Come affrontare la sindrome del nido vuoto ed essere di nuovo felice

Un dottore in psicologia con specialità che includono bambini, relazioni familiari, violenza domestica e aggressioni sessuali. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

La sindrome del nido vuoto non è un disturbo mentale o una diagnosi clinica. Invece, è un termine usato per caratterizzare i veri sentimenti di profonda tristezza, angoscia e solitudine che i genitori possono provare quando tutti i loro figli sono cresciuti e lasciano la casa.

È un'esperienza molto reale e triste per molti genitori. Non tutti i genitori che allevano figli soffrono di sindrome del nido vuoto. Tuttavia, per coloro che pensano di essere inclini alla depressione di Empty Nest, ci sono cose che puoi fare per prepararti.

Se sei già nella fase del nido vuoto e stai vivendo questa sindrome, ci sono anche alcuni modi in cui puoi aiutare te stesso a superare la tristezza.

Sommario

  1. L'esperienza della sindrome del nido vuoto
  2. Come affrontare la sindrome del nido vuoto
  3. Come evitare la sindrome del nido vuoto
  4. Considerazioni finali
  5. Altri suggerimenti per cambiare la tua vita

L'esperienza della sindrome del nido vuoto

Per la maggior parte dei genitori e degli operatori sanitari che soffrono della sindrome del nido vuoto, innesca il processo di lutto. Questo è più spesso sperimentato da genitori la cui responsabilità primaria nella vita è la cura dei propri figli.

La ricerca ha dimostrato che sia le madri che i padri sperimentano livelli simili di sindrome del nido vuoto, ma i genitori con un livello di istruzione più elevato tendono a stare meglio quando i loro figli se ne vanno [1].

Può essere aggravato se ci sono altri eventi della vita che si verificano contemporaneamente, come il pensionamento, la menopausa o il divorzio. Hanno passato le giornate a preparare i pasti, agendo come autisti per tutte le attività dei bambini e trascorrendo innumerevoli ore assistendo a giochi, rappresentazioni teatrali e funzioni scolastiche. Il genitore la cui vita ruota attorno a quella della prole avrà sicuramente emozioni legate al fatto che il bambino lasci la casa.

Il processo di lutto si attiva perché c'è una perdita nella vita di quel genitore. Il bambino può essere ancora vivo e vegeto, ma i genitori possono ancora provare dolore perché quel bambino non è più a casa loro sotto la loro guida e supervisione diretta.

Di nuovo, il grado in cui un genitore sperimenta questo dolore e angoscia emotiva varia da un genitore all'altro. Più il genitore è fortemente coinvolto nella vita e nelle attività del figlio, escludendo le proprie attività, più è probabile che il genitore sperimenterà tumulti emotivi, angoscia e dolore.

Come affrontare la sindrome del nido vuoto

1. Perseguire attività soddisfacenti

Per alcuni genitori, ora hanno un buco nella loro vita. Non sono più necessari per andare ad attività sportive, aiutare con i compiti o cucinare pasti serali per i loro figli. Per i genitori che sono fortemente coinvolti nella vita dei loro figli, questo vuoto ha bisogno di essere riempito.

Tuttavia, non può essere riempito solo di attività senza senso. I genitori devono perseguire nuovi interessi o raccogliere un interesse che avevano in precedenza. Più l'attività è significativa per l'individuo, più il vuoto dei bambini cresciuti e scomparsi può essere riempito.

Ad esempio, potresti avere una laurea in arte che non usi da quando hai iniziato a stare a casa con i bambini. Hai sempre voluto tenere lezioni d'arte. Essere collegati a uno studio d'arte locale che offre lezioni d'arte può essere una buona opzione da esaminare. Potresti scoprire che insegnare agli altri l'amore per l'arte e l'espressione di sé attraverso l'arte ti porta grandi soddisfazioni di vita.

Devi trovare qualcosa che ti interessi che ti aiuti anche a superare il senso di perdita di scopo.

Evita di perseguire attività incentrate sull'individuo se hai a che fare con la solitudine. Invece, trova attività che ne includano altri.

Ad esempio, se ti piace la fotografia, iscriviti a un club fotografico. Impara dagli altri e sviluppa amicizie con altri appassionati del mestiere. Potresti scoprire che il prossimo passo sarebbe usare le tue capacità fotografiche per catturare i ricordi degli altri e condividere il tuo dono con loro. Le tue abilità e abilità possono crescere e svilupparsi nel tempo che ora devi dedicarle.

