9 brutte cose accadono quando sei troppo gentile

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Ero una brava persona. Metterei sempre gli altri prima di me stesso e farei tutto ciò che è in mio potere per placare chi mi circonda. Mi sono offerto volontario per fare la maggior parte del lavoro per i progetti nel mio lavoro. Mi tiravo indietro dalle mie richieste se davano fastidio a qualcun altro. E il mio tempo libero è stato speso dando, dando e dando.

Il risultato finale, tuttavia, non è stato quello che avevo sperato che fosse. Mi sentivo stanco e lunatico, perché non stavo curando me stesso fisicamente. Man mano che mi offrivo volontario per fare sempre di più, le persone cominciavano ad aspettarsi che avrei fatto tutto per loro. Mi sono risentito quando i miei sogni sono stati messi nel dimenticatoio e desideravo disperatamente l'attenzione e la convalida che non ero in grado di dare a me stesso.

Vogliamo tutti essere altruisti, ma trascurando i nostri bisogni, diminuiamo la nostra capacità di farlo. Nell'articolo "How Selflessness Makes Us Selfish", pubblicato sul blog di consulenza, l'autore afferma che quando non soddisfiamo i nostri bisogni, iniziamo a cercarli da fonti esterne, determinando un comportamento che sembra egoista. Se vogliamo essere più gentili e disponibili, in realtà dobbiamo essere un po 'MENO "gentili".

Ecco alcune cose brutte che accadono quando sei troppo gentile:

1. Se dai sempre, le persone si aspetteranno questo da te.

Nell'articolo "5 Ways Being Too Nice Can Become Negative", pubblicato su The Power of Positivity, l'autore afferma che se non imposti dei limiti, sarai visto come uno zerbino e ne trarrai vantaggio. Valorizzare te stesso, assicurarti che i tuoi bisogni siano soddisfatti e stabilire dei limiti non significa che non provi simpatia per chi ti circonda. Significa solo che anche le tue esigenze sono importanti.

Pensavo che le persone mi avrebbero apprezzato di più e mi avrebbero considerato più prezioso se avessi dato tutto quello che potevo. Invece, ho scoperto che la gente lo apprezzava meno. Coloro che ci circondano ci apprezzeranno tanto quanto noi stessi. Quando ho iniziato a stabilire dei limiti e chiedere aiuto quando ne avevo bisogno, le persone hanno iniziato a notare e ad apprezzare i miei contributi.

2. Svilupperai aspettative irrealistiche nei confronti degli altri.

Secondo il potere della positività, quando sei troppo gentile con gli altri, sviluppi aspettative irrealistiche che facciano lo stesso. Quando non soddisfano queste aspettative, potresti arrabbiarti e risentirti.

L'ho notato nella mia vita. Andavo ben oltre per tutti i miei amici, e l'ho preso sul personale quando non erano disposti a fare lo stesso per me. Quello che non capivo era che si prendevano cura dei propri bisogni e che era mia responsabilità fare lo stesso per me stesso.

3. Le persone verranno da te solo quando avranno bisogno di qualcosa.

Il potere della positività afferma che quando sei troppo gentile con le persone, ti vedranno solo come un mezzo per un fine. Le persone verranno da te solo quando penseranno che puoi aiutarle, perché ti vedono solo come uno strumento per aiutarle a raggiungere i loro obiettivi. Questo modello può sfuggire al controllo se non imposti dei limiti per stroncarlo non appena inizia.

Ho visto questo schema iniziare nella mia vita ed è diventato rapidamente travolgente. Essere in grado di dire gentilmente "no", senza fornire troppe ragioni o argomentarlo, era la chiave. A volte, mi offrivo di aiutare la persona a organizzarsi in modo che potesse aiutare se stessa, oppure la indirizzavo ad altre persone e risorse.

4. Ti dimenticherai di essere gentile con te stesso.

Secondo il potere della positività, quando sei impegnato a prenderti cura di tutti gli altri, dimenticherai di essere gentile con te stesso. Questo può portare al mancato soddisfacimento dei tuoi bisogni primari, con una spirale di depressione e esaurimento.

Ho scoperto che il mio eccesso di doni mi ha distratto dalle fonti di dolore e sofferenza che erano dentro di me. Stavo cercando la convalida esternamente e non credevo di avere alcun valore al di fuori delle opinioni di altre persone su di me. Quando ho tirato indietro il dono costante, sono stato in grado di passare un po 'di tempo a guardarmi dentro e imparare a fare affidamento su me stesso per la convalida. Alla fine, questo mi ha permesso di essere più gentile e comprensivo.

