Essere consapevoli di sé è la chiave del successo: come aumentare la consapevolezza di sé

Lean Six Sigma Master Black Belt e Red Team Critical Thinker Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Il mio intento per questa discussione è quello di basarmi su un articolo che ho pubblicato chiamato Come aggiornare le tue capacità di pensiero critico per una mente più acuta. Il focus qui sarà sull'autoconsapevolezza, il pensiero critico e una nuova idea che sto sviluppando chiamata "Swarming the Brain".

Userò metodi e framework di Systems Thinking V2.0, il Red Team Handbook del Center for Applied Creative and Critical Thinking e l'OODA Loop del colonnello John Boyd. Dimostrerò quindi gli strumenti e le tecniche di questi quadri per mostrare come puoi migliorare le tue capacità di pensiero critico, così come la consapevolezza di sé.

Sommario

  1. 4 Semplici regole per la consapevolezza di sé Regola # 1 - Osserva: La vita non esaminata Regola n. 2 - Orientamento: appendi un punto interrogativo sulle cose Regola n. 3 - Decidi: cacciatori di crisi Regola n. 4 - Azione: successo = sensori + feedback
  2. Letture consigliate per aiutarti a capire di più

4 Semplici regole per la consapevolezza di sé

In modo simile a come ho introdotto Come migliorare le tue capacità di pensiero critico per una mente più acuta, qui ne presenterò un'altra versione che porta a una maggiore consapevolezza di sé. In questa versione, ci sono quattro semplici regole per la consapevolezza di sé. Queste semplici regole ci porteranno dall'informazione alla comprensione.

Semplici regole che ci spostano dall'informazione alla comprensione:

  1. Osserva. Rileva le informazioni (pensa ai nodi all'interno di una rete).
  2. Orient. Questo è il processo di dare un senso alle informazioni (pensa al processo di connessione dei nodi all'interno di una rete).
  3. Decidi. Viene introdotto il pensiero per connettere i nodi (la connessione dei nodi all'interno di una rete è la creazione di conoscenza).
  4. Agisci. Quando colleghiamo la conoscenza otteniamo comprensione o saggezza (pensa all'emergere di una rete o ai bordi di una rete).

Per ogni semplice regola, fornirò sia una domanda che una serie di strumenti o framework da utilizzare.

La domanda dovrebbe attivare la regola, in cui lo strumento o il framework porterà a una rete emergente. Uso domande semplici con regole semplici perché c'è potere in semplice.

A volte il modo migliore per arrivare al nocciolo della questione (specialmente in un mondo complesso) è porre una semplice domanda:

Regola n. 1 - Osserva: la vita non esaminata

Osserva (Consapevolezza o Risveglio)

  • Domanda: quale lente vedo attraverso la realtà?
  • Strumento / i: Systems Thinking V2.0 (DSRP) e chi sono?

Il processo di miglioramento della consapevolezza di sé attraverso l'introspezione richiede disciplina per guardarsi dentro per esaminare i nostri pensieri, sentimenti e motivazioni. [1] La consapevolezza di sé è la capacità di introspezione, così come la capacità di essere più abilitati come pensatori critici e più consapevoli dei propri pregiudizi. È attraverso questa comprensione dell'individuo che si apre una visione del mondo espansa.

Riflettendo sulla nostra visione del mondo, stiamo essenzialmente cercando di comprendere i nostri modelli mentali. La Cabrera ci informa,

"I modelli mentali danno forma alla nostra comprensione di tutto ciò che ci circonda. L'obiettivo del pensiero sistemico è il miglioramento e il perfezionamento continui dei nostri modelli mentali in modo che riflettano più da vicino il mondo reale. Più il modello mentale è vicino alla realtà, più è utile per noi. "

La Cabrera ha scoperto il DSRP per interrogare i nostri modelli mentali. Ci ricordano che la nostra comprensione della realtà è solo un'approssimazione. Seguendo i consigli dei Cabrera, ho usato una combinazione di DSRP e un esercizio del Red Team per capire il mio modello mentale.

