Dimentica di imparare come multitasking per 10 volte la tua produttività

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

C'è un lato oscuro nelle comodità dell'era digitale. Con gli smartphone che funzionano come computer palmari, è diventato sempre più difficile lasciare il nostro lavoro alle spalle. A volte sembra che dovremmo essere accessibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Quanto spesso ti concentri su una cosa sola? La maggior parte di noi cerca di soddisfare queste esigenze con il multi-tasking.

Molti di noi hanno creduto nel mito secondo cui possiamo ottenere di più attraverso il multi-tasking. In questo articolo, ti mostrerò come puoi svolgere più lavoro in meno tempo.

Avviso spoiler: il multitasking non è la risposta.

Sommario

  1. Perché il multitasking è un mito?
  2. Il tuo cervello sul multitasking
  3. Perché il multitasking ti sta deludendo
  4. Come interrompere il multitasking e lavorare in modo produttivo
  5. La chiave per la produttività: concentrazione

Perché il multitasking è un mito?

Il termine "multi-tasking" è stato originariamente utilizzato per descrivere il funzionamento dei microprocessori nei computer. Le macchine funzionano in multitasking, ma le persone no.

Nonostante la nostra incapacità di eseguire contemporaneamente due attività contemporaneamente, molte persone credono di essere eccellenti multi-task.

Probabilmente puoi immaginare molte volte in cui fai più cose contemporaneamente. Forse parli al telefono mentre cucini o rispondi alle e-mail durante il tuo tragitto giornaliero.

Considera la quantità di attenzione richiesta da ciascuna di queste attività. È probabile che almeno una delle due attività in questione sia abbastanza semplice da essere eseguita con il pilota automatico.

Possiamo eseguire contemporaneamente attività semplici, ma cosa succederebbe se provassi a eseguire due attività complesse? Puoi davvero lavorare sulla tua presentazione e guardare un film allo stesso tempo? Può essere divertente provare a guardare la TV mentre lavori, ma potresti involontariamente rendere il tuo lavoro più difficile e dispendioso in termini di tempo.

Il tuo cervello sul multitasking

Il tuo cervello non è stato progettato per il multitasking. Per compensare, passerà da un'attività all'altra. La tua attenzione si rivolge a qualsiasi compito sembri più urgente. L'altra attività rimane in secondo piano fino a quando non ti rendi conto di averla trascurata.

Quando rimbalzi avanti e indietro in questo modo, si attiva un'area del cervello nota come Area 10 di Broadmann. Situata nella corteccia prefrontale fronto-polare proprio nella parte anteriore del cervello, quest'area controlla la tua capacità di spostare la concentrazione. Le persone che pensano di essere eccellenti multitasker stanno semplicemente mettendo al lavoro l'Area 10. di Broadmann.

Ma posso destreggiarmi tra più attività!

Sei in grado di acquisire informazioni con i tuoi occhi mentre fai altre cose in modo efficiente. Scientificamente parlando, utilizzare la tua visione è l'unica cosa che puoi veramente fare mentre fai qualcos'altro.

Per tutto il resto, sei un compito seriale. Questo costante riorientamento può essere estenuante e ci impedisce di dare al nostro lavoro la profonda attenzione che merita.

Pensa a quanto tempo ci vuole per fare qualcosa quando devi continuare a ricordarti di concentrarti.

Perché il multitasking non funziona

Il multitasking fa più male che bene alla tua produttività, ecco 4 motivi per cui dovresti smettere di multitasking:

Il multitasking fa perdere tempo.

Perdi tempo quando ti interrompi. Le persone perdono in media 2,1 ore al giorno per rimettersi in carreggiata quando passano da un'attività all'altra.

In effetti, alcuni studi suggeriscono che fare più cose contemporaneamente riduce la produttività fino al 40%. Questa è una significativa perdita di efficienza. Non vorresti che il tuo chirurgo fosse il 40% meno produttivo mentre sei sul tavolo operatorio, vero?

Ti rende più stupido.

Un cervello distratto esegue un totale di 10 punti QI inferiori rispetto a un cervello concentrato. Sarai anche più smemorato, più lento nel completare le attività e più propenso a commettere errori.

Dovrai lavorare di più per correggere i tuoi errori. Se perdi un dettaglio importante, potresti rischiare di ferirti o non riuscire a completare l'attività correttamente.

Questa è una risposta emotiva.

Ci sono così tanti dati che suggeriscono che il multitasking è inefficace, ma le persone insistono sul fatto di poterlo fare.

Sentirsi produttivi soddisfa un bisogno emotivo. Vogliamo sentire come se stessimo realizzando qualcosa. Perché inserire un solo elemento nell'elenco delle cose da fare quando puoi spuntarne due o tre?

Ti stancherà.

Quando passi da un'attività all'altra, può essere rinvigorente per un po '. Nel tempo, questo deve riempire ogni secondo con sempre più lavoro che porta a esaurirsi.

