della popolazione mondiale? No? Quindi, immergiamoci, vero?

Tè bianco

Il tè bianco ha probabilmente uno dei sapori più accettati in Europa quando si tratta di tè in generale. Questo tè viene cotto a vapore ed essiccato subito dopo la raccolta per impedirne l'ossidazione, che a sua volta conferisce il suo gusto leggero e delicato che gli europei amano così tanto.

Come promuove la perdita di peso?

  • stimolazione del metabolismo lipidico epatico: il metabolismo lipidico si riferisce al processo mediante il quale gli acidi grassi vengono scomposti per produrre energia e / o immagazzinati come energia per un uso successivo. Il termine "epatico" significa che questo processo avviene all'interno del fegato.
  • Inibizione delle lipasi: gli inibitori della lipasi riducono la quantità di grasso che il tuo corpo assorbe e costringe effettivamente il grasso consumato ad essere escreto invece che assorbito.
  • Stimolazione della termogenesi: il termine si riferisce al processo naturale di produzione di calore del nostro corpo che può contribuire in modo significativo alla perdita di peso se regolato naturalmente.
  • Controllo dell'appetito
  • lavorare insieme al caffè

Sostanze chimiche trovate in WT che aiutano a bloccare il grasso:

I componenti principali del tè bianco comprendono proteine, minerali, polifenoli, polisaccaridi e oligoelementi organici e aminoacidi, lignine e metilxantine (caffeina, teobromina e teofillina).

Riferimenti:

  1. T. R. Dias, et al. Tè bianco (Camellia Sinensis (L.)): proprietà antiossidanti ed effetti benefici sulla salute International Journal of Food Science, Nutrition and Dietetics (IJFS) ISSN 2326-3350.2 (2), 19-26. Prima pubblicazione online: 26 febbraio 2013

Tè verde

Il tè verde è probabilmente il tè più rinomato sul mercato. Potrebbe essere sicuro affermare che è una delle bevande più salutari del pianeta che potresti mai bere. È ricco di antiossidanti e nutrienti molto necessari che lavorano tutti in collaborazione per migliorare la funzione cerebrale, facilitare la perdita di grasso e ridurre il rischio di cancro e altre malattie debilitanti.

Come promuove la perdita di peso?

  • Aumento della termogenesi e dell'ossidazione dei grassi: grazie alla sua miscela di tè verde e caffeina (epigallocatechina gallato + caffeina)
  • Inibizione della fosfodiesterasi: l'inibizione di questo enzima porta ad un aumento dell'ossidazione dei grassi e della termogenesi
  • Recupero di peso ridotto: una miscela di tè verde e caffeina ha il meraviglioso effetto collaterale di ridurre il recupero del peso corporeo dopo una significativa perdita di peso. Il tè verde lo ottiene grazie all'effetto termogenico di cui sopra.

Sostanze chimiche trovate in WT che aiutano a bloccare il grasso:

Studi scientifici hanno dimostrato che il tè verde contiene una grande quantità di catechine del tè. La catecol-O-metiltransferasi è nota come un enzima intracellulare ed è onnipresente in tutti i tessuti dei mammiferi, inclusi i muscoli scheletrici e il tessuto adiposo. COMT è un enzima attivo che stimola la degradazione dei grassi e di altri lipidi mediante idrolisi per rilasciare acidi grassi.

Riferimenti:

  1. Margriet S, et al. Perdita di peso corporeo e mantenimento del peso in relazione all'assunzione abituale di caffeina e all'integrazione di tè verde. Obesity Research Volume 13, Issue 7, Articolo pubblicato per la prima volta online: 6 SEP 2012.
  2. Kevin C, et al. Il consumo di catechina di tè verde migliora la perdita di grasso addominale indotta dall'esercizio fisico negli adulti in sovrappeso e obesi. Nutrizione e malattia. Prima pubblicazione online: 11 dicembre 2008.

Tè nero

Il tè nero è un altro tipo di tè che sta attualmente vivendo una nuova rinascita grazie ai suoi benefici per la salute recentemente rivelati. Il tè nero ha un sapore più forte rispetto alle sue controparti meno ossidate e rappresenta oltre il 90% di tutto il tè venduto nel mondo occidentale. Un altro aspetto importante del tè che vale la pena menzionare è che mentre il tè verde tende a perdere il suo sapore entro sei mesi, il tè nero è in grado di mantenere il suo sapore per diversi anni.

Come promuove la perdita di peso?

La ricerca condotta sui suoi effetti sulla perdita di peso ha scoperto che il tè nero aumenta la velocità con cui il corpo è in grado di riportare i livelli di cortisolo alla normalità e di calmarli. Ogni volta che ci troviamo in una situazione stressante di qualsiasi tipo (sia lavorativa che personale) l'adrenalina fa sì che le nostre cellule adipose rilasciano acidi grassi nel flusso sanguigno.

