Affrontare la discriminazione sul lavoro? Come dire e cosa fare

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Hai familiarità con il soffitto in vetro? È un termine usato per descrivere gli ostacoli che molte donne e membri di gruppi minoritari devono affrontare quando cercano di avanzare nella loro carriera o professione. Non è un segreto che storicamente le donne nel loro insieme hanno guadagnato in media meno dei loro colleghi maschi. Non importa quanti progressi abbiamo fatto in termini di uguaglianza negli ultimi anni, questo fatto non è cambiato.

Tuttavia, ciò che molte persone potrebbero non sapere è che le donne corrono il rischio di trovarsi faccia a faccia con molto di più che semplici ostacoli all'avanzamento di carriera. Le donne dovrebbero essere protette dalla Commissione per le pari opportunità sul lavoro degli Stati Uniti, che applica le leggi federali per proteggere le donne dalla discriminazione di genere sul posto di lavoro. Ma non viviamo in un mondo perfetto e non tutti gli atti di discriminazione vengono segnalati o addirittura notati. Quindi, come puoi sapere se stai affrontando discriminazioni sul lavoro?

Discriminazione contro le donne sul posto di lavoro

Non esiste una taglia unica quando si parla di discriminazione sul lavoro. In generale, la discriminazione sul posto di lavoro si verifica in genere attraverso molestie sessuali, trattenendo promozioni o bonus, impedendo alle donne di prendere parte a opportunità di formazione o ad altre attività legate al lavoro e altro ancora.

Molestie sessuali sul lavoro

Secondo l'American Association of University Women, la molestia sessuale, nella sua forma più generale, è descritta come "avance sessuali indesiderate, richieste di favori sessuali o altra condotta verbale o fisica di natura sessuale". Ciò include tangenti per attività sessuale, barzellette allusive, "esposizioni pervasive di materiali con contenuti sessualmente illeciti o espliciti" e altro ancora. Le molestie sessuali contro una donna non sono sempre perpetrate da un datore di lavoro maschio, poiché le donne possono molestare sessualmente altre donne.

Come notato dall'AAUW, il verificarsi di una condotta sessuale una tantum o una singola osservazione in genere non è sufficiente per creare quello che è noto come un ambiente ostile. Per sostenere che una donna è stata molestata sessualmente e quindi lavora in un ambiente ostile, in genere è richiesta la prova di un modello di comportamenti offensivi. Tuttavia, un solo grave episodio di molestia può essere potenzialmente sufficiente per essere considerato una violazione. Più grave è la molestia, meno prove sono necessarie, soprattutto se la molestia è fisica.

Trattenere promozioni o bonus

In particolare in una forza lavoro in cui l'abilità fisica gioca un ruolo nelle attività quotidiane, le donne possono potenzialmente essere snobbate per una promozione per un lavoro che richiede forza fisica. Si può presumere che, poiché è una donna, non sia fisicamente in grado di portare a termine con successo il lavoro. Questa è un'altra forma di discriminazione perché non si può presumere automaticamente che il lavoro non possa essere completato in base al sesso senza consentire alla donna pari opportunità di dimostrare le proprie capacità fisiche.

Altro

Per paura di perdere una promozione o un bonus, una donna che lavora per il governo o per una grande azienda potrebbe ritenere di dover nascondere una gravidanza a causa delle 12 settimane di congedo di maternità consentite alle donne in questi lavori Legge sul congedo familiare e medico. Inoltre, le donne potrebbero evitare di parlare ai potenziali datori di lavoro del loro desiderio di avere figli per lo stesso motivo. Ci sono state anche situazioni in cui una donna subisce discriminazioni a causa del suo aspetto fisico. Alcuni potenziali datori di lavoro possono assumere donne che trovano personalmente più attraenti, sostenendo che quelle donne sono "suscettibili di aumentare le vendite", secondo Lisa Finn, una scrittrice di Our Everyday Life. D'altra parte, una donna attraente potrebbe non essere assunta perché il datore di lavoro è preoccupato per come reagirebbero gli uomini sul posto di lavoro.

Nonostante il soffitto di vetro menzionato prima, una donna con lo stesso titolo di lavoro di un uomo, con la stessa anzianità e responsabilità, dovrebbe essere retribuita allo stesso modo. Altrimenti, viene discriminata. I datori di lavoro ritenuti colpevoli di tale discriminazione possono essere citati in giudizio ai sensi dell'Equal Pay Act del 1963. Le conseguenze per il datore di lavoro potrebbero includere multe e l'obbligo di rimborsare i salari persi.

