Definizione di cosa è stato fatto e aspetto da fare

Un tecnologo e scrittore che condivide consigli sulla produttività personale, sulla creatività e su come utilizzare la tecnologia per fare le cose. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Sono un aspirante lavoratore produttivo da diversi anni ormai. Ho letto un sacco di libri, prescritto GTD quanto più potevo, comprato tutta l'attrezzatura al mondo che qualcuno mi ha consigliato come migliore e costantemente fallito. È stato solo quando ho rallentato, sistemato con una serie di strumenti e tornato alle basi che ho iniziato a capire cosa fosse essere produttivo.

Essere produttivi non significa usare la tua attrezzatura o conoscere il diagramma di flusso Getting Things Done dentro e fuori. David Allen ci ricorda cosa sia essere produttivi al suo livello più elementare:

"Devi definire cosa significa fare e cosa significa fare".

È davvero così semplice. Quello che penso sia così sorprendente è che GTD è un'idea molto semplice, ma quando siamo gettati nella "corsa al successo" del lavoro e della vita, ci dimentichiamo facilmente di applicare le basi. O quello o dobbiamo ancora dominarli. Esaminiamo attentamente la definizione del fatto e del fare.

Definisci cosa significa "Fatto"

Questo è stato qualcosa che ha richiesto molto tempo per essere "ottenuto". Capivo che definire un progetto significava dare un nome a qualcosa che aveva più di un'azione da compiere, ma avevo ancora problemi a definire i miei risultati con il progetto. Non tanto con cose più piccole come "pianifica un po 'di tempo con un [inserire il nome dell'amico qui] e mettiti in pari", ma più sulla falsariga di "sviluppo di una nuova suite di test dei servizi web per [inserire qui il servizio web]".

Ci sono dei bordi duri con alcuni progetti, mentre altri sono come una grande palla di cose semplicemente seduta lì e occupando spazio. Dobbiamo essere in grado di superare le cose, trovare le cose che sono importanti e quindi definire l'aspetto del completo. Per fortuna c'è un modo fantastico per farlo; utilizzare le 5 fasi di pianificazione del progetto del Sig. Allen. Eccoli in poche parole:

  1. Definisci scopo e principi guida. (Perché viene fatto?)
  2. Qual è il risultato positivo? (Come sarebbe se tutto questo avesse successo?)
  3. Fai un brainstorming (diventa creativo e scrivi e collega tutto ciò che ti viene in mente sul progetto)
  4. Organizzazione (creare priorità e un ordine per il progetto)
  5. Identifica le azioni successive (continua a leggere per questo)

Ora, come ho detto prima, alcuni progetti sono abbastanza evidenti in ciò che deve accadere. Ma ce ne sono molti che sono grandi e nebulosi che necessitano di un risultato chiaro e di una struttura da completare. Una volta definito cosa significa "fatto", puoi passare alla decisione di cosa fare.

Come si fa

Elaborare l'azione successiva di un progetto può sembrare facile, ma in pratica può essere molto difficile. Il problema più grande è che tendiamo a "generalizzare eccessivamente" i nostri progetti e attività e ad aggiungere elementi ai nostri elenchi come: