7 abitudini quotidiane per essere più produttivi lavorando a casa

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

È il sogno, giusto? Svegliarsi ogni volta che vuoi, senza doverti vestire e infilarsi nei mezzi di trasporto di massa o stare seduto nel traffico per diverse ore solo per stare seduto in un cubicolo per altre 8 ore circa.

Lavorare a casa è lo stile di vita definitivo, finché non lo fai davvero.

Secondo il Bureau of Labor Statistics, più del 23% degli americani dichiara di lavorare da casa almeno una parte del tempo. Questo numero è aumentato di quasi il 25% dal 2005 e continua a crescere man mano che "luogo di lavoro" assume un significato più ambiguo.

Ma non è tutto inizio tardi e TV in pigiama mentre controlli la posta. Lavorare da casa, sebbene sia un vantaggio importante in una cultura con linee sempre più sfocate nello spettro della vita lavorativa, può essere un'esperienza stressante se non sei abituato a motivarti e guidare la produttività in un nuovo contesto.

La casa è dove ti riposi. È dove ti rilassi. È dove trascorri del tempo con la famiglia. La tua mente e il tuo corpo sono addestrati ad agire in un certo modo quando sono a casa. Metti il ​​lavoro nel mix e non importa quanto tu sia produttivo in ufficio, potresti trovarti improvvisamente incapace di concentrarti altrettanto bene, sopraffatto da distrazioni di cui non avevi nemmeno realizzato la presenza.

Tuttavia, non deve essere così. Installando nuove abitudini specifiche su come e dove lavori a casa, puoi essere produttivo quanto lo saresti in ufficio, se non di più.

Imposta un'ora di inizio chiaramente definita sul calendario

Quanto tempo ci vuole quando arrivi in ​​ufficio per iniziare a lavorare? Che aspetto ha quella transizione? La maggior parte di noi si è allenata a passare quasi istantaneamente alla modalità di lavoro quando varca la soglia. La transizione da casa al tragitto giornaliero verso l'ufficio è molto netta e queste linee facilitano il cambio di marcia.

È molto più difficile cambiare in questo modo quando non esci mai di casa. Quindi, questa transizione deve essere simulata. Per farlo, usa un calendario. Imposta un orario di inizio chiaro e sappi che quando arriva quel momento, sei "al lavoro".

Se rimane difficile, fai una passeggiata o visita un bar poco prima che inizi il lavoro per simulare il cambio di marcia e preparare la mente per la giornata lavorativa.

Costruisci uno spazio ufficio unico nella tua casa

Lo spazio dedicato è un must. Che tu lavori a casa una volta alla settimana o sia un consulente freelance a casa tutti i giorni tranne che per le riunioni, hai bisogno di uno spazio solo per il lavoro.

Questo fa due cose. Non solo fornisce uno spazio privato dove puoi essere produttivo con distrazioni minime; ti separa anche fisicamente dallo spazio della tua casa in cui ti rilassi. Anche se tecnicamente potresti aver bisogno solo di un sedile caldo e di un laptop per fare le cose, è molto più difficile essere produttivi quando sei seduto sul divano dove normalmente ti rilassi alla fine della giornata.

Mantenere un programma per il pranzo e la pausa

Proprio come un orario di inizio, il tuo corpo è addestrato a seguire un certo ritmo ogni giorno. Lavora per diverse ore, vai a pranzo, lavora ancora un paio d'ore, fai una pausa.

Mantieni questo programma il più possibile. Sicuramente ci saranno giorni in cui le scadenze si sovrappongono o le chiamate ritardano il normale orario di pranzo e può sembrare strano fare una "pausa" e camminare per 3 metri verso la tua cucina, ma la familiarità ti aiuterà a rimanere in quella mentalità lavorativa .

Costruisci pause di emergenza per evitare distrazioni

La casa è piena di distrazioni: famiglia, animali domestici, TV, libri, videogiochi. Lo chiami e c'è qualcosa su uno scaffale dall'altra parte della stanza che implora di rubare la tua attenzione.

Crea un sistema in cui hai una risposta quando ciò accade. Un timer Pomodoro è altamente raccomandato in quanto ti costringerà a rimanere concentrato per 25 minuti alla volta in brevi raffiche di produttività. Certo, puoi arrivare al prossimo capitolo di Game of Thrones, ma solo dopo aver completato un'altra breve sessione di lavoro.

Creando un'abitudine di concentrazione e pause misurate, puoi evitare di cadere nella tana del coniglio delle distrazioni che i tuoi beni possono creare.

Usa periodi bui per rimanere concentrato

Uno dei grandi vantaggi di lavorare da casa è che è molto più facile restare al buio. In ufficio, puoi disattivare il WiFi, ma se il tuo capo ha davvero bisogno della tua attenzione, può semplicemente avvicinarti e toccare la tua scrivania.

A casa, staccare la spina significa davvero privacy e quella privacy può portare alle tue ore più produttive della settimana. Se lavori per te stesso, questo è ancora più importante. Ti consente di concentrarti su attività di grandi dimensioni in scatti di 1-2 ore durante le quali nulla può distrarti.

Imposta un orario di fine chiaro

Abbiamo parlato di orari di inizio e abbiamo parlato di tempi di pausa, quindi ovviamente dobbiamo toccare quando fermarci.

Quando ho iniziato a lavorare da casa meno di un anno dopo la laurea, ho lavorato per più di 12 ore al giorno. Per essere più precisi, mi sono seduto davanti a un computer per più di 12 ore al giorno. Una buona parte di quel tempo è stata spesa a navigare su eBay, guardare video musicali e giocare ai videogiochi. Ero un procrastinatore, perché sapevo di poterlo essere.

La legge di Parkinson afferma che quando viene concesso un determinato periodo di tempo per completare un'attività, lo riempiremo. Immagina cosa succede quando il tempo dato è infinito? Non finisci mai del tutto.

Quindi crea delle scadenze per te stesso. Potrebbe essere diverso ogni giorno, ma imposta un orario limite chiaro nel tuo programma quando prevedi di finire la giornata. Che siano le 17:00 o che tu scelga di sfruttare la tua produttività ritrovata e di uscire con un'ora di anticipo, segnalo sul tuo calendario e crea la tua lista di cose da fare quotidiane attorno ad esso.

Identifica i fattori scatenanti del lavoro e circondati di loro

Il lavoro non è qualcosa che "facciamo e basta". È uno stato mentale che dobbiamo creare e mantenere per rimanere produttivi. Non è nemmeno che tu sia un modello di produttività in ufficio. Facebook è altrettanto fastidioso. È altrettanto probabile che gli amici ti trascinino fuori per un caffè.