Cerca di capire cosa ti piace fare e poi lasciati coinvolgere in questa attività in modo da coinvolgere altre persone. Anche i gruppi di supporto possono essere ottimi in questo momento.

Ci sono altre attività che i genitori con la sindrome del nido vuoto hanno trovato utili per andare avanti. Alcune di queste attività includono l'istruzione superiore, il volontariato con un ente di beneficenza locale, il rilancio di vecchie amicizie e la ricerca di un lavoro o di una carriera.

Qualunque cosa sia, trova qualcosa che ti interessi e che ti faccia sentire apprezzato. Non languire a casa, perdendo tuo figlio e sperando che i tuoi sentimenti cambino magicamente da soli.

Il tempo ti aiuterà a guarire mentre elabori le fasi del dolore. Trovare nuove attività e interessi può anche aiutarti in questo processo di andare avanti con la vita.

2. Ravviva il tuo romanticismo

Ci sono troppe storie di coppie che divorziano o si separano dopo che i bambini sono cresciuti e il più piccolo ha lasciato il nido. Le coppie scoprono di non avere nulla in comune tra loro una volta che i figli se ne sono andati.

Questa è un'opportunità perfetta per riaccendere la tua storia d'amore e concentrarti sulla tua relazione [2]. È anche un'opportunità per entrare in un interesse condiviso insieme.

Potresti scoprire di non avere nulla in comune e va bene così. Trova qualcosa che potete entrambi concordare di fare insieme. Non deve essere una passione per entrambi. Invece, è qualcosa che entrambi siete disposti a fare perché volete stare insieme.

Ravviva la tua storia d'amore condividendo la vita insieme. Potrebbe essere qualcosa di semplice come andare in bicicletta, fare yoga o osservare gli uccelli insieme. Potrebbe anche essere qualcosa di più stravagante, come i viaggi nel mondo.

Qualunque cosa sia, fatela insieme per impegnarvi a vicenda e condividere l'esperienza.

3. Supporto sponsale

Non tutti i genitori provano le stesse emozioni quando l'ultimo bambino lascia il nido. In realtà, molto probabilmente, vivrai esperienze emotive molto diverse. Il tuo coniuge o partner potrebbe essere troppo impegnato nella sua carriera per accorgersi che stai attraversando la sindrome del nido vuoto.

Condividi con il tuo partner o coniuge quello che stai vivendo. Fai loro sapere che hai problemi ad affrontare i bambini che lasciano il nido e che hai bisogno di supporto emotivo durante questo periodo di transizione della vita.

Se il tuo partner o coniuge viene da te e sta vivendo una depressione di Empty Nest, sii emotivamente presente per lui o lei. Lascia che esprimano i loro sentimenti e le loro emozioni senza giudizio. Offriti di fare un'attività con loro per creare un legame.

È un adattamento all'ambiente domestico e ai genitori lasciati indietro quando tutti i bambini lasciano il nido. Fornire supporto reciproco e reinvestire nella vostra relazione attraverso attività condivise può aiutare in questa transizione.

4. Ottieni aiuto se necessario

Se hai difficoltà ad affrontare da solo la sindrome del nido vuoto, cerca un aiuto professionale. La consulenza può aiutarti a superare questa fase della vita.

Riconosci che si tratta di un palcoscenico e che la vita sarà cambiata e nuova in qualche modo. Non significa che la tua situazione di vita sia migliore o peggiore; è semplicemente diverso.

Cerca aiuto se ritieni che il tuo dolore ti stia impedendo di completare le tue attività e attività quotidiane.

Inoltre, se hai difficoltà a trovare interesse per cose che prima ti interessavano, dovresti cercare aiuto. Perdere interesse per le tue attività personali può essere un segno di depressione. È possibile scivolare in uno stato di depressione per un po 'a causa della sindrome del nido vuoto.

Le cinque fasi del dolore sono negazione e isolamento, depressione, rabbia, contrattazione e accettazione. Potresti sperimentare tutto, alcuni o addirittura nessuno di questi quando tuo figlio esce di casa. È bene capire che molti genitori sperimentano tutte e cinque queste fasi del dolore se hanno la sindrome del nido vuoto [3].

