Come parlare dei tuoi punti di forza e di debolezza nelle interviste

Denise condivide consigli sulla psicologia e sulla comunicazione su Lifehack. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Chiunque abbia mai sopportato le gioie di un colloquio di lavoro si è probabilmente trovato di fronte a qualche variazione della temuta domanda "parlami dei tuoi punti di forza e di debolezza". Questa domanda è incredibilmente oscura e difficile da affrontare. Dovresti rispondere onestamente?

"I miei punti di forza sono che sono l'anima della festa, non uso droghe pesanti, sono alto e ho un grande senso dell'umorismo. I miei punti deboli sono che sono sempre in ritardo, ho problemi con autorità, ruba forniture per ufficio e ama raccontare barzellette sporche durante le riunioni "

Oppure, dovresti dare una risposta che è vaga e in cui i tuoi punti deboli sono in realtà punti di forza sotto mentite spoglie, come:

"Sono un gran lavoratore, un pensatore logico e analitico e lavoro bene con gli altri. I miei punti deboli sono che a volte lavoro troppo, sono un perfezionista, sono sempre troppo preparato e rispetto ogni scadenza - non importa quanto sia impossibile ... "

Anche se la prima risposta è incredibilmente onesta e il datore di lavoro sa esattamente cosa sta ricevendo, probabilmente non verrai assunto. La seconda risposta è ovvia cazzata e anche se potresti essere assunto, essenzialmente ti sei preparato per fallire. Hai anche dimostrato al personale addetto alle assunzioni che ti manca la capacità di riflettere personalmente e autoanalizzarti.

Perché gli intervistatori fanno domande sui punti di forza e di debolezza?

Prima di immergerci e lavorare su come rispondere a questa domanda, è importante capire perché l'intervistatore lo chiede. Il motivo principale per cui il responsabile delle assunzioni o il team pone questa domanda [1] è cercare di determinare se possiedi qualità che ti consentiranno di avere successo. Vogliono anche sapere quali qualità hai che potrebbero ostacolare le tue prestazioni lavorative. Semplice come sembra.

Come rispondere alla domanda sui punti di forza e di debolezza

Ora che sai perché gli intervistatori fanno questa domanda e cosa stanno cercando, puoi creare una risposta su misura per soddisfare accuratamente questa domanda. Diamo prima un'occhiata ai punti di forza:

Come discutere i tuoi punti di forza

Adatta i tuoi punti di forza in modo che corrispondano specificamente alla descrizione del lavoro

Quando affronti domande sui tuoi punti di forza e di debolezza, tieni sempre a mente la descrizione del lavoro e i doveri. Evidenzia i punti di forza che sono adatti per quel particolare lavoro. Cerca di includere un linguaggio simile a quello che c'era nella descrizione del lavoro. Ecco un esempio:

Stai facendo domanda per una posizione basata su un progetto che richiede molta collaborazione, incontri e interazione con altri colleghi. Vorresti che i tuoi punti di forza si concentrassero sull'affrontare queste aree. Alcune cose che potresti elencare sono: scadenze guidate, giocatore di squadra, comunicatore efficace, abilità delle persone eccezionali e risolutore di problemi. Molto probabilmente non vorrai sottolineare che lavori meglio da solo e sei un eccellente lavoratore indipendente. I punti di forza che evidenzi devono corrispondere alla descrizione del lavoro.

Assicurati che i tuoi punti di forza siano in linea con la missione e il sistema di valori dell'organizzazione

Allineare i tuoi punti di forza con i valori dell'organizzazione ti aiuta ad aiutare il funzionario incaricato delle assunzioni a vedere più chiaramente che sei fatto per la posizione e che si adatta alla cultura dell'azienda. Fai qualche ricerca prima del colloquio e determina i valori dell'organizzazione.

Ad esempio, se un'azienda tecnologica ha sul proprio sito web la seguente frase: "... fornendo soluzioni pratiche e innovative per tutte le tue esigenze tecnologiche ...", potresti includere nel tuo elenco di punti di forza: pensiero creativo, innovativo e pragmatico.

Essere in grado di spiegare e fornire un esempio concreto per ogni punto di forza

Il modo migliore e più efficiente per attaccare questo è fornire un esempio che dimostri molteplici punti di forza. Questo è il modo più rapido e conciso per rispondere a questa parte della domanda senza continuare a parlare di te stesso. Comunica anche che sei preciso e preparato.

Diciamo che stai facendo un colloquio per una posizione come responsabile delle vendite e i tuoi punti di forza sono: sei bravo con le persone, sei un eccellente comunicatore e sei flessibile. Potresti dire:

"I miei punti di forza sono: sono bravissimo con le persone, un eccellente comunicatore e sono molto flessibile. Un ottimo esempio di ciò è che in un'occasione nella mia ultima posizione come addetto alle vendite, mi sono trovato di fronte a un cliente arrabbiato che ha fatto irruzione nel negozio chiedendo un rimborso completo per un acquisto recente. Il cliente aveva acquistato merce online, non aveva una ricevuta per l'articolo o alcuna prova di acquisto. La nostra politica del negozio prevedeva che gli acquisti online fossero solo cambio o credito negozio .

