Cosa fa la differenza tra introversi ed estroversi?

Editor. Amante dello sport. Amante degli animali. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Una conversazione venerdì sera.

"Andiamo nei bar del centro. Ho sentito che ci sarà una grande festa. Sarà davvero divertente! "

"Nah, ho 300 pagine da leggere questo fine settimana."

'Dai, non essere così scoraggiante. Due ore, va bene? "

"Ehm ... preferirei ..."

"Sei davvero così timido?

'Preferisco semplicemente stare da solo. Fuori è stancante. "

Tipici tratti introversi ed estroversi, giusto?

Gli introversi sono timidi e vogliono sempre stare da soli. Gli estroversi sono estroversi.

Questo è un grave malinteso di introversi ed estroversi. Gli estroversi pensano che gli introversi non escano mai dalla loro stanza; mentre nella mente degli introversi, gli estroversi stanno sempre fuori dalla loro stanza. Questo è un puro malinteso tra i due.

E se fosse perché devono farlo?

Abbiamo sbagliato: siamo tutti ibridi

Le origini dei termini "introverso" ed "estroverso" possono essere fatte risalire agli anni '20, quando uno psicologo svizzero Carl Jung coniò i due termini per creare un contrasto tra due distinti tipi di personalità.

In effetti, introversione ed estroversione non sono mai due qualità che si escludono a vicenda. Più precisamente, si trovano alle due estremità opposte di uno spettro. Nel frattempo, ognuno di noi cade da qualche parte tra i due estremi, differendo solo per la misura in cui siamo più introversi o estroversi. Come ha detto Carl Jung,

Non esiste un puro introverso o estroverso. Una persona del genere sarebbe nel manicomio.

▲ Nessuno è un puro introverso o estroverso.

Non abbiamo scelta. I nostri cervelli sono i capi.

Gli introversi e gli estroversi possono comportarsi in modo molto diverso agli occhi delle persone. Si potrebbe pensare che sia solo la loro preferenza a lavorare in questo modo. Tuttavia, in realtà è il loro cervello che fa la differenza. Non hanno altra scelta che affrontarla.

In che modo è diverso il loro cervello?

Gli estroversi hanno fame di stimoli, mentre gli introversi hanno molto in serbo

Gli estroversi sembrano socievoli e cercano sempre di essere al centro dell'attenzione. Ciò è in effetti dovuto alla loro sensibilità agli stimoli relativamente più debole.

Ecco perché devono cercare in modo proattivo stimoli esterni per raggiungere un equilibrio funzionale per le loro menti.

Hans Eysenck, uno psicologo tedesco, definisce gli estroversi analizzando la loro eccitazione di base. Il risultato rivela che gli estroversi hanno un'eccitazione di base inferiore. Di conseguenza, devono essere coinvolti in attività più elettrizzanti per ottenere soddisfazione mentre gli introversi, con un'eccitazione di base più elevata, sono più facilmente soddisfatti.

Al contrario, gli introversi sono molto più sensibili agli stimoli. Quindi scelgono di sfuggire agli stimoli per evitare di essere sopraffatti. In effetti, è difficile per loro esibirsi normalmente se sono costantemente sotto l'influenza di stimoli.

Quando si tratta di ricaricare, gli introversi e gli estroversi cercano modi completamente diversi come previsto. Gli introversi guadagnano energia rimanendo soli, mentre gli estroversi si ricaricano attraverso l'interazione sociale.

Gli introversi prendono la strada più lunga, mentre gli estroversi scelgono la scorciatoia

Ti sei mai chiesto perché gli estroversi pensano e prendono decisioni molto più rapidamente degli introversi?

In primo luogo, è perché la corteccia prefrontale nel cervello degli introversi è molto più spessa di quella degli estroversi. La corteccia prefrontale è un'area responsabile del pensiero e della pianificazione profondi. Ecco perché gli introversi preferiscono passare più tempo a rimuginare ogni volta che hanno bisogno di prendere decisioni o incontrare qualche problema.

