Come migliorare il tuo rapporto con i tuoi genitori

Celestine è la fondatrice dell'eccellenza personale, dove condivide i suoi migliori consigli su come aumentare la produttività e raggiungere l'eccellenza nella vita. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Quando guardi al tuo rapporto con i tuoi genitori oggi, come lo descriveresti al meglio?

È uno stato di cui sei soddisfatto? Lo valuteresti 10/10? È uno in cui dirai "questo è lo stato migliore e più ideale che possa mai essere con i miei genitori"?

Se la tua risposta è "no", non sei solo. Uno dei miei desideri più profondi per i miei genitori da molto tempo è stato che diventassero i miei migliori amici. Che oltre a essere figure genitoriali per me, potevo connettermi apertamente ed emotivamente con loro, condividere tutti i miei pensieri più profondi e avere discussioni significative.

Tuttavia, non è stato così. Semmai, è stato l'esatto opposto: classificherei la mia relazione con i miei genitori come più disfunzionale di ogni altra cosa e praticamente irreparabile. Anche se le famiglie normali avrebbero conversazioni, noi non lo faremmo. Parlavamo, e non appena iniziavamo a schioccarci, urlarci o urlarci addosso, a volte anche con imprecazioni. Mentre le famiglie normali si parlavano tra di loro almeno una volta al giorno, potevo passare mesi senza mai parlare con i miei genitori, perché non c'era nulla da comunicare.

Per 15 anni, dall'adolescenza fino alla fine dei vent'anni, questo è stato il tipo di relazione che ho avuto con i miei genitori. Ma poi, gradualmente, ho iniziato a superare i miei problemi con i miei genitori, uno alla volta. Oggi ho 30 anni e non posso essere più felice del mio rapporto con i miei genitori. Siamo in grado di parlare normalmente, senza che nessuno si arrabbi o si muova. Siamo in grado di esprimere la nostra preoccupazione l'uno per l'altro apertamente, senza sentirci straniti.

E non si trattava tanto di avere un cuore a cuore con loro, quanto di affrontare i miei disallineamenti interiori sulla nostra relazione.

Qualunque sia la difficoltà che stai affrontando con i tuoi genitori oggi, vorrei farti sapere che non sei solo. Ecco alcuni passaggi cruciali per aiutarti ad andare d'accordo con i tuoi genitori:

Consideralo un viaggio

La prima cosa che voglio sottolineare è che migliorare il tuo rapporto con i tuoi genitori non è un obiettivo "segui il passo X e il passo Y, quindi puoi vedere i risultati subito". In effetti, potresti anche non vedere alcun cambiamento per un po '. Migliorare il tuo rapporto con i tuoi genitori è un obiettivo in corso di realizzazione - non esiste un punto finale.

Mentre in passato lavoravo al mio rapporto con i miei genitori, una delle mie sfide più grandi era che i miei sforzi spesso sembravano inutili. Quando ho cercato di abbracciare i miei genitori, mia madre mi ha respinto con violenza, con mio grande shock e orrore. Mio padre non ha risposto all'abbraccio. Quando ho scritto le carte per dire loro quanto li amassi, non c'è stata alcuna risposta diretta da parte di mio padre o mia madre. Quando provavo ad avviare una conversazione con loro, mia madre si affrettava a chiedermi perché facevo così tante domande, mentre mio padre dava le sue solite risposte mono-sillabiche.

Fu allora che capii che il mio rapporto con i miei genitori non era uno che potesse essere riparato dall'oggi al domani. Non stiamo parlando di riparare un conflitto una tantum. Stiamo parlando di riparare una vita di discussioni, problemi di comunicazione, conflitti e incomprensioni. Pensare di poter risolvere tutti i reclami del passato con poche azioni "carine" è stato incredibilmente ingenuo da parte mia.

Era quindi mia responsabilità far loro sapere che le cose erano veramente diverse, che ero diventato una persona diversa e che volevo seriamente migliorare la nostra relazione. Come? Non per dirlo, ma per uno sforzo costante. Grazie a un impegno costante da parte mia, sono diventati lentamente più ricettivi alle mie azioni.

Ricorda che queste cose richiedono tempo. Ricostruire la fiducia è un processo delicato.

Se vuoi migliorare il tuo rapporto con i tuoi genitori, sii pronto a impegnarti in questo come un viaggio, e non come un passo X, cosa X che esegui in una settimana o un mese. Fai loro sapere che sei veramente sincero nel cambiare la situazione. Fai loro sapere che non lo stai facendo solo come un colpo di fortuna una tantum. Anticipa la negatività nelle loro reazioni all'inizio, perché il tuo comportamento cambiato è probabilmente nuovo per loro e stanno cercando di adattarsi. La chiave è uno sforzo costante.

