8 semplici modi per essere un ascoltatore migliore

Rossana è una terapista matrimoniale e familiare autorizzata. Lei aspira a motivare, ispirare e risvegliare il tuo sé migliore! Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Come ti sentiresti se condividessi una storia personale e notassi che la persona con cui stavi parlando non ti sta davvero ascoltando? Probabilmente non saresti troppo entusiasta.

Sfortunatamente, questo è il caso di molte persone. La maggior parte delle persone non è un buon ascoltatore. Sono bravi pretendenti. Il fatto è che il vero ascolto richiede lavoro, più lavoro di quanto le persone siano disposte a investire. Una conversazione di qualità riguarda il "dare e avere". La maggior parte delle persone, tuttavia, vuole solo dare, cioè le proprie parole. Essere il destinatario dell'ascoltatore può sembrare noioso, ma è essenziale.

Quando ti occupi di qualcuno e presti attenzione a ciò che sta dicendo, è un segno di cura e rispetto. Il problema è che la partecipazione richiede un atto di volontà, che a volte va contro ciò che la nostra mente fa naturalmente - girovagare senza meta e pensare a quello che non è, invece di ascoltare - il più grande atto di premura.

Senza un ascolto attivo, le persone spesso si sentono inascoltate e non riconosciute. Ecco perché è importante che tutti imparino a essere un ascoltatore migliore.

Cosa rende le persone poveri ascoltatori?

È possibile acquisire buone capacità di ascolto, ma prima diamo un'occhiata ad alcune delle cose che potresti fare che ti rendono un ascoltatore scarso.

1. Vuoi parlare con te stesso

Bene, chi non lo fa? Abbiamo tutti qualcosa da dire, giusto? Ma quando guardi qualcuno che finge di ascoltare mentre, per tutto il tempo, sta pianificando mentalmente tutte le cose incredibili che sta per dire, è un disservizio per chi parla.

Sì, forse quello che sta dicendo l'altra persona non è la cosa più eccitante del mondo. Tuttavia, meritano di essere ascoltati. Hai sempre la capacità di indirizzare la conversazione in un'altra direzione ponendo domande.

Va ​​bene voler parlare. È normale, anche. Tieni presente, tuttavia, che quando verrà il tuo turno, vorrai che qualcuno ti ascolti.

2. Non sei d'accordo con ciò che viene detto

Questa è un'altra cosa che ti rende un ascoltatore inadeguato: ascoltare qualcosa con cui non sei d'accordo e disconnetterti immediatamente. Quindi, rimani in attesa in modo da poter dire all'oratore quanto si sbaglia. Non vedi l'ora di esprimere il tuo punto di vista e dimostrare che l'oratore ha torto. Pensi che una volta che hai detto la tua "verità", gli altri sapranno quanto sia sbagliato l'oratore, ti ringrazieranno per averli chiariti e ti incoraggeranno a elaborare ciò che hai da dire. Continua a sognare.

Non essere d'accordo con il tuo interlocutore, per quanto frustrante possa essere, non è un motivo per escluderlo e prepararti a vomitare la tua sbalorditiva confutazione. Ascoltando, potresti effettivamente raccogliere un'interessante pepita di informazioni di cui prima non eri a conoscenza.

3. Stai facendo altre cinque cose mentre "ascolti"

È impossibile ascoltare qualcuno mentre scrivi, leggi, giochi a Sudoku e così via. Ma le persone lo fanno sempre, lo so.

Ho effettivamente provato a bilanciare il mio libretto degli assegni fingendo di ascoltare la persona sull'altra linea. Non ha funzionato. Ho dovuto continuare a chiedere, "cosa hai detto?" Posso solo ammetterlo ora perché raramente lo faccio più. Con il lavoro sono riuscito a diventare un ascoltatore migliore. Ci vuole molta concentrazione, ma ne vale sicuramente la pena.

Se vuoi davvero ascoltare, allora devi: ascoltare! M. Scott Peck, M.D., nel suo libro The Road Less Travel, dice: "Non puoi veramente ascoltare nessuno e fare qualsiasi altra cosa allo stesso tempo". Se sei troppo occupato per ascoltare effettivamente, fallo sapere a chi ti sta parlando e organizza un altro momento per parlare. È semplicissimo!

4. Ti nomini giudice

Mentre "ascolti", decidi che l'oratore non sa di cosa sta parlando. In qualità di "esperto", ne sai di più. Allora, qual è lo scopo anche solo di ascoltare?