Se ti accorgi di essere bloccato nella fase della depressione e non riesci a vedere la luce alla fine del tunnel, allora un aiuto professionale, come la consulenza, è altamente raccomandato per evitare di sviluppare una mentalità in piena regola malattia.

Come evitare la sindrome del nido vuoto

Non esiste un metodo infallibile per evitare la sindrome del nido vuoto. Tuttavia, ci sono alcuni modi per evitare che ciò accada.

1. Aiuta tuo figlio a prepararsi a lasciare il nido

Per molti genitori che soffrono della sindrome del nido vuoto, l'angoscia che si prova è spesso legata a sentimenti che il loro bambino potrebbe non essere pronto ad affrontare il mondo. Nel tempo che precede la loro partenza, è il momento di prepararli.

Assicurati che abbiano tutte le scorte e le competenze necessarie. Sanno come cucinare pasti di base e lavorare in lavatrice? Sanno come utilizzare i trasporti urbani se necessario? Hanno tutto ciò di cui hanno bisogno per vivere nel loro nuovo alloggio?

Aiutali a prepararsi per la partenza dotandoli di abilità di vita di base di cui avranno bisogno per sopravvivere e prosperare da soli. Quando tuo figlio si trasferisce, anche essere lì per aiutarlo a sistemarsi nel suo primo appartamento o alloggio è utile in questo processo.

Puoi parlare della creazione di una casa, di come incontrare i vicini e di come essere al sicuro a casa chiudendo tutte le porte, anche durante il giorno. Questi argomenti possono aiutarli a visualizzare se stessi non solo di successo da soli, ma anche sicuri e competenti.

2. Rassicura te stesso e tuo figlio

Parte dello stress di un bambino che lascia la casa è che la sua casa sta cambiando. Ora hanno una nuova casa, che sia un appartamento, un dormitorio o qualcos'altro.

Fai sapere al bambino che la sua base è ancora con te. Questo aiuterà a rassicurare te e loro che appartieni insieme, anche se sei a miglia di distanza.

Se vuoi avere relazioni strette e sane con i tuoi figli adulti, devi rassicurarli che sei sempre lì per loro e anche la porta di casa è sempre aperta. Questo non significa che devi essere il fornitore finanziario dei tuoi figli adulti.

So di figli adulti che hanno pagato l'affitto ai genitori. Qualunque sistemazione funzioni per i membri della tua famiglia va bene, purché il bambino sappia che hanno te, come genitore, su cui contare se tutto va storto nella vita.

Riconosci che tuo figlio potrebbe anche provare stress emotivo e agitazione quando esce di casa. Sii presente per essere incoraggiato nella vita di tuo figlio. Essere disponibile per telefono o per testo è utile anche per un bambino che potrebbe essere stressato quando esce da casa.

Ogni bambino è diverso. Sii consapevole del potenziale di queste emozioni da parte di tuo figlio. Preparati a fornire conforto, incoraggiamento e supporto emotivo. Un modo che può aiutare entrambi è programmare una telefonata settimanale alla stessa ora ogni settimana.

3. Avere interessi e attività al di fuori dei propri figli

Per non cadere nella sindrome del nido vuoto quando i tuoi figli escono di casa, dedica del tempo ai tuoi hobby e interessi. Questi dovrebbero essere interessi al di fuori della tua famiglia e dei tuoi figli.

Dedicare del tempo a perseguire i propri interessi e hobby ti mantiene con i piedi per terra come individuo [4]. Questo aiuta anche i genitori a prendersi cura di sé stessi.

Abbiamo tutti bisogno di tempo per fare cose che sono solo per noi stessi. Non è che siamo egoisti. È investire in te stesso in modo che tu possa tornare e prenderti cura della tua famiglia in modo rinfrescato e rinvigorito.

Fare le cose che ti piacciono e trovare passione sono utili per rendere la tua vita appagante. Non dimenticarti di te stesso mentre ti prendi cura dei tuoi cari.

Un giorno lasceranno il nido. Quando arriverà quel giorno, sarà un'opportunità per perseguire un po 'di più i tuoi interessi perché hai più tempo a disposizione.

Non mettere da parte tutti i tuoi interessi per il bene della tua famiglia, o stai rendendo sia la tua famiglia che te stesso un disservizio.

Se non sei sicuro di cosa fare come hobby, ecco come trovarne uno adatto alla tua personalità.