Quando ciò accade, l'ormone cortisolo raccoglie gli acidi grassi rilasciati e li immagazzina. Dove pensi che finiscano quelle riserve di grasso immagazzinate? Bene, hai indovinato: nella tua pancia! Inoltre, quando il grasso viene immagazzinato invece di essere bruciato come energia, il tuo corpo esce alla ricerca di più calorie, il che può seriamente ostacolare i tuoi obiettivi di perdita di peso per sempre.

Prodotti chimici trovati in BT che aiutano a bloccare il grasso:

Secondo gli ultimi studi condotti sui benefici per la salute del tè nero, grazie alla sua presenza di polisaccaridi (carboidrati che agiscono per rallentare l'assorbimento di zucchero nel sangue e promuovere la perdita di peso regolando l'appetito), il tè nero è un ottimo alternativa a coloro che sono vittime di qualsiasi tipo di diabete. Si presume inoltre che il consumo abituale di tè nero possa impedirti di sviluppare il diabete in primo luogo.

Fatto interessante: Irlanda e Gran Bretagna, dove il consumo di tè nero è il più alto, il diabete di tipo 2 ha la prevalenza più bassa.

Data la sua ricca fonte di antiossidanti, contribuisce anche alla nostra salute generale, al benessere, alla salute cardiovascolare e a un forte sistema immunitario, tutti fattori vitali quando si tratta delle nostre aspirazioni di perdita di peso.

Riferimenti:

Andrew Steptoe, et al. Gli effetti del tè sulla responsività psicofisiologica allo stress e sul recupero post-stress: uno studio randomizzato in doppio cieco Psicofarmacologia, gennaio 2007, volume 190, numero 1, pp 81-89. Pubblicato online: 30 settembre 2006

Tè al crespino

La barberina è una sostanza chimica naturale che viene estratta dall'arbusto di crespino ed è nota per prevenire l'aumento di peso anche quando si segue una dieta ricca di grassi. La Barberina è stata utilizzata da migliaia di anni nella medicina cinese come farmaco per curare le infezioni intestinali, in particolare la diarrea batterica.

Come promuove la perdita di peso?

Studi recenti hanno rivelato che la berberina è clinicamente efficace nell'alleviare il diabete di tipo 2 grazie alla sua inibizione del glucosio plasmatico a digiuno, della glicemia postprandiale, dell'emoglobina glicata, del colesterolo totale e dei livelli di colesterolo lipo proteico a bassa densità.

Sostanze chimiche presenti in BB che aiutano a bloccare il grasso:

Un importante componente farmacologico dell'erba cinese Coptis chinensis era originariamente usato per trattare la diarrea, ma ora è stato scoperto che è altrettanto efficace nell'alleviare il diabete. Lo stesso studio su cui si basano le mie intuizioni sulla berberina ha continuato affermando che la berberina somministrata a 100 mg / chilo di peso corporeo ha efficacemente prevenuto lo sviluppo di obesità e resistenza all'insulina nelle diete ad alto contenuto di grassi, mentre ha anche ridotto significativamente l'assunzione di cibo abituale in entrambi gli animali e prove umane.

Riferimenti:

  1. Xu Zhang, et al. Cambiamenti strutturali del microbiota intestinale durante la prevenzione mediata dalla berberina dell'obesità e della resistenza all'insulina nei ratti nutriti con dieta ricca di grassi. PLoS ONE 7 (8): e42529. doi: 10.1371 / journal.pone.0042529, pubblicato online: 3 agosto 2012.

Tè Rooibos

Le prove scientifiche relative al tè Rooibos stanno emergendo quasi ogni giorno ormai. La ragione di tale pubblicità risiede nei suoi benefici per la salute, in particolare quelli associati al consumo in forma liquida. Dati i suoi alti livelli di antiossidanti e altre potenti sostanze che aiutano a combattere i radicali liberi nel nostro flusso sanguigno, non c'è da meravigliarsi che abbia una tale fama quando si tratta di mantenere il nostro corpo sano e forte.

Come promuove la perdita di peso?

Uno studio condotto da Uličná, et al. ha scoperto che Rooibos fornisce una protezione sostanziale contro lo stress ossidativo nei ratti diabetici. Dopo aver completato numerose prove su animali, hanno iniziato a utilizzare pazienti umani per vedere come Rooibos può effettivamente servire come terapia praticabile delle complicanze dei vasi sanguigni e della perossidazione del sistema della membrana oculare.

Sostanze chimiche trovate in RT che aiutano a bloccare il grasso:

  • Polifenoli e flavonoidi: queste sostanze presenti in Roobios sono considerate estremamente efficaci nella lotta all'obesità in generale
  • Solidi solubili da Rooibos fermentato: gli studi hanno scoperto che questi solidi solubili inibiscono la formazione di tessuto adiposo (chiamato adipogenesi) mentre hanno anche un enorme effetto sul metabolismo delle cellule adipose (adipociti).
  • Aspalathin: può essere trovato nel tè Rooibos e ha dimostrato di avere effetti benefici sull'omoestasi del glucosio nei pazienti con diabete di tipo 2 stimolando sia l'assorbimento del glucosio nei tessuti muscolari che la secrezione di insulina dalle cellule beta pancreatiche.