Non aspettare che le persone ti lodino. Fai da te ogni singolo giorno

Chief of Product Management presso Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Guardare dentro di noi non è spesso una seconda natura per noi. Quando siamo giovani, prendiamo l'abitudine di chiedere riconoscimento ai nostri genitori e colleghi per convalidare noi stessi: è così che tendiamo a conoscere il mondo che ci circonda e il nostro posto al suo interno.

Nei nostri sistemi scolastici strutturati, siamo abituati ad aspettare l'approvazione e il riconoscimento di un insegnante e raramente impariamo a riconoscerci effettivamente. Ciò portava spesso ad accuse di arroganza piuttosto che di auto-potenziamento.

La nostra cultura ci insegna a concentrarci sulle nostre debolezze

È questa struttura primitiva nella nostra cultura che limita il nostro senso di scoperta del nostro io interiore. Ma trascende anche le nostre vite attraverso la nostra mentalità generale sull'auto-miglioramento.

Quando parliamo di migliorare noi stessi, tende a venire da uno spazio di mancanza. Sentiamo che non stiamo facendo qualcosa di giusto o che stiamo intraprendendo un percorso di vita sbagliato e di solito è in queste circostanze che sentiamo il bisogno di migliorare i difetti che ci hanno portato lì.

Quando chiediamo un feedback, il più delle volte sono i nostri difetti e ciò che non è abbastanza buono ad essere messo in evidenza piuttosto che ciò che abbiamo fatto bene. Il pericolo di ciò arriva quando i nostri punti di forza non vengono celebrati e invece trascurati in un modo che non viene mai sviluppato in grandi.

Cosa fa il riconoscimento al nostro cervello

Il riconoscimento degli altri può essere importante, ma non quando è la tua unica fonte. Riconoscere i nostri risultati e punti di forza è molto più potente di qualsiasi convalida esterna.

Gli studi dimostrano che scrivere e riconoscere i nostri risultati, non importa quanto piccoli, crea effettivamente attività nel circuito di ricompensa del nostro cervello. La dopamina, insieme ad altre sostanze chimiche chiave, viene rilasciata causandoci un senso di energia intorno ai nostri risultati e ci consente di ottenere quel fattore di benessere.

Questo è il motivo per cui aspettare il riconoscimento degli altri può essere inutile. Può sembrare positivo ottenere quel feedback e convalida da altre persone, ma quando alla fine non proviene dall'interno, può svanire facilmente. Quando facciamo bene, spesso siamo i primi a notarlo e possiamo sopravvalutare quanto gli altri si preoccupano dei nostri risultati. Questo è il motivo per cui non dovresti aspettare il riconoscimento, ma invece sentire il potere di riconoscere te stesso.

Come riconoscere i propri risultati e acquisire potere

Annota 3 piccoli traguardi ogni giorno

Possiamo passare l'intera giornata e presumere di non aver ottenuto nulla, ma non è mai così. Anche le cose più piccole come incontrare una nuova persona, camminare 10 minuti in più del solito o aiutare uno sconosciuto dovrebbero essere considerate realizzazioni e celebrate.

Annotare almeno 3 piccoli risultati ogni giorno può farci notare che otteniamo più di quanto pensiamo. Ed è la raccolta di questi piccoli risultati che si sommano agli enormi successi.

J.K Rowling ha trascorso molti anni a svolgere piccoli compiti prima di ottenere un enorme successo. Perseverare nello scrivere ogni giorno con le probabilità apparentemente accumulate contro di lei sarebbe stato estremamente difficile senza alcuna convalida esterna e rifiuto costante da parte degli editori. Invece, ha preso nota di quanto fosse andata bene ogni giorno e di quanto si fosse avvicinata al raggiungimento del suo obiettivo.

Per ogni debolezza, annota una forza simile

Possiamo facilmente concentrarci sui nostri punti deboli, ma una buona strategia è contrastare qualsiasi debolezza con un punto di forza. In altre parole, dare una svolta positiva a qualcosa di apparentemente negativo. Questo ti aiuta a vedere il bicchiere mezzo pieno e a vedere i punti di forza che non hai necessariamente riconosciuto.

