Il tempo da soli fa bene, afferma la ricerca

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Il nostro mondo è più iperconnesso che mai. Abbiamo smartphone, tablet, iPod, laptop e alcuni di noi hanno persino quelle reliquie che presto saranno chiamate desktop. Siamo così dipendenti che - secondo il Pew Research Center - il 67% dei possessori di cellulari si ritrova a controllare il proprio telefono anche quando non si accorge che squilla o vibra, e il 21% di noi dichiara di andare online "quasi costantemente". Siamo così impegnati nel networking, online e offline, che lasciamo poco tempo per noi stessi. Ma ecco il punto: il tempo da solo ha alcuni vantaggi significativi.

La scienza dimostra che sovrastimiamo quanto abbiamo bisogno delle persone e sottovalutiamo il valore delle esperienze solitarie.

In sostanza, si tratta di un problema di pubbliche relazioni. Essere soli ha un brutto colpo. Spesso è erroneamente associato all'essere soli o antisociali, entrambi non benefici per la salute. Ma essere soli è diverso da queste condizioni e la ricerca sta aumentando i suoi benefici per il corpo e la mente. Ad esempio, un recente studio pubblicato nel Journal of Consumer Research ha rilevato che coloro che "rinunciano alle sole attività edoniche perdono opportunità per esperienze gratificanti".

Allora, quali sono i vantaggi di essere soli? Ecco cinque modi in cui stare da solo arricchirà la tua vita.

1. Il tempo da solo può aiutarti a riposarti e ricaricarti

Se sei come la maggior parte delle persone, sei continuamente sopraffatto da un assalto di distrazioni e molte di queste si presentano sotto forma di altre persone. Riunioni, telefonate, messaggi di testo, social media, feste e appuntamenti serali. Stai correndo qua e là, cercando di mantenere il Rolodex mentale dei tuoi contatti e dei tuoi compiti. Hai bisogno di una pausa.

Stare da solo ti dà l'opportunità di calmare i nervi, decomprimere e ritrovare lucidità e concentrazione. Che si tratti di fare un bagno caldo, meditare di 10 minuti o semplicemente godersi qualche momento da solo, il tempo da solo può aiutarti a raccogliere i tuoi pensieri e a sfruttare l'energia di cui hai bisogno per il resto della giornata.

2. Essere soli aumenta la creatività

Susan Cain, autrice del libro Quiet, ha dichiarato a Scientific American: "La solitudine è un ingrediente cruciale (e sottovalutato) per la creatività". Mentre il brainstorming è spesso pubblicizzato come la soluzione per produrre idee creative, decenni di ricerca dimostrano che può ritorcersi contro. Le persone possono sentirsi costrette in gruppo, preoccupate per ciò che gli altri penseranno delle loro idee o semplicemente non motivate a impegnarsi in un'esplorazione profonda.

Da solo, che sia a casa, in un bar, in una strada cittadina o in mezzo alla natura, hai spazio e il permesso di aprire la tua mente e scoprire nuove idee e possibilità.

3. Ottieni di più quando sei da solo

Nel 1913, un ingegnere agricolo di nome Maximilien Ringelmann scoprì che le persone si sforzano di più quando lavorano da sole su un compito (tirare la fune, in questo primo esempio del 1900) rispetto a quando lavorano insieme in gruppo. Noto come "pigrizia sociale", questo fenomeno è stato replicato in numerosi studi in diverse situazioni nel tempo. Pensa al tuo ultimo progetto di gruppo: riesci a ricordare un "fannullone" che hai incontrato? Lo pensavo e probabilmente non ha aiutato a creare il miglior prodotto o l'esperienza più positiva per nessuno.

È interessante notare che, anche quando qualcuno pensa di dare il massimo impegno a un gruppo, gli studi dimostrano che non lo sono. Molto di questo è dovuto a una perdita di motivazione, obiettivi poco chiari o incapacità di coordinare gli sforzi di gruppo. Essere soli è quando puoi sfruttare la tua motivazione e alla fine ottenere di più.

4. La solitudine può aumentare l'intimità

In termini religiosi, la solitudine può servire come un momento per essere tutt'uno con Dio. E per un terzo o la metà della popolazione che è introversa, è un'opportunità per riconnettersi con se stessi. Ma studi psicologici hanno scoperto che i benefici dell'essere soli si estendono oltre gli introversi e lo spirituale. La disconnessione offre una potente opportunità per regolare le nostre vite e rafforzare i legami.

Trascorrere del tempo da solo può aiutarti a rivalutare e acquisire una prospettiva sulle relazioni e fornisce una pausa tanto necessaria dalla socializzazione. In questo modo, quando torni nel mondo sociale, puoi essere più pienamente coinvolto con i tuoi cari e meno distratto dal tuo monologo interiore. Inoltre, attraverso le attività che svolgi da solo, potresti incontrare persone nuove ed entusiasmanti che altrimenti non avresti mai incontrato.