Una delle prime tecniche che apprendiamo durante l'addestramento del Red Team (istruito dal Centro UFMCS per il pensiero critico applicato) è un esercizio chiamato Who Am I? Questo esercizio richiede la riflessione e l'introspezione delle tue narrazioni e dinamiche personali, della cultura, della religione, dell'istruzione e dei momenti critici che danno forma alla tua visione del mondo e ai tuoi valori. Esaminiamo brevemente il metodo per questo esercizio.

  • Passaggio 1. Devi prima ricordare eventi e momenti che cambiano la tua vita e che danno forma a chi sei. Per fare questo devi condurre uno studio disciplinato di autoriflessione della tua vita.
  • Passaggio 2. Condividi il tuo Chi sono io? in un contesto di gruppo o con un'altra persona. Le persone o la persona che ascolta non dovrebbero parlare o interromperti in alcun modo. Quindi trova qualcuno che sia bravo nell'ascolto attivo e spiega loro in modo specifico di cosa hai bisogno prima di iniziare l'esercizio.

Questo è anche un ottimo esercizio di team building. Scoprirete di conoscervi veramente a un livello profondo semplicemente conducendo questo esercizio.

Detto questo, vediamo un paio di potenti strumenti offerti da Cabrera in Systems Thinking v2.0: Thinkquiry e Plectica.

Thinkquiry è il termine utilizzato da Cabrera per pensare in modo diverso a come poniamo domande da un approccio di pensiero sistemico. Ciò che è diverso in Thinkquiry è la logica sottostante del DSRP, che è multivalente. La logica della domanda tradizionale nasce dalla logica socratica (che è logica bivalente) e in genere utilizza rubriche come le 5W (Who, What, Where, When, Why).

La logica DSRP si espande su questa logica bivalente, il che significa che questo tipo di domande possono ancora essere poste, ma siamo incoraggiati a penetrare più a fondo nel nostro argomento e porre domande più profonde. [2] Quanto segue illustra alcune di queste domande:

Plectica

È un software di mappatura dei sistemi visivi basato su Systems Thinking v2.0. Personalmente uso quotidianamente questo software gratuito per visualizzare, analizzare e sintetizzare concetti per ottenere una maggiore comprensione delle idee o dei concetti nella loro interezza. L'immagine sotto rappresenta la creatività che questo sistema ci offre mentre l'ho usata per creare la mia brulicante idea.

Consiglio anche di guardare il seguente video per una comprensione più approfondita di Systems Thinking V2.0 - DSRP:

Pensando meta-cognitivamente (pensando al pensiero) siamo in grado di rimodellare le connessioni nel nostro cervello e rimodellare i nostri modelli mentali. Hai effettivamente rimodellato le connessioni nel tuo cervello semplicemente guardando il video Systems Thinking v2.0.

Regola n. 2 - Orientamento: appendi un punto interrogativo sulle cose

  • Domanda: cosa dovrebbe esistere perché qualcosa sia vero? O perché qualcosa deve essere vero?
  • Strumento / i: regole semplici e il filo di perle (pensa SE-AND-THEN)

In Flock Not Clock, i Cabrera forniscono un esempio dell'utilizzo di regole semplici che portano a comportamenti emergenti in un'organizzazione. Questa è una tecnica potente ed è il fondamento dell'intero articolo (poiché questo articolo è essenzialmente una regola semplice per un comportamento emergente). Vediamo come funziona.

Passaggio 1: identifica il tuo stato futuro

Passaggio 2: individua regole semplici

  • Regola n. 1: osservare
  • Regola n. 2: orienta
  • Regola n. 3: decidere
  • Regola n. 4: agire

Passaggio 3: comportamento emergente (cosa possiamo effettivamente vedere)

Impariamo ad osservare il mondo reale tramite un nuovo modello mentale, a orientarci alla realtà, a prendere buone decisioni e, soprattutto ... ad agire (ricevendo e riflettendo su feedback continui).

La tecnica String of Pearls può essere trovata nel Manuale del Red Team. È un modo per garantire che i team considerino le conseguenze indesiderate. È uno strumento per aiutare a prevenire "desiderare" o "assumere il problema" e per identificare i punti deboli nel pensiero o in un piano.