Libera nella tua mente l'ideale genitore-figlio

Molti di noi hanno un ideale genitore-figlio impresso nella nostra mente, da quando eravamo bambini o da adolescenti. Questo ideale si è probabilmente formato quando stavamo guardando la TV, quando abbiamo assistito alle interazioni tra i nostri amici e i loro genitori, quando leggiamo sui rapporti genitore-figlio nei libri e simili.

L'ideale della mia passata relazione genitore-figlio era che i miei genitori fossero i miei migliori amici. Desideravo ardentemente che comunichassimo apertamente e condividessimo qualsiasi cosa tra di noi. Desideravo ardentemente che potessimo esprimere la nostra cura e preoccupazione reciproca, senza riserve.

Quando ho lavorato alla nostra relazione con questo ideale in mente, ho affrontato resistenze per tutto il tempo: da loro a me, da me a loro e da me a me stesso. Ironia della sorte, è stato solo quando ho abbandonato l'ideale che il nostro rapporto è stato finalmente in grado di crescere. Fu allora che mi resi conto, con mio shock, che i miei genitori avevano cercato così duramente di migliorare la nostra relazione (a modo loro) per tutto il tempo. Sfortunatamente non ero in grado di "vederlo" perché ero così fissato con il mio ideale.

Quando affronti la tua relazione con i tuoi genitori con un ideale fisso, soffoca la relazione. Smetti di aspettarti che siano qualcuno / qualcosa che non sono. Invece, accettali per quello che sono oggi. Ciò consentirà alla tua relazione con loro di sbocciare e diventare una propria.

Apprezza ciò che possono offrire nella loro capacità

Molte volte ci sentiamo frustrati con i nostri genitori per tutte le cose che non fanno o non possono fare. Ad esempio, potremmo essere frustrati da come sono così tradizionali. Potremmo essere frustrati da quanto sono chiusi. Potremmo essere frustrati per quanto siano lenti con le cose.

Invece di rimanere impiccato per come i tuoi genitori non stanno facendo X o Y, impara invece ad apprezzare ciò che possono offrire nelle loro capacità.

Per me, ero frustrato per il modo in cui i miei genitori non riescono a soddisfare il mio bisogno di condividere e relazionarsi. Dopo aver capito che non era nella loro naturale disposizione a parlare di se stessi o dei propri sentimenti, ho imparato a lasciar andare questa aspettativa e invece ho imparato ad apprezzare ciò che possono offrire.

Ad esempio, mio ​​padre cucina, quindi quando sono a casa mangio fuori meno spesso in modo che possa cucinare per me. Mia madre è una casalinga meticolosa e si vanta di tenersi al passo con le esigenze della famiglia. Quindi, le farò sapere se voglio generi alimentari / verdura / frutta in modo che possa procurarseli. Ciò li rende felici, perché è il loro modo di fare la differenza nella mia vita.

Comprendi cosa stai cercando sotto l'ideale

L'ideale genitore-figlio che creiamo nella nostra mente è di solito una proiezione di un bisogno sottostante che desidera ardentemente essere soddisfatto. Prima riesci a identificare ciò che stai cercando sotto l'ideale, prima puoi affrontarlo, invece di utilizzare l'ideale come proxy per raggiungere il bisogno, perché uno potrebbe non essere equiparato a un altro.

Faccio un esempio. Qualche tempo fa, ho lavorato con un cliente che voleva che suo padre fosse una forte figura di mentore. Perché suo padre era sempre stato impegnato con il suo lavoro ed era spesso fuori dai giochi nella sua vita. Nonostante avesse diversi mentori nella sua vita, che si tratti dei suoi professori, dei suoi capi o dei suoi pastori, desiderava ancora che suo padre intervenisse come suo mentore.

Il problema era perché le mancava una guida? No, non lo era. Aveva figure più intelligenti, altamente capaci e di successo che le davano supporto e consigli di chiunque altro. La verità è che desiderava che suo padre fosse la sua figura di mentore perché associava il tutoraggio all'amore. Per lei amore significava essere sorvegliati, ricevere guida e consigli, essere accuditi e così via. Anche se suo padre le parlava di tanto in tanto, la traghettava al lavoro, partecipava a cene di famiglia e trascorreva del tempo con la famiglia quando non lavorava, questi non erano considerati amore per lei.