Per te, l'unico suono che senti quando decidi che si sbagliano è: "Blah, blah, blah, blah, blah!" Ma prima di battere quel martelletto, sappi che potresti non avere tutte le informazioni necessarie. Per farlo, dovresti davvero ascoltare, non è vero? Inoltre, assicurati di non giudicare qualcuno dal suo accento, dal modo in cui suona o dalla struttura delle sue frasi.

Mio padre ha quasi 91 anni. Il suo inglese a volte è un po 'rotto e difficile da capire. Le persone presumono erroneamente che non sappia di cosa sta parlando: si sbagliano. Mio padre è un uomo molto intelligente che ha l'inglese come seconda lingua. Sa cosa sta dicendo e capisce perfettamente la lingua.

Tienilo a mente quando ascolti uno straniero o qualcuno che forse ha difficoltà a tradurre i propri pensieri in parole.

Ora, conosci alcune delle cose che rendono un ascoltatore inferiore. Se nessuno degli elementi sopra risuona con te, bene! Sei un ascoltatore migliore degli altri.

Come essere un ascoltatore migliore

Per motivi di conversazione, però, diciamo solo che forse hai bisogno di un po 'di lavoro nel reparto di ascolto e, dopo aver letto questo articolo, prendi la decisione di migliorare. Quali sono quindi alcune delle cose che devi fare per farlo accadere? Come puoi essere un ascoltatore migliore?

1. Presta attenzione

Un buon ascoltatore è attento. Non guardano l'orologio, il telefono o pensano ai loro programmi per la cena. Sono concentrati e prestano attenzione a ciò che sta dicendo l'altra persona. Questo si chiama ascolto attivo.

Secondo le capacità di cui hai bisogno, "l'ascolto attivo implica l'ascolto con tutti i sensi. Oltre a prestare la massima attenzione all'oratore, è importante che l '"ascoltatore attivo" sia anche "visto" mentre ascolta, altrimenti l'oratore potrebbe concludere che ciò di cui sta parlando non è interessante per l'ascoltatore. " [1]

Come ho già detto, è normale che la mente vaghi. Siamo umani, dopotutto. Ma un buon ascoltatore reprimerà quei pensieri non appena noterà che la loro attenzione sta calando.

Voglio sottolineare qui che puoi anche "ascoltare" i segnali del corpo. Puoi presumere che se qualcuno continua a guardare l'orologio o da sopra la spalla, la sua attenzione non è sulla conversazione. La chiave è prestare attenzione.

2. Usa un linguaggio del corpo positivo

Puoi dedurre molto dal linguaggio del corpo di una persona. Sono interessati, annoiati o ansiosi?

Il linguaggio del corpo di un buon ascoltatore è aperto. Si sporgono in avanti ed esprimono curiosità per ciò che viene detto. La loro espressione facciale è o sorride, mostra preoccupazione, trasmette empatia, ecc. Fanno sapere a chi parla di essere ascoltato.

Le persone dicono le cose per una ragione: vogliono un certo tipo di feedback. Ad esempio, dici al tuo coniuge: "Ho avuto una giornata davvero dura!" e tuo marito continua a controllare le sue notizie mentre annuisce con la testa. Non è una buona risposta.

Ma cosa succederebbe se tuo marito guardasse in alto con occhi interrogativi, posasse il telefono e dicesse: "Oh, no. Quello che è successo?" Come ti sentiresti, allora? La risposta è ovvia.

Secondo Alan Gurney, [2]

"Un ascoltatore attivo presta la massima attenzione a chi parla e si assicura che comprenda le informazioni fornite. Non puoi farti distrarre da una chiamata in arrivo o da un aggiornamento di stato di Facebook. Devi essere presente e nel momento.

Il linguaggio del corpo è uno strumento importante per assicurarti di farlo. Il corretto linguaggio del corpo ti rende un ascoltatore più attivo e quindi più "aperto" e ricettivo a ciò che sta dicendo l'oratore. Allo stesso tempo, indica che li stai ascoltando. "

3. Evita di interrompere l'oratore

Sono certo che non vorresti essere nel mezzo di una frase solo per vedere l'altra persona che tiene un dito o la bocca aperta, pronta a entrare nella tua verbosità incompleta. È scortese e provoca ansia. Molto probabilmente, sentiresti il ​​bisogno di affrettare ciò che stai dicendo solo per finire la frase.

