Come le persone intelligenti trattano le persone che non gli piacciono

David è un editore e imprenditore che cerca di aiutare i professionisti a far crescere la propria attività e la propria carriera e fornisce consigli agli imprenditori. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

In un mondo perfetto, ogni persona con cui interagiamo sarebbe gentile, gentile, premuroso, attento, generoso e altro ancora. Avrebbero capito le nostre battute e noi le loro. Vivremmo tutti in un'atmosfera conviviale in cui nessuno è mai stato arrabbiato, turbato o diffamato.

Tuttavia, non viviamo in un mondo perfetto. Alcune persone ci fanno impazzire, e noi (è vero) facciamo impazzire anche alcuni. Quelli che non ci piacciono sono sconsiderati, affrettati, diffamano il nostro carattere, mettono in dubbio le nostre motivazioni o semplicemente non capiscono affatto le nostre battute, ma aspettatevi che ridiamo di tutte le loro.

Potresti chiederti se sia possibile essere onesti con qualcuno che ti turba tutto il tempo o qualcuno con cui preferiresti evitare di pranzare. Potresti chiederti se dovresti imparare ad apprezzare ogni persona che incontri.

Secondo Robert Sutton (professore di scienze gestionali presso la Stanford University), non è possibile, né ideale, costruire un team composto interamente da persone che inviteresti a un barbecue in giardino.

Ecco perché le persone intelligenti traggono il massimo dalle persone che non amano. Ecco come lo fanno.

1. Accettano che non gli piaceranno tutti.

A volte siamo presi nella trappola di pensare di essere brave persone. Pensiamo che ci piaceranno tutti quelli con cui interagiamo, anche quando ciò non accadrà. È inevitabile che incontrerai persone difficili che si oppongono a ciò che pensi. Le persone intelligenti lo sanno. Riconoscono inoltre che conflitti o disaccordi sono il risultato di differenze di valori.

Quella persona che non ti piace non è intrinsecamente un cattivo umano. Il motivo per cui non vai d'accordo è perché hai valori diversi e quella differenza crea giudizio. Una volta che accetti che non piacerai a tutti e che non ti piaceranno tutti a causa della differenza di valori, la realizzazione può togliere l'emozione dalla situazione. Ciò potrebbe anche portare ad andare d'accordo se accetti di non essere d'accordo.

2. Sopportano (non ignorano o respingono) quelli che non gli piacciono.

Certo, potresti rabbrividire alle sue continue critiche, stringere i denti alle sue battute schifose o scuotere la testa per il modo in cui le si aggira tutto il tempo, ma sentirsi meno che affettuoso con qualcuno potrebbe non essere la cosa peggiore. "Dal punto di vista delle prestazioni, apprezzare troppo le persone che gestisci è un problema più grande che apprezzarle troppo poco", afferma Sutton.

"Hai bisogno di persone che abbiano punti di vista diversi e non abbiano paura di discutere", aggiunge Sutton. "Sono il tipo di persone che impediscono all'organizzazione di fare cose stupide". Potrebbe non essere facile, ma sopportali. Spesso sono coloro che ci sfidano o ci provocano che ci spingono a nuove intuizioni e aiutano a spingere il gruppo al successo. Ricorda, neanche tu sei perfetto, eppure le persone ti tollerano ancora.

3. Trattano quelli che non gli piacciono con civiltà.

Qualunque siano i tuoi sentimenti per qualcuno, quella persona sarà molto in sintonia con il tuo atteggiamento e comportamento e probabilmente te lo rifletterà. Se sei scortese con loro, probabilmente getteranno via tutto il decoro e saranno scortesi anche con te. L'onere; pertanto, sta a te rimanere equo, imparziale e composto.

"Coltivare una faccia da poker diplomatica è importante. Devi essere in grado di apparire professionale e positivo ", afferma Ben Dattner, psicologo dell'organizzazione e autore di The Blame Game. In questo modo non ti abbasserai al loro livello o non verrai risucchiato a comportarti come loro.

4. Controllano le proprie aspettative.

Non è raro che le persone abbiano aspettative irrealistiche sugli altri. Potremmo aspettarci che gli altri agiscano esattamente come faremmo noi, o diciamo le cose che potremmo dire in una determinata situazione. Tuttavia, ciò non è realistico. "Le persone hanno tratti di personalità radicati che determineranno in gran parte come reagiscono", afferma Alan A. Cavaiola, PhD (professore di psicologia alla Monmouth University di West Long Branch, New Jersey). "Aspettarsi che gli altri facciano quello che faresti tu è prepararti alla delusione e alla frustrazione".

Se una persona ti fa sentire esattamente allo stesso modo ogni volta, modifica le tue aspettative in modo appropriato. In questo modo sarai preparato psicologicamente e il loro comportamento non ti colpirà di sorpresa. Le persone intelligenti lo fanno sempre. Non sono sempre sorpresi dal comportamento di una persona sgradevole.

5. Si rivolgono verso l'interno e si concentrano su se stessi.

Qualunque cosa tu provi, alcune persone possono ancora metterci davvero sotto la nostra pelle. È importante che impari a gestire la tua frustrazione quando hai a che fare con qualcuno che ti infastidisce. Invece di pensare a quanto sia irritante quella persona, concentrati sul motivo per cui stai reagendo come sei. A volte ciò che non ci piace negli altri è spesso ciò che non ci piace in noi stessi. Inoltre, non hanno creato il pulsante, lo stanno solo premendo.

Individua i fattori scatenanti che potrebbero complicare i tuoi sentimenti. Potresti quindi essere in grado di anticipare, ammorbidire o persino modificare la tua reazione. Ricorda: è più facile cambiare le tue percezioni, attitudini e comportamenti che chiedere a qualcuno di essere un tipo diverso di persona.

6. Fanno una pausa e prendono un respiro profondo.

Alcune caratteristiche della personalità possono sempre farti esplodere, dice Kathleen Bartle (una consulente sui conflitti con sede in California). Forse è il collega che salta regolarmente le scadenze o il ragazzo che racconta barzellette di colore. Dai un'occhiata a cosa ti spinge e chi sta premendo i tuoi pulsanti. In questo modo, dice Bartle, puoi prepararti per quando accadrà di nuovo.

Secondo lei, "Se riesci a mettere in pausa e controllare la tua pompa di adrenalina e andare alla parte intellettuale del tuo cervello, sarai più in grado di avere una conversazione e di saltare il giudizio". Un respiro profondo e un grande passo indietro possono anche aiutarti a calmarti e proteggerti da reazioni eccessive, permettendoti così di procedere con una mente e un cuore leggermente più aperti.