Se sei un pensatore eccessivo, scrivi accanto ad esso che hai una mentalità dettagliata. Essere un perfezionista significa essere orgoglioso dell'attenzione ai dettagli. Avere la tendenza ad essere troppo desiderosi significa che sei appassionato.

Scriverli ti consente di vedere le cose da una prospettiva diversa e riconoscerai che non soffermarti sui punti deboli è completamente negativo.

Non giocare al gioco di confronto

Siamo tutti vittime del confronto tra le nostre vite e il successo degli altri. Ma questo ci fa concentrare da uno spazio di mancanza e ci impedisce di vedere cosa abbiamo da fare per noi.

Dobbiamo ricordare che ognuno è sulla propria strada e al proprio ritmo. Il più delle volte vediamo solo una piccola parte della vita di qualcuno, quindi è inutile credere che qualcuno alla fine stia facendo "meglio" di noi. I social media ci offrono questa costante opportunità di vedere una piccola finestra nella vita degli altri, ma essere consapevoli che i sentimenti di invidia sono inutili e diminuiscono il nostro senso di realizzazione. Non farti risucchiare dal gioco di confronto.

Continua ad ascoltare ma resta distaccato

Il mondo moderno ha una natura competitiva su di lei. Sentiamo di aver bisogno di essere i migliori e, per farlo, lottare e sforzarci di essere migliori, ma a costo di cosa? Il feedback che riceviamo tende a concentrarsi sugli aspetti negativi, ma la chiave è riuscire a filtrare l'utile dal non utile.

Sta a noi decidere cosa è costruttivo nella nostra crescita e cosa è semplicemente superfluo. Non lasciarti prendere a rimuginare sulle opinioni degli altri su di te, ma accetta invece se è qualcosa su cui vuoi veramente lavorare e su cui concentrarti o meno. Riconoscerlo dall'interno piuttosto che fare affidamento sulla convalida esterna ti aiuterà a crescere molto più rapidamente ea modo tuo.

Quindi, sebbene essere riconosciuto per i tuoi risultati ti darà una spinta, rischia di essere molto condizionato al tuo senso di valore. Imparando a celebrare e riconoscere i tuoi risultati dall'interno, andrai avanti e crescerai in modi molto migliori di quanto pensassi.

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Brian Lee

Chief of Product Management presso Lifehack

Tendenza nella forza mentale

Altro di questo autore

Brian Lee

Chief of Product Management presso Lifehack

Tendenza nella forza mentale

Leggi avanti

I vantaggi della meditazione quotidiana durante le vacanze
L'unica musica che allevia veramente stress e dolore
Ho provato la meditazione consapevole, ecco perché dovresti provarla anche tu
La routine mattutina di 20 minuti che allevia l'ansia

Ultimo aggiornamento il 18 dicembre 2020

5 tecniche di gestione dello stress che hanno dimostrato di funzionare

Certified NeuroHealth Coach, specializzato in gestione dello stress e stile di vita integrato nel benessere per l'equilibrio tra lavoro e vita privata Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Senti la frustrazione di essere trascinato in un milione di direzioni?

L'energia dispersa, il risultato del tentativo di fare tutte le cose, ma la sensazione di non riuscire a essere efficace in nessuna di esse, si accende travolgente sia al lavoro che a casa. Forse stai lottando più del solito perché i confini tra vita professionale e personale sono diventati sfocati. O forse le sfide extra di quest'anno stanno semplicemente amplificando questa battaglia che stavi combattendo già da un po '.

Sebbene sia impossibile eliminare tutti i fattori di stress che ci spingono a strapparci i capelli dalle radici o rannicchiarci nel comodo comfort dei nostri letti, possiamo controllare le nostre reazioni a loro. La chiave per una gestione efficace dello stress è semplice: adottare un approccio proattivo.

Queste tecniche di gestione dello stress basate sulla scienza ti aiuteranno a fermare la ruota del criceto in modo che tu possa sentirti più calmo, indipendentemente da ciò che la vita ti propone.

