Burnout dal lavoro? 7 strategie sostenute dalla ricerca per recuperare

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Sei esausto mentalmente, emotivamente e fisicamente, probabilmente a causa di uno stress irrisolto a lungo termine? Hai perso la tua voglia di diventare produttivo?

Hai subito cambiamenti nelle tue abitudini di sonno? Trovi difficile concentrarti?

Forse stai perdendo significato nel tuo lavoro e stai diventando pessimista riguardo alla vita.

Quello che stai vivendo si chiama "burnout".

Sommario

  1. Che cos'è il burnout?
  2. Quali sono alcuni sintomi comuni del burnout?
  3. Qual è la differenza tra burnout e stress?
  4. Quali sono le cinque fasi del burnout? 1. Fasi della luna di miele 2. La fase del risveglio 3. Stadio di stress cronico 4. Fase di burnout 5. Burnout abituale
  5. 7 strategie per aiutarti a recuperare dopo aver vissuto il burnout dal lavoro
  6. Conclusione
  7. Altri suggerimenti per affrontare il burnout

Cos'è il burnout?

Ecco come lo ha definito la Mayo Clinic: [1]

"Uno stato di esaurimento fisico o emotivo che include anche una perdita dell'identità personale e un senso di realizzazione ridotta."

La Mayo Clinic ha anche ribadito che il burnout non è una diagnosi medica. Molti esperti ritengono che alcune condizioni sottostanti come la depressione siano responsabili del burnout.

Inoltre, un rapporto di Gallop mostra che circa il 44% dei dipendenti pensa di soffrire di burnout. Il 63% dei dipendenti intervistati prenderà un congedo per malattia a causa del burnout. [2]

Quali sono alcuni sintomi comuni del burnout?

  • Mostrare una prospettiva pessimistica della vita o del lavoro
  • Esaurimento fisico, emotivo e mentale
  • Riduzione dell'immunità a malattie o disturbi
  • Demotivazione
  • Riduzione della produttività
  • Livelli di energia esauriti

Se soffri di uno qualsiasi di questi sintomi, potresti dover leggere oltre poiché ti mostrerò sette strategie supportate da ricerche per recuperare quando sei esaurito dal lavoro.

Ma prima, esiste una connessione tra stress e burnout?

Qual è la differenza tra burnout e stress?

Il burnout può derivare da uno stress a lungo termine e inesorabile, ma non è la stessa cosa dello stress.

Lo stress comprende pressioni prepotenti che ti mettono a dura prova mentalmente e fisicamente. Le persone stressate possono sentirsi meglio se riescono a portare tutto in equilibrio.

Il burnout, d'altra parte, è uno stato di vuoto, assenza di motivazione e esaurimento mentale. Quando soffri di burnout, non vedi alcuna speranza nella tua situazione.

Mentre lo stress eccessivo viene sommerso dalle responsabilità, il burnout è uno stato di esaurimento completo.

Ecco un altro aspetto.

Sebbene tu sia per lo più consapevole quando stai attraversando molto stress, per il burnout, non ti rendi conto di quando si verifica.

Allora come fai a sapere quando stai vivendo un burnout?

Puoi seguire queste cinque fasi.

Quali sono le cinque fasi del burnout?

Chiunque può soffrire di burnout in qualsiasi momento della vita. Tuttavia, la ricerca condotta dall'NCBI ha indicato che i sintomi del burnout variavano a seconda delle diverse fasi della vita tra uomini e donne che lavorano. I giovani uomini e donne di età compresa tra i 20 ei 35 anni, così come i 55 anni e oltre, sono inclini al burnout. [3]

I sintomi del burnout, proprio come qualsiasi malattia, differiscono da persona a persona. Tuttavia, in generale, queste sono le cinque fasi del burnout.

1. Fasi della luna di miele

Com'è la fase della luna di miele?

In questa fase sei molto entusiasta del tuo lavoro e non stai riscontrando alcun sintomo legato allo stress.

Ricordi il tuo primo giorno di lavoro? O l'inizio della tua nuova start-up?

Il tuo livello di soddisfazione sul lavoro era alto ed eri super impegnato, energico e altamente creativo.

Sebbene tu possa notare stress prevedibili sul lavoro, potresti scartare l'implementazione di strategie di coping per aiutarti a raggiungere una vita piena. Sei super entusiasta del tuo lavoro e stai scambiando altri aspetti della tua vita.

