Come non lasciare che il perfezionismo ti rovini segretamente

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Mentre il perfezionismo è comunemente visto come il credere di voler essere perfetto o forse l'ossessione di desiderare che qualcosa sia esattamente giusto, essere un perfezionista può manifestarsi in altri modi sottili:

  • Dover controllare qualcosa solo un'altra volta
  • Procrastinare pensando che non sia il momento perfetto per iniziare qualcosa
  • Essere la prima persona a individuare sempre un errore

In realtà riflette più di quanto pensiamo e può essere una benedizione o una maledizione.

"Il perfezionismo è più che spingersi a fare del proprio meglio per raggiungere un obiettivo; è un riflesso di un sé interiore impantanato nell'ansia. " - Thomas S. Greenspon

Lo afferma Thomas S. Greenspon, psicologo e autore di un recente articolo su un "antidoto al perfezionismo", pubblicato su Psychology in the Schools [1]

In altre parole, il perfezionismo nasce da disagio, preoccupazione e dubbio piuttosto che da un semplice desiderio di base di fare le cose bene.

Sommario

  1. La psicologia dietro il perfezionismo
  2. In che modo il perfezionismo ti fotte segretamente
  3. Come cambiare la tua mentalità da perfezionista
  4. Considerazioni finali

La psicologia dietro il perfezionismo

Perché alcune persone sono così perfezioniste? Ci sono diversi motivi per cui questo tratto della personalità è più forte in alcuni rispetto ad altri ed è dovuto a una certa mentalità psicologica.

Mentre alcune persone prendono o lasciano gli errori come lezione, i perfezionisti li vedono come difetti personali. Si picchiano mentalmente e provano quel senso di fallimento, la stessa paura del fallimento da cui deriva il perfezionismo.

Un'altra fonte di perfezionismo è la questione dell'ego. Molte persone vogliono che le cose siano perfette perché hanno la mentalità di preoccuparsi di ciò che gli altri penseranno di loro - che saranno giudicate negativamente se qualcosa non è all'altezza di un certo standard.

Le esperienze infantili possono anche consentire al perfezionismo di evolversi nella tua personalità, soprattutto se hai imparato da un genitore o tutore che in qualche modo non puoi essere amabile se non sei perfetto. Questo trascende il tuo modo di pensare durante il lavoro e le relazioni fino all'età adulta.

E, naturalmente, le regole limitate durante i tuoi anni di istruzione possono insegnarti in giovane età che seguire le regole è importante ea tuo discapito se devi infrangerle in qualche modo o non rispettarle.

Come il perfezionismo ti fotte segretamente

Molte persone traggono conforto dall'essere un perfezionista, ma è un mito comune che il perfezionismo crei la perfezione.

Uno svantaggio è il tempo sprecato per realizzare qualcosa di apparentemente perfetto e in realtà ti fa diventare meno produttivo.

Dedicare più tempo a qualcosa può spesso essere un'illusione: pensiamo di migliorare qualcosa, ma quel tempo non è necessariamente tempo di qualità e potrebbe ostacolare le tue prestazioni.

Ad esempio, supponiamo che stavi lavorando a un progetto importante per il tuo dipartimento che ha rappresentato il 15% delle vendite per l'azienda e che ti sono voluti 4 mesi per completarlo. Mentre un altro collega ha completato un altro progetto in un mese che rappresentava solo il 7% delle vendite complessive dell'azienda. Anche se non ha raccolto più vendite, il tuo collega ha avuto il tempo di completare ulteriori progetti che hanno portato un totale del 21% delle vendite.

Questo è un esempio dell'idea che fallire velocemente è meglio che avere successo troppo lentamente. Quando fallisci velocemente, impari molto di più in un periodo di tempo più breve preparandoti per il successo futuro molto prima e questo è ciò che il perfezionismo può prevenire.

Come cambiare la tua mentalità perfezionista

Se ritieni che il tuo perfezionismo ti stia frenando, potrebbe essere il momento di cambiare le tue abitudini e il tuo modo di pensare. Esistono diverse strategie che puoi adottare per cambiare la tua mentalità perfezionista e migliorare il tuo successo nella vita.

1. Abbandona la mentalità "Tutto o niente"

Una mentalità comune quando si tratta di perfezionismo è che vuoi fare qualcosa bene o non vuoi affatto. Ma il problema con questo sta nel negare l'importanza del processo.

Il raggiungimento della grandezza deriva dall'esperienza e dalle conoscenze acquisite con questo processo, che ti offre la possibilità di ottimizzarle e applicarle per il successo futuro. Ciò riduce inavvertitamente la possibilità di fallimento nel complesso, nonostante ciò che la mente perfezionista potrebbe sforzarsi di negare.

2. Tieni a mente la regola dell'80 / 20 e del 70%

A volte è facile ignorare l'essenza di qualcosa quando si tratta di perfezionismo, ma finché l'essenza è evidente in qualunque cosa tu stia facendo, non ha bisogno della perfezione al 100%. Solo il 70% è tutto ciò di cui ha davvero bisogno per essere eccezionale e la messa a punto può essere eseguita in seguito. In questo modo vedrai il risultato finale più chiaramente aiutandoti a vedere i potenziali problemi.

La regola 80/20 è buona da tenere a mente: solo il 20% dei tuoi sforzi può raggiungere l'80% dei risultati. Più di questo non farà una grande differenza, inoltre ti dà quel margine di manovra per perfezionare i dettagli in un secondo momento.

3. Chiedi attivamente un feedback positivo

Il feedback è il peggior incubo di ogni perfezionista e sebbene sia l'ideale ricevere feedback sia positivi che negativi, questo è qualcosa che un perfezionista farebbe fatica a essere già consapevole di carenze e inadeguatezze. Pertanto, chiedere un feedback su base regolare può aiutare a contrastare questo problema e ad abituare la mente a un equilibrio di opinioni.

4. Separare i "Must Haves" da "Good to Haves"

Molte idee possono essere fantastiche a meno che il perfezionismo non sia la tua rovina. La priorità è la chiave qui, ma un perfezionista può trovare difficile tralasciare le idee che pensano dovrebbero essere incluse. Tuttavia, questo è dannoso per la qualità del tuo lavoro o progetto e può farti rimanere indietro o aggiungere ulteriore pressione su te stesso.

Prima di iniziare qualsiasi progetto, assicurati di creare un elenco dei "must have" e dei "good to have". Rendi i "must have" una priorità assoluta e includi solo i "good to have" se il tempo lo consente.