I rituali mattutini consapevoli danno il tono a una giornata tranquilla

Ti capita mai di sentire come se fossi solo faticoso nei movimenti ma non ti piace davvero il processo di iniziare la giornata? Non deve essere così. Iniziare le nostre mattine con intenzione mette in moto un effetto a catena positivo che tocca ogni aspetto della nostra vita. Prendersi semplicemente il tempo per creare un senso di calma e di auto-nutrimento al mattino fa molto per una gestione efficace dello stress.

1. Concentrati innanzitutto sul sentirti bene

Invece di sentirti sconfitto dal momento in cui apri gli occhi, pianifica in anticipo di fare qualcosa che ti dia gioia. Affinché ciò sia più efficace, scegli qualcosa in base a ciò che ti piace veramente, piuttosto che a ciò che pensi di dover fare.

Ad esempio, potresti aver letto che gli allenamenti mattutini alleviano lo stress aumentando la serotonina (quel meraviglioso ormone che stimola l'umore). Questo è vero, e se allenarti ti fa sentire bene, continua così!

Se temi di alzarti dal letto per fare esercizio, tuttavia, è tempo di un approccio diverso. Fare pressione su noi stessi per fare qualcosa che non possiamo sopportare diminuisce la nostra motivazione e aggrava il nostro stress!

Strategia: lascia andare i "dovrei" e fai qualcosa che sai ti piace.

In caso di dubbi, ecco alcune semplici idee da provare:

Concediti un silenzio tranquillo prima che tutti gli altri in casa si svegliano. Assapora il calore, il sapore e l'aroma del tuo caffè. Esci per goderti la pacifica bellezza dell'alba. Ascolta musica edificante o il cinguettio degli uccelli. Scrivi ciò per cui sei grato o cosa sta andando bene nella tua vita.

Attività di consapevolezza come queste ci aiutano a sintonizzarci con i nostri sensi e a notare i nostri pensieri e sentimenti senza interruzioni. Allevia lo stress costruendo la resilienza sotto forma di migliori capacità di coping e diminuzione delle tendenze ad assumere le emozioni negative degli altri. Queste capacità significano che i futuri fattori di stress hanno un impatto minore sulla nostra felicità e sul nostro benessere fisico. [1]

2. Coltiva con attenzione chi / cosa permetti nel tuo spazio mentale

"Sei la media delle cinque persone con cui trascorri più tempo".

Questa famosa citazione di Jim Rohn è stata scritta molto prima dell'avvento delle moderne tecnologie come Internet e i social media. Grazie a questi progressi, la nostra bolla di cinque persone si è espansa in modo esponenziale.

Faremmo bene a non ignorare il fatto che anche un "rapido check-in mattutino" sui nostri telefoni può avere un forte impatto. Il nostro umore e i livelli di stress durante la giornata spesso dipendono da questo singolo elemento.

Un metodo efficiente per controllare questo impatto è creare confini solidi. Decidi quali individui, eventi e pensieri meritano il prezioso patrimonio immobiliare del tuo cervello. Rifiuta di lasciare che le urgenze di altre persone diventino le tue emergenze.

Strategia: evita email, social media e notizie fino a quando non ti sei preso del tempo per la tua attività di benessere mattutina.

Limita l'esposizione a questi punti vendita durante il giorno per ridurre al minimo i livelli di stress. [2] Identifica persone, argomenti di conversazione o situazioni che innescano in te una risposta allo stress. Evitalo il più possibile ed elimina qualsiasi rumore extra che non ti aiuti a sentirti calmo.

Evita i crolli di mezzogiorno e prendi il controllo della tua vita

Hai mai notato che molti suggerimenti per alleviare lo stress, soprattutto se correlati all'aumento del successo e al miglioramento della nostra qualità di vita, si concentrano sulle routine mattutine e serali?

Darren Hardy, autore di The Compound Effect, chiama queste abitudini i "reggilibri" dei nostri giorni e afferma che sono i tratti distintivi di una vita di successo. Sebbene questa pratica di per sé ci aiuti ad alleviare lo stress mettendo noi stessi in controllo dei nostri inizi e finali quotidiani, c'è un merito spesso sottovalutato nel creare punti di ancoraggio aggiuntivi durante il giorno per mantenere la nostra energia radicata e ottimizzata.