Il mentoring, d'altra parte, sì.

E tu? Qual è il tuo ideale per il tuo rapporto con i tuoi genitori?

Se guardi al di sotto di questo ideale, cosa stai cercando?

Il raggiungimento di questo ideale indica che tale esigenza viene soddisfatta? O è solo nella tua testa?

È probabile che ciò che stai cercando con il tuo ideale (che si tratti di amore da parte dei tuoi genitori, accettazione da parte dei tuoi genitori, auto-convalida, affermazione, ecc.) è già lì davanti a te, davanti ai tuoi occhi. Non fissarti così tanto con il tuo ideale da perdere proprio quello che stai cercando, solo per vederlo quando è troppo tardi. Il momento in cui ti liberi da questo ideale è quando inizia la guarigione tra te ei tuoi genitori.

Pensa a come puoi essere un bambino migliore per loro

Molte volte individuiamo i difetti dei nostri genitori, chiedendoci perché non possono essere più intelligenti / più ricchi / più aperti / meno testardi / più positivi / meno fastidiosi / più tranquilli / più solidali / ecc.

Invece, prova un approccio diverso: vai d'accordo con i tuoi genitori pensando a come puoi essere un bambino migliore per loro.

  • Inizia con l'essere sensibili alle loro esigenze.
  • Parla con loro nella loro lingua dell'amore (vedi il punto successivo).
  • Non complicare le cose per loro. Lascia che facciano a modo loro se non si tratta di una situazione di vita o di morte.
  • Prevenire le cose per cui hanno bisogno di aiuto (di solito cose legate alla tecnologia se i tuoi genitori non sono esperti di tecnologia), poiché i genitori possono essere abbastanza riluttanti a chiedere aiuto a meno che non vengano spinti al muro.
  • Visitali spesso (se non vivi con i tuoi genitori).
  • Portali fuori per un pasto: rendila un'occasione settimanale o bisettimanale se possibile.
  • Chiamali solo per fargli sapere che stai pensando a loro in questo momento.

Per essere un bambino migliore per loro, nota che non si tratta di modellare te stesso per diventare il loro ideale di ciò che dovrebbe essere un figlio / a (ammesso che abbiano un ideale). Vuoi rimanere fedele a te stesso e migliorare il modo in cui tratti i tuoi genitori a modo tuo.

Parla con loro nella loro lingua dell'amore

Il linguaggio dell'amore si riferisce al modo in cui qualcuno esprime amore. Persone diverse hanno modi diversi di esprimere l'amore - alcuni tramite il tocco fisico, le parole, le azioni, ecc. Nel libro 5 Love Languages, Gary Chapman afferma che le 5 lingue chiave dell'amore che le persone usano sono: (1) Parole di affermazione (2) Tempo di qualità (trascorso insieme) (3) Ricevere regali (4) Atti di servizio (5) Tocco fisico.

Essendo cresciuto in generazioni diverse, è probabile che il tuo linguaggio dell'amore sia diverso da quello dei tuoi genitori. Invece di "parlare" ai tuoi genitori nella tua lingua dell'amore, parla loro nella loro lingua dell'amore. Ciò significa che se il loro linguaggio dell'amore è tempo di qualità insieme, trascorri più tempo con loro. Se il loro linguaggio d'amore è ricevere regali, allora compra un piccolo regalo che significhi qualcosa per entrambi. Se il loro linguaggio d'amore sono parole di affermazione, fagli un complimento e / o dì loro che ti amo. In questo modo saranno in grado di riconoscere le tue intenzioni più facilmente e di accettarle più prontamente.

Inizia dai canali esistenti che sono già aperti

Se il tuo rapporto con i tuoi genitori è molto aspro, inizia dai canali che sono già aperti.

Ad esempio, quali sono i punti di contatto tra te e i tuoi genitori oggi? Cene di famiglia mensili? Scambi di email occasionali? Telefonate sporadiche? Inizia da lì. E fatti strada.

Il mio rapporto con i miei genitori è andato peggiorando durante i miei anni preadolescenti. Innumerevoli discussioni, porte sbattute in faccia a metà durante i nostri litigi verbali, urla, urla addosso, ecc. Per questo motivo, quando ho cercato di migliorare la relazione (quando avevo 24 anni o giù di lì - circa sei anni fa ), molte porte tra noi erano state chiuse.

Questo è il motivo per cui quando ho cercato di avviare la nostra relazione su una nuova lavagna, ho dovuto affrontare un'enorme quantità di resistenza.