Come cambiare la tua percezione di sé e STAPpare il tuo potenziale nascosto

Leadership & Performance Edge Strategist Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Se la tua attuale percezione di te non ti sta servendo in modi che ti consentono di essere il meglio di te stesso e di raggiungere gli obiettivi a cui miri, è tempo di trasformarla in una forza del bene usando la personalità e la psicologia sociale.

/ p>

Quelle dure valutazioni del tuo critico interiore che parla aspro di indegnità hanno avuto abbastanza trasmissioni. Non vuoi più permettere alle caratteristiche della sindrome dell'impostore di immobilizzarti né di sgonfiare alcun palloncino di eccitazione e di sperare che avevi per raggiungere i tuoi obiettivi.

La tua percezione di sé riguarda la relazione che hai con te stesso. La grande notizia è che, poiché possiedi questa percezione di sé, sei l'agente migliore e più potente in grado di trasformarla.

Ecco 7 suggerimenti su come cambiare la tua percezione di sé e liberare il tuo potenziale.

1. Impara a staccarti dalle proiezioni degli altri

Tagliare i legami con chiunque lasci cadere critiche negative che ti fanno sentire un essere umano inferiore porterebbe a un'esistenza incredibilmente solitaria. Ciò che può servirti meglio è riconoscere quando qualcuno potrebbe effettivamente proiettare la propria immagine su di te.

Le proiezioni sono spesso un modo inconscio con cui ci difendiamo per sentirci meglio emotivamente e mentalmente riguardo a quegli aspetti di noi stessi che consideriamo imperfetti [1]. Attribuiamo le cose che non ci piacciono di noi stessi a qualcun altro perché il dolore e il disagio di confessare le nostre inadeguatezze sono semplicemente troppo grandi.

Pensa all'amico a cena che domina la conversazione e parla comunemente degli altri ma ti dice che sei scortese quando li interrompi. Pensa al socio che afferma di essere un perfezionista e fatica sempre a rispettare le scadenze ma dice che il tuo lavoro non sarà mai così buono perché dai la priorità al raggiungimento degli obiettivi rispetto a un lavoro di qualità migliore.

Quando sei oggetto di critiche taglienti e sgradevoli, c'è un'alta probabilità che un'altra persona stia proiettando. Ti stanno involontariamente mostrando come vedono il mondo.

Tuttavia, questo non significa che le loro affermazioni siano vere o valide. Semmai, è semplicemente una questione di opinione.

2. Riconosci come gli altri hanno plasmato la tua percezione di sé

Durante le sue prime ricerche, Carol Dweck ha scoperto che la motivazione e il rendimento dei bambini erano fortemente influenzati dal modo in cui i genitori e le figure autoritarie li incoraggiavano.

La sua ricerca offre una guida che potrebbe anche influenzare la stima, l'autoefficacia e la percezione di sé di un bambino mentre cresce nell'adolescenza e nell'età adulta [2].

  • Insegna ai bambini come i loro sforzi possono influenzare i risultati e le loro prestazioni invece di etichettarli in base ai risultati che potrebbero ottenere (ad esempio un bravo artista, un genio, dotato).
  • Invece di dire ai bambini che erano buoni o cattivi, amati o non amati a seconda del loro comportamento e dei risultati delle prestazioni, elogia i loro sforzi nonostante i risultati.
  • Fai spazio alle emozioni positive e negative dei bambini invece di essere amorevoli, affettuosi e di supporto solo quando si comportano bene o si comportano a un certo livello.

La ricerca di Dweck ha messo in luce le probabili fonti di molte auto-percezioni imprigionanti che sviluppiamo da adulti. Da adulti, possiamo vedere come e perché siamo arrivati ​​a pensare a noi stessi nel modo in cui lo facciamo [3].

Ora, questo non è un semaforo verde per scatenare tutta la colpa sui tuoi genitori e insegnanti, ma piuttosto per riconoscere che potresti portare tutto il peso di percezioni di sé inutili di cui non sei completamente tenuto conto. Puoi anche riconoscere e scegliere di fare qualcosa per quelle percezioni di sé che non ti avvantaggiano.

"Il modo in cui mi vedo mi fa sentire meglio o peggio con me stesso?"

"Il modo in cui mi vedo crea ostacoli tra dove sono, cosa provo, dove voglio essere e come voglio sentirmi?"

Continua a mettere in pratica la tua consapevolezza di come ti vedi nel presente, considera come questo ti influisce e inizia a esplorare come metterti nella più grande posizione di potere per cambiare questo.