Sono riuscito a calmare il cliente e ad ascoltare attentamente il suo reclamo. Ho stabilito che il cliente aveva acquistato il prodotto sbagliato. Ho spiegato come funzionavano entrambi i prodotti e le differenze tra i due. Il cliente ha scambiato volentieri il prodotto originale con quello nuovo e più costoso e ha pagato felicemente la differenza di prezzo tra i due. "

Il candidato è stato in grado di fornire tre punti di forza specifici del lavoro e di sostenerli con prove solide. Quando prepari la tua risposta a questa domanda prima dell'intervista, fornisci due o tre esempi nel caso in cui ti chiedano di più e per darti delle opzioni, nel caso in cui uno sia più appropriato dell'altro.

Come discutere i tuoi punti deboli

Discutere i punti deboli può essere un po 'più complicato che discutere i tuoi punti di forza. Se l'intervistatore pone la domanda in cui sono raggruppati come: "Quali sono i tuoi maggiori punti di forza e di debolezza?" Una buona regola pratica è discutere prima i punti deboli [2] e concludere con una nota positiva. Ecco tre cose da tenere a mente quando parli dei tuoi punti deboli:

Sii autentico

Dai una risposta che tocchi legittimamente un'area in cui hai difficoltà. Fornire una risposta onesta ti rende più autentico, affidabile e credibile. È anche molto più facile discutere di qualcosa con cui ti connetti sinceramente rispetto a qualcosa che hai inventato per il momento.

Un ottimo esempio potrebbe essere il fatto che sei un pensatore globale o "quadro generale". Potresti spiegare che a volte puoi preoccuparti eccessivamente del quadro generale e perderti alcuni dettagli più piccoli.

Assicurati che la debolezza sia minore e non influirà direttamente sulle tue prestazioni lavorative

Scegli i punti deboli che sono relativamente piccoli, non influenzeranno direttamente le tue prestazioni lavorative, non sono in contraddizione con la missione e i valori fondamentali dell'organizzazione e non riflettono male il tuo carattere e la tua integrità. Quindi potresti non voler divulgare che sei un bugiardo compulsivo, un ladro meschino, usi droghe o tradisci le tue tasse.

Se stavi facendo domanda per un lavoro come contabile del personale, potresti scegliere come punto debole: parlare in pubblico, delegare compiti ed essere un po 'troppo diretto, a volte.

Metti la tua debolezza in una luce positiva e astieniti dal continuare a parlarne. Non essere eccessivamente critico con te stesso ed evita l'autoironia. Il trucco qui è trovare un equilibrio tra l'essere onesti e umili, pur mantenendo la tua fiducia.

Dichiara la tua debolezza e risolvila con una soluzione

La cosa migliore della domanda "descrivi i tuoi punti deboli" è che le nostre carenze, indipendentemente da quali siano, sono risolvibili. Questa domanda ti offre l'opportunità di dimostrare che sei consapevole di te stesso, che possiedi le tue carenze e che stai lavorando in modo proattivo per correggerle.

Diamo un'occhiata all'esempio sopra. Se ti stai candidando per una posizione come contabile del personale e i tuoi punti deboli sono parlare in pubblico, delegare compiti ed essere un po 'troppo diretto a volte, potresti strutturare la tua risposta in questo modo:

"Un punto debole che ho è che non mi piace parlare di fronte a grandi gruppi. Per aiutarmi in questo settore, considero una priorità essere ben preparato quando devo parlare. Inoltre assicurati di avere una buona serie di argomenti di discussione con me se so che c'è la possibilità che mi venga chiesto di parlare, improvvisamente, in una riunione su larga scala. Sono anche un membro del Toastmasters Club [3] quindi lo sono fiducioso e comunico bene, ma a volte sento ancora le farfalle.

Un altro dei miei punti deboli è che tendo a fare un lavoro extra invece di delegarlo. Per aiutare in questo, è importante essere consapevoli dei punti di forza e delle attitudini delle persone che potrebbero aiutare con questi compiti. In questo modo so immediatamente chi deve eseguire il compito e sono sicuro che il lavoro verrà svolto bene.

A volte posso anche essere un po 'diretto. Per aiutarmi a capire e impedirmi di essere eccessivamente diretto, ho istituito la mia regola personale di cinque minuti per la comunicazione scritta. Quindi, creo un'e-mail, la metto da parte per cinque minuti e poi torno indietro e trovo almeno tre posti in cui posso ammorbidire un po 'la lingua e poi premo invia. Ci vogliono alcuni minuti in più, ma quei minuti in più sarebbero spesi per spiegare cosa intendevo o scusarmi per essere così schietto. Mi piacciono davvero i miei colleghi e lavoro davvero per essere un piacevole professionista. "