Come i pregiudizi cognitivi influenzano il nostro processo decisionale

Neuroscienziato cognitivo ed economista comportamentale; CEO di esperti di prevenzione dei disastri; autore multiplo di successo Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

I pregiudizi cognitivi sono pericolosi errori di giudizio che possono devastare la nostra salute e il nostro benessere, le nostre relazioni, carriere e imprese e altre aree della nostra vita.

Per proteggerti da questi punti ciechi mentali, devi sapere cosa sono, da dove vengono e cosa puoi fare al riguardo. Questo è l'argomento di questo articolo.

Sommario

  1. Bias cognitivi sulla strada
  2. Attribuzione errata della colpa a causa di pregiudizi cognitivi
  3. I pregiudizi cognitivi sono davvero così gravi?
  4. Perché soffriamo di pregiudizi cognitivi?
  5. Addestra il tuo sistema intenzionale ad affrontare i pregiudizi cognitivi
  6. Conclusione
  7. Ulteriori informazioni sui pregiudizi cognitivi

Bias cognitivi in ​​viaggio

Per un esempio di pregiudizio cognitivo, immagina di guidare con il pilota automatico, come facciamo tutti la maggior parte del tempo.

Sia chiaro, è una buona idea lasciare che la tua risposta automatica sia al posto di guida quando svolgi attività che non richiedono la tua piena concentrazione e attenzione. In situazioni di guida ordinarie, senza condizioni meteorologiche avverse o traffico di avvio e arresto, non è necessario utilizzare le proprie risorse mentali concentrandosi completamente sulla guida.

Ora immagina che, mentre stai guidando, l'auto davanti a te ti interrompa inaspettatamente!

Bene, devi premere i freni per evitare un incidente. Forse accendi le luci o suoni il clacson. Ti senti spaventato e arrabbiato.

Il tuo sistema nervoso simpatico si attiva, sparando cortisolo in tutto il corpo. Il tuo cuore batte più velocemente, i tuoi palmi iniziano a sudare, un'ondata di calore attraversa il tuo corpo. [1]

Qual è il tuo istinto nei confronti dell'altro pilota? Probabilmente la tua prima impressione è che l'autista sia scortese e antipatico.

Ora immagina una situazione diversa. Stai guidando con il pilota automatico, fai gli affari tuoi e all'improvviso ti rendi conto che devi svoltare a destra al prossimo incrocio. Cambia rapidamente corsia e improvvisamente senti qualcuno dietro di te che suona il clacson.

Ora ti rendi conto che c'era qualcuno nel tuo punto cieco, ma ti sei dimenticato di controllarlo nella fretta di cambiare corsia, quindi li hai tagliati piuttosto male.

Pensi di essere un guidatore maleducato? La stragrande maggioranza di noi non lo farebbe. Dopo tutto, non abbiamo deliberatamente tagliato fuori l'altro guidatore; non siamo riusciti a vedere la loro macchina.

Immaginiamo un'altra situazione: la tua amica si è fatta male e tu la stai portando di corsa al pronto soccorso. Stai guidando in modo aggressivo e tagli davanti ad altre auto.

Sei un guidatore maleducato? Probabilmente diresti di non esserlo; stai semplicemente facendo la cosa giusta per questa situazione.

Attribuzione errata della colpa a causa di pregiudizi cognitivi

Perché ci concediamo un permesso mentre assegniamo uno stato odioso ad altre persone? Perché il nostro coraggio rende sempre noi stessi i buoni e le altre persone i cattivi?

C'è chiaramente una disconnessione tra le nostre reazioni viscerali e la realtà. Questo modello non è una coincidenza

La nostra reazione istintiva immediata attribuisce il comportamento di altre persone alla loro personalità e non alla situazione in cui si verifica il comportamento. Il nome scientifico per questo tipo di bias cognitivo è l'errore di attribuzione fondamentale. [2]

Questo errore di giudizio si traduce nel seguente: se vediamo qualcuno comportarsi in modo scortese, immediatamente e intuitivamente sentiamo che questa persona è scortese. Non ci fermiamo a considerare se una situazione insolita possa indurre l'individuo ad agire in quel modo.

Con l'esempio dell'autista, forse la persona che ti ha interrotto non ti ha visto. Forse stavano portando il loro amico al pronto soccorso. Ma non è quello che ci dice la nostra reazione istintiva.

D'altra parte, attribuiamo il nostro comportamento alla situazione e non alla nostra personalità. La maggior parte delle volte crediamo di avere spiegazioni valide e pienamente giustificabili per le nostre azioni.

I pregiudizi cognitivi sono davvero così gravi?

Non credi che questi giudizi improvvisi negativi sugli altri possano essere dannosi?

Potrebbe non sembrare molto importante se pensi erroneamente che gli altri driver siano dei cretini. Mi dispiace deluderti, ma questo schema mentale rappresentava una grave minaccia per le tue relazioni.

Ad esempio, cosa penseresti di un potenziale collega di lavoro se la vedessi urlare a qualcuno sul suo smartphone?