3. Scopri come anche l'autopercezione negativa serve a uno scopo

Lo psicoterapeuta di fama mondiale Richard Schwartz ha coniato un incredibile quadro terapeutico chiamato Sistemi Familiari Interni ascoltando come i clienti avrebbero parlato delle "parti" interiori di se stessi [4].

Analogamente a come i diversi membri delle nostre famiglie hanno ruoli diversi per diritto di nascita, diversi tratti della personalità e caratteristiche, Schwartz propone che tutti noi abbiamo un sistema interno costituito da sotto-persone o "parti" all'interno della nostra psiche che aiutano a formare il nostro sé -percezione.

Hai mai pensato che dovresti decidere in un modo ma un'altra voce dentro di te ha detto di fare il contrario? Se è così, questo framework può aiutarti non solo a domare le voci inutili e le percezioni di sé, ma anche a scoprire altre che possono aiutarti a STAPpare il tuo potenziale nascosto.

Schwartz ha coniato tre tipi principali di sotto-persona:

  • Gli esiliati sono coloro che spesso trattengono il dolore emotivo dall'abbandono, dal rifiuto, dallo sfruttamento e dal giudizio negativo da parte di altri individui o di altre parti del nostro sistema interno.
  • I manager sono coloro che sono direttivi e controllano per evitare situazioni e interazioni che potrebbero danneggiare ulteriormente la parte o le parti in esilio. Queste parti di noi sono spesso molto intellettuali e brave a risolvere i problemi, ma allontanano le emozioni.
  • I vigili del fuoco sono quelle parti di noi che entrano in azione in caso di emergenza quando veniamo colti alla sprovvista. Quando le parti in esilio di noi sono state innescate, queste parti antincendio possono diventare calmanti e placare la loro espressione emotiva. Mangiare emotivo o spendere i nostri risparmi sui vestiti per farci sentire meglio sono esempi di modi in cui cerchiamo di spegnere il fuoco emotivo che sta divampando.

Indipendentemente dalle diverse caratteristiche di queste parti che abbiamo dentro di noi, servono tutte a uno scopo primario ma in modi diversi: proteggerci e tenerci al sicuro.

Quando impariamo a vedere come e perché lo fanno, dissolviamo il nostro bisogno di combattere le nostre percezioni di sé.

Non dobbiamo più lottare contro le voci negative nelle nostre teste. Ora possiamo guidarli e usarli a nostro vantaggio per aiutarci ad arrivare dove vogliamo ora.

4. Rinnova la tua lingua per praticare un sano distacco

Non è necessario sottoporsi a una terapia intensiva per beneficiare di alcune semplici tecniche di riformulazione del linguaggio. Quando modifichi alcune parole nella tua narrativa di auto etichettatura, puoi cambiare drasticamente l'impatto che la narrazione può avere su di te.

Quando guardi le seguenti quattro frasi, hai la sensazione di quale ci si sente più autoironici e quale si sente meno:

  • "Nessuno mi ama. Semplicemente non sono attraente. "
  • "In questo momento, sento che nessuno mi ama. Al momento, non mi sento attraente. "

Qual è l'affermazione più pesante? Hai notato i cambiamenti nelle frasi?

Le auto-percezioni che facciamo tendono ad essere puramente in bianco e nero. Tendiamo anche ad applicarli in modo impreciso e generico per coprire tutti i contesti e le situazioni, in particolare quando le nostre emozioni sono le più intense.

Rinnovare la tua auto-narrazione è più facile che cercare di eliminarla in un colpo solo. Riconosci che la tua percezione di sé non è altro che un riflesso dei sentimenti transitori che provi in ​​particolari momenti nel tempo e migliorerai nel preservare la tua autostima.

5. Dimentica le affermazioni positive e pratica la vera percezione di sé

In qualità di coach e consulente, ho spesso avuto clienti che venivano da me desiderosi di mettere a tacere immediatamente qualsiasi discorso interiore negativo che esprimevano verso se stessi. È vero che il nostro subconscio sviluppa nel tempo un dialogo interiore più sano con la pratica regolare e frequente di alimentarlo con una migliore nutrizione mentale. Tuttavia, nessuna quantità di discorsi interiori positivi può trasformare le percezioni negative di sé se non crediamo che possano essere vere.

