Come rompere un'abitudine e hackerare facilmente il loop delle abitudini

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

C'è qualcosa che ami o che non riesci a smettere di fare ogni giorno? Forse devi assolutamente iniziare la giornata con un caffè o non sarai in grado di funzionare. Oppure devi andare a correre ogni sera. Forse è qualcosa di più sottile, come far roteare i capelli ogni volta che sei in profonda riflessione, o battere le dita ogni volta che ti senti impaziente.

Prenditi del tempo adesso per pensare a qualcosa di specifico che ti ritrovi a fare tutto il tempo. Come si è formata quell'abitudine? È qualcosa che vuoi continuare a fare o è qualcosa che preferiresti eliminare? E, soprattutto, in che modo influisce sulla tua vita?

Quando si tratta di abitudini e routine, la maggior parte delle persone desidera imparare a controllarle. Che si tratti di smettere di fumare, eliminare il cibo spazzatura o andare a letto presto, le abitudini possono essere difficili da controllare. Sono davvero piuttosto subdoli poiché sono comportamenti che si sviluppano e si verificano inconsciamente; ma hanno anche il maggiore impatto sul risultato dei nostri successi, che tu te ne renda conto o meno.

Imparare a rompere un'abitudine può essere difficile, ma ne varrà la pena se ti prendi il tempo per violare il loop delle abitudini.

Come le abitudini governano la tua vita

Molte persone non considerano le abitudini un fattore chiave del loro successo personale perché le vedono semplicemente come routine. Le abitudini sono buone o cattive, e questo è quanto la maggior parte delle persone andrebbe. Non sono necessariamente collegati al successo personale.

Questo perché la maggior parte delle persone pone l'accento su fattori esterni quando guarda al successo. Possono prendere in considerazione la fortuna, l'istruzione o il contesto familiare per determinare il successo. Sebbene le abitudini siano in gran parte interne, spesso vengono trascurate.

La verità è che le abitudini sono un fattore fondamentale che governa quasi ogni aspetto della nostra vita. Rappresentano la stragrande maggioranza delle nostre azioni quotidiane dal grande al piccolo: la tua routine mattutina, dove di solito pranzi, o anche il percorso che prendi per andare al lavoro e tornare a casa. Queste sono tutte abitudini!

Se sei una persona che ha una forte forza di volontà o un'alta soglia di disciplina, allora fantastico! Potresti scoprire che rompere una cattiva abitudine o attenersi a una nuova buona abitudine non è troppo difficile. Tuttavia, per la stragrande maggioranza di noi, questo può essere un vero problema.

Per fortuna, le abitudini non dipendono solo dalla forza di volontà. Le persone di successo sono in grado di guidare attivamente le proprie abitudini e utilizzarle come strumento per creare input o azioni coerenti e sistematiche verso un risultato che vogliono ottenere.

Puoi vedere alcune cattive abitudini che possono influire negativamente sulla tua vita nel seguente video:

Allora come impari a rompere un'abitudine?

Decostruire un'abitudine

Per fortuna, le abitudini possono essere domate e, una volta acquisito il pieno controllo su di esse, realizzerai il loro vero potenziale nel guidare la tua vita verso risultati e progressi maggiori.

Quindi, lascia che ti decostruisca un'abitudine.

Il modo in cui si forma un'abitudine può essere descritto come un ciclo di abitudini. Questo è un ciclo che governa il modo in cui ogni abitudine si forma e funziona [1].

È costituito da tre componenti chiave:

  1. Cue
  2. Routine
  3. Ricompensa

Un segnale è qualcosa che fa scattare la tua abitudine. Potrebbe essere un evento, un'azione, un sentimento, persone o persino uno stato emotivo.

Routine

Una routine è il comportamento che segue dopo che la tua abitudine è stata attivata. Poiché le abitudini dipendono dal "pilota automatico", una routine è solitamente la stessa sequenza di azioni che viene eseguita ogni volta.

Ricompensa

Una ricompensa è il rinforzo positivo che il tuo cervello identifica con la routine che hai appena inserito. Associa la routine alla stecca; quindi, il tuo cervello si ricorda di ripetere il comportamento di nuovo per ottenere la stessa ricompensa in futuro.

Guardando questo semplice loop, puoi vedere che il colpevole di qualsiasi cattiva abitudine inizia dal segnale. Questo è ciò che innesca l'inizio del ciclo delle abitudini e rende così difficile imparare come rompere un'abitudine [2].

Usiamo un esempio popolare di cattiva abitudine: il fumo.

Forse potresti sentirti stressato (spunto) dopo un lungo incontro; decidi di fare una piccola pausa e accendere una sigaretta (routine). Mentre fumi, inizi a sentirti calmo e rilassato dalla corsa alla nicotina, dandoti una sensazione fisica di soddisfazione (ricompensa). Di conseguenza, continui con questa routine ogni volta che ti senti stressato o desideri rilassarti.

Qui puoi vedere che i segnali sono il punto di partenza per ogni volta che segui un ciclo di abitudini. Teoricamente, senza lo spunto per attivare la tua abitudine, la tua routine o il tuo comportamento non seguiranno e la ricompensa non sarà raggiunta. Quando una qualsiasi parte del ciclo delle abitudini viene interrotta, questo è un potenziale punto debole, che puoi utilizzare per aiutarti a rompere l'abitudine.

Come assumere il controllo dei tuoi segnali

Ciò significa che il primo passo per controllare le tue abitudini è prendere il controllo dei tuoi segnali. Torna all'abitudine specifica a cui ti avevo chiesto di pensare all'inizio. Riesci a identificare il segnale che dà il via alla tua abitudine?

Ora, pensa a un'altra abitudine che hai. Delle due abitudini che hai identificato, quale è più prominente nella tua vita quotidiana? Ora confronta i due potenziali segnali per ciascuna abitudine. Sono di natura diversa?

Poiché i segnali sono la scintilla per la formazione di qualsiasi abitudine, uno dei motivi principali per cui le abitudini non sono uguali è perché ognuna ha una qualità diversa di segnali. Alcuni segnali sono solo più efficaci di altri. Più un segnale è regolare, più è probabile che si formi l'abitudine. Più stabile è un segnale, in quanto raramente è influenzato da fattori esterni, è anche più probabile che l'abitudine si formi.

Anche se parliamo di regolarità e stabilità, il tempo è essenziale. Più breve è l'intervallo di tempo in cui si ripete una stecca, più efficace diventa una stecca. Qualunque cosa più di una settimana significa che un segnale diventa molto meno efficace.