8 modi per fermare la manipolazione emotiva

Siobhan è una scrittrice appassionata che condivide suggerimenti sulla motivazione e la felicità su Lifehack. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Ci sono persone che tentano di manipolare gli altri facendoli sentire in colpa o vergognosi, o privandoli della felicità se non fanno come richiesto. Comunemente noto come manipolazione emotiva, questo comportamento è una cosa davvero difficile da sfuggire. Fortunatamente, Sofo di The Unbounded Spirit spiega otto modi in cui puoi proteggerti dalla manipolazione emotiva.

Ecco 8 modi per individuarlo e affrontarlo:

1. Non serve a niente cercare di essere onesti con un manipolatore emotivo.

Fai una dichiarazione e verrà ribaltata. Esempio: sono davvero arrabbiato che tu abbia dimenticato il mio compleanno. Risposta - "Mi rattrista il fatto che avresti pensato che avrei dimenticato il tuo compleanno, avrei dovuto parlarti del grande stress personale che sto affrontando in questo momento - ma vedi che non volevo disturbarti. Hai ragione, avrei dovuto mettere da parte tutto questo dolore (non stupirti di vedere lacrime vere a questo punto) e concentrarmi sul tuo compleanno. Scusate." Anche mentre ascolti le parole, hai la sensazione spaventosa che in realtà NON significano affatto che siano dispiaciute, ma dal momento che hanno detto le parole non ti resta più niente da dire. O quello o ti ritrovi improvvisamente a fare da babysitter alla loro angoscia !! In tutte le circostanze, se ritieni che questo angolo venga giocato, non capitolare! Non preoccuparti, non accettare scuse che sembrano una stronzata. Se sembra una stronzata, probabilmente lo è. Regola numero uno: se hai a che fare con un ricattatore emotivo, FIDATI del tuo istinto. FIDATI dei tuoi sensi. Una volta che un manipolatore emotivo trova una manovra di successo, viene aggiunta alla sua lista dei risultati e sarai nutrito con una dieta costante di questa merda.

2. Un manipolatore emotivo è l'immagine di un aiutante disponibile.

Se chiedi loro di fare qualcosa, saranno quasi sempre d'accordo, cioè SE non si sono offerti volontari per farlo prima. Poi quando dici "ok grazie", fanno un mucchio di sospiri pesanti, o altri segni non verbali che ti fanno sapere che non vogliono davvero fare qualunque cosa succeda. Quando gli dici che non sembra che vogliano fare qualunque cosa - cambieranno la situazione e cercheranno di far sembrare che OVVIAMENTE volessero e quanto tu sia irragionevole. Questa è una forma di creazione pazza, che è qualcosa in cui i manipolatori emotivi sono molto bravi. Regola numero due: se un manipolatore emotivo ha detto SÌ, rendilo responsabile. NON accettare i sospiri e le sottigliezze - se non vogliono farlo - faglielo dire in anticipo - o metti semplicemente le cuffie da uomo e fai un bagno e lasciali al loro teatro.

3. Fare da pazzi: dire una cosa e poi assicurarti di non averla detta.

Se ti trovi in ​​una relazione in cui pensi che dovresti iniziare a tenere un registro di ciò che è stato detto perché stai iniziando a mettere in discussione la tua sanità mentale: stai sperimentando una manipolazione emotiva. Un manipolatore emotivo è un esperto nel ribaltare le cose, razionalizzare, giustificare e spiegare le cose. Possono mentire così tranquillamente che puoi stare seduto a guardare il nero e lo chiameranno bianco - e discutere in modo così persuasivo che inizi a dubitare dei tuoi stessi sensi. Per un periodo di tempo questo è così insidioso ed erodente che può letteralmente alterare il tuo senso della realtà. ATTENZIONE: la manipolazione emotiva è MOLTO pericolosa! È molto sconcertante per un manipolatore emotivo se inizi a portare un blocco di carta e una penna e prendi appunti durante le conversazioni. Sentiti libero di far loro sapere che ti senti così "smemorato" in questi giorni che vuoi registrare le loro parole per il bene dei posteri. La cosa più dannata di questo è che dover fare una cosa del genere è un chiaro esempio del motivo per cui dovresti seriamente pensare di rimuovere te stesso dal raggio d'azione in primo luogo. Se stai portando con te un taccuino per proteggerti, quel vecchio misuratore di stronzate dovrebbe lampeggiare in modo fisso ormai!

