8 motivi per cui non dovresti fare affidamento solo sul controllo ortografico

Catherine è un'artista che fornisce suggerimenti sullo stile di vita su Lifehack. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

"Lei sapeva cucire semi meglio di quanto potesse cucire vestiti."

La frase sopra è quella che mi sono imbattuto durante la lettura di un romanzo autopubblicato l'altro giorno ed è un perfetto esempio del motivo per cui non si può semplicemente fare affidamento su un programma di controllo ortografico per assicurarsi che la propria scrittura sia priva di errori. Sebbene "cuci" e "semina" siano omofoni (suonano allo stesso modo nonostante abbiano ortografie e significati diversi), ovviamente non sono intercambiabili: seminiamo semi e cuciamo vestiti.

Il controllo ortografico, o qualsiasi altro programma integrato di controllo ortografico, non lo rileverà e chiunque rileggesse o modifichi il tuo lavoro non sarebbe chiaramente impressionato di trovarlo. Sebbene un correttore ortografico sia uno strumento utile per uso generale, non sostituirà mai completamente te stesso e perfezionerai le tue capacità di scrittura. Ecco 8 validi motivi per cui non dovresti fare affidamento su un programma che ti aiuti nelle comunicazioni quotidiane e nella scrittura professionale:

1. Non coglierà errori omofonici

Come nell'esempio nella parte superiore di questa pagina, ci sono molte parole che hanno lo stesso suono di altre e se le usi al posto delle parole corrette (e le scrivi correttamente), il controllo ortografico non le cattura. Secondo il programma, il punteruolo di rito della pecora parente fa una specie di cose e continueranno a essere lanciate. Caso in questione: il controllo ortografico non ha evidenziato nulla in quella frase come errato.

Dopo aver passato al setaccio lettere di presentazione e curriculum per potenziali candidati a un lavoro, ho scartato quelli che presentavano evidenti errori di ortografia. Se qualcuno non riesce a distinguere tra "meteo" e "se", o "potrebbe di" e "potrebbe avere", mi preoccuperei della loro competenza in qualsiasi ruolo professionale.

2. Il controllo ortografico non rileva errori di battitura che sono parole reali

Quando scrivi frasi come "Mi manchi", "Vado a prendere la cura dal garage" o "Ci vediamo per cena", il controllo ortografico non rileva errori, perché nessuna delle parole è effettivamente scritta in modo errato. La stessa cosa vale per Word e altri software di elaborazione testi: le frasi e le parole che sono scritte correttamente non vengono selezionate come sbagliate, quindi puoi scrivere qualcosa di completamente senza senso semplicemente aggiungendo o sottraendo una lettera o giù di lì, e sarà passare perfettamente bene. Chiedimi in quanti guai mi sono cacciato una volta riferendomi accidentalmente a un rabbino come un "coniglio" in un'e-mail di lavoro.

Inoltre, saranno consentiti spazi vuoti nelle frasi: hai mai inviato un messaggio istantaneo o un messaggio solo per renderti conto di aver premuto la barra spaziatrice troppo presto (o troppo tardi)? Invece di scrivere "Lei intendeva Rick", se ti riferisci al commento di un amico su un altro, potresti finire per scrivere "Lei intende trucco". Questa è un'espressione completamente diversa, anche se piuttosto inarticolata.

3. Non imparerai dai tuoi errori

Come accennato in precedenza, le parole digitate correttamente non verranno selezionate e finirai per commettere gli stessi errori più e più volte. Potresti usare "avverso" invece di "contrario" quando sottintendi che qualcuno non ama un'idea, o dire che una persona è stata "influenzata" da una politica, piuttosto che "influenzata". Se le persone con cui lavori non conoscono la differenza tra queste parole (o sono troppo titubanti o educate per far notare che hai scritto qualcosa di sbagliato), continuerai a usarle in modo improprio.

Questo potrebbe ritorcersi contro se e quando ti candidi per una posizione con persone che richiedono standard di competenza nella scrittura più elevati di quelli a cui sei abituato.