Ecco la teoria alla base di questa fase.

Se riesci a stabilire strategie di coping e mantenere un equilibrio tra lavoro e vita privata, puoi vivere tutta la tua vita in questa fase della luna di miele senza fine.

Ecco alcuni sintomi comuni da monitorare:

  • Livelli di energia illimitati
  • Soddisfazione lavorativa
  • Alto livello di impegno in un'attività
  • Un flusso costante di creatività
  • Elevati livelli di produttività

2. La fase del risveglio

Qual è la fase di risveglio del burnout?

La fase del risveglio è quando inizi a perdere forza con il tuo ottimismo. È lo stadio in cui finalmente entra in gioco la realtà. La tua grande aspettativa su quell'attività o lavoro sta crollando.

Non solo, ma anche le tue esigenze non vengono soddisfatte e inizi a sentirti disconnesso dai tuoi compagni di squadra. A partire da questa delusione, inizierai a vedere altri sintomi.

Eccone alcuni:

  • Mancanza di concentrazione
  • Insoddisfazione sul lavoro
  • Mancanza di interazione sociale
  • Riduzione della produttività
  • Insonnia o ridotta qualità del sonno
  • Irritabilità
  • Stanchezza
  • Ansia
  • Perdita di memoria
  • Mal di testa
  • Battiti cardiaci insoliti
  • Scambio di vita personale
  • Cambiamento di appetito

Potresti anche iniziare a sentirti annoiato dal tuo lavoro o insolitamente stanco.

3. Fase di stress cronico

La terza fase è la fase di stress cronico. durante questa fase, sperimenterai un notevole cambiamento nei tuoi livelli di stress, dalla perdita della motivazione alla stanchezza frequente.

Questi sono alcuni sintomi comuni:

  • Stanchezza continua al mattino presto.
  • Mancanza di hobby
  • Rabbia
  • Trasferimento dell'aggressività
  • Perdita di interesse per gli hobby
  • Ritiro sociale
  • Attività di evasione
  • Ripetuti ritardi sul lavoro
  • Assenteismo
  • Apatia
  • Malattia fisica
  • Scadenze mancate sulle tappe del progetto
  • Diminuzione del desiderio sessuale
  • Aumento dell'assunzione di alcol o zucchero
  • Aumento dell'assunzione di caffeina
  • Paura di essere in preda al panico
  • Sensazione di sovraccarico o fuori controllo

4. Fase di burnout

In questa fase tutti i sintomi diventano gravi. Questo è lo stadio esatto a cui le persone si riferiscono quando parlano di esaurimento. In questa fase, ti sentirai come se non fosse possibile continuare la tua vita.

Ecco alcuni sintomi:

  • Sentirsi vuoto dentro
  • Insicurezza
  • Cambiamenti comportamentali
  • Isolamento sociale
  • Essere ossessionato dai problemi sul lavoro o nella tua vita
  • Mal di testa cronici
  • Isolamento sociale
  • Pessimismo
  • Totale abbandono delle esigenze personali
  • Aumento dei sintomi fisici
  • Sviluppo di una mentalità evasiva
  • Urge a disconnettersi dalla società
  • Desiderio di isolarti dalla famiglia e dagli amici.

5. Burnout abituale

Questa è la fase finale. In questa fase, i sintomi del burnout si sono radicati nella tua vita al punto che potresti iniziare a sperimentare problemi fisici o mentali.

Ecco alcuni sintomi:

  • Depressione
  • Tristezza cronica
  • Stanchezza fisica cronica
  • Stanchezza mentale cronica
  • Sindrome da burnout

Quindi c'è qualche speranza se ti trovi in ​​una delle fasi?

Sebbene il burnout sia curabile, richiede che tu accetti la tua realtà attuale e prenda la decisione di cambiare il tuo stile di vita e la tua mentalità. Devi vedere il tuo momento più oscuro come quella fase che ti permetterà di scoprire il tuo scopo nella vita.

Se stai sperimentando il burnout dal lavoro, ecco dieci strategie supportate dalla ricerca per aiutarti a ritrovare la concentrazione e la produttività:

7 strategie per aiutarti a recuperare dopo aver vissuto il burnout dal lavoro

1. Elenca tutto ciò che ti travolge

Ti sorprenderà sapere che fare una lista è molto terapeutico. L'atto di elencare ti consente di catturare ogni pensiero negativo e organizzarlo in una forma che puoi valutare e capire meglio.