▲ Il cervello degli introversi è come un sistema di trasporto complesso, mentre il cervello degli estroversi è come un'autostrada semplice.

In secondo luogo, quando si tratta di elaborare le informazioni, gli introversi seguono un percorso più lungo e complicato. Il percorso attraversa aree associate alla memoria, alla pianificazione e alla risoluzione dei problemi.

Al contrario, gli estroversi prendono una strada molto più breve. La scorciatoia attraversa principalmente le aree responsabili dell'elaborazione sensoriale.

A causa dei diversi percorsi che scelgono, gli estroversi tendono a parlare e ad agire rapidamente, mentre gli introversi hanno bisogno di più tempo per trovare una risposta.

Introversi ed estroversi reagiscono in modo diverso ai volti umani

A parte la differenza strutturale del cervello, gli introversi e gli estroversi rispondono in modo diverso ai volti umani. Quando viene data un'immagine del volto umano e un'immagine della natura selvaggia, gli estroversi raggiungono più vigorosamente quella del volto umano. Gli introversi, d'altra parte, rispondono più o meno allo stesso modo a entrambe le immagini.

Ovviamente non significa che gli introversi non sentano nemmeno nulla da nessuna interazione. Si sentono solo meno forti. Non si sentono così eccitati e richiedono un'interazione sociale relativamente minore per ottenere soddisfazione. Hanno ancora bisogno della vita sociale.

Gli stereotipi sulla personalità sono terribili quanto gli stereotipi di genere…

Gli stereotipi di introversi ed estroversi sono profondamente radicati nella mente di tutti. Gli introversi sono associati alla "timidezza" e alla "preferenza di essere soli", mentre gli estroversi sono associati alla "estroversione" e alla "brava a parlare".

Non è vero.

Gli introversi in realtà possono persino essere un oratore pubblico migliore per il loro pensiero profondo e completo. Gli estroversi che hanno interessi diversi in argomenti diversi sono più bravi ad affrontare le chiacchiere.

Gli introversi non preferiscono la solitudine. Evitano semplicemente di essere sopraffatti dagli stimoli a causa della loro elevata sensibilità agli stimoli. Pertanto, sono a favore di una conversazione ravvicinata con un piccolo gruppo di persone. Al contrario, gli estroversi hanno bisogno di stimoli esterni quindi preferiscono divertirsi con un gran numero di persone.

Non riesci a metterti in relazione con i due campi? Ecco il terzo per te

Fino ad ora ci siamo concentrati sulle persone sui due lati del continuum "introverso-estroverso". E quelli nel mezzo?

Ambivert, è così che li chiamiamo.

Porsi queste domande:

1. Preferisci il tempo da solo mentre ami anche le persone?

2. Alcune situazioni ti fanno sentire estroverso mentre altre riservate?

3. Hai difficoltà a classificarti come introverso o estroverso?

Se la tua risposta è sì a queste domande. Probabilmente sei un ambiverso.

Gli ambiversi sono coloro che possiedono tratti sia da introversi che da estroversi. Mostrano qualità di entrambi gli estremi in situazioni diverse.

Ad esempio, potresti sentirti a disagio in un night club pieno di gente ma ti senti eccitato quando sei con i tuoi compagni di classe a scuola. Ti senti a disagio con un gruppo di estranei mentre sei estroverso con i tuoi amici.

La maggior parte delle persone sono in realtà ambigue. Come l'affermazione all'inizio, introverso ed estroverso sono solo due estremi.

Trova la lingua comune. Dopotutto, non proveniamo da due pianeti diversi.

Introversi ed estroversi non sembrano andare d'accordo tra loro.

Riconoscere e accettare la differenza tra i due può creare l'ambiente migliore per la convivenza.

Consigli per introversi:

Per gli introversi, devi mettere i tuoi cari leggermente davanti al tuo lavoro. Può sembrare scomodo, ma il punto principale è cercare un comodo equilibrio tra lavoro e vita sociale. Fai attenzione a non abbandonare completamente la tua cerchia sociale.