4. Saranno ammesse frasi orribili tramite

Le ridondanze, i modificatori fuori posto, le virgolette errate e i trattini multipli al posto dei trattini corretti non verranno indicati come sbagliati, quindi l'articolo che potresti presentare a un editore li lascerà a bocca aperta con orrore per il fatto che tu Sei consentito ovunque vicino a un computer. Un esempio:

"La ragazzina stava portando a spasso il cane con una gonna corta."

Indovina cosa il controllo ortografico non ha ritenuto sbagliato?

5. Ti rende pigro

Se non sei costantemente a conoscenza delle parole che digiti per assicurarti che siano scritte correttamente, puoi essere sciatto. Certo, tutto ciò che digiti formalmente dovrebbe comunque essere modificato dal programma, ma cosa succede se devi effettivamente usare carta e penna per lasciare una nota a qualcuno?

6. Non avrai sempre accesso ad esso

Se ti affidi molto a un correttore ortografico per rilevare i tuoi errori, non migliorerai le tue capacità di scrittura e potresti finire per commettere errori piuttosto eclatanti quando utilizzi un programma che non ne ha uno installato. Alcuni programmi di messaggistica istantanea non controllano l'ortografia durante la digitazione e molti telefoni non dispongono di un software di controllo ortografico che controlla i tuoi testi prima di premere "invia".

Se devi inviare un messaggio di testo a un cliente o al tuo capo, o sei in una chat Skype con qualcuno la cui opinione di te conta davvero e le tue capacità di ortografia sono alla pari di quelle di tuo nipote di otto anni ci sei.

7. Può essere sbagliato

Il controllo ortografico non è necessariamente aggiornato su neologismi, termini gergali o gergo di marketing e può contrassegnare determinate espressioni o parole come errate quando in realtà stanno bene così come sono.

8. Non discernerà cosa intendevi scrivere da ciò che in realtà hai scritto

La maggior parte di noi pensa più velocemente di quanto digiti, il che porta all'omissione di parole o alla modifica delle frasi. Il controllo ortografico non dà la minima idea del fatto che hai tralasciato diverse parole vitali in un paragrafo: se non hanno errori di ortografia, non importa. In realtà è meglio prendere una pausa da un pezzo dopo averlo scritto e poi riprenderlo con occhi nuovi, poiché metterai una distanza sufficiente tra te e il tuo lavoro per essere in grado di trovare errori e omissioni.

Scegliamo spesso la parola sbagliata nella conversazione o nella scrittura perché sembra simile a quella che intendevamo, ma se chiudi un'email "con amore e infezione", il destinatario potrebbe essere un po 'innervosito. Non lo vuoi.

Che tu stia scrivendo un saggio, un articolo, un post sul blog o la tua tesi di dottorato, è importante esaminare a fondo il tuo lavoro per assicurarti che sia privo di errori: affidarsi a un programma che rileverà solo errori di battitura è sicuro per farti finire nei guai. Se rileggi il tuo lavoro, stabilisci che non c'è nulla di sbagliato in esso e poi scopri che c'erano diversi errori al suo interno, potresti voler leggere i libri un po 'più spesso per familiarizzare con l'inglese scritto formale. < / p>

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Catherine Winter

Catherine è un'artista che fornisce suggerimenti sullo stile di vita su Lifehack.

Tendenze nella comunicazione

Altro di questo autore

Catherine Winter

Catherine è un'artista che fornisce suggerimenti sullo stile di vita su Lifehack.

Tendenze nella comunicazione

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 18 dicembre 2020

In che modo viaggiare può migliorare drasticamente le tue capacità interpersonali

Vagabondo itinerante, scrittore e appassionato di cibo vegetale. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Intrinsecamente, il viaggiatore esperto funge anche da farfalla sociale. Possono avviare una conversazione per capriccio e in qualche modo riescono a trovare un terreno comune con persone di ogni estrazione sociale.

Viaggiare da solo può aprirci e arricchire incredibilmente gli occhi, ma ci fornirà anche le abilità necessarie per avere successo. La comunicazione e le abilità interpersonali sono attributi che possono essere appresi e affinati. Queste abilità sono applicabili nella vita di tutti i giorni e possono essere tradotte in ambienti professionali.

