Formule killer per dare critiche costruttive al lavoro

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Trascorriamo una parte significativa della nostra vita al lavoro, spesso in compagnia di persone che non ci piacciono o con cui abbiamo poco in comune. Alla luce di ciò, dei metodi di lavoro alternativi e della pressione delle scadenze dei progetti, è fin troppo facile che le frustrazioni ribollano e che emerga una cultura della colpa.

Ciò è estremamente dannoso, tuttavia, poiché una tale cultura ci incoraggia ad attribuire la colpa ai nostri colleghi giudicando le loro prestazioni in modo duro e soggettivo. Solo le critiche senza giudizio possono essere veramente costruttive, quindi è fondamentale che affini le tue capacità di comunicazione se vuoi creare un ambiente di lavoro più positivo.

1. Affronta il problema piuttosto che la persona

Quando i progetti o i processi sul posto di lavoro vanno male, è fondamentale analizzare le carenze e apprendere lezioni fondamentali per il futuro. Ciò non è possibile se focalizzi i tuoi commenti sulla persona piuttosto che sul problema, tuttavia, poiché questo si manifesta come un attacco personale che distrae dalle questioni in questione e non tiene conto di eventuali circostanze attenuanti che potrebbero aver portato ai fallimenti .

Supponiamo che il tuo collega abbia fatto una presentazione poco interessante che non è riuscita a stupire un nuovo cliente. Anche se critichi con buone intenzioni, usare parole emotive come "noioso" e applicarle alla persona piuttosto che alla presentazione è estremamente controproducente e può impedire un ulteriore dialogo costruttivo. Cerca invece di utilizzare un linguaggio passivo focalizzato oggettivamente sulla sola presentazione ed evita qualsiasi riferimento personale. Quando offri un feedback, assicurati di fornire un contesto a ogni singolo punto offrendo suggerimenti per il miglioramento (come esprimere i punti in modo più conciso).

2. Comprendi l'obiettivo di offrire critiche e condividilo con il tuo collega

Abbiamo già accennato al modo in cui il linguaggio emotivo può prevenire le critiche costruttive, ma lo stesso principio si applica al modo in cui esprimi la tua critica. Dirigere rabbia e frustrazione verso il destinatario può far sì che si chiuda, ad esempio, mentre le critiche apparentemente senza scopo e non strutturate lo lascia senza alcun potenziale di miglioramento o progresso in futuro.

Se hai il compito di valutare un dipendente con prestazioni inferiori, ad esempio, è fondamentale analizzare ogni punto di critica e determinare la motivazione precisa per fornire ciascuno di essi. Quindi, se critichi la loro applicazione perché desideri che realizzino il loro potenziale sul posto di lavoro e lo condividano con il destinatario, possono considerare il feedback nel contesto beneficiando al contempo di un obiettivo futuro attuabile. Dal tuo punto di vista, prova a utilizzare la tecnica della mappatura mentale per creare un rappresentante visivo dei tuoi pensieri in modo che questi possano essere organizzati e comunicati chiaramente attraverso il feedback.

3. Concentrati sull'affrontare i problemi perseguibili

Anche se ogni critica costruttiva avrà la sua motivazione unica, come regola generale tale feedback è progettato per favorire il miglioramento personale e collaborativo o per recuperare da un errore. Con questo in mente, è imperativo criticare solo le cose che sono sotto il controllo del destinatario, come il loro atteggiamento, l'applicazione e il livello di abilità. Questa è una critica costruttiva che consente ai tuoi colleghi di adottare misure attuabili verso miglioramenti, mentre una critica generale dei fattori esterni li lascerà disillusi e impotenti.

In termini pratici, immaginiamo che il tuo collega stia organizzando un evento aziendale e abbia già pagato interamente per assicurarsi una sede in una posizione remota e di difficile accesso. Invece di criticare la loro scelta e ripetere ripetutamente che la sede è inadeguata, è molto meglio concentrarsi su ciò che può essere fatto per risolvere il problema e compensare l'investimento. Ad esempio, predisporre il trasporto per gli ospiti offre una soluzione praticabile, così come l'essere empatici con gli ospiti per evitare ulteriori contraccolpi.

4. Comprendi i problemi in questione e non fare supposizioni

L'empatia è fondamentale per una critica costruttiva, così come un acuto senso di obiettività. Questi due attributi ti consentono di comprendere la prospettiva dell'altra persona, implorandoti anche di comprendere i problemi in dettaglio prima di rispondere. In breve, devi agire in base a ciò che sai piuttosto che a ciò che pensi, poiché questo garantisce che qualsiasi feedback che offri sia costruttivo, equo e facile da identificare per il destinatario.

Supponiamo che il tuo collega abbia il compito di presentare un aggiornamento su un progetto specifico, ma è solo in grado di pronunciare un discorso incerto che ha confuso i suoi manager e le parti interessate. Sebbene possa essere naturale presumere che questa performance sia stata il risultato di nervosismo e inesperienza (e successivamente suggerire che qualcun altro faccia la presentazione la prossima volta), ciò non è basato sui fatti e non prende in considerazione alcun fattore aggiuntivo. Il problema potrebbe essere la mancanza di tempo per prepararsi alla pressione del lavoro, ad esempio, mentre potrebbero esserci altre circostanze che hanno influenzato le prestazioni del tuo collega.

In ogni caso, questo approccio più ponderato migliora la qualità e la consegna del tuo feedback, guidando allo stesso tempo un processo decisionale informato.

5. Fornire ai colleghi un feedback specifico e onesto

Ogni volta che miri a offrire critiche costruttive sul posto di lavoro, è necessario essere il più specifici e onesti che puoi. In termini di prima, un'eccellente chiarezza di pensiero e una capacità di articolare la tua critica in modo conciso crea punti di miglioramento specifici, eliminando qualsiasi ambiguità che possa esistere nella mente del destinatario. Il valore di questo può essere rafforzato con una comunicazione onesta e aperta, poiché questo tipo di interazione diretta guida azioni succinte e di facile comprensione in futuro.