Come essere sempre ascoltati e compresi

Heather condivide i suggerimenti sullo stile di vita di tutti i giorni su Lifehack. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

A volte può essere difficile mettere via il telefono quando passo del tempo con gli amici. Sappiamo tutti quanto possano essere avvincenti i social media, ma non rende meno scortese la persona seduta di fronte a me che mi parla di un problema che sta affrontando. Anche dire "Sto solo rispondendo a questa email, ma giuro che sto ascoltando", è un ostacolo alla comunicazione efficace.

Ci sono state volte in cui, anche senza il mio telefono, mi rendo conto di ascoltare qualcuno solo a metà. È un mondo che distrae e, a volte, può essere difficile compartimentare tutte le cose nella tua lista mentale di cose da fare ed essere presente. Ma questo non giustifica l'ascolto con un orecchio. Inviare una gif con un tempismo perfetto in risposta a un messaggio vale davvero la pena perdere un'amicizia? Sì, non la pensavo così.

Tutti parlano, ma pochissimi di noi ascoltano per capire.

L'incapacità di cogliere appieno ciò che qualcuno ci sta dicendo ostacola una comunicazione produttiva e di successo anche quando prestiamo attenzione. A parte tutte le distrazioni e la confusione che il mondo, in generale, ci presenta, abbiamo ancora differenze che rendono difficile ascoltare qualcuno e capirlo.

Nel mondo di oggi, è più importante che mai lavorare con qualcuno per capire il suo punto di vista. Non significa che dobbiamo essere d'accordo, ma dovremmo dare lo stesso rispetto che vogliamo quando cerchiamo una discussione significativa. Con più argomenti che mai su genere e cultura, come possiamo migliorare noi stessi?

Esprimere un'opinione a volte può sembrare come camminare sui gusci d'uovo. Non vuoi rischiare di perdere un'amicizia o una relazione perché non riuscivi a guardarti negli occhi, ma è importante sapere quali barriere potresti creare inavvertitamente.

Queste sono le sei barriere più comuni che affrontiamo nella comunicazione:

Anche se sei l'amico ideale, quando si tratta di lasciare il telefono alle spalle ed essere pienamente presente quando qualcuno ha bisogno di te, non sei immune alle barriere di comunicazione. Non intendo solo la barriera linguistica comune, sebbene sia certamente valida. In effetti, c'è un intero elenco di barriere che ci impediscono di comunicare in modo conciso. Quello che segue è un elenco di 6 barriere su cui dovremmo concentrarci tutti per una comunicazione efficace:

Barriere percettive: diversi punti di vista, pregiudizi e stereotipi

Le barriere percettive sono interne. Se ti trovi in ​​una situazione pensando che la persona con cui stai parlando non capirà o non si interesserà a ciò che hai da dire, potresti finire per sabotare inconsciamente i tuoi sforzi per esprimere il tuo punto. Impiegherai un linguaggio sarcastico, sprezzante o addirittura ottuso, alienando così il tuo interlocutore. [1]

Barriere attitudinali: mancanza di interesse o rilevanza

Le barriere attitudinali alla comunicazione possono derivare da conflitti di personalità, cattiva gestione, resistenza al cambiamento o mancanza di motivazione. I destinatari efficaci dei messaggi dovrebbero tentare di superare le proprie barriere attitudinali per facilitare una comunicazione efficace. [2]

Gli atteggiamenti sono generalmente formati dall'opinione di una persona e possono essere difficili da cambiare. Quando questa barriera supera il focus sulla professionalità sul posto di lavoro, può essere quasi impossibile lavorare insieme.

Questa barriera non è facile da abbattere. È importante essere consapevoli del proprio atteggiamento e cercare di capirne la radice. Sarà un processo lento, ma alla fine ne varrà la pena permettere a te stesso di cambiare atteggiamento.

Barriere linguistiche: gergo e scelta delle parole

Anche quando si comunica nella stessa lingua, la terminologia utilizzata può fungere da barriera se non completamente compresa dal destinatario. Ad esempio, un messaggio che include molto gergo specialistico e abbreviazioni non verrà compreso da un destinatario che non ha familiarità con la terminologia utilizzata.

Cerca di tradurre tutti i documenti pertinenti, utilizza un interprete quando necessario, parla con la tua azienda dell'offerta di corsi di lingua e cerca di individuare metodi di comunicazione visivi il più spesso possibile.

Barriere emotive: imbottigliare le emozioni per rifiutarsi di esprimere emozioni

Spesso ci viene insegnato a temere le parole che ci escono di bocca, come nella frase "tutto ciò che dici può e sarà usato contro di te". Superare questa paura è difficile, ma necessario. Il trucco sta nell'avere piena fiducia in quello che dici e nelle tue qualifiche nel dirlo. Le persone spesso si accorgono di insicurezza.