5. Hai il dono più grande di tutti quando sei solo: la libertà

Qualsiasi genitore ti dirà che una cosa che gli manca molto ora che hanno figli è la libertà. I giovani laureati si commisereranno che, sebbene "amino" i loro compagni di stanza, non vedono l'ora che se ne vadano per un fine settimana. Anche gli sposi a volte festeggiano quando l'altro è assente.

Ammettiamolo, la libertà di fare ciò che vogliamo, quando e come lo vogliamo, diventa più rara man mano che invecchiamo. Prendersi del tempo per staccarsi, disconnettersi e trascorrere del tempo da soli, facendo quello che si vuole alle proprie condizioni, aiuta a migliorare l'umore, creare equilibrio e arricchire la prospettiva. Nessun confine, nessun giudizio, nessuna negoziazione. Ti ricorda che hai il controllo della tua vita e che l'appagamento alla fine viene da dentro.

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Amanda Richardson

Tendenze nella comunicazione

Altro di questo autore

Amanda Richardson

Tendenze nella comunicazione

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 18 dicembre 2020

In che modo viaggiare può migliorare drasticamente le tue capacità interpersonali

Vagabondo itinerante, scrittore e appassionato di cibo vegetale. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Intrinsecamente, il viaggiatore esperto funge anche da farfalla sociale. Possono avviare una conversazione per capriccio e in qualche modo riescono a trovare un terreno comune con persone di ogni estrazione sociale.

Viaggiare da solo può aprirci e arricchire incredibilmente gli occhi, ma ci fornirà anche le abilità necessarie per avere successo. La comunicazione e le abilità interpersonali sono attributi che possono essere appresi e affinati. Queste abilità sono applicabili nella vita di tutti i giorni e possono essere tradotte in ambienti professionali.

Siamo intrinsecamente chiusi

Per la mia prima esperienza di viaggio solitario, ero appena arrivato a San Francisco per uno stage. Si è verificato un problema con il nostro treno e abbiamo dovuto passare a un nuovo treno al binario successivo. Un signore che aveva tenuto una conversazione educata ha deciso che ora era la sua missione aiutarmi a spostare le mie cose sul treno successivo.

Nonostante le buone intenzioni, ero sgomento. Non ero abituato alla gentilezza degli estranei, anzi pensavo che stesse cercando di derubarmi o peggio. La gentilezza è in qualche modo regionale. E crescendo nella zona di Tristate, ero stato condizionato ad essere estremamente scettico. L'interazione con estranei sembrava incredibilmente tabù.

È vergognoso ammetterlo, ma le abilità sociali sono cadute nel dimenticatoio. Ci siamo dimenticati di come parlarci. L'idea di avviare una conversazione con uno sconosciuto è al limite del terrificante. Ma ancora più terrificante, la mancanza di una comunicazione efficace porterà alla fine a una vita solitaria.

Mantenere viva la passione

Una volta un uomo molto saggio ha detto che prima di impegnarsi completamente con qualcuno, portalo in viaggio. Quest'uomo saggio è Bill Murray e dice la verità. Viaggiare può essere un periodo molto vulnerabile per molte volte, spesso può tirare fuori il peggio dalle persone.

Ma se sei in grado di superare gli inevitabili ostacoli che sorgeranno durante il tuo viaggio, è stato dimostrato che viaggiare rafforza le relazioni. [1] Offre a te stesso e al tuo partner l'opportunità di condividere un obiettivo comune.

Il semplice fatto di trovarsi in un ambiente diverso [2], libero da tutti i tuoi obblighi quotidiani che tendono a intralciarti, aiuterà a riaccendere il romanticismo e l'intimità. Darà a entrambi la possibilità di rivisitare alcune questioni che normalmente darebbero inizio a una discussione, in un ambiente romantico e sicuro.

Le coppie che viaggiano regolarmente insieme hanno riferito di avere una comunicazione più efficace tra loro rispetto a quelle che non lo fanno. [3]

Non vedrai mai il mondo allo stesso modo

La più grande epifania che si possa vivere mentre si immergono nello stile di vita dei viaggi è la consapevolezza che non tutti pensano come te. Non tutti vivono nello stesso modo in cui lo fai tu. Culture diverse ospitano filosofie e priorità diverse.

Respira, rilassati e divertiti

Crescendo in un luogo in cui i risultati sono attesi istantaneamente, non mi piaceva l'idea di aspettare. Voglio dire, qual è il problema? Ho effettuato l'ordine e lo voglio adesso. Chiaramente l'impazienza era spalmata su tutto il viso. Il server che ha preso il mio ordine mi ha chiesto in modo così innocente: "Perché sembri arrabbiato? Hai qualche momento in più per goderti la vita prima di ricevere il cibo. " Aveva così ragione. Perché mi stavo arrabbiando? Non avevo nessun posto dove essere. Così ho seguito il suo consiglio. Inspirai profondamente, assorbendo tutta la bellezza che mi circondava.