Probabilmente avresti una reazione negativa nei suoi confronti e potresti non essere in grado di fare affari con lei. E se scoprissi che stava urlando perché sull'altra linea c'era suo padre che ha appena smarrito il suo apparecchio acustico e lei stava progettando di venire a casa sua per aiutarlo a cercarlo?

Ci possono essere molte spiegazioni innocenti per qualcuno che urla al telefono, ma siamo tentati di supporre il peggio.

In un esempio correlato, stavo istruendo un CEO di un'azienda che aveva personale che lavorava da casa a causa di COVID-19.

Mi ha parlato di un recente incidente con un dipendente che stava avendo un'accesa discussione su Skype per un conflitto con un responsabile delle risorse umane. La chiamata Skype si è interrotta e il responsabile delle risorse umane ha detto al CEO che il dipendente ha riattaccato. Il CEO ha licenziato il dipendente sul posto.

Successivamente, ha appreso che il dipendente pensava che il manager delle risorse umane avesse riattaccato. La chiamata si è semplicemente interrotta. Sfortunatamente, era troppo tardi per riprendere la risoluzione, anche se il CEO si è rammaricato della sua accesa decisione.

Questa situazione di licenziamento ingiusto ha davvero demoralizzato il resto del personale, provocando una crescente disconnessione tra il CEO e gli altri membri del personale. Alla fine ha contribuito all'abbandono dell'organizzazione da parte del CEO.

Perché soffriamo di pregiudizi cognitivi?

Intuitivamente, la nostra mente sembra un tutto coeso. Ci percepiamo come pensatori intenzionali e razionali. Eppure la ricerca della scienza cognitiva mostra che in realtà, la parte intenzionale della nostra mente è come un piccolo cavaliere in cima a un enorme elefante di emozioni e intuizioni. [3]

In parole povere, abbiamo due sistemi di pensiero, che i neuroscienziati chiamano Sistema 1 e 2. Ma è più facile pensarli come "sistema autopilota" e "sistema intenzionale".

Il sistema di pilota automatico corrisponde alle nostre emozioni e intuizioni. I suoi processi cognitivi si svolgono principalmente nell'amigdala e in altre parti del cervello che si sono sviluppate all'inizio della nostra evoluzione.

Questo sistema guida le nostre abitudini quotidiane, ci aiuta a prendere decisioni rapide e reagisce istantaneamente a pericolose situazioni di vita o di morte, come le tigri dai denti a sciabola attraverso la reazione allo stress da congelamento, combattimento o volo.

Pur aiutando la nostra sopravvivenza in passato, la risposta di lotta o fuga non si adatta perfettamente alla vita moderna. Abbiamo molti piccoli stress che non sono pericolosi per la vita, ma il sistema di pilota automatico li tratta come tigri, producendo un'esperienza di vita quotidiana inutilmente stressante che mina il nostro benessere mentale e fisico.

Inoltre, mentre i giudizi improvvisi derivanti da intuizioni ed emozioni di solito sembrano "veri" perché sono veloci e potenti, a volte ci guidano in modo sbagliato in modi sistemici e prevedibili.

Il sistema intenzionale riflette il nostro pensiero razionale e si concentra sulla corteccia prefrontale, la parte del cervello che si è evoluta più di recente.

Questo sistema di pensiero ci aiuta a gestire attività mentali più complesse, come la gestione delle relazioni individuali e di gruppo, il ragionamento logico, il pensiero probabilistico e l'apprendimento di nuove informazioni e modelli di pensiero e comportamento. Può anche portare a errori decisionali occasionali, ma è giusto molto più spesso del sistema di pilota automatico. [4]

Addestra il tuo sistema intenzionale ad affrontare i pregiudizi cognitivi

Sebbene il sistema automatico non richieda alcuno sforzo cosciente per funzionare, il sistema intenzionale richiede uno sforzo deliberato per accendersi ed è mentalmente stancante.

Fortunatamente, con una motivazione sufficiente e una formazione adeguata, il sistema intenzionale può attivarsi in situazioni in cui siamo inclini a commettere errori decisionali sistematici. Gli studiosi usano il termine "pregiudizi cognitivi" per riferirsi a questi errori.

Il sistema di pilota automatico è come un elefante. È di gran lunga il più potente e predominante dei due sistemi. Le nostre emozioni spesso possono sopraffare il nostro pensiero razionale.

Inoltre, le nostre intuizioni e abitudini determinano la maggior parte della nostra vita, che trascorriamo in modalità pilota automatico. E questa non è affatto una brutta cosa: sarebbe mentalmente estenuante pensare intenzionalmente a ogni nostra azione e decisione.

Il sistema intenzionale è come il cavaliere dell'elefante. Può guidare l'elefante deliberatamente verso una direzione che corrisponda ai nostri obiettivi reali.

Certamente, la parte dell'elefante del cervello è enorme e ingombrante, lenta a girare e cambiare e fugge alle minacce. Ma possiamo addestrare l'elefante. Il tuo cavaliere può essere un sussurro di elefanti.