Credendo in te stesso e in quello che hai da dire, sarai in grado di comunicare chiaramente senza essere troppo coinvolto nelle tue emozioni.

Barriere culturali: valori e credenze.

Culture diverse, siano esse una cultura geografica o semplicemente la cultura del lavoro di un'azienda, possono ostacolare la comunicazione sviluppata. In particolare, se le due culture si scontrano. Esistono anche sottotipi di barriere culturali come generazionali e di status.

Le barriere generazionali coinvolgono diversi gruppi di età che hanno approcci al lavoro diversi, il che porta a conflitti quando i lavoratori più anziani pensano che i lavoratori più giovani siano fannulloni. Oggi è particolarmente diffuso con la visione negativa dei "millennial".

Le barriere di stato riguardano le persone che si adattano ai luoghi di lavoro in cui vengono enfatizzati l'anzianità e lo status. Spesso hanno difficoltà ad adattarsi ad ambienti di lavoro fluidi dove i titoli di lavoro non sono enfatizzati e i metodi di produzione non sempre seguono una serie di linee guida predeterminate.

In questi casi, è importante trovare un terreno comune.

Barriere di genere: esperienze diverse di uomini e donne

Anche dove uomini e donne condividono la stessa statura, conoscenza ed esperienza, stili di comunicazione diversi possono impedire loro di lavorare insieme in modo efficace. Le barriere di genere sono intrinseche e correlate agli stereotipi di genere o ai modi in cui a uomini e donne viene insegnato a comportarsi da bambini.

Per superare le barriere di genere sul posto di lavoro, istruisci il tuo team sui pregiudizi di genere. I pregiudizi sono spesso incorporati negli stereotipi e possono essere difficili da rilevare. Una volta trovato, ci sono possibilità di cambiamento.

È anche importante creare "spazi di lavoro di identità" sicuri. Le aziende dovrebbero incoraggiare le donne a costruire comunità in cui donne in posizioni simili possano discutere il loro feedback, confrontare note e sostenere emotivamente l'apprendimento reciproco. Il sostegno eviterà di sentirsi vulnerabili e aiuterà le donne a voler condividere volontariamente senza paura di essere giudicate.

Diamo un'occhiata a un esempio di vita reale ...

Negli Stati Uniti, il 2016 è stato un anno elettorale. Ciò significava, come nazione, che dovevamo cercare di superare tutti e sei questi ostacoli su base giornaliera, soprattutto perché i due candidati principali erano di sesso opposto.

La battuta poco divertente qui è che ogni barriera ha un effetto valanga.

Pensaci: la frustrazione derivante dalla lotta con una barriera è sufficiente per creare una solida barriera attitudinale una volta che hai deciso che non ti interessa quello che gli altri hanno da dire.

Una volta che hai creato una barriera attitudinale e smesso di preoccuparti di ciò che qualcuno ha da dire, tu, a tua volta, crei una barriera percettiva e potenzialmente una barriera culturale. Ti sei appena stereotipato in uno stato mentale troppo egocentrico e pregiudizievole per ascoltare ciò che qualcuno ha da dire se non è direttamente in linea con ciò che pensi.

Se la persona che ti rifiuti di ascoltare sembra essere di un genere diverso dal tuo, hai appena costruito un muro che divide la barriera di genere. Scende e peggiora a seconda della situazione.

Di conseguenza, sei rimasto con persone che hanno rinunciato a cercare di parlarti. Ciò porterà a una barriera linguistica con la parte frustrata che utilizza il sarcasmo e altre tecniche linguistiche per uscire dalla conversazione.

Tutto ciò può portare a barriere emotive poiché tu o l'altra parte potreste pensare che ciò che hai detto avrebbe dovuto essere tenuto per te.

Il primo passo per superare le barriere comunicative è riconoscere le barriere che hai.

Siamo tutti colpevoli di aver creato barriere. Anche se non scrivi mai a cena né ti impegni in conversazioni politiche. Se sei onesto con te stesso, puoi trovare un esempio di uno dei sei ostacoli e di come ha influenzato negativamente una relazione.

La comunicazione non è facile e questo articolo non vuole mentire al riguardo. Anche la comunicazione non è una strada a senso unico. Ci vuole lavoro, impegno reale, per comunicare efficacemente con qualcuno, indipendentemente dall'argomento.

Cerca di riconoscere quando le sei barriere si insinuano nelle tue conversazioni quotidiane. È importante riflettere e capire cosa ha innescato le barriere. La persona amata ha detto qualcosa con cui non eri d'accordo? Ti sei fatto beffe perché lo trovavi sessista o offensivo per le tue convinzioni personali?