Hai quello che serve per essere il tuo capo?

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

La tendenza al lavoro autonomo si è molto diffusa negli ultimi anni. Con oltre 14,4 milioni di lavoratori autonomi solo negli Stati Uniti all'inizio del 2014, si tratta di quasi il 6,6% della forza lavoro totale degli Stati Uniti. Tuttavia, per quanto brillante possa sembrare, essere un lavoratore autonomo è una sfida. Molti professionisti delle startup hanno raccolto ricchi guadagni, mentre altri finiscono per combattere la stasi finanziaria. La differenza sta nei tratti della personalità, nell'etica professionale, nella disciplina, nello stato d'animo e nella determinazione ad avere successo.

Alcune persone possiedono naturalmente le qualità necessarie per gestire la propria attività, mentre altre hanno bisogno di svilupparla e impararla. Non c'è niente di sbagliato nell'apprendere o sviluppare la capacità di gestire se stessi, fintanto che si possono perfezionare le proprie qualità imprenditoriali esistenti e continuare a svilupparsi e aggiornarsi nel campo prescelto. Questa infografica di Gryffin Media fornisce un'immagine concisa ma chiara sul fatto che tu abbia o meno in te il compito di essere il tuo capo. Scuote il tuo autocompiacimento e ti fa uscire dalla dormienza in cui a volte la maggior parte dei lavoratori autonomi tende a entrare, in modo che l'obiettivo a lungo termine possa essere fissato e raggiunto.

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Hemendra

Tendenze nel lavoro

Altro di questo autore

Hemendra

Tendenze nel lavoro

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 17 dicembre 2020

Rendi felici tutti in ufficio installando questo

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Ammettiamolo, per quanto positivo e ottimista sia il tuo ambiente d'ufficio, i tuoi dipendenti continueranno a soffrire di stress di tanto in tanto. Questi stress possono derivare da una miriade di fonti, tra cui: superlavoro, pressione sulle scadenze e mancanza di pause adeguate.

Ad esempio, il tuo team di vendita potrebbe essere vicino alla fine del trimestre e si impegna a fornire i migliori risultati possibili. Sebbene questo sia un obiettivo degno, i membri del team corrono il rischio di spingersi troppo oltre e di lasciarsi privi di energia e pieni di tensione.

È in momenti come questi che tutti i tuoi dipendenti possono essere influenzati negativamente.

Non è una novità che lo stress possa ridurre la produttività o addirittura la qualità del lavoro

Uno dei sintomi dello stress è che può portare a una minore produttività. Ciò significa che se molti (o tutti) i tuoi dipendenti iniziano a mostrare segni di stress, puoi essere certo che la produttività complessiva della tua azienda ne risentirà.

Se ti rendi conto che i tuoi dipendenti soffrono di stress, allora è il momento di intraprendere un'azione per ridurre o eliminare questo peso. Un ottimo modo per farlo è presentare ai tuoi dipendenti i benefici positivi della meditazione. La ricerca mostra che le persone che meditano regolarmente potrebbero sperimentare i seguenti benefici:

  • Una maggiore capacità di concentrazione.
  • Un miglioramento della memoria.
  • Meno fatica.
  • Un aumento della percezione.
  • Una riduzione dello stress. [1]

Queste sono solo una piccola selezione dei benefici che la meditazione può offrire, ed è perfettamente logico che la meditazione sia un ottimo strumento per migliorare le prestazioni dei dipendenti. (E a sua volta, un aumento delle prestazioni complessive della tua azienda.)

Immagina per un momento che i tuoi dipendenti si prendano una pausa giornaliera di 5-10 minuti dal loro lavoro per praticare la meditazione. Non solo loro e la tua azienda vedrebbero un aumento della produttività, ma i tuoi dipendenti migliorerebbero anche la loro autodisciplina. Inoltre troverebbero più facile mantenere una mentalità positiva. [2]

Che cos'è esattamente l'app "Stop, Breathe & Think"?

Si spera di averti dato ragioni sufficienti per accendere il tuo interesse nel rendere la meditazione regolare parte del tuo ambiente d'ufficio. Ora potresti pensare: "Qual è il prossimo? Come posso presentare la meditazione ai miei dipendenti? "

Bene, qui a Lifehack, ci siamo imbattuti in una fantastica app chiamata Stop, Breathe & Think. Riteniamo che l'app sia il modo ideale per avviare sessioni di meditazione regolari in un ambiente d'ufficio.

Sebbene l'app sia disponibile come download per Android o iOS, questi sono principalmente per utenti personali. Quando si tratta di meditazione in ufficio, Stop, Breathe & Think è disponibile come pratico plug-in Slack.

Una volta attivato sul tuo account Slack, Stop, Breathe & Think consentirà a individui o gruppi di programmare attività di consapevolezza. Queste attività includono:

  • Brevi pause per facilitare il recupero della mente e del corpo.
  • Esercizi di respirazione per condizionare pensieri, emozioni e reazioni.
  • Meditazioni personalizzate per contribuire a portare pace e armonia generali.

In che modo l'app aiuterà i tuoi dipendenti a diventare più produttivi

Con l'enorme peso della ricerca che mostra i benefici della meditazione, il plug-in Slack è il modo perfetto per aiutare i tuoi dipendenti a iniziare con questa abitudine positiva.

Diamo ora un'occhiata ad alcune delle fantastiche funzioni offerte dall'app.

Gli utenti dell'app possono apprendere le basi della meditazione e provare diversi tipi.

Scegliendo come si sentono in quel momento, l'app guida gli utenti alla meditazione più adatta.

Le meditazioni sono programmate in modo che gli utenti possano rilassarsi completamente, sapendo che l'app li avviserà al termine del tempo di meditazione programmato.

L'app consente inoltre agli utenti di vedere come è andato il loro stato emotivo nel corso di una settimana, mese o oltre.