4. Colpa. I manipolatori emotivi sono ottimi mercanti di sensi di colpa.

Possono farti sentire in colpa per aver parlato o non parlato, per essere emotivo o non essere abbastanza emotivo, per dare e prendersi cura, o per non dare e preoccuparsi abbastanza. Qualsiasi cosa è un gioco leale e aperto al senso di colpa con un manipolatore emotivo. I manipolatori emotivi raramente esprimono apertamente i loro bisogni o desideri: ottengono ciò che vogliono attraverso la manipolazione emotiva. Il senso di colpa non è l'unica forma di questo, ma è potente. La maggior parte di noi è piuttosto condizionata a fare tutto ciò che è necessario per ridurre i nostri sensi di colpa. Un'altra potente emozione che viene utilizzata è la simpatia. Un manipolatore emotivo è una grande vittima. Ispirano un profondo senso di bisogno di sostegno, cura e nutrimento. I manipolatori emotivi raramente combattono le proprie lotte o svolgono il proprio lavoro sporco. La cosa pazzesca è che quando lo fai per loro (cosa che non chiederanno mai direttamente), potrebbero semplicemente voltarsi e dire che di certo non volevano o si aspettavano che tu facessi nulla! Cerca di non combattere le battaglie di altre persone o di fare il lavoro sporco per loro. Una frase fantastica è "Ho piena fiducia nella tua capacità di risolverlo da solo": controlla la risposta e nota ancora una volta il misuratore di cazzate.

5. I manipolatori emotivi combattono sporco.

Non si occupano direttamente delle cose. Parleranno alle tue spalle e alla fine metteranno gli altri nella posizione di dirti ciò che non direbbero loro stessi. Sono passivi aggressivi, nel senso che trovano modi sottili per farti sapere che non sono piccoli campeggiatori felici. Ti diranno cosa pensano che tu voglia sentire e poi faranno un mucchio di stronzate per sminuirlo. Esempio: "Certo che voglio che torni a scuola tesoro e sai che ti sosterrò". Poi la sera degli esami sei seduto al tavolo e arrivano i compagni di poker, i bambini piangono per la tv. esplosioni e il cane ha bisogno di camminare - per tutto il tempo "Sweetie" è seduto sul loro culo a guardarti senza capire. Osi chiamarli su un comportamento del genere che probabilmente sentirai, "beh, non puoi aspettarti che la vita si fermi solo perché hai un esame, puoi tesoro?" Piangere, urlare o soffocarli: solo l'ultimo avrà benefici a lungo termine e probabilmente ti farà finire il culo in prigione.

6. Se hai mal di testa, un manipolatore emotivo avrà un tumore al cervello!

Non importa quale sia la tua situazione, il manipolatore emotivo probabilmente c'è stato o c'è adesso, ma solo dieci volte peggio. È difficile dopo un certo periodo di tempo sentirsi emotivamente connessi a un manipolatore emotivo perché hanno un modo per smorzare le conversazioni e riportare i riflettori su se stessi. Se li chiami per questo comportamento, probabilmente diventeranno profondamente feriti o molto petulanti e ti chiameranno egoista, o affermeranno che sei tu che sei sempre sotto i riflettori. Il fatto è che anche se sai che non è così, ti resta il compito impossibile di provarlo. Non preoccuparti: FIDATI del tuo istinto e vattene!