Cinque cose che possiamo imparare dall'affrontare le nostre paure

Consulente professionista autorizzato Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Mi piace allenarmi, ma a volte i dolori e i dolori degli anni che avanzano mi fanno venire voglia di gettare la spugna e smettere. Ma rotolare e fare il morto non è il mio stile. Recentemente, ho iniziato a cambiare la mia routine da P90x a Jillian Michaels. I suoi video di allenamento non sono uno scherzo. Mi piace quello che dice in uno dei suoi nastri: "La maggior parte delle persone non si fa vivo nella propria vita".

Se non bastasse, ho letto un altro articolo di Anne-Sophie Reinhardt, che ha citato il suo istruttore di ciclismo dicendo: "Ricorda, alla fine hai il controllo del tuo allenamento! Posso motivarti a spingere di più. Posso provare a impedirti di arrenderti, ma alla fine dipende tutto da te. " Wow.

Tutto questo è così vero e parla della mancanza di proprietà che ci assumiamo in così tante aree della nostra vita. A volte non ci presentiamo perché siamo stanchi, mancano di capacità di leadership efficaci o siamo passivi.

Come terapista, vedo persone che rinunciano continuamente al controllo su aree importanti della loro vita. La passività può derivare dalla paura di affrontare un conflitto, dal modo in cui siamo geneticamente cablati, dalla paura di esiti meno che favorevoli quando agiamo in modo assertivo e da tutta una serie di altre cose.

Ad esempio, lavoro con molti clienti che lottano con i disturbi alimentari. Queste persone possono perdere la loro identità nella battaglia con il cibo quando non si tratta nemmeno del cibo! Si tratta di controllare qualcosa nelle loro vite quando tutto il resto sembra ingestibile. Vogliono davvero farsi carico di qualcosa, ma non prendono l'autorità dove conta. Spesso hanno paura di stare seduti con sentimenti difficili o di gestire situazioni difficili, quindi si nascondono.

Poi ci sono quelle persone, me compreso, che lottano contro i problemi di ansia. Diamo all'ansia il potere di controllare le nostre emozioni. Altri danno a mariti, capi o amici il potere di decidere perché si sentono esausti o sconfitti dalla relazione. Combattiamo tutti in modi diversi, ma la mancanza di responsabilità personale, la paura di apparire nella propria vita e le conseguenze che tutto ciò porta in ciascuna delle nostre vite possono essere riassunte in due parole: conflitto e frustrazione.

Se sei stufo di non essere autentico e vuoi prendere il controllo della vita affrontando le tue paure, i seguenti suggerimenti possono aiutarti ad andare avanti.

Come iniziare a presentarsi

Il primo passo è decidere come vorresti che fosse la tua vita? Quindi guarda cosa ti trattiene. Quali sono le tue paure? Quali ostacoli credi di dover affrontare? Presentarsi nella propria vita non significa che hai tutto insieme, significa solo che sei disposto a fissare obiettivi, pianificare, affrontare gli ostacoli a testa alta, essere assertivo e essere onesto con te stesso e gli altri. Il fallimento è OK. Così tante persone importanti e famose hanno fallito. La chiave è imparare e crescere attraverso i propri errori.