Semplicemente non siamo fatti per il multitasking, quindi quando ci proviamo, l'effetto può essere estenuante. Questo distrugge la tua produttività e la tua motivazione.

Come interrompere il multitasking e lavorare in modo produttivo

Passare avanti e indietro tra le attività diventa una seconda natura dopo un po '. Ciò è in parte dovuto al fatto che con il tempo l'Area 10 di Broadmann è migliorata nei compiti seriali.

Oltre a cambiare il modo in cui funziona il cervello, questo comportamento di incarico seriale può trasformarsi rapidamente in un'abitudine.

Proprio come qualsiasi cattiva abitudine, dovrai prima riconoscere che devi apportare un cambiamento. Fortunatamente, ci sono alcune semplici cose che puoi fare per adattarti a uno stile di vita di mono-tasking produttivo:

1. Consapevolmente cambiare marcia

Invece di provare a lavorare su due attività distinte contemporaneamente, valuta la possibilità di impostare un sistema per ricordarti quando cambiare obiettivo. Questa tecnica ha funzionato per Jerry Linenger, un astronauta americano a bordo della stazione spaziale Mir.

In quanto astronauta, aveva molte cose di cui occuparsi ogni giorno. Ha impostato gli allarmi per se stesso su alcuni orologi. Quando un particolare orologio suonava, sapeva che era ora di cambiare attività. Ciò gli ha permesso di essere in sintonia al 100% con ciò che stava facendo in un dato momento.

Questa strategia è efficace perché l'allarme è servito come promemoria per quello che sarebbe successo dopo. L'intuizione di Linenger sull'impostazione di promemoria è in linea con la ricerca condotta da Paul Burgess dell'University College di Londra sul multitasking.

2. Gestisci più attività senza multitasking

Raj Dash di Performancing.com ha una strategia efficace per bilanciare più progetti senza multitasking. Suggerisce di dedicare 15 minuti a familiarizzare con un nuovo progetto prima di passare ad un altro lavoro. Rivisita il progetto in un secondo momento e dedica circa trenta minuti alla ricerca e al brainstorming.

Attendi alcuni giorni prima di eliminare il progetto in questione. Mentre lavoravi attivamente ad altri progetti, il tuo cervello continua a risolvere i problemi in background.

Questo metodo funziona perché ci dà l'opportunità di lavorare su diversi progetti senza permettere loro di competere per la tua attenzione.

3. Metti da parte le distrazioni

Lo smartphone, la posta in arrivo e le schede aperte sul computer sono tutti inviti aperti alla distrazione. Concediti del tempo ogni giorno quando silenzia le notifiche, chiudi la posta in arrivo e rimuovi le schede non necessarie dal desktop.

Se vuoi concentrarti, non puoi dare a nient'altro l'opportunità di invadere il tuo spazio mentale.

Le email possono essere particolarmente invasive perché spesso sono associate a un inutile senso di urgenza. Alcune culture lavorative sottolineano l'importanza di risposte tempestive a questi messaggi, ma non possiamo trattare ogni situazione come un'emergenza.

Stabilisci determinati momenti della tua giornata per controllare e rispondere alle e-mail per evitare controlli compulsivi.

4. Prenditi cura di te

Spesso incolpiamo l'elettronica per averci trascinato dal nostro lavoro, ma a volte il nostro corpo fisico ci costringe a uno stato di compiti seriali. Se hai fame mentre cerchi di lavorare, la tua attenzione passerà dalla fame al tuo lavoro fino a quando non ti prenderai cura dei tuoi bisogni fisici.

Prova a fare tutte le tue bio-pause prima di sederti per un periodo di lavoro ininterrotto.

Inoltre, vorrai anche essere sicuro di prenderti cura della tua salute in un senso più ampio. Fare abbastanza esercizio, praticare la consapevolezza e incorporare pause regolari nella tua giornata ti impedirà di essere tentato dalle distrazioni.

5. Prenditi una pausa

È più probabile che le persone si rechino su YouTube o controllino i loro social media quando hanno bisogno di una pausa. Invece di cercare di lavorare e guardare un video senza cervello allo stesso tempo, concediti momenti in cui puoi goderti la tua attività che distrae.

Limita il tempo che dedicherai a questa pausa in modo che il tuo tempo di distrazione senza sensi di colpa non si trasformi in ore di tempo perso.

6. Rendi la tecnologia il tuo alleato

Gli scienziati stanno iniziando a scoprire gli effetti dannosi del compito seriale cronico sul nostro cervello. Alcune aziende stanno sviluppando programmi per frenare questo desiderio di multitasking.

App come Forest trasformano la concentrazione in un gioco. Le estensioni come RescueTime ti aiutano a monitorare le tue abitudini online in modo da essere più consapevole di come trascorri il tuo tempo.

La chiave per la produttività: concentrazione

Il multitasking non è la chiave della produttività. È molto meglio programmare del tempo per concentrarsi su ciascuna attività piuttosto che provare a fare tutto in una volta.