Socializzare con gli altri è necessario. Capisci di avere un'energia limitata da risparmiare, quindi spendile con saggezza. Dividilo equamente per il tuo lavoro e la tua cerchia sociale.

Inoltre, è importante lasciarti un po 'di spazio per ricaricare. Non dedicare mai completamente tutto il tempo agli altri. Altrimenti sarai presto esausto mentalmente e fisicamente. Concediti almeno un giorno alla settimana per ricaricare.

Trovare un equilibrio è il punto principale.

Consigli per gli estroversi:

Estroverso, d'altra parte, devi capire la differenza. Non forzare gli introversi fuori dalla loro zona di comfort. Invece, scopri quando i tuoi amici introversi sono a posto per uscire. Forzarli quando non vogliono finisce in modo disastroso. Nessuno sarà contento alla fine. Puoi comunicare con loro il tuo programma e cercare il miglior piano possibile per soddisfare entrambe le parti.

Se, sfortunatamente, i tuoi amici sono per lo più introversi e ti senti ancora insoddisfatto dopo i tentativi di compromesso, prova allora ad espandere le tue cerchie sociali. Unisciti ai club, impara alcune nuove abilità. Anche il lavoro volontario farebbe il lavoro.

Ricorda che non c'è niente di male nell'essere introverso, estroverso o ambiverso. Il punto più importante è capire te stesso. Abbraccia chi sei. Costringere te stesso a diventare un'altra persona è un grande no-no. Solo riconoscendo e accettando la differenza possiamo vivere tutti in un mondo armonioso.

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Jeffrey Lau

Editor. Amante dello sport. Amante degli animali.

Tendenze nella comunicazione

Altro di questo autore

Jeffrey Lau

Editor. Amante dello sport. Amante degli animali.

Tendenze nella comunicazione

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 18 dicembre 2020

In che modo viaggiare può migliorare drasticamente le tue capacità interpersonali

Vagabondo itinerante, scrittore e appassionato di cibo vegetale. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Intrinsecamente, il viaggiatore esperto funge anche da farfalla sociale. Possono avviare una conversazione per capriccio e in qualche modo riescono a trovare un terreno comune con persone di ogni estrazione sociale.

Viaggiare da solo può aprirci e arricchire incredibilmente gli occhi, ma ci fornirà anche le abilità necessarie per avere successo. La comunicazione e le abilità interpersonali sono attributi che possono essere appresi e affinati. Queste abilità sono applicabili nella vita di tutti i giorni e possono essere tradotte in ambienti professionali.

Siamo intrinsecamente chiusi

Per la mia prima esperienza di viaggio solitario, ero appena arrivato a San Francisco per uno stage. Si è verificato un problema con il nostro treno e abbiamo dovuto passare a un nuovo treno al binario successivo. Un signore che aveva tenuto una conversazione educata ha deciso che ora era la sua missione aiutarmi a spostare le mie cose sul treno successivo.

Nonostante le buone intenzioni, ero sgomento. Non ero abituato alla gentilezza degli estranei, anzi pensavo che stesse cercando di derubarmi o peggio. La gentilezza è in qualche modo regionale. E crescendo nella zona di Tristate, ero stato condizionato ad essere estremamente scettico. L'interazione con estranei sembrava incredibilmente tabù.

È vergognoso ammetterlo, ma le abilità sociali sono cadute nel dimenticatoio. Ci siamo dimenticati di come parlarci. L'idea di avviare una conversazione con uno sconosciuto è al limite del terrificante. Ma ancora più terrificante, la mancanza di una comunicazione efficace porterà alla fine a una vita solitaria.

Mantenere viva la passione

Una volta un uomo molto saggio ha detto che prima di impegnarsi completamente con qualcuno, portalo in viaggio. Quest'uomo saggio è Bill Murray e dice la verità. Viaggiare può essere un periodo molto vulnerabile per molte volte, spesso può tirare fuori il peggio dalle persone.

