Come riprendersi con grazia dopo essere stato licenziato

Il CEO di Truity aspira a collegare la scienza della personalità con i problemi del mondo reale per aiutare le persone a sfruttare al meglio i loro punti di forza. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Che tu l'abbia visto arrivare o meno, essere licenziato è un vero shock e il suo impatto è spaventoso. Cosa hai sbagliato? Cosa dovresti fare dopo? Quando smetterai di essere così arrabbiato?

Ma ci sono modi per affrontare un licenziamento.

La cosa più importante è mantenere la calma e vederla come un'opportunità per riflettere, cambiare e migliorare. Questo è un ottimo momento per considerare cosa è successo, rivedere i tuoi bisogni e desideri e ricominciare da capo su una base più forte e costruttiva.

Diamo un'occhiata a come puoi riprenderti con grazia dopo essere stato licenziato.

1. Affronta lo shock di essere licenziato

Perdere il lavoro significa perdere la tua identità di lavoratore e di persona. Debbie Mandel, autrice di Addicted to Stress, afferma che 7 di noi su 10 si definiscono in base ai titoli di lavoro, poiché il lavoro è dove trascorriamo la maggior parte del nostro tempo e delle nostre energie.

Essere licenziati offende il tuo senso di autostima: significa semplicemente che non sei abbastanza bravo. Non c'è da meravigliarsi se ti senti confuso ed emotivo.

La prima cosa, quindi, è prendersi un po 'di tempo per digerire cosa è successo e affrontare il trabocco di sensazioni. Le persone che si riprendono rapidamente dal dolore di una perdita del lavoro tendono a fare due cose molto bene:

In primo luogo, accettano i loro sentimenti di tristezza, rabbia, paura e vergogna come parte del processo di guarigione naturale.

Secondo, si lamentano con un amico.

Non chiamare mai il tuo capo in ufficio o sui social media. È una brutta forma parlare male dell'azienda per cui lavori. Mantieni lo stile e il tuo datore di lavoro parlerà meglio di te quando avrai bisogno di un riferimento.

2. Stai lontano dalle regine del dramma

I licenziamenti di massa sono, purtroppo, molto comuni. Se questa è la tua situazione, potresti essere circondato da molte persone arrabbiate, che rimuginano e si lamentano del loro destino.

"Non è giusto!" dicono. “Dopo tutto quello che abbiamo fatto per questa azienda! Non ce lo meritiamo! "

Hai perso il lavoro ed è dura. Ma per favore resisti all'impulso di unirti alla negatività. La positività è di gran lunga l'atteggiamento più importante da applicare in questo momento. Se rimanere ottimisti significa che devi limitare la tua esposizione ai Nellies negativi, allora questo è quello che devi fare.

Ricorda, la vita non è più difficile per te di quanto lo sia per le altre persone su questo pianeta. Vivi in ​​una democrazia, hai libertà di scelta e godi di una certa abbondanza materiale.

Resta positivo e concentrati su ciò che sta andando bene nella tua vita e sulle entusiasmanti opportunità future a tua disposizione. Essere licenziato è solo una battuta d'arresto temporanea.

Rimanere in posizione potrebbe essere difficile in una situazione difficile, quindi questi suggerimenti possono aiutare:

3. Fai una pausa e lascia che la polvere si depositi

Invece di incappare direttamente in un altro lavoro che potrebbe non essere quello giusto, prenditi una breve pausa per riprenderti dalla perdita del lavoro. Hai bisogno di una o due settimane per eliminare lo stress e meditare sul passaggio successivo.

Sii attento al tuo bisogno di cura di te stesso durante questo intervallo. Tutto va così velocemente in questi giorni che spesso non ci fermiamo a pensare o ci diamo il permesso di fare un po 'di lutto.

Essere licenziati è un grande shock: hai bisogno di tempo per rimettere a fuoco e fare il punto della nuova realtà. Non complicarti le cose!

Quello che ti serve è fare una pausa e riflettere su te stesso:

4. Sii ancorato al presente

Dato che non hai più presa sul passato, ma non hai ancora progettato il tuo futuro, cerca di ricostruire te stesso con il presente. Cosa intendiamo con questo?

Intendiamo che in questo momento è l'unico momento in cui hai il controllo. Concentrati su questo invece di perderti nei ricordi o rivivere il terribile giorno in cui sei stato licenziato più e più volte nella tua testa.

Alzati alle 7 del mattino ogni giorno, qualunque cosa accada. Il corpo ha bisogno di ritmo e abitudini. Ti sentirai molto più energico se mantieni una routine costante. Mantieni uno stile di vita sano, rivisita il tuo budget, fai sport, fai volontariato. Prenditi cura delle cose pratiche come rivendicare la disoccupazione. Goditi i piccoli piaceri della vita quotidiana.

Quando sei impegnato, non c'è spazio per il critico interiore per sollevarsi e farti deragliare. Resta attivo e otterrai più della preziosa energia di cui hai così tanto bisogno per andare avanti.