3. Crea spazio per il divertimento

Ammettiamolo: l'età adulta può essere una vera seccatura. Abbiamo così tanta tensione repressa a causa della nostra attenzione su "dovrei", "must" e "need-to". In tutta quella frenesia e preoccupazione che ne deriva, a volte ci dimentichiamo di lasciar andare le aspettative e sintonizzarci sui nostri desideri, sogni e requisiti fisiologici di sollievo.

Strategia: resisti all'impulso di rimproverarti di essere egoista o pigro, o di non "guadagnartela".

Quel critico interiore è del tutto normale, ma non è solo un killer di divertimento, intensificherà i tuoi sentimenti di stress. Gestire quella voce può essere un po 'complicato, ma è totalmente fattibile.

Questi pensieri auto-sabotanti, in fondo, provengono dalla tua mente subconscia che cerca di proteggerti dal giudizio, da te stesso o dagli altri. Il semplice fatto di notarli è il primo passo per superare questo problema. Chiediti: "È proprio vero o è il mio cervello che parla per paura?" Paragonabile a rivolgersi a un bambino piccolo: le diresti che è egoista o pigra per giocare, fare una pausa o divertirsi? Ovviamente no! Immaginarsi nei suoi panni è un modo semplice per praticare l'auto-compassione.

Evita anche la tendenza a risparmiare il divertimento per la fine della giornata dopo che te lo sei "guadagnato". Non si tratta di mantenere il punteggio e, se ci provi, rischi di perdere. La felicità e la soddisfazione per la nostra vita non devono essere guadagnate, indipendentemente da ciò che ci è stato insegnato.

Il nostro cervello e il nostro corpo reagiscono in modo così positivo alle esperienze che evocano gioia, conforto, connessione e gioco che gli effetti sono misurabili. In effetti, il semplice impegno in attività piacevoli ha dimostrato di ridurre i livelli di cortisolo (ormone dello stress). [3]

4. Mangia per combattere lo stress

Un cervello affamato di carburante è un cervello stressato. Quando il nostro stomaco è vuoto, i livelli di zucchero nel sangue si abbassano, riducendo la nostra energia. Ciò riduce anche i livelli di pazienza.

Se hai mai visto un bambino, o anche il tuo coniuge o un collega, arrabbiarsi con te come una bomba antistress ticchettante, potresti aver assistito a ciò che alcuni chiamano "gli impiccati" (fame + rabbia). Le persone hanno maggiori probabilità di farsi prendere dal panico o esplodere quando funzionano a questo livello. La parte del nostro cervello che prende decisioni istruite, logiche e perspicaci viene letteralmente chiusa in questa situazione.

È normale notare che abbiamo fame o ricordarci di mangiare solo una volta che abbiamo già raggiunto il limite. Il problema, come detto, è che le nostre capacità decisionali a questo punto sono nulle. È probabile che afferreremo tutto ciò che rassicurerà più rapidamente il nostro cervello che non sta morendo di fame e poiché una delle principali fonti di carburante del nostro cervello è il glucosio, naturalmente desideriamo ardentemente carboidrati semplici e dolci per ottenere quello zucchero colpito velocemente. Questo aumenta lo stress un paio d'ore dopo, quando la nostra energia crolla. Crea ancora più stress facendoci sprecare molte energie mentali picchiandoci su scelte che ci fanno sentire schifosi.

Strategia: pianificare in anticipo è essenziale, ma non deve essere complicato.

Prepara in lotti alimenti di base, come pasta, quinoa e vari tipi di frutta e verdura, per preparare pasti e spuntini veloci al volo. Mantieni stuzzichini nutrienti in standby - in auto, scrivania, frigorifero - per un comodo e rapido recupero dai "blocchi".

Includi cibi ricchi di magnesio, che hanno dimostrato di funzionare per gestire lo stress e creare un'atmosfera tranquilla. [4] La farina d'avena e il riso integrale ricchi di magnesio sono facili da preparare in anticipo. Carica insalate o panini con verdure a foglia verde come lattuga romana, lattuga rossa o spinaci. Fai uno spuntino con banane, yogurt, broccoli o noci del Brasile per una rapida dose di questo minerale antistress.