Ma se sei in grado di superare gli inevitabili ostacoli che sorgeranno durante il tuo viaggio, è stato dimostrato che viaggiare rafforza le relazioni. [1] Offre a te stesso e al tuo partner l'opportunità di condividere un obiettivo comune.

Il semplice fatto di trovarsi in un ambiente diverso [2], libero da tutti i tuoi obblighi quotidiani che tendono a intralciarti, aiuterà a riaccendere il romanticismo e l'intimità. Darà a entrambi la possibilità di rivisitare alcune questioni che normalmente darebbero inizio a una discussione, in un ambiente romantico e sicuro.

Le coppie che viaggiano regolarmente insieme hanno riferito di avere una comunicazione più efficace tra loro rispetto a quelle che non lo fanno. [3]

Non vedrai mai il mondo allo stesso modo

La più grande epifania che si possa vivere mentre si immergono nello stile di vita dei viaggi è la consapevolezza che non tutti pensano come te. Non tutti vivono nello stesso modo in cui lo fai tu. Culture diverse ospitano filosofie e priorità diverse.

Respira, rilassati e divertiti

Crescendo in un luogo in cui i risultati sono attesi istantaneamente, non mi piaceva l'idea di aspettare. Voglio dire, qual è il problema? Ho effettuato l'ordine e lo voglio adesso. Chiaramente l'impazienza era spalmata su tutto il viso. Il server che ha preso il mio ordine mi ha chiesto in modo così innocente: "Perché sembri arrabbiato? Hai qualche momento in più per goderti la vita prima di ricevere il cibo. " Aveva così ragione. Perché mi stavo arrabbiando? Non avevo nessun posto dove essere. Così ho seguito il suo consiglio. Inspirai profondamente, assorbendo tutta la bellezza che mi circondava.

La pazienza è una virtù. E quando sei in viaggio, non hai altra scelta che essere paziente.

Impara a rotolare con i pugni

Non tutto funziona come previsto, le cose sono destinate ad andare storte. Quando viaggi, sei eccezionalmente vulnerabile a questi contrattempi, con pochissima sicurezza se le cose non vanno come vuoi. Questo può essere incredibilmente snervante le prime volte. Questo può persino dissuadere alcuni dal decidere di continuare. Ma se riesci a hackerarlo e prendere i colpi mentre arrivano, alla fine svilupperai la pazienza del Santo. Stanno per accadere cose brutte; lasciateli. Troverai un altro modo.

Quando le cose non funzionano, non solo devi essere paziente, ma anche adattabile [4]. Devi essere in grado di ricordare e mettere a punto strategie, o almeno accettare la situazione a portata di mano e procedere con essa.

Non è la situazione, è la tua reazione

In una valanga di effetti positivi, il tuo aumento di pazienza e adattabilità ti renderà a sua volta una persona più gentile e meno scettica. Perché a questo punto lo capisci. Siamo tutti umani, facciamo del nostro meglio per tirare avanti. Quindi resta calmo.

I conflitti sorgeranno e il modo in cui scegli di gestirli determinerà il risultato.

Forme alternative di comunicazione

Tutto ciò che è nuovo e non familiare può sembrare terrificante. Soprattutto quando viaggi all'estero, in particolare se viaggi da solo.

Se sei come me, assapori il colpo un po 'abrasivo dello shock culturale. Tutto è così estraneo, così incredibilmente diverso.

Questo può rendere difficile la comunicazione. Non parlo letteralmente la loro lingua. È probabile che non diventerò fluente dall'oggi al domani o da nessuna parte nel prossimo futuro. Ma posso ancora alleviare la mia lotta imparando alcune frasi chiave nella lingua del luogo in cui sto visitando per cavarmela nella vita quotidiana.

Molto probabilmente, macellerò la pronuncia. La persona media capirà il succo di ciò che sto cercando di dire e apprezzerà lo sforzo, indipendentemente dalla cattiva esecuzione.