Cosa puoi fare?

Se ritieni di essere la vittima o di essere stato vittima di discriminazione sul posto di lavoro, dovresti tenere traccia di ogni caso in cui hai sentito di essere discriminato. Dovresti contattare il rappresentante delle risorse umane del tuo datore di lavoro e informarlo del problema. Puoi anche sporgere denuncia presso la Commissione per le pari opportunità di lavoro, ma se non trovano alcuna prova di discriminazione, il caso verrà chiuso. Hai quindi 90 giorni per presentare la tua causa. Esistono diversi studi legali specializzati in discriminazione sul posto di lavoro e EEOC, come Hutchison & Stoy, i "Warriors for Justice".

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Emily Hayden

Tendenze nel lavoro

Altro di questo autore

Emily Hayden

Tendenze nel lavoro

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 17 dicembre 2020

Rendi felici tutti in ufficio installando questo

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Ammettiamolo, per quanto positivo e ottimista sia il tuo ambiente d'ufficio, i tuoi dipendenti continueranno a soffrire di stress di tanto in tanto. Questi stress possono derivare da una miriade di fonti, tra cui: superlavoro, pressione sulle scadenze e mancanza di pause adeguate.

Ad esempio, il tuo team di vendita potrebbe essere vicino alla fine del trimestre e si impegna a fornire i migliori risultati possibili. Sebbene questo sia un obiettivo degno, i membri del team corrono il rischio di spingersi troppo oltre e di lasciarsi privi di energia e pieni di tensione.

È in momenti come questi che tutti i tuoi dipendenti possono essere influenzati negativamente.

Non è una novità che lo stress possa ridurre la produttività o addirittura la qualità del lavoro

Uno dei sintomi dello stress è che può portare a una minore produttività. Ciò significa che se molti (o tutti) i tuoi dipendenti iniziano a mostrare segni di stress, puoi essere certo che la produttività complessiva della tua azienda ne risentirà.

Se ti rendi conto che i tuoi dipendenti soffrono di stress, allora è il momento di intraprendere un'azione per ridurre o eliminare questo peso. Un ottimo modo per farlo è presentare ai tuoi dipendenti i benefici positivi della meditazione. La ricerca mostra che le persone che meditano regolarmente potrebbero sperimentare i seguenti benefici:

  • Una maggiore capacità di concentrazione.
  • Un miglioramento della memoria.
  • Meno fatica.
  • Un aumento della percezione.
  • Una riduzione dello stress. [1]

Queste sono solo una piccola selezione dei benefici che la meditazione può offrire, ed è perfettamente logico che la meditazione sia un ottimo strumento per migliorare le prestazioni dei dipendenti. (E a sua volta, un aumento delle prestazioni complessive della tua azienda.)

Immagina per un momento che i tuoi dipendenti si prendano una pausa giornaliera di 5-10 minuti dal loro lavoro per praticare la meditazione. Non solo loro e la tua azienda vedrebbero un aumento della produttività, ma i tuoi dipendenti migliorerebbero anche la loro autodisciplina. Inoltre troverebbero più facile mantenere una mentalità positiva. [2]

Che cos'è esattamente l'app "Stop, Breathe & Think"?

Si spera di averti dato ragioni sufficienti per accendere il tuo interesse nel rendere la meditazione regolare parte del tuo ambiente d'ufficio. Ora potresti pensare: "Qual è il prossimo? Come posso presentare la meditazione ai miei dipendenti? "

Bene, qui a Lifehack, ci siamo imbattuti in una fantastica app chiamata Stop, Breathe & Think. Riteniamo che l'app sia il modo ideale per avviare sessioni di meditazione regolari in un ambiente d'ufficio.

Sebbene l'app sia disponibile come download per Android o iOS, questi sono principalmente per utenti personali. Quando si tratta di meditazione in ufficio, Stop, Breathe & Think è disponibile come pratico plug-in Slack.

Una volta attivato sul tuo account Slack, Stop, Breathe & Think consentirà a individui o gruppi di programmare attività di consapevolezza. Queste attività includono:

  • Brevi pause per facilitare il recupero della mente e del corpo.
  • Esercizi di respirazione per condizionare pensieri, emozioni e reazioni.
  • Meditazioni personalizzate per contribuire a portare pace e armonia generali.

In che modo l'app aiuterà i tuoi dipendenti a diventare più produttivi