Abbraccia chi sei veramente e semplifica le decisioni di vita

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

"Chi sono io?" è la domanda universale più spesso posta. Inizia nell'adolescenza e persiste attraverso le fasi di sviluppo della vita. Per fortuna, le risposte sono diverse. Riuscite a immaginare se tutti avessero la stessa risposta? Sarebbe come guardare Il fantasma dell'opera con ogni attore che interpreta il fantasma. Quando abbracci l'unicità di chi sei, scoprirai lo scopo della tua vita per iniziare a vivere il tuo sogno

Continua a leggere per i risultati davvero gratificanti dell'auto-accettazione.

1. Sarai l'esperto di chi sei.

Non sarebbe bello se avessi un manuale del proprietario che mostri il tuo punteggio? Imparare a conoscere te stesso è solitamente un processo di tentativi ed errori. Puoi eliminare gli errori sintonizzandoti su come ti comporti e reagisci nelle diverse situazioni. Cosa ti fa scattare la difesa? Puoi diffondere l'irritazione ed evitare di diventare balistico? Quali attività alimentano il tuo entusiasmo? Conoscere i tuoi comportamenti, reazioni, punti di forza e debolezza ti consente di navigare senza problemi nelle situazioni lavorative e nelle interazioni sociali.

2. Otterrai una migliore amica per la vita: TU.

Una sana relazione personale si sviluppa quando abbracci completamente te stesso, le verruche e tutto il resto. In una relazione profonda, una donna può percepire e toccare delicatamente il suo partner per calmarlo durante un'accesa discussione con qualcuno. Un uomo si metterà in modo protettivo tra il suo partner e uno sconosciuto minaccioso. Quando sei un amico di te stesso, non ti metti in situazioni che ti causano rabbia, paura o tristezza. Riconosci le tue debolezze, ma lavori anche per attenuarle o convertirle. L'accettazione e lo sforzo guadagnano il rispetto di sé. Inizierai ad apprezzarti.

3. Ti tratterai gentilmente.

Indossi molti cappelli nella vita. Hai un lavoro, sei un amico, un coniuge, un genitore, un assistente di genitori anziani, un autista, un confidente, un volontario, ecc. Molte persone dipendono da te, ma non puoi sempre consegnare. Poiché sei la tua migliore amica, perdonerai i nostri difetti. Prenderai gli errori come lezioni di miglioramento e i successi come convalida delle abilità. Entrambi offriranno opportunità per l'auto-nutrimento. Concedersi del tempo tranquillo da soli o festeggiare con un gruppo divertente diventerà una seconda natura e senza sensi di colpa. Sai che è ben meritato.

4. Smetterai di vivere nella paura di non essere abbastanza bravo.

L'inferiorità di solito emerge rispetto ai coetanei. Lo psicologo dello sviluppo Erik Erikson afferma che il concetto di inferiorità inizia in età scolare nell'ambiente scolastico. La pressione dei pari è più forte durante l'adolescenza a causa del tempo trascorso con un gran numero di gruppi di età simile e per l'elevata importanza che gli adolescenti attribuiscono alle opinioni dei loro coetanei. Come ti aiutano queste informazioni? Puoi congratularti con te stesso per essere passato da quel periodo difficile (ed essere molto gentile con gli adolescenti). Puoi ricordare a te stesso che i sentimenti di non essere abbastanza bravi sono solo questo: sentimenti, non fatti. Se accetti le tue debolezze, sei meno vulnerabile al giudizio di un'altra persona.

5. Un imitatore, non sarai mai.

I bambini piccoli imitano i loro genitori e gli adolescenti vengono influenzati dalla scelta dei college dei loro amici di frequentare. Questo fa parte dell'apprendimento del concetto di sé. Una tirocinante femminile seguirà lo stile di abbigliamento del capo della signora e un apprendista maschio imiterà la voce autorevole del suo mentore. Questa è una parte naturale dell'adattamento alla cultura del lavoro. Quando abbracci chi sei veramente, hai un concetto di sé stabile. Sei consapevole dei tratti della tua personalità, del tuo aspetto e del tuo suono, dei tuoi valori, credenze, obiettivi e abilità. E apprezzi la tua individualità. Copiare l'identità di un'altra persona? È improbabile perché ti senti a tuo agio a essere te stesso.

6. Ti libererai di "cosa succede se" e "forse".

Cosa succede se faccio domanda per un lavoro di marketing e vengo rifiutato? E se dicessi a questa ragazza che mi piace e lei mi ride in faccia? E se inizio quella piccola impresa e fallisce? Forse dovrei accontentarmi di dove sono adesso. L'eccessiva analisi e la preoccupazione per i risultati negativi derivano dall'insicurezza, che è l'opposto della fiducia in se stessi. Una persona con una buona autostima ha un'opinione decente di sé e si ama. Conosci le tue capacità, sei guidato dai tuoi valori e credenze; impara dagli errori e celebra con orgoglio i tuoi successi. La conoscenza di sé e l'apprezzamento allontanano i dubbi su se stessi.

7. Formerai relazioni profonde e significative

Le persone prendono spunto dal modo in cui ti comporti e tratti te stesso. Se il tuo comportamento è coerente con le tue convinzioni e i tuoi valori, riconosceranno una persona che è simile o diversa da loro ma che è chiaramente un individuo, con il suo insieme di convinzioni e valori. La gente non interpreterà male le tue azioni. Sai cosa ti meriti e ti senti a tuo agio a chiederlo con calma. Non permetti agli altri di imporre le loro convinzioni su di te e neghi il giudizio sulle loro convinzioni. Quando abbracci chi sei veramente, attirerai altre persone autentiche che ti rispettano, apprezzano e ti sostengono.

8. Saprai e potrai concentrarti su ciò che ti emoziona veramente.

La vita ha un modo di porre domande per le quali le tue risposte sono fondamentali. La conoscenza di sé è uno strumento potente nelle tue risposte. Una serie di domande significative e risposte autentiche riveleranno il tuo sogno e lo scopo della tua vita. Quando abbracci chi sei veramente, le tue risposte suoneranno vere e chiare e ti guideranno passo dopo passo. Saprai istintivamente il lavoro in cui prospererai, le cause a cui contribuirai meglio, le persone con cui ti connetteresti profondamente e cosa ti fa sentire veramente vivo. Il tuo processo decisionale sarà semplice, guidato da due domande: "Questo supporta chi sono veramente?" e "Questo mi aiuta a vivere lo scopo della mia vita?"

9. "Le cose vanno a posto" per te.

"Crei la tua realtà con le tue intenzioni".

L'ho visto accadere. Quando decidi e affermi la tua intenzione, le opportunità si presentano inspiegabilmente nei modi più strani dalle fonti più inaspettate per supportare tale intenzione.