Interrompere è un segno di mancanza di rispetto. Sta essenzialmente dicendo: "quello che ho da dire è molto più importante di quello che stai dicendo". Quando interrompi l'oratore, si sente frustrato, frettoloso e poco importante.

Se si interrompe un oratore per essere d'accordo, in disaccordo, litigare e così via, l'oratore perde traccia di ciò che sta dicendo. È estremamente frustrante. Qualunque cosa tu abbia da dire, puoi aspettare che l'altra persona abbia finito.

Sii gentile e aspetta il tuo turno!

4. Fai domande

Fare domande è uno dei modi migliori per dimostrare che sei interessato. Se qualcuno ti sta raccontando del suo viaggio sugli sci a Mammoth, non rispondere con "è carino". Ciò mostrerebbe una mancanza di interesse e mancanza di rispetto. Invece, puoi chiedere: "da quanto tempo sci?" "Hai trovato difficile imparare?" "Qual è stata la tua parte preferita del viaggio?" ecc. La persona avrà una grande stima di te e ti considererà un grande conversatore solo se fai alcune domande.

5. Ascolta e basta

Questo può sembrare controintuitivo. Quando stai conversando con qualcuno, di solito è avanti e indietro. A volte, tutto ciò che ti viene richiesto è ascoltare, sorridere o annuire con la testa e il tuo oratore si sentirà come se fosse davvero ascoltato e capito.

Una volta mi sono seduto con un cliente per 45 minuti senza dire una parola. È venuta nel mio ufficio in difficoltà. L'ho fatta sedere, e poi ha iniziato a piangere piano. Mi sono seduto con lei, è tutto quello che ho fatto. Alla fine della sessione, si è alzata, mi ha detto che si sentiva molto meglio e poi se n'è andata.

Devo ammettere che 45 minuti senza dire una parola sono stati difficili. Ma non aveva bisogno che le dicessi niente. Aveva bisogno di uno spazio sicuro in cui potesse emulare senza interruzioni, giudizi o che io tentassi di "aggiustare" qualcosa.

6. Ricorda e segui

Parte dell'essere un ottimo ascoltatore è ricordare ciò che ti ha detto l'oratore, quindi continuare a seguirlo.

Ad esempio, in una recente conversazione che hai avuto con il tuo collega Jacob, ti ha detto che sua moglie aveva ottenuto una promozione e che stavano pensando di trasferirsi a New York. La prossima volta che incontrerai Jacob, potresti voler dire: “Ehi, Jacob! Che fine ha fatto la promozione di tua moglie? " A questo punto, Jacob saprà che hai davvero sentito quello che ha detto e che sei interessato a vedere come sono andate le cose. Che regalo!

Secondo una nuova ricerca, "le persone che fanno domande, in particolare domande di follow-up, possono diventare manager migliori, trovare posti di lavoro migliori e persino vincere un secondo appuntamento". [3]

È così semplice dimostrare che ci tieni. Ricorda solo alcuni fatti e seguili. Se lo fai regolarmente, farai più amici.

7. Mantenere riservate le informazioni riservate

Se vuoi davvero essere un ascoltatore migliore, ascolta con attenzione. Se quello che stai ascoltando è confidenziale, mantienilo così, non importa quanto possa essere allettante dirlo a qualcun altro, soprattutto se hai amici in comune. Essere un buon ascoltatore significa essere affidabile e sensibile con le informazioni condivise.

Tutto ciò che ti viene detto in confidenza non deve essere rivelato. Assicurati che le sue informazioni siano al sicuro con te. Si sentiranno sollevati di avere qualcuno con cui condividere il loro fardello senza timore che se ne vada.

Mantenere la fiducia di qualcuno aiuta ad approfondire la tua relazione. Inoltre, “uno degli elementi più importanti della riservatezza è che aiuta a creare e sviluppare la fiducia. Permette potenzialmente il libero flusso di informazioni tra il cliente e il lavoratore e riconosce che la vita personale di un cliente e tutti i problemi e i problemi che ha gli appartengono ". [4]

Sii come un terapista: ascolta e trattieni il giudizio.

NOTA: devo aggiungere qui che mentre i terapeuti mantengono tutto riservato in una sessione, ci sono delle eccezioni:

  1. Se il cliente può rappresentare un pericolo immediato per se stesso o per gli altri.
  2. Se il cliente mette in pericolo una popolazione che non può proteggersi, come nel caso di un abuso su minori o anziani.