Siamo intrinsecamente chiusi

Per la mia prima esperienza di viaggio solitario, ero appena arrivato a San Francisco per uno stage. Si è verificato un problema con il nostro treno e abbiamo dovuto passare a un nuovo treno al binario successivo. Un signore che aveva tenuto una conversazione educata ha deciso che ora era la sua missione aiutarmi a spostare le mie cose sul treno successivo.

Nonostante le buone intenzioni, ero sgomento. Non ero abituato alla gentilezza degli estranei, anzi pensavo che stesse cercando di derubarmi o peggio. La gentilezza è in qualche modo regionale. E crescendo nella zona di Tristate, ero stato condizionato ad essere estremamente scettico. L'interazione con estranei sembrava incredibilmente tabù.

È vergognoso ammetterlo, ma le abilità sociali sono cadute nel dimenticatoio. Ci siamo dimenticati di come parlarci. L'idea di avviare una conversazione con uno sconosciuto è al limite del terrificante. Ma ancora più terrificante, la mancanza di una comunicazione efficace porterà alla fine a una vita solitaria.

Mantenere viva la passione

Una volta un uomo molto saggio ha detto che prima di impegnarsi completamente con qualcuno, portalo in viaggio. Quest'uomo saggio è Bill Murray e dice la verità. Viaggiare può essere un periodo molto vulnerabile per molte volte, spesso può tirare fuori il peggio dalle persone.

Ma se sei in grado di superare gli inevitabili ostacoli che sorgeranno durante il tuo viaggio, è stato dimostrato che viaggiare rafforza le relazioni. [1] Offre a te stesso e al tuo partner l'opportunità di condividere un obiettivo comune.

Il semplice fatto di trovarsi in un ambiente diverso [2], libero da tutti i tuoi obblighi quotidiani che tendono a intralciarti, aiuterà a riaccendere il romanticismo e l'intimità. Darà a entrambi la possibilità di rivisitare alcune questioni che normalmente darebbero inizio a una discussione, in un ambiente romantico e sicuro.

Le coppie che viaggiano regolarmente insieme hanno riferito di avere una comunicazione più efficace tra loro rispetto a quelle che non lo fanno. [3]

Non vedrai mai il mondo allo stesso modo

La più grande epifania che si possa vivere mentre si immergono nello stile di vita dei viaggi è la consapevolezza che non tutti pensano come te. Non tutti vivono nello stesso modo in cui lo fai tu. Culture diverse ospitano filosofie e priorità diverse.

Respira, rilassati e divertiti

Crescendo in un luogo in cui i risultati sono attesi istantaneamente, non mi piaceva l'idea di aspettare. Voglio dire, qual è il problema? Ho effettuato l'ordine e lo voglio adesso. Chiaramente l'impazienza era spalmata su tutto il viso. Il server che ha preso il mio ordine mi ha chiesto in modo così innocente: "Perché sembri arrabbiato? Hai qualche momento in più per goderti la vita prima di ricevere il cibo. " Aveva così ragione. Perché mi stavo arrabbiando? Non avevo nessun posto dove essere. Così ho seguito il suo consiglio. Inspirai profondamente, assorbendo tutta la bellezza che mi circondava.

La pazienza è una virtù. E quando sei in viaggio, non hai altra scelta che essere paziente.

Impara a rotolare con i pugni

Non tutto funziona come previsto, le cose sono destinate ad andare storte. Quando viaggi, sei eccezionalmente vulnerabile a questi contrattempi, con pochissima sicurezza se le cose non vanno come vuoi. Questo può essere incredibilmente snervante le prime volte. Questo può persino dissuadere alcuni dal decidere di continuare. Ma se riesci a hackerarlo e prendere i colpi mentre arrivano, alla fine svilupperai la pazienza del Santo. Stanno per accadere cose brutte; lasciateli. Troverai un altro modo.

Quando le cose non funzionano, non solo devi essere paziente, ma anche adattabile [4]. Devi essere in grado di ricordare e mettere a punto strategie, o almeno accettare la situazione a portata di mano e procedere con essa.