Inoltre, in modo simile ai domini all'interno della tassonomia di Bloom, questa tecnica utilizza i domini. La tassonomia di Bloom fornisce tre domini: dominio cognitivo (riflette la conoscenza); dominio affettivo (riflette l'emozione); dominio fisico (riflette il corpo). Esaminiamo ulteriormente questi tre domini:

Gli eventi (noti anche come azioni) sono chiamati effetti del primo ordine e si verificano nel dominio fisico. Gli effetti del 2 ° ordine rappresentano come ci sentiamo riguardo all'evento (Dominio Affettivo). Gli effetti di 3 ° ordine rappresentano pensieri sull'evento (dominio cognitivo).

Inoltre, gli effetti a cascata seguono una catena di causalità effettiva (Se-Allora) mentre si verificano nel dominio fisico, dove un evento precipita il successivo. [3] Gli eventi successivi agli effetti di 2 ° e 3 ° ordine che li precedono sono conseguenze non intenzionali del primo evento. Tuttavia, non sono causati dall'evento originale. Identificando le conseguenze indesiderate, possiamo ridurre al minimo la probabilità di trascurare qualcosa.

Le tre domande seguenti sono fondamentali per la tecnica String of Pearls:

  1. Il tuo piano o le tue azioni produrranno una cascata di altri eventi? In caso affermativo, cosa potrebbero essere?
  2. Quale messaggio o informazione viene trasmesso dal piano o dall'azione ea chi viene trasmesso?
  3. Come verrà interpretato il messaggio dagli altri?

Regola n. 3 - Decidi: cacciatori di crisi

  • Domanda: dove NON si trovano i fori dei proiettili?
  • Strumento / i: ruota di esplorazione

“Nei mercati esiste una categoria di trader che hanno eventi rari inversi, per i quali la volatilità è spesso portatrice di buone notizie. Questi trader perdono denaro frequentemente, ma in piccole quantità, e guadagnano raramente, ma in grandi quantità. Li chiamo cacciatori di crisi. Sono felice di essere uno di loro. "

Taleb continua informandoci di un'asimmetria nella conoscenza. Nella sua discussione sul motivo per cui gli statistici non rilevano eventi rari, fornisce il seguente esempio,

"Il metodo statistico comune si basa sul costante aumento del livello di confidenza, in proporzione non lineare al numero di osservazioni. Cioè, per un aumento di n volte nella dimensione del campione, aumentiamo la nostra conoscenza della radice quadrata di n. Supponiamo che io stia disegnando da un'urna contenente palline rosse e nere. Il mio livello di confidenza sulla proporzione relativa di palline rosse e nere, dopo 20 disegni, non è il doppio di quello che ho dopo 10 disegni; è semplicemente moltiplicato per la radice quadrata di 2 (ovvero 1,41). "

Taleb continua con le seguenti osservazioni,

“Dove la statistica diventa complicata, e fallisce, è quando abbiamo distribuzioni che non sono simmetriche, come l'urna sopra. Se c'è una probabilità molto piccola di trovare una pallina rossa in un'urna dominata da quelle nere, allora la nostra conoscenza dell'assenza di palline rosse aumenterà molto lentamente, più lentamente rispetto alla radice quadrata attesa di n rate. "

Ecco un punto chiave della sua discussione,

“D'altra parte, la nostra conoscenza della presenza di palline rosse migliorerà notevolmente una volta trovata una di esse. Questa asimmetria della conoscenza non è banale. "

Cosa significa?

E se anche le palline rosse fossero distribuite casualmente? Come Taleb ci informa che non potremo mai ottenere una vera composizione dell'urna. Fornisce un esempio di un'urna con un fondo cavo e mentre stai campionando da esso, un bambino dispettoso (senza che tu lo sappia) sta aggiungendo palline di un colore o di un altro.

“La mia inferenza diventa quindi insignificante. Posso dedurre che le palline rosse rappresentano il 50% dell'urna mentre il bambino dispettoso, sentendomi, sostituirebbe rapidamente tutte le palline rosse con quelle nere. Questo rende gran parte della nostra conoscenza derivata dalle statistiche piuttosto instabile. "

Allora, qual è il punto?