Prova queste cose per aiutarti a vivere il momento:

5. Comprendi il "perché"

Ci sono molti motivi per cui le persone vengono licenziate. A volte l'errore è tuo ed è imbarazzante ammettere che ti sei tirato indietro in questo angolo.

Altre volte non è colpa tua. Le aziende cambiano continuamente direzione: forse la tua sta attraversando un'importante transizione o fusione e il tuo lavoro sta scomparendo.

In ogni caso, per chiudere la situazione, devi capire perché sei stato licenziato. Cosa è scivolato? Cosa avresti potuto fare diversamente? Il tuo capo voleva davvero prenderti o hai fatto qualcosa per mettere a repentaglio il tuo lavoro?

Sii onesto con te stesso. Non è facile ammettere che potresti aver lasciato cadere la palla, ma è l'unico modo per trasformare la situazione in un'esperienza di apprendimento. Chiediti:

Quali competenze devi migliorare?

C'è formazione a cui puoi accedere o apprendimento che puoi svolgere?

Alla fine, questo lavoro ti è piaciuto così tanto? Eri felice lì?

Riflettere su queste domande può aiutarti a mettere le cose in prospettiva. Quali lezioni puoi imparare per evitare di riprodurre lo stesso schema nel tuo prossimo lavoro?

6. Scopri se eri la persona giusta

Le decisioni di assunzione alla fine dipendono dalla personalità. Puoi studiare per un colloquio quanto vuoi, ma ogni candidato scelto per il colloquio ha le giuste credenziali per il lavoro.

La decisione finale dipende dalla personalità. Chi piace di più al reclutatore? Chi è più adatto alla cultura aziendale? Questa è la persona che è fortunata.

Anche le decisioni di licenziamento si basano sulla personalità. Rilassarsi, insubordinare e giocare liberamente con le regole aziendali: questi sono i motivi ufficiali per cui le persone vengono licenziate.

Ma tutte queste ragioni si riducono a una cosa: la personalità. In particolare, segnalano uno scontro di personalità tra un dipendente e un manager o l'adattamento di un dipendente alla cultura aziendale.

Ecco un esempio:

Supponi di essere stato licenziato per "non essere un giocatore di squadra". Alcune persone, vale a dire gli introversi, perdono energia quando sono circondate da altre persone e guadagnano energia quando sono da sole. Costringere un introverso a lavorare continuamente in una squadra impegnata e rumorosa senza periodi di riposo solitario significa che il lavoro è una missione impossibile. Questa dipendente non si esibirà mai al meglio.

O che ne dici di quando il quotidiano Kansas City Star ha licenziato Walt Disney per una percepita mancanza di immaginazione? Parla di uno scontro di personalità! [1]

Essere licenziato può essere un segnale per voltarsi verso l'interno e riflettere su se stessi in modo da poter comprendere meglio la propria personalità e come potrebbe adattarsi alla cultura aziendale.

In particolare, le valutazioni della personalità basate sui sedici tipi di personalità di Isabel Briggs Myers possono aiutarti a capire il tuo stile di lavoro e come puoi trovare un lavoro e un posto di lavoro che corrispondono meglio a chi sei veramente.

In molti casi, è totalmente liberatorio rendersi conto che tutta la schifezza che hai dovuto affrontare era solo uno scontro di stili di lavoro e non qualcosa che hai fatto di sbagliato!

7. Riscopri i tuoi punti di forza e i tuoi talenti

Un test della personalità può anche darti un'idea chiara dei tuoi punti di forza, debolezza, motivazioni e potenziale lavorativo. Hai capacità di leadership? Come comunichi e gestisci i conflitti? Quali vantaggi aggiungete a un'organizzazione?

Identificare il tuo stile di lavoro dovrebbe essere la tua massima priorità in questo momento, altrimenti rischi di accettare una nuova posizione che ha tutti gli stessi problemi di prima. L'ultima cosa che vuoi è riprodurre gli stessi vecchi drammi la prossima volta.

Quando diventi consapevole del tuo potenziale, avrai la sicurezza di cercare e trovare il tipo di lavoro che ami.

Ad esempio, essere stato licenziato dal tuo lavoro bancario potrebbe averti messo di traverso. Ma hai alcune abilità stellari nella decorazione della casa e un test della personalità mostra che sei curioso, flessibile, razionale e resiliente: tutti i tratti di imprenditori di successo. Forse questo licenziamento è un'opportunità per avviare l'attività che hai sempre sognato ma che non hai mai osato ammettere a te stesso?

Considerando tutte le tue abilità e talenti speciali, aumenti le tue possibilità di trovare un lavoro che ti piacerebbe davvero, e non solo quello che puoi fare.

8. Ottieni la parola

A questo punto, dovresti essere pronto per agire e andare avanti con la tua ricerca di lavoro. Non addolciamo la situazione: trovare un nuovo lavoro è difficile. È utile avere un'idea chiara della direzione in cui vuoi andare, un elenco di tutte le tue abilità di crossover e un curriculum appena rifinito.