5. Sarai visto come un debole.

Nell'articolo "5 modi per essere troppo gentili può farti del male", scritto da Jessica Stillman e pubblicato su Inc, Stillman riferisce che essere troppo gentile può indurre gli altri a considerarti debole. Questo non solo può portare altre persone a trarre vantaggio da te, ma può anche portare le persone a non vederti come un leader o un'autorità forte.

Nel mio lavoro, ho scoperto che quando davo troppo e non stabilivo limiti sufficienti, le persone non mi davano credito per i miei risultati. Poiché non mi apprezzavo, non si sono accorti di tutto quello che avevo fatto.

6. Attirerai le persone bisognose.

Secondo Stillman, quando sei troppo gentile attiri le persone bisognose e manipolatrici. Queste persone vedono un'opportunità per trarre vantaggio da te, perché non hai stabilito confini con loro.

L'ho notato nella mia vita. Passavo ore a "sostenere" gli amici su Facebook, al punto che non dormivo abbastanza. Ho imparato che va bene essere un buon amico ed essere lì per le persone, ma va anche bene far loro sapere che sarò disponibile solo per un breve periodo di tempo in determinati giorni.

7. Le persone non si fideranno di te.

Stillman afferma che poiché così poche persone sono veramente gentili, quando sei troppo gentile, le persone si chiederanno se hai un secondo fine. È probabile che tu incontri sfiducia, che porterà a difficoltà nello stabilire relazioni.

Ho scoperto che prima di imparare a stabilire dei limiti, non sono mai stato veramente accettato nel gruppo, sia al lavoro che nelle mie interazioni sociali. Quando ho iniziato a stabilire dei limiti e a dimostrare che mi apprezzavo di più, altre persone hanno iniziato a fare lo stesso.

8. Potresti diventare bisognoso.

Secondo il blog di consulenza, quando non si soddisfano i propri bisogni, si cercherà inconsciamente di soddisfare tali bisogni in altri luoghi. Ciò può comportare un comportamento appiccicoso e bisognoso nelle relazioni, nonché una costante ricerca di convalida.

Ho scoperto che, sorprendentemente, mi sono impegnato in entrambi questi comportamenti prima di imparare a difendermi. Ho sempre dato, piuttosto che soddisfare i miei bisogni di convalida, quindi l'ho costantemente cercato da coloro che mi circondavano. Quando ho imparato a valorizzarmi, il mio comportamento appiccicoso si è interrotto.

9. Diventi più propenso a prendere comportamenti di dipendenza.

Il blog di consulenza afferma che quando non sei in grado di vedere il tuo valore dentro di te, è più probabile che ti impegni in comportamenti di dipendenza per affrontare lo stress. Quando esageri costantemente, potresti cercare scampo spendendo troppo, mangiando troppo o altri comportamenti simili.

Ho scoperto di essere coinvolto in molti di questi comportamenti. Spendevo sempre troppi soldi e mi concedevo cibo spazzatura, quando mi sentivo sopraffatto da obblighi per i quali non ricevevo alcun credito. Quando ho iniziato a valorizzarmi, le mie dipendenze sono diminuite.

Anche se è bello essere gentili, dare troppo e non stabilire limiti limiterà, non aumenterà, la tua capacità di essere gentile con chi ti circonda. Valorizza prima te stesso e inizierai a valutare tutti gli altri intorno a te.

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Bethany Rosselit

Tendenze nella comunicazione

Altro di questo autore

Bethany Rosselit

Tendenze nella comunicazione

Leggi avanti

5 passaggi per riprendersi velocemente quando la vita ti abbatte
Come superare i tuoi pensieri e comportamenti autodistruttivi
Ti senti sconfitto? 7 modi utilizzabili per aiutarti a tornare in pista
Ti senti sconfitto nella vita? 9 modi per riprendersi il potere

Ultimo aggiornamento il 18 dicembre 2020

In che modo viaggiare può migliorare drasticamente le tue capacità interpersonali

Vagabondo itinerante, scrittore e appassionato di cibo vegetale. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Intrinsecamente, il viaggiatore esperto funge anche da farfalla sociale. Possono avviare una conversazione per capriccio e in qualche modo riescono a trovare un terreno comune con persone di ogni estrazione sociale.

