Come essere un buon manager e un leader efficace

Il CEO di Grey Smoke Media / My SEO Sucks, aiutando gli imprenditori a far crescere le loro attività. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

L'autore e relatore Brian Tracy una volta ha detto,

"Diventa il tipo di leader che le persone seguirebbero volontariamente, anche se non avessi un titolo o una posizione."

Suona bene, ma come si diventa esattamente il tipo di leader che gli altri vogliono seguire? Indipendentemente da dove ti trovi nella tua carriera, tutti possono imparare come essere un buon manager e un leader efficace. Essere un leader significa davvero sapere chi sei e dove vuoi andare.

Una volta che hai finito, sarai in grado di condividere meglio le tue idee con gli altri e far emergere le loro migliori qualità. In qualità di manager, sapere cosa rende un buon leader e come mettere in pratica queste caratteristiche farà la differenza tra il raggiungimento di un obiettivo o il mancato rispetto delle richieste.

Essere un buon manager e un leader efficace non sarà sempre facile. Alcuni dei leader di maggior successo nel mondo degli affari, tuttavia, hanno attribuito a sconfitte e frustrazioni inestimabili esperienze di apprendimento che li hanno resi leader migliori a lungo termine. Il CEO di Amazon, Jeff Bezos, ha scritto una volta in una lettera ai suoi azionisti che: [1]

"Il fallimento è parte integrante dell'invenzione."

Potresti non sentirti un leader nato, ma lavorando per abbracciare questi tratti, puoi imparare a non solo essere un buon manager, ma anche uno che ispira gli altri.

1. Comprendi il valore di coloro che ti circondano

Indipendentemente dal fatto che gestiscano un'azienda Fortune 500 o un ristorante locale, un buon manager non dà per scontato il proprio team. I tuoi dipendenti hanno scelto di entrare a far parte del tuo team e saranno più disposti ad accettare responsabilità e compiti se sanno che li vedi come un membro prezioso.

I leader efficaci guidano coloro che li circondano attraverso le sfide, perché sanno che una squadra è più forte quando tutti sono concentrati e preparati per il loro compito particolare. Mostrando sincero interesse per le persone intorno a te, comunicherai che tieni ai tuoi dipendenti e al loro ruolo nell'organizzazione.

2. Abbraccia la collaborazione

Poche innovazioni sconvolgenti sono il risultato di una sola mente. Un leader efficace può avere la scintilla per un'idea, ma accoglie con favore la collaborazione di altri per plasmarla e trasformarla in realtà.

I leader di successo abbracciano uno spirito di collaborazione con i propri dipendenti condividendo le loro aspettative e promuovendo il coinvolgimento. Potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa, da sessioni di brainstorming di gruppo a seminari e lezioni di team building. Si tratta semplicemente di invitare la partecipazione di chi ti circonda.

3. Prepara i tuoi dipendenti al successo.

È una verità che fa riflettere che circa il 60% dei nuovi manager fallisce nei primi 24 mesi. [2] Spesso, non preparare i dipendenti al successo gioca un ruolo importante.

In qualità di manager, è tua responsabilità conoscere i ruoli dei membri del tuo team e di cosa hanno bisogno per svolgere i loro compiti.

  • Dispongono dei materiali necessari per svolgere il proprio lavoro?
  • Hanno ricevuto istruzioni chiare sul loro obiettivo?
  • Sanno a chi rivolgersi se hanno una domanda?

Sono tutte cose che aiutano a stabilire la fiducia dei dipendenti e a dimostrare solide caratteristiche di gestione ai membri del tuo team.

4. Non limitarti a dettare: ascolta

Se ci fosse un singolo tratto cruciale per un leader efficace, sarebbero buone capacità di comunicazione. Se tutto ciò che stai facendo è abbaiare ordini, non passerà molto tempo prima che tu non abbia nessuno a cui abbaiare ordini, perché tutti usciranno dalla porta.

Il fondatore di Virgin Airlines Richard Branson afferma che un buon leader dovrebbe ascoltare il doppio di quanto sta parlando. [3] Si rende conto che una buona idea per risolvere un problema può venire da chiunque nella sua azienda sia che lavori all'ultimo piano o all'ultimo piano.

Non cercare di risolvere da solo ogni problema, chiedi agli altri la loro opinione e se qualcuno viene da te con un'idea, dagli il rispetto di ascoltare ciò che ha da dire.

5. Riconoscere i successi

Gli esseri umani hanno bisogno di incoraggiamento e riconoscimento, chiaro e semplice. Se qualcuno fa un buon lavoro, diglielo. Un leader efficace non si rallegra solo delle proprie vittorie, ma celebra i successi di coloro che lo circondano. Il fondatore di Ready Steady Sell, David Sessford, afferma che l'efficienza del suo team è migliorata del 35% offrendo ricompense e bonus regolari per il raggiungimento degli obiettivi.

Secondo Forbes, il 65% dei dipendenti desidera più feedback dai propri manager. [4] Esistono, ovviamente, molti modi per riconoscere il successo di un dipendente.

  • Un semplice "ottimo lavoro" è sempre bello.
  • Bevande o pasti celebrativi.
  • Promozioni e bonus.

Un po 'di riconoscimento per un lavoro ben fatto può fare molto e spesso bastano pochi minuti per dimostrarlo.

6. Impara a risolvere i conflitti

I conflitti tra i dipendenti sono destinati a sorgere qua e là. Il modo in cui scegli di gestirli può fare la differenza tra un team produttivo e uno che si svela.

In qualità di leader, dovresti ascoltare entrambi i punti di vista e lavorare per risolvere i conflitti in modo rapido ed efficace nel modo migliore, in modo che il problema non si ripresenti. Il segreto per una risoluzione efficace dei conflitti è imparare a separare le persone dalle emozioni legate al problema. In questo modo, sarai in grado di risolvere meglio i problemi in un modo che soddisfi entrambe le parti.

7. Mostra fiducia, non arroganza

I bravi leader prosperano sulle avversità e sono disposti a correre rischi, purché i loro fallimenti forniscano una preziosa esperienza di apprendimento. Sono calmi durante i periodi turbolenti e si impegnano a seguire una linea d'azione. Potrebbe sembrare una cieca arroganza, ma in realtà mostra sicurezza, oltre alla volontà di sfidare la norma e lottare per qualcosa di meglio.