4. Investi nel tuo matrimonio

Prenditi il ​​tempo ora, mentre i bambini sono ancora a casa, per entrare in contatto con il tuo coniuge o partner. Impegnatevi a vicenda quotidianamente con conversazioni che non ruotano esclusivamente attorno ai bambini.

Trova interessi e hobby che puoi fare insieme in modo da sentirti connesso. Un giorno, i bambini saranno cresciuti e voi sarete lasciati insieme in una casa vuota. Le cose si calmeranno e può essere assordante se non sai come entrare in contatto con l'altra persona rimasta in casa con te.

Dedica ora il tempo e gli sforzi per uscire regolarmente, per trascorrere del tempo insieme fuori dai bambini e per trovare attività che ti piace fare insieme. Dai un'occhiata a queste 50 idee per appuntamenti uniche e davvero divertenti per le coppie.

Considerazioni finali

Non tutti i genitori sperimentano bassi emotivi con la sindrome del nido vuoto quando i loro figli lasciano il nido. Alcuni genitori non vedono l'ora che arrivi il giorno in cui i loro figli se ne andranno da soli e potranno reclamare la loro casa da soli.

Per molti genitori è un mix di emozioni. Non vedi l'ora di dedicare più tempo a te stesso e ai tuoi interessi. D'altra parte, ti mancherà la presenza dei tuoi figli tutto il tempo.

Riconosci che queste diverse emozioni sono normali. Sappi che i sentimenti di tristezza e angoscia emotiva passeranno, ma non contare sul fatto che passerà senza che avvenga qualche cambiamento attivo da parte tua.

I tuoi figli potrebbero aver bisogno di meno di te ora che sono cresciuti, ma c'è un intero mondo là fuori che ha bisogno di te.

Altri suggerimenti per cambiare la tua vita

  • Come ricominciare da capo e riavviare la tua vita quando sembra troppo tardi
  • Perché non è mai troppo tardi per cambiare la tua vita e vivere in modo diverso
  • Come cambiare la tua vita a 60 anni e sentirti orgoglioso di te stesso

Riferimento

[1] ^ Pakistan Journal of Social and Clinical Psychology: sindrome del nido vuoto e benessere psicologico tra gli adulti di mezza età [2] ^ Dinamiche del matrimonio: riconnettersi con il coniuge durante gli anni del nido vuoto [3] ^ SALUTE PSICO-MENTALE NP : Stages of Grief [4] ^ Harvard Business Review: Genitori che lavorano, risparmiate tempo per gli hobby

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Battaglie della dottoressa Magdalena

Un dottore in psicologia con specialità includono bambini, relazioni familiari, violenza domestica e aggressioni sessuali

Tendenze nel senso della vita

Altro di questo autore

Battaglie della dottoressa Magdalena

Un dottore in psicologia con specialità includono bambini, relazioni familiari, violenza domestica e aggressioni sessuali

Tendenze nel senso della vita

Leggi avanti

18 consigli di matrimonio per una relazione felice e duratura
Perché non è mai troppo tardi per cambiare la tua vita e vivere in modo diverso
Il dolore è reale ma guarirai: come affrontare il dolore e la perdita
Qual è lo scopo della vita e per cosa dovresti vivere?

Ultimo aggiornamento il 14 dicembre 2020

Come essere fedele a te stesso e vivere la vita che desideri

Sarah è un'oratrice, scrittrice e attivista Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Viviamo in un mondo che ci dice costantemente cosa fare, come agire, cosa essere. Sapere come essere fedele a te stesso e vivere la vita che desideri può essere una sfida.

Quando qualcuno chiede come stiamo, diamo per scontato che la persona non intenda sinceramente la domanda, perché porterebbe a una conversazione approfondita. Quindi dire loro che stai bene o bene, anche se non lo sei, è la solita risposta.

In un mondo ideale, ci fermeremmo ad ascoltare veramente. Non avremmo paura di essere noi stessi. Invece, quando rispondiamo su come stiamo andando, la nostra maschera, la persona che mostriamo al mondo, si irrigidisce. A volte anche più di quanto avrebbe potuto essere prima. Alla fine, diventa difficile decollare, anche quando sei solo.

Immagina un mondo in cui abbiamo chiesto come stava qualcuno e loro ce l'hanno detto davvero. Immagina un mondo in cui non ci fossero maschere, ma solo trasparenza quando ci parlavamo.

