Come utilizzare la legge di Parkinson per ottenere di più in meno tempo

Editor, content marketer, product manager e scrittore con oltre 12 anni di esperienza nel settore delle startup, del design e dei media digitali tecnologici. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Il lavoro si espande per riempire il periodo di tempo disponibile per il suo completamento. Se ti piace la produttività, conoscerai questo proverbio come legge di Parkinson.

Questa interessante affermazione fu fatta da Cyril Northcote Parkinson [1], il famoso storico e autore britannico, nel 1955, apparendo per la prima volta come riga di apertura in un articolo per The Economist e successivamente diventando il fulcro di uno dei libri di Parkinson, Legge: la ricerca del progresso.

Parkinson era qualificato per fare una simile dichiarazione, avendo lavorato per il servizio civile britannico e avendo visto in prima persona come funziona la burocrazia. La burocrazia stessa è un sottoprodotto della nostra cultura, grazie alla convinzione limitante che lavorare di più sia in qualche modo meglio che lavorare in modo più intelligente e veloce.

La legge di Parkinson: la quantità di lavoro si espande per riempire il tempo disponibile per il suo completamento, significa che se ti concedi una settimana per completare un'attività di due ore, allora (psicologicamente parlando) l'attività aumenterà in complessità e diventerà più scoraggiante tanto da riempire quella settimana [2]. Potrebbe anche non riempire il tempo extra con più lavoro, ma solo stress e tensione per doverlo portare a termine.

Assegnando la giusta quantità di tempo a un'attività, guadagniamo più tempo e l'attività si ridurrà in complessità al suo stato naturale [3].

Una volta ho letto una risposta alla legge di Parkinson in cui si insinuava che se si trattasse di un'osservazione accurata, si sarebbe in grado di assegnare un limite di tempo di un minuto a un'attività e l'attività diventerebbe abbastanza semplice da completare entro quel minuto.

/ p>

Tuttavia, la legge di Parkinson è semplicemente un'osservazione, non una magia voodoo. Funziona perché le persone assegnano le attività più a lungo del necessario, a volte perché desiderano un po 'di "spazio per le gambe" o un buffer, ma di solito perché hanno un'idea gonfiata di quanto tempo richiede il completamento dell'attività. Le persone non sono pienamente consapevoli della velocità con cui alcune attività possono essere completate finché non testano questo principio.

La maggior parte dei dipendenti che sfidano la regola non scritta del "lavorare di più, non in modo più intelligente" sa che, nonostante il maggiore ritorno sull'investimento per l'azienda, non è sempre apprezzato. Ciò è correlato all'idea che più tempo ci vuole per completare qualcosa, migliore sarà la qualità intrinseca.

Per fortuna, la tendenza all'aumento del lavoro in telelavoro sta cambiando le cose per quei fortunati primi utenti, ma solo perché i datori di lavoro non hanno idea di cosa stai facendo con tutto quel tempo libero!

Diamo un'occhiata ad alcuni modi in cui puoi applicare la legge di Parkinson alla tua vita, far controllare la tua lista di cose da fare più rapidamente e dedicare meno tempo alla giornata lavorativa solo per sembrare occupato. Ciò è importante sia che si lavori in ufficio che a casa, poiché "lavorare di più, non in modo più intelligente" è un'idea culturale di cui molte persone cadono preda anche quando nessuno supervisiona il loro lavoro.

Correndo contro il tempo

Quando inizi con la legge di Parkinson, fai un elenco delle tue attività e dividile per il tempo necessario per completarle. Quindi concediti metà del tempo per completare ogni attività. Devi vedere come cruciale il limite di tempo. Trattalo come qualsiasi altra scadenza.

Parte del ribaltamento di ciò con cui siamo stati indottrinati (lavorare di più, non in modo più intelligente) è vedere le scadenze che ti sei prefissato come indistruttibili, proprio come le scadenze fissate dal tuo capo o dai clienti.

Usa quel desiderio umano e istintivo di competizione che alimenta industrie come lo sport e i giochi per fare in modo che funzioni per te. Devi vincere contro il tempo; sforzati di batterlo come se fosse il tuo avversario, senza prendere scorciatoie e produrre output di bassa qualità. Ciò è particolarmente utile se hai difficoltà a prendere sul serio le tue scadenze.

Migliora al momento del giudizio

All'inizio, questo sarà in parte un esercizio per determinare quanto siano accurate le proiezioni temporali per le attività. Alcuni potrebbero essere perfetti per cominciare, e alcuni potrebbero essere gonfiati se non sei abituato a usare la legge di Parkinson.

Quelli che sono perfetti potrebbero essere quelli con cui non sei in grado di battere il tempo quando dimezzi il tempo assegnato, quindi sperimenta con tempi più lunghi. Non tornare direttamente all'assegnazione del tempo originale perché potrebbe esserci un periodo ottimale nel mezzo.

Se lavori al computer, un timer digitale sarà molto utile quando inizierai a farlo. Ti farà anche risparmiare un po 'di tempo, perché un timer ti consente di vedere a colpo d'occhio quanto tempo hai a disposizione. Usare il tuo orologio implica alcune addizioni e sottrazioni!

Schiaccia gli scarafaggi del mondo della produttività

Quando si implementa la Legge di Parkinson, cercare quei piccoli riempitivi di tempo, come la lettura di e-mail e feed, che di solito si potrebbe pensare richiedano dieci o venti (o addirittura, dio non voglia, trenta!) minuti. Questi sono gli "scarafaggi" del mondo della produttività: piccoli parassiti che non fanno altro che rendere la tua vita un rompicapo, dolori di cui non riesci a sbarazzarti, non importa quanto corri per casa con una scarpa o spray per insetti.

Invece di fare il comodo controllo della posta mattutino di 20-30 minuti, concediti cinque minuti. Se sei pronto per una sfida, fallo meglio e concediti due minuti.

Non prestare più attenzione a queste attività finché non avrai completato tutto nella tua lista di cose da fare quel giorno, a quel punto puoi dedicarti alla lettura di e-mail, social networking e lettura di feed a tuo piacimento.

Impara a dare priorità

Si tratta di attività in cui il 10% di ciò che fai è importante e il 90% è assolutamente inutile quando si tratta della legge di Parkinson. Questo ti costringe a occuparti delle attività importanti: feed che devi leggere per migliorare il tuo lavoro (ad esempio, se sei un web designer che ha bisogno di documentarti su nuove pratiche) e e-mail che sono effettivamente alte- priorità.

Sperimenta fino a che punto puoi arrivare. Rendi i tuoi criteri per ciò che rende importante un'e-mail molto severi e le sanzioni dure! Ciò significa utilizzare il pulsante Elimina, comunque: non sto sostenendo la violenza contro i tuoi colleghi.