Fai un inventario di ciò che devi fare ogni giorno e poi scrivi quelle cose da fare per evitare di stressarti quando vuoi ricordarle. Evidenzia i possibili modi in cui puoi rendere ogni articolo meno gravoso.

Ad esempio, se stai scrivendo un libro, puoi collaborare con altri autori di contenuti per aiutare a preparare la tabella dei contenuti e correggere le bozze e modificare il libro in modo da non sovraccaricarti di lavoro eccessivo.

Inoltre, l'elenco ti aiuta a massimizzare le tue risorse delegando i compiti alle mani migliori.

2. Impara a fare una pausa

Ciò da cui non ti prendi una pausa alla fine ti spezzerà.

Secondo Len Robinson: [4]

"Il burnout non si verifica all'improvviso. Di solito si sviluppa nell'arco di mesi o anni. Pertanto, sarà necessario molto tempo per sviluppare strategie di coping per riprendersi dal burnout. Se riesci a divertirti mentre progredisci verso i tuoi obiettivi, vivrai una vita lavorativa felice. "

Quindi, per quanto possibile, divertiti mentre lavori.

3. Concentrati sulle tue capacità

Ti stancherai sempre quando lavori su attività che non corrispondono alle tue capacità.

Dr. Jim Harter, Ph.D. di Gallup, afferma che "i lavoratori con il più alto livello di coinvolgimento trascorrono in media quattro volte più ore a svolgere attività in cui eccellono rispetto a ciò per cui non hanno competenze". [5]

Migliora le tue capacità quando dedichi del tempo ad attività in linea con le tue capacità. D'altra parte, alla fine sarai stanco di compiti che vanno oltre le tue forze.

4. Accetta le tue debolezze

Non è sufficiente concentrarsi su ciò che puoi fare; devi anche accettare che ci sono cose che non puoi fare. Puoi perdere la tua autostima e esaurire le tue energie quando svolgi attività per le quali sei meno qualificato o addestrato.

Quindi hai alcune attività per le quali sei meno qualificato? Esternalizzali invece.

5. Stabilire un formidabile sistema di supporto

Come esternalizzi i tuoi punti deboli quando non hai un formidabile sistema di supporto? Un forte sistema di supporto, come quello dei tuoi amici e colleghi al lavoro, può consigliarti e incoraggiarti quando sei ai livelli bassi.

BJCEAP consiglia sei passaggi per stabilire un forte sistema di supporto: [6]

  • Esamina la tua rete e identifica chi può aiutarti
  • Prova nuove attività per incontrare nuove persone
  • Iscriversi a un club del libro
  • Apprezza le persone importanti della tua vita e faglielo sapere
  • Unisciti a un'associazione locale o a un gruppo di lavoro.
  • Sii disponibile a richiedere assistenza.

Inoltre, non è sufficiente cercare semplicemente supporto. Dovresti anche sforzarti di diventare il tuo migliore amico.

6. Impara a dire di no

Quando inizi a sentire i sintomi del burnout dal lavoro, non essere timido nel rifiutare i nuovi impegni.

Se hai stabilito un solido sistema di supporto, molto probabilmente i membri del tuo team capiranno quando non sei in grado di accettare più lavori.

7. Controlla il tuo utilizzo di dispositivi e Internet

Questo è un altro fattore che può farti sperimentare il burnout dal lavoro. Non devi rispondere a tutte le notifiche su Facebook.

Il tuo dispositivo intelligente ti sta provocando un esaurimento nervoso?

Trova il tempo per staccare la spina dal mondo digitale e concentrati su attività più critiche. Non puoi dormire a sufficienza quando sei troppo dipendente dai tuoi dispositivi intelligenti. A volte, hai bisogno di una pausa dai tuoi gadget in modo da poter riprendere la tua vita.

C'è questa storia di un uomo che ha visitato il dottore per fare il test per COVID-19 perché mostrava sintomi.

Indovina qual è stato il risultato del test?

Il dottore ha detto: "Il tuo test non è risultato positivo al Coronavirus, ma sei risultato positivo al Coronavirus, cattive notizie".

Ciò a cui ti esponi può avere un impatto sulla tua salute mentale. Devi dare la priorità alla tua salute mentale mentre utilizzi i tuoi dispositivi digitali e Internet.

Conclusione

Non dire che non puoi. Non dire che non è possibile.