9 app e siti web che i genitori dovrebbero sapere per proteggere la sicurezza online dei propri figli

Elizabeth è una scrittrice appassionata che condivide consigli sullo stile di vita e lezioni apprese nella vita su Lifehack. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

In qualità di genitore, sei preoccupato per la sicurezza e il benessere dei tuoi figli. Al giorno d'oggi, l'accessibilità a pericolose piattaforme di social media rende difficile proteggere la sicurezza online dei tuoi figli. Nessuno vuole mettere il proprio bambino sulla via del pericolo, tuttavia, soprattutto per quei genitori meno esperti di tecnologia, è difficile stare al passo con la quantità di app e siti Web pericolosi che stanno spuntando di recente.

Per quei genitori educati nell'uso dei social media, questo è semplicemente un promemoria, tuttavia per quei genitori che non conoscono bene i social media, lo considerano un avvertimento.

Di seguito è riportato un elenco di app e siti Web che ogni genitore dovrebbe conoscere per garantire la sicurezza del proprio figlio online:

1.) Instagram

Un sondaggio del 2014 condotto in 41 Stati americani ha concluso che la rete di condivisione di foto, Instagram, è ora la rete di social media più popolare tra i 7.200 adolescenti statunitensi.

È importante notare che l'età minima per l'iscrizione è 13 anni; quindi è già chiaro che qualsiasi bambino al di sotto di questa età non è adatto per un account Instagram. Al momento della registrazione, la visibilità del profilo predefinita è impostata su pubblica. Ciò significa che qualsiasi immagine caricata nell'app può essere vista da chiunque. Questo può esporre i bambini piccoli al rischio di pedofilia, cyberbullismo e stalking.

Per i genitori che consentono ai propri figli di usare Instagram, ecco alcuni pratici suggerimenti per assicurarsi che tuo figlio rimanga al sicuro:

  • Rendi privata la visibilità del loro profilo. In questo modo, solo i follower approvati possono visualizzare le loro foto.
  • Assicurati che i tuoi figli sappiano bloccare gli utenti e segnalare le immagini. Se tuo figlio incontra materiale inappropriato, può facilmente bloccare chi stava caricando il materiale. Assicurati che segnalino anche le foto in particolare.

2.) Snapchat

Simile a Instagram, Snapchat è una piattaforma di social media basata sulla condivisione di foto / video. Si tratta di fare uno "scatto" e inviarlo a varie persone nel tuo elenco di amici. Il destinatario dell'immagine / video può visualizzarlo per un determinato periodo di tempo (ad esempio 10 secondi) prima che scompaia, quindi l'attrattiva principale di Snapchat.

Questa app ha anche una classificazione per età di almeno 12 anni. Il pericolo principale di questa app è che a volte lo "scatto" non sempre scompare completamente. Un utilizzo inappropriato dell'app può portare a molestie e bullismo.

Snapchat ha pubblicato una guida per i genitori che fornisce informazioni sull'uso sicuro dell'app, ma ecco alcune cose di base che un genitore dovrebbe sapere:

  • Configura Snapchat in modo che accetti solo messaggi dagli utenti nell'elenco "I miei amici". L'ultima cosa che vuoi è che tuo figlio riceva immagini inappropriate e / o esplicite da uno sconosciuto.
  • Non aspettarti che i tuoi scatti scompaiano del tutto. La funzione "snapshot" consente al destinatario di salvare la foto sul proprio telefono. Viene inviato un messaggio di avviso al mittente; tuttavia quello snap è ora salvato sul telefono di qualcuno. Non scattare foto che ti pentirai di aver inviato in seguito.

3.) Tinder

Tinder è prima di tutto un'app di appuntamenti o un sito di incontri. Pertanto è discutibile il motivo per cui i bambini di 13 anni (e talvolta sotto, se l'account contiene una falsa età) e, soprattutto, un minore, dovrebbero essere autorizzati ad averla.

Questa app individua i "single" vicino alla tua posizione. Viene visualizzata l'immagine di un "singolo" e se lo trovi attraente, "scorri verso destra". Se anche loro "passano il dito verso destra", puoi inviargli un messaggio.

Ci sono una serie di problemi che questa app può causare a causa dell'utilizzo da parte dei bambini:

Prima di tutto, pone l'accento sulla convinzione che devono essere fisicamente attraenti per essere desiderati, il che promuove ossessioni malsane per l'aspetto. Inoltre li espone ai pericoli di incontrare sconosciuti potenzialmente pericolosi online e, eventualmente, di persona.

In qualità di genitore, puoi proteggere tuo figlio:

  • Sottolineando l'importanza del "pericolo estraneo": assicurati che siano diffidenti e consapevoli del fatto che le persone online non sono le stesse che sono di persona.
  • Attendi fino a quando non sono più vecchi: se possibile, non consentire loro di utilizzare l'app finché non hanno almeno 16 anni.

4.) Kik Messenger

Questa app gratuita è classificata per persone di età pari o superiore a 17 anni, tuttavia è stato riferito che i suoi utenti principali sono in realtà di età compresa tra 11 e 15 anni.

