Come combattere le notti insonni

Haim Pekel è un imprenditore e condivide suggerimenti su produttività e imprenditorialità a Lifehack. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Tutto è iniziato con un'idea che avevo prima di andare a letto. Piuttosto eccitato, mi sono voltato per scriverlo, sottolineando che lo avrei dimenticato. Il problema è che il mio entusiasmo non si è placato, so di aver annotato tutto ma ero ansioso di iniziare e le possibilità mi turbinavano in testa come un vortice. Quando ho finito, ecco, avevo l'intero flusso di lavoro davanti a me ed ero abbastanza contento come ci si potrebbe aspettare. Ma indovinate un po? Accontentarsi non bastava a raffreddare il mio entusiasmo; Ho dovuto vedere fino in fondo! Così ho deciso di combattere la notte, ho iniziato il progetto e quando l'ho finito 3 ore dopo, ho dormito come un bambino. Quando mi sono svegliato, avevo un'idea più chiara del motivo per cui avevo problemi ad andare a letto quella sera e di come evitarlo in futuro.

1. Affronta problemi, idee e compiti non completati prima di andare a letto

A quanto pare, quando ci giriamo per dormire, abbassiamo la guardia. Il nostro corpo si rilassa, la nostra temperatura corporea si abbassa e, di conseguenza, le paratoie del nostro cervello precipitano, spazzando via il nostro sonno e portando nella nostra mente cosciente i pensieri del nostro subconscio che giacevano dormienti durante il giorno. Ho scoperto in retrospettiva che stavo intrattenendo questa idea per tutto il giorno e non ero consapevole che non affrontarla in quel momento esatto (cioè scriverla) mi avrebbe fatto perdere diverse ore di sonno! Progetti irrisolti, compiti incompiuti, una casella di posta piena che richiede la nostra attenzione: tornano tutti di notte per perseguitarci. E a peggiorare le cose, se ci addormentiamo, quelle cose che non siamo riusciti a risolvere durante la giornata, vieni a trovarci nei nostri sogni. Se non soffri di insonnia o altre condizioni mediche che privano del sonno, il modo migliore per combattere le notti insonni è elaborare tutto ciò che deve essere elaborato durante il giorno, senza procrastinare o posticipare cose di cui sei già parzialmente consapevole di. Questo non significa che devi farlo, devi solo tirarlo fuori dalla tua testa e inserirlo nell'elenco giusto.

2. Affronta le tue attività 2 ore prima di andare a letto

Il fenomeno che alimenta questa suspense / eccitazione / ansia che ci coglie impreparati di notte e impedisce una chiusura tanto necessaria è chiamato effetto Zeigarnik. L'effetto Zeigarnik è la nostra innata tendenza a ricordare un compito incompiuto o irrisolto piuttosto che uno completato. Quando completiamo attività e progetti, evaporano dalla nostra memoria, lasciando molto spazio che viene immediatamente occupato da attività non elaborate e di conseguenza ci lascia svegli la notte. Ecco perché le cose che richiedono la tua attenzione nell'elenco delle cose da fare devono essere chiuse prima di andare a dormire. Se non riesci a chiuderli, almeno prepara un piano che descriva (preferibilmente passo dopo passo) come affronterai quel fastidioso compito il giorno successivo. In questo modo la tua mente saprà che ci si è presi cura di te. La chiave è fare tutto questo almeno 2 ore prima che la testa colpisca il cuscino. Questo darà al tuo subconscio abbastanza tempo per elaborare che i tuoi compiti sono stati gestiti.