Viaggiare da solo può aprirci e arricchire incredibilmente gli occhi, ma ci fornirà anche le abilità necessarie per avere successo. La comunicazione e le abilità interpersonali sono attributi che possono essere appresi e affinati. Queste abilità sono applicabili nella vita di tutti i giorni e possono essere tradotte in ambienti professionali.

Siamo intrinsecamente chiusi

Per la mia prima esperienza di viaggio solitario, ero appena arrivato a San Francisco per uno stage. Si è verificato un problema con il nostro treno e abbiamo dovuto passare a un nuovo treno al binario successivo. Un signore che aveva tenuto una conversazione educata ha deciso che ora era la sua missione aiutarmi a spostare le mie cose sul treno successivo.

Nonostante le buone intenzioni, ero sgomento. Non ero abituato alla gentilezza degli estranei, anzi pensavo che stesse cercando di derubarmi o peggio. La gentilezza è in qualche modo regionale. E crescendo nella zona di Tristate, ero stato condizionato ad essere estremamente scettico. L'interazione con estranei sembrava incredibilmente tabù.

È vergognoso ammetterlo, ma le abilità sociali sono cadute nel dimenticatoio. Ci siamo dimenticati di come parlarci. L'idea di avviare una conversazione con uno sconosciuto è al limite del terrificante. Ma ancora più terrificante, la mancanza di una comunicazione efficace porterà alla fine a una vita solitaria.

Mantenere viva la passione

Una volta un uomo molto saggio ha detto che prima di impegnarsi completamente con qualcuno, portalo in viaggio. Quest'uomo saggio è Bill Murray e dice la verità. Viaggiare può essere un periodo molto vulnerabile per molte volte, spesso può tirare fuori il peggio dalle persone.

Ma se sei in grado di superare gli inevitabili ostacoli che sorgeranno durante il tuo viaggio, è stato dimostrato che viaggiare rafforza le relazioni. [1] Offre a te stesso e al tuo partner l'opportunità di condividere un obiettivo comune.

Il semplice fatto di trovarsi in un ambiente diverso [2], libero da tutti i tuoi obblighi quotidiani che tendono a intralciarti, aiuterà a riaccendere il romanticismo e l'intimità. Darà a entrambi la possibilità di rivisitare alcune questioni che normalmente darebbero inizio a una discussione, in un ambiente romantico e sicuro.

Le coppie che viaggiano regolarmente insieme hanno riferito di avere una comunicazione più efficace tra loro rispetto a quelle che non lo fanno. [3]

Non vedrai mai il mondo allo stesso modo

La più grande epifania che si possa vivere mentre si immergono nello stile di vita dei viaggi è la consapevolezza che non tutti pensano come te. Non tutti vivono nello stesso modo in cui lo fai tu. Culture diverse ospitano filosofie e priorità diverse.

Respira, rilassati e divertiti

Crescendo in un luogo in cui i risultati sono attesi istantaneamente, non mi piaceva l'idea di aspettare. Voglio dire, qual è il problema? Ho effettuato l'ordine e lo voglio adesso. Chiaramente l'impazienza era spalmata su tutto il viso. Il server che ha preso il mio ordine mi ha chiesto in modo così innocente: "Perché sembri arrabbiato? Hai qualche momento in più per goderti la vita prima di ricevere il cibo. " Aveva così ragione. Perché mi stavo arrabbiando? Non avevo nessun posto dove essere. Così ho seguito il suo consiglio. Inspirai profondamente, assorbendo tutta la bellezza che mi circondava.

La pazienza è una virtù. E quando sei in viaggio, non hai altra scelta che essere paziente.

Impara a rotolare con i pugni

Non tutto funziona come previsto, le cose sono destinate ad andare storte. Quando viaggi, sei eccezionalmente vulnerabile a questi contrattempi, con pochissima sicurezza se le cose non vanno come vuoi. Questo può essere incredibilmente snervante le prime volte. Questo può persino dissuadere alcuni dal decidere di continuare. Ma se riesci a hackerarlo e prendere i colpi mentre arrivano, alla fine svilupperai la pazienza del Santo. Stanno per accadere cose brutte; lasciateli. Troverai un altro modo.

Quando le cose non funzionano, non solo devi essere paziente, ma anche adattabile [4]. Devi essere in grado di ricordare e mettere a punto strategie, o almeno accettare la situazione a portata di mano e procedere con essa.