Taleb sottolinea che prendiamo la storia passata come un unico campione omogeneo credendo di aver aumentato significativamente la nostra conoscenza del futuro osservando il campione del passato.

Taleb pone due domande alla fine del suo esempio:

  1. E se dei bambini malvagi stessero cambiando la composizione dell'urna
  2. In altre parole, e se le cose fossero cambiate?

Il punto di questa discussione è che le cose di fatto cambiano. In quanto pensatori critici autocoscienti, non dovremmo preoccuparci di aumentare la nostra conoscenza sull'assenza di palline rosse ... dovremmo cercare di migliorare la nostra conoscenza della presenza di palline rosse. Pertanto, non dovremmo mai dimenticare che le cose cambieranno.

Questo mi riporta alla mia precedente discussione sulla modifica del modo in cui formuliamo una domanda. Un semplice cambiamento nel modo in cui formuliamo una domanda ci consente di cambiare completamente la nostra prospettiva e potenzialmente portare a un cambiamento di paradigma. La modifica qui è la seguente:

Cambia "assenza" di palline rosse in "presenza" di palline rosse. Quindi, cerchi di diventare un cacciatore di crisi: un'asimmetria nella conoscenza.

Per quelli di voi che sono fan di Sherlock Holmes e hanno letto Come aggiornare le proprie capacità di pensiero critico per una mente più acuta, tornate indietro e leggete la mia sezione intitolata SDWFAP.

  • Scouting (S): pensa come uno scout: la spinta a vedere cosa c'è veramente.
  • Cane (D): trova il cane che non abbaia.
  • Era (W): cosa dovrebbe esistere perché qualcosa fosse vero?
  • Spaventato (F): cosa non va di fronte a noi?
  • In (A): chiedi quali prove non vengono viste, ma ci si aspetterebbe che l'ipotesi sia vera.
  • Motivi (P): dove NON si trovano il modello (o la posizione) dei fori di proiettile?

Inoltre, possiamo visualizzare utilizzando SDWFAP per sciamare il nostro cervello. Usando regole semplici simili a come l'Intelligenza Artificiale (AI) userebbe tattiche brulicanti: Sense - Decide - Act. Vediamo come potremmo "sciamare il cervello consapevole di sé e del pensiero critico":

Regola n. 4 - Azione: successo = sensori + feedback

  • Domanda: dov'è il cane che non abbaia?
  • Strumento (i): sciamare le tattiche del cervello

Se cambiamo il nostro comportamento, cambiamo il nostro cervello. "Swarming the Brain" sta preparando il cervello all'apprendimento e possiamo farlo attraverso lo sviluppo di sensori (o trigger), esercizio fisico, nutrizione, lettura e apprendimento, lo sviluppo di una routine mattutina e la ricezione (e la riflessione) continua positiva risposta. Dobbiamo anche identificare gli indicatori chiave del cambiamento. Questi ci consentono la capacità di valutare il cambiamento e la capacità di posizionare i sensori chiave sotto forma di indicatori (o cambiamento previsto).

Inoltre, la prima regola è la più cruciale: osserva. Esaminiamo questo da una relazione genitore-figlio. Se il genitore non è a conoscenza, il bambino non lo sarà. Questo è il motivo per cui qualcosa deve fungere da sensore o da innesco per creare consapevolezza.

Questo mi ricorda come uso la mia applicazione iOS preferita: WikiLinks Smart Wikipedia Reader. Questa app imita il mio modo di pensare mentre mappa e collega concetti e narrazioni.

Ad esempio, se siamo a conoscenza del termine ADHD solo come diagnosi di un disturbo, non saremo a conoscenza di alcuna conoscenza aggiuntiva. Ma se siamo consapevoli di ulteriori conoscenze e consapevoli del fatto che l'ADHD non è un disturbo, allora iniziamo a vedere più collegamenti, quindi più collegamenti, quindi si verifica un cambio di paradigma.

Qui, un genitore deve prima cambiare la propria prospettiva da,

"Se a mio figlio viene diagnosticato l'ADHD - Ed è un disturbo - allora mio figlio riceverà un feedback negativo". a "Se a mio figlio viene diagnosticato l'ADHD - Ed è un superpotere - allora mio figlio riceverà un feedback positivo".