Dato che Kik non è molto conosciuto tra gli adulti, fa appello ai tipi e ai giovani. La consulente per la sicurezza informatica Martine Oglethorpe ha dichiarato al Sydney Morning Herald:

"I bambini stanno abbandonando gli aggiornamenti di Facebook aperti perché sanno che i loro genitori li stanno guardando e stanno passando a Kik."

L'uso di nomi falsi (nomi utente) rende anche più difficile monitorare la loro attività. Tuttavia, questa app attira anche pedofili e spacciatori che possono comunicare e influenzare questi bambini.

Se tuo figlio insiste nell'usare l'app, puoi provare queste alternative:

  • Non essere il genitore ignaro. Informatevi sui social media utilizzati dai vostri figli e da altri bambini.
  • Stabilisci dei limiti. Assicurati di raggiungere un accordo su come viene utilizzata l'app, ad es. nessun messaggio inappropriato o esplicito, specialmente quando si tratta di estranei.
  • Educali sugli estranei. Non lasciare che si incontrino con estranei. Questo dovrebbe essere l'aspetto più importante di tutti.

5.) Yik Yak

Questa app è gratuita, non richiede registrazione e consente il totale anonimato. Yik Yak collega fino a 500 utenti nelle vicinanze a una chat room anonima. La mancanza di registrazione consente agli utenti di qualsiasi età di utilizzare l'app, rendendola popolare tra i giovani adolescenti indipendentemente dalla raccomandazione di età superiore ai 17 anni. Secondo il co-fondatore di Yik Yak Brooks Buffington,

"L'app è stata creata per utenti in età universitaria o superiore, per i campus universitari e per agire come una bacheca virtuale, quindi funge da Twitter locale per il loro campus."

È quindi facile rendersi conto che l'app può essere facilmente utilizzata in modo improprio dai giovani.

Il problema più grande di questa app è il caso del cyberbullismo. L'anonimato degli utenti rende impossibile risalire all'autore di contenuti offensivi e possono essere distribuiti a una vasta gamma di spettatori. Usato in modo irresponsabile, può causare grossi problemi con voci e comportamenti online inappropriati.

I fattori importanti che i genitori dovrebbero prendere in considerazione includono:

  • Far sapere loro che il bullismo di qualcuno non va bene: a nessuno piace un bullo, e in un modo o nell'altro tornerà in mente a loro
  • Se sono vittime di bullismo, assicurati che lo sappiano a qualcuno: se sei la vittima, potrebbe essere meglio stare lontano dall'app e cercare aiuto.

6.) Ask.FM

Ask.fm è un popolare sito Web di domande e risposte e un'app popolare tra i giovani adolescenti a causa dell'anonimato. I termini di servizio del sito web impongono il limite di età a 13 anni. Il pubblico più in vista del sito web va dai 13 ai 25 anni, con il 50% degli utenti registrati di età inferiore ai 18 anni. Questo particolare sito ha avuto un posto di rilievo nei media per essere stato collegato a una manciata di suicidi che coinvolgono giovani adolescenti. Mentre le domande vengono pubblicate in modo anonimo, l'utente effettivo ha posto le domande non può aumentare le impostazioni sulla privacy. Ancora una volta, questo apre una piattaforma per il bullismo estremo e le molestie da parte di persone impossibili da monitorare.

Per i genitori con bambini che utilizzano questo sito, potresti voler:

  • Comunica con tuo figlio / adolescente: assicurati che sia al sicuro sul sito e che non subisca molestie.
  • Non lasciarli continuare se diventa troppo grave: se il bullismo aumenta, rimuovili semplicemente dal sito. Risolverebbe molti problemi.

7.) Chatroulette

La prima cosa che i genitori devono sapere su Chatroulette è che è stato soprannominato un "paradiso dei predatori". L'utente deve avere almeno 16 anni e deve accettare di non trasmettere materiale esplicito; tuttavia, qualsiasi di queste barriere può essere aggirata da account falsi e può esporre i bambini piccoli a molestatori di bambini.

Il sito funziona consentendo all'utente di chattare in modo casuale con le persone mentre appaiono sullo schermo. La comunicazione può avvenire tramite testo, audio e / o video. Questo sito è rinomato per il diffuso comportamento sessuale inappropriato e può provocare cicatrici mentali ed emotive per i bambini.

  • Fai attenzione all'attività di tuo figlio su Internet: se sei a conoscenza del fatto che tuo figlio sta utilizzando il sito, soprattutto minorenni, potresti voler fare una conversazione seria al riguardo.
  • Avvisali dei pericoli della webcam: davvero non vuoi spaventare tuo figlio per tutta la vita, quindi fagli conoscere le pericolose conseguenze di chattare con estranei su una webcam.

8.) 4chan

4chan è una bacheca di immagini anonima nota per il suo contenuto controverso. È noto per contenere messaggi che possono essere descritti come volgari, stupidi e occasionalmente pericolosi. Tendenze e idee vengono rapidamente diffuse tra gli utenti del sito che poi incorporano questa conoscenza nella vita di tutti i giorni.