Se hai una cattiva immagine corporea, puoi dire a te stesso fino a quando non sei blu in viso che non hai nulla di cui preoccuparti quando ti guardi allo specchio. Sarai comunque libero dai vincoli mentali ed emotivi che tale percezione di sé tiene.

Sarai felice di sapere che la risposta non è in un diario infinito o nello scrivere affermazioni positive centinaia di volte al giorno. C'è un modo più veloce ed efficace!

Sviluppa frasi in cui credi davvero che ti guidino a guardare nella direzione in cui vuoi vedere te stesso:

"Sto lavorando per migliorare il modo in cui vedo e / o sento di me stesso."

"Sto imparando e facendo pratica come adattare questo aspetto di me stesso in modo che mi serva meglio."

Notate come non vi sia alcuna menzione di cercare di migliorare o eliminare un aspetto della vostra personalità in nessuna di queste affermazioni?

Il tuo subconscio sarà più d'accordo con te usando la fraseologia sopra perché sei emotivamente più ricettivo ad essa. Sembra sicuro, onesto e vero.

Esercitati con più lingue e frasi come queste sopra e crescerai un'incredibile percezione di te che ti porterà oltre ciò a cui inizialmente sentivi di essere degno di mirare.

6. Combina una mentalità di crescita e immagini per STAPpare il tuo potenziale

L'uso delle immagini è uno strumento mentale incredibilmente potente per aiutarti a sviluppare percezioni di sé più utili che ti serviranno per muoverti verso i tuoi obiettivi iniziali. Combina questo con semplici domande sulla mentalità di crescita e sarai sulla buona strada per liberare il tuo potenziale.

Facendo un esempio, supponiamo che non ti senta di non avere quello che serve per candidarti per un determinato lavoro.

La prima parte dell'esercizio è sviluppare in modo giocoso le domande sulla crescita e sulla mentalità espansiva e intrattenere le risposte:

  1. E se avessi abbastanza capacità, esperienza, conoscenza e sicurezza?
  2. Come mi avvicinerei alla domanda per il lavoro?
  3. Come mi sentirei quando avessi fatto domanda per il lavoro?
  4. Come mi sentirei dopo aver inviato la mia domanda o ottenuto un colloquio?

La seconda parte ora è dare vita a quelle potenziali risposte. Respira la vita in una scena di mini-film di queste possibilità che crei nella tua immaginazione. Immagina l'ambiente in cui ti circondi mentre prepari la tua domanda di lavoro.

Quando attivi i tuoi cinque sensi fisici durante le immagini, puoi attivare risposte fisiche ed emotive che segnalano al tuo cervello ciò su cui ti stai concentrando è importante. Più pratichi le immagini in cui dipingi una percezione di sé più sana e utile, più il tuo sistema di attivazione reticolare [5] cercherà opportunità perché ciò si realizzi nella realtà.

Puoi apprendere altre tecniche di visualizzazione in questo articolo.

7. Pratica deliberatamente una percezione di sé più sana

Il nostro potenziale nascosto rimane inutilizzato quando non ci stiamo muovendo verso obiettivi chiaramente definiti.

Dal riconoscere la nostra inutile percezione di sé, possiamo iniziare a plasmare quelli che non sono solo più sani per noi, ma anche strategicamente utili per noi per andare verso ciò che vogliamo sperimentare, fare e avere.

La prossima volta che guarderai a un obiettivo particolare, poniti le seguenti domande:

  1. Quali qualità possiedo già che potrebbero e aiuterebbero a raggiungere tale obiettivo?
  2. Che cosa so già che potrebbe aiutarmi a raggiungere questo obiettivo?
  3. Come posso posizionarmi per acquisire le capacità e le conoscenze che mi aiuterebbero a raggiungere questo obiettivo?
  4. Quali scelte lungo il percorso mi darebbero l'opportunità di provare soddisfazione, felicità e appagamento in modi che mi interessano?
  5. Anche se non raggiungo questo obiettivo, continuerò a sentirmi bene con me stesso durante gli sforzi che faccio per farlo?

Queste domande non sono solo basate sui punti di forza. Ti guidano anche a fare scelte e a creare opportunità che ti aiutano a sentire livelli di realizzazione più alti e più sani.

Raggiungere l'obiettivo può o non può accadere. Indipendentemente da ciò, la tua percezione di sé subirà sicuramente trasformazioni potenti e positive su molti livelli.

Considerazioni finali

Questi 7 suggerimenti ti aiuteranno a realizzare il tuo potenziale e a cambiare positivamente la tua percezione di sé.