Se vuoi vivere in un mondo che celebra chi sei, gli errori e tutto il resto, togliti la maschera. Non significa che devi essere positivo o stare bene tutto il tempo.

Secondo uno psicologo danese, Svend Brinkman, ci aspettiamo che l'un l'altro sia felice e stia bene ogni secondo, e ce lo aspettiamo da noi stessi. E questo "ha un lato oscuro". [1] La psicologia positiva può avere i suoi vantaggi, ma non a scapito di nascondere come ti senti veramente per rimanere apparentemente positivo agli altri.

Nessuno può sentirsi sempre positivo eppure, questo è ciò che la nostra cultura ci insegna ad abbracciare. Dobbiamo disimpararlo. Detto questo, dire agli altri che stai "bene" tutto il tempo è effettivamente dannoso per il tuo benessere, perché ti impedisce di essere assertivo, di essere autentico o di te stesso.

Quando riconosci una sensazione, ti porta al problema che sta causando quella sensazione; e una volta identificato il problema, puoi trovare una soluzione. Quando nascondi quella sensazione, la riempi in modo che nessuno possa aiutarti, non puoi nemmeno aiutare te stesso.

I sentimenti esistono per una ragione: essere sentiti. Ciò non significa che devi agire in base a quella sensazione. Significa solo che inizi il processo di risoluzione dei problemi in modo da poter vivere la vita che desideri.

1. Abbraccia la tua vulnerabilità

Quando sei veramente te stesso, puoi difenderti meglio da solo o difendere ciò di cui hai bisogno. La tua espressione di sé è importante e dovresti valutare la tua voce. Va bene avere bisogno di cose, va bene parlare e va bene non stare bene.

Dire a qualcuno che stai semplicemente "bene" quando non lo sei, rende la tua storia e il tuo viaggio un grande disservizio. Essere fedeli a te stesso implica abbracciare tutti gli aspetti della tua esistenza.

Quando porti tutto te stesso al tavolo, non c'è niente che non puoi battere. Ecco 7 vantaggi dell'essere vulnerabili che dovresti imparare.

Puoi toglierti la maschera? Questa è la cosa più difficile che chiunque possa fare. Abbiamo imparato ad aspettare di essere al sicuro prima di iniziare a essere autentici.

Soprattutto nelle relazioni, questo può essere difficile. Alcune persone evitano la vulnerabilità ad ogni costo. E nel nostro rapporto con noi stessi, possiamo guardarci allo specchio e indossare subito la maschera.

Tutto inizia con la tua storia. Sei stato nel tuo viaggio unico. Quel viaggio ti ha portato qui, alla persona che sei oggi. Devi non aver paura e abbracciare tutti gli aspetti di quel viaggio.

Dovresti cercare di prosperare, non solo sopravvivere. Ciò significa che non devi competere o confrontarti con nessuno.

L'autenticità significa che sei abbastanza. È sufficiente essere chi sei per ottenere ciò che desideri.

E se per la prima volta in assoluto tu fossi reale? E se avessi detto quello che volevi dire, fatto quello che volevi e non ti scusassi per questo?

Sei stato assertivo, disponibile nelle tue opinioni o azioni per difendere ciò che è giusto per te, (piuttosto che essere passivo o aggressivo) nel farlo. Non hai lasciato che le cose ti prendessero. Sapevi di avere qualcosa di speciale da offrire.

È lì che dovremmo essere tutti.

Quindi, rispondimi:

Come stai davvero?

E sappi che, indipendentemente dalla risposta, dovresti comunque essere accettato.

Il coraggio sta nella comprensione che potresti ancora non essere accettato per la tua verità.

Il coraggio è sapere che sei importante anche quando gli altri dicono che non lo fai.

Il coraggio è credere in se stessi quando tutte le prove lo contrastano (ad es. fallimenti o perdite del passato)

Il coraggio sta nell'essere vulnerabili mentre sapere che la vulnerabilità è un segno di forza.

Sta prendendo il controllo.

2. Scegli il tuo atteggiamento nelle avversità

Puoi prendere il controllo del tuo destino e vivere la vita che desideri rimanendo fedele a te stesso. Puoi iniziare in qualsiasi momento. Puoi iniziare oggi.