Nel tempo, puoi utilizzare il sistema intenzionale per modificare i tuoi schemi automatici di pensiero, sentimenti e comportamento e diventare molto più bravo nel prendere le decisioni migliori.

Ecco perché non dovresti mai seguire il tuo istinto, e invece controllare con la tua testa qualsiasi decisione che non vuoi sbagliare. [5]

Conclusione

Torniamo all'errore di attribuzione fondamentale. Ora che sappiamo cosa sono i pregiudizi cognitivi e da dove vengono, come possiamo spiegare questo pregiudizio cognitivo?

Da una prospettiva evolutiva, nella savana ancestrale, era prezioso per la sopravvivenza dei nostri antenati prendere decisioni rapide e assumere il peggio, indipendentemente dall'accuratezza di questo assunto. Coloro che non sono riusciti a farlo non sono sopravvissuti per trasmettere i propri geni.

Nel mondo moderno in cui la nostra sopravvivenza non è immediatamente minacciata da altri e dove abbiamo interazioni a lungo termine con estranei, tali giudizi sono pericolosi per i nostri obiettivi a lungo termine. Dobbiamo affrontare questo e altri punti ciechi mentali per prendere buone decisioni, che si tratti delle nostre relazioni o di altre aree della nostra vita. [6]

Quindi, dedica alcuni minuti adesso a pensare a dove nelle ultime settimane potresti aver attribuito erroneamente la colpa. Dato lo stress associato alla pandemia, è facile.

Prenditi il ​​tempo per contattare coloro che hai ingiustamente incolpato e chiedere scusa. Ciò può essere l'inizio del tuo viaggio di tutta la vita per riconoscere e sconfiggere i pregiudizi cognitivi e prendere le decisioni migliori.

Ulteriori informazioni sui pregiudizi cognitivi

  • 5 pregiudizi cognitivi che ti hanno impedito di raggiungere il pieno potenziale
  • 20 pregiudizi cognitivi che influenzano in larga misura le tue decisioni quotidiane
  • Tre pregiudizi cognitivi che ti costano denaro, stress e felicità

Riferimento

[1] ^ Journal of Hypertension: Il sistema nervoso simpatico e la sindrome metabolica [2] ^ Evoluzione e comportamento umano: La psicologia degli scacchi sociali e l'evoluzione dei meccanismi di attribuzione: Spiegazione dell'errore di attribuzione fondamentale [3] ^ Chip Heath e Dan Heath: Switch: come cambiare le cose quando il cambiamento è difficile [4] ^ Daniel Kahneman: Thinking, Fast and Slow [5] ^ Gleb Tsipursky Ph.D .: Never Go With Your Gut: How Pioneering Leaders Make the Best Decisioni ed evitare disastri aziendali [6] ^ Gleb Tsipursky Ph.D .: I punti ciechi tra noi: come superare pregiudizi cognitivi inconsci e costruire relazioni migliori

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Dr. Gleb Tsipursky

Neuroscienziato cognitivo ed economista comportamentale; CEO di esperti di prevenzione dei disastri; più autore di best-seller

Di tendenza in Brain Power

Altro di questo autore

Dr. Gleb Tsipursky

Neuroscienziato cognitivo ed economista comportamentale; CEO di esperti di prevenzione dei disastri; più autore di best-seller

Di tendenza in Brain Power

Leggi avanti

5 pregiudizi cognitivi che ti hanno impedito di raggiungere il pieno potenziale
15 trucchi di memorizzazione senza sforzo per ricordare qualsiasi cosa
Come migliorare la memoria e potenziare la tua capacità cerebrale
Come migliorare la memoria cerebrale in modo naturale: cibi da mangiare e saltare

Ultimo aggiornamento il 18 dicembre 2020

Fai scorta di questi 9 snack salutari per aumentare le tue capacità intellettuali

Vee Castil; Resume & Career Writer ᛫ Traveller ᛫ Vegan ᛫ Weight Loss Success (-85lbs) Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Il cibo per la mente è un alimento benefico per il cervello. Come la nostra pelle e il nostro stomaco, alcuni alimenti contribuiscono al nutrimento e al trattamento di queste zone del corpo. Il cervello ha anche bisogno di determinati alimenti per aumentare la sua potenza in modo da funzionare al meglio ogni giorno. Dovremmo fare scorta di cibo per la mente!

Il cervello, la complessa macchina che controlla tutto il nostro essere, è in realtà facile da nutrire e nutrire. Alcuni alimenti ci nutrono di sostanze nutritive e forniscono benefici di cui molti di noi non sono consapevoli. Ad esempio, Barbara Shukitt-Hale, USDA Nutrition Research Facility presso Tufts University, afferma quanto segue sui nutrienti che consumiamo:

"Le piante hanno sviluppato meccanismi per affrontare gli stress ambientali. A causa della luce solare, dello smog e della temperatura hanno sviluppato capacità antiossidanti o antinfiammatorie. Quando li ingeriamo, sono protettivi anche nel nostro corpo. "

In questo articolo parleremo dell