In che modo la consapevolezza di sé rende un leader di successo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Quando pensi a un leader, pensi a una persona sicura di sé e sicura di sé. Potresti non pensare a qualcuno che contempla il perché delle proprie azioni o degli errori che ha commesso.

Ma in realtà, i leader, come tutti gli esseri umani, non hanno tutte le risposte e, in effetti, spesso hanno torto o sono fondamentalmente imperfetti. La differenza è che i più riusciti ne sono consapevoli. Ecco perché ci riescono.

La consapevolezza di sé è essenziale per la leadership. Ti aiuta a migliorare, perché sai quanto stai andando bene attualmente. Ti aiuta a prendere le decisioni giuste, perché conosci i tuoi punti ciechi. Ti aiuta a fare un ottimo lavoro, perché ricordi gli errori del passato e li affronti. Essere consapevoli di sé significa essere consapevoli di sé.

Che tu sia un manager, un insegnante o un genitore, per guidare gli altri, devi prima essere abbastanza consapevole da guidare te stesso.

Ecco alcuni leader ispiratori e come hanno utilizzato la consapevolezza di sé per migliorare.

Conosci la tua bussola

Whole Foods sta crescendo rapidamente, ha una fiorente cultura dei dipendenti e una base di clienti fanatici (colpevoli come accusati). John Mackey, il co-CEO e fondatore dell'azienda, lo ha trasformato da un negozio a due piani ad Austin, in Texas, a uno dei marchi più noti nel settore alimentare.

In qualità di leader dell'azienda, Mackey si guarda dentro ogni volta che prende una decisione aziendale. Sa cosa rappresentano lui e la sua azienda e cosa li motiva.

Per Mackey e Whole Foods, alcune cose sono estremamente importanti: scopo, fedeltà dei clienti e coinvolgimento dei dipendenti. Ecco Mackey in un'intervista che parla di come un'azienda può trovare la sua bussola:

Il primo passo ... è definire chiaramente il suo scopo più elevato oltre a massimizzare i profitti. Dovrebbe quindi iniziare a progettare tutto ciò che fa per creare valore per i suoi stakeholder. Dovrebbe sbarazzarsi di tutte le metriche che non sono collegate alla creazione di valore per gli stakeholder. Dovrebbe quindi creare nuove metriche che siano indicatori principali delle prestazioni future, misure come la passione dei dipendenti e la difesa dei clienti.

Scopri cosa è importante per te, cosa ti motiva e quali sono i tuoi valori. Quindi ricorda a te stesso tutto questo ogni volta che stai guidando le persone o guidando te stesso. Trova e usa sempre la tua bussola.

Pensa alle tue esperienze

Richard Branson è il tipo di leader che si riunirà durante il paracadutismo. L'uomo non ha paura di fallire e, come mostra il suo record di imprenditorialità, ci riesce davvero. Tuttavia è anche abbastanza consapevole di sé da sapere quando ha sbagliato.

Un esempio è quando ha cercato di sconvolgere il mercato delle bevande gassate introducendo Virgin Cola a metà degli anni '90. Ha avuto un discreto successo, ma alla fine è svanito. Guardando indietro, si rende conto del motivo per cui quell'impresa non è mai stata concepita per essere:

Abbiamo iniziato con così tante ambizioni ...

Ma ci siamo resi conto di non aver rispettato le nostre regole. Virgin è specializzata nello scuotere i settori in cui i consumatori ottengono un ottimo affare, ma all'epoca non c'era grande insoddisfazione per Coca-Cola, Pepsi o gli altri marchi di bevande analcoliche ... Quindi l'attività è stata un fallimento finanziario.

Eravamo così intenzionati a ripetere il nostro modello che ha portato a precedenti successi che non abbiamo notato i problemi con la nostra idea. Ma impariamo sempre dai nostri fallimenti, il che ci rende più consapevoli di noi stessi.

Branson, come Mackey, conosceva bene la sua bussola, ma in questo caso non le prestava abbastanza attenzione. Dopo che questo fallimento si è trasformato in una lezione appresa, è in grado di comprendere meglio i suoi punti ciechi come leader.

Accetta i tuoi fallimenti

L'ascesa fulminea del presidente Barack Obama è stata attribuita a molte cose: i suoi discorsi vertiginosi, il suo comportamento calmo e calmo, i suoi tempi comici abbastanza decenti (seriamente, guarda le sue cene corrispondenti alla Casa Bianca). Ma è anche molto consapevole di sé, soprattutto quando si tratta dei suoi difetti.

Durante la campagna del 2008, dopo un disastroso dibattito contro il governatore Mitt Romney, tutta la sua campagna era in modalità crisi. La cosa peggiore era che sembrava scoraggiato e insicuro.

Ecco Obama che reagisce alle frenetiche richieste dei suoi responsabili della campagna di cambiare il suo stile di dibattito, dal libro Double Down:

La scorsa notte non è andata bene e lo so. Ecco perché penso di avere problemi. Faccio fatica a capire cosa so di dover fare, cosa mi state dicendo che devo fare, con dove mi porta la mia mente, ovvero: sono un avvocato e voglio discutere le cose su. Voglio rimuovere i livelli ...

È contro il mio istinto solo per esibirmi. È facile per me tornare a quello che so, che è fondamentalmente analizzare gli argomenti. Penso quando parlo. Può fermare. Inizio piano. È difficile per me entrare nella mia risposta. Devo insegnare al mio cervello a funzionare in modo diverso.

Non posso dirti che 'Ok, mi sono svegliato oggi, sapevo che dovevo fare di meglio e che farò di meglio ... Sono cablato in un modo diverso da quello che questo evento richiede.

Non so se posso farlo.

Questo si è rivelato un momento catastrofico per la campagna. C'era ancora del lavoro da fare per lui, ma riconoscendo il suo fallimento e le paure che aveva, era meglio equipaggiato per fare qualcosa al riguardo. Aveva definito il problema.

Comprendere i tuoi difetti non significa che li accetti e non fai nient'altro. Significa che sei consapevole che ci sono e devi lavorarci sopra per diventare un leader migliore. Sorprendentemente, molti leader non possono accettare le loro carenze in primo luogo, tanto meno accettare che ci sia del lavoro da fare.

Come diventare più consapevoli di sé

Ci sono alcuni modi in cui puoi essere più introspettivo nel tuo lavoro di leader. Ecco tre modi che ti aiuteranno a diventare più consapevole di te stesso.