Puoi iniziare con un giorno alla volta, affrontando ciò che accade quel giorno. La maggior parte di noi si sente sopraffatta dalla prospettiva di un grande cambiamento. Anche se l'unica cosa che cambiamo è il nostro atteggiamento.

In un istante, puoi diventare una persona diversa con un cambiamento di atteggiamento. Quando prendi il controllo del tuo atteggiamento, diventi in grado di capire meglio ciò che ti circonda. Questo ti permette di andare avanti.

In origine, potresti aver avuto un piano di vita. Potrebbe essere iniziato quando eri piccolo; quando sei cresciuto speravi di diventare una sirena, un dottore, un astronauta o tutti e tre. Speravi di essere qualcuno. Speravi di essere ricordato.

Puoi ancora sognare quei sogni, ma alla fine subentra la realtà. Sorgono ostacoli e lotte. Hai intrapreso un percorso diverso quando l'ultimo non ha funzionato. Pensi a tutti i "dovrei" nella tua vita nel vivere la vita che desideri. Dovresti farlo ... dovresti farlo ...

Clayton Barbeau, psicologo, ha coniato il termine "doversi fidare di te stesso". [2] Quando siamo impostati su una strada e ci troviamo a fare qualcosa di diverso. Diventa tutto ciò che dovresti fare piuttosto che vedere le opportunità proprio di fronte a te.

Ma in tutto questo disordine, hai perso di vista il vero te?

Può essere nei nostri errori e errori percepiti che perdiamo di vista chi siamo, perché cerchiamo di mantenere la posizione e lo status.

Per essere chi siamo veramente e ottenere ciò che vogliamo veramente, dobbiamo essere resilienti: come costruire la resilienza per affrontare ciò che la vita ti offre

Significa che non vediamo tutte le possibilità di ciò che potrebbe accadere, ma dobbiamo avere fiducia in noi stessi per ricominciare e continuare a costruire la vita che vogliamo. Di fronte alle avversità, devi scegliere il tuo atteggiamento.

L'atteggiamento può superare le avversità? Certamente aiuta. Mentre cerchi di essere fedele a te stesso e vivere la vita che desideri, dovrai affrontare un fatto:

Il cambiamento avverrà.

Che il cambiamento sia positivo o negativo è unico per ogni persona e per la sua prospettiva.

Potrebbe essere necessario ricominciare da capo, una, due, alcune volte. Non significa che andrà tutto bene, ma che starai bene. Ciò che rimane o dovrebbe rimanere è il vero te. Quando l'hai perso di vista, hai perso di vista tutto.

E poi, ricostruisci. Momento dopo momento, giorno dopo giorno. Abbiamo tutti una scelta e in questo momento è importante.

Puoi scegliere di avere un atteggiamento positivo, vedendo il rivestimento positivo in ogni situazione e, dove non ce n'è, il potenziale per uno. Forse quel rivestimento d'argento sei tu e cosa farai con la situazione. Come lo userai per qualcosa di buono?

È così che puoi attingere a te stesso e al tuo potere. A volte accade per caso, a volte apposta. Può accadere quando non lo stiamo nemmeno cercando, oppure può essere il tuo unico obiettivo. Ognuno ci arriva in modo diverso.

Puoi alzarti o restare. La tua scelta.

Quando accade il peggio, puoi fare affidamento sulla tua autenticità per farti superare. Questo perché Self Advocacy, parlare per far sapere agli altri di cosa hai bisogno, fa parte della ricerca del vero te.

Non c'è niente di sbagliato nel chiedere aiuto. O a volte, aiutare gli altri può aiutarci ad affrontare il dolore di una situazione dolorosa. Sei tu a decidere come aiutare gli altri e all'improvviso diventi il ​​meglio di te stesso.

3. Fai ciò che ti rende felice quando nessuno guarda

Essere la versione migliore di te non ha nulla a che fare con il tuo successo o il tuo stato. Ha tutto a che fare con il tuo personaggio, quello che fai quando nessuno ti guarda.

Per creare la vita che desideri, devi essere la persona che vuoi essere. Fingere fino a quando non lo fai è solo un modo per sbranarlo durante il tuo viaggio. Hai il fuoco dentro di te per fare le cose per bene, per mettere insieme i pezzi, per vivere autenticamente. E il carattere è come ci arrivi.

Se cadi e aiuti un altro a rialzarsi mentre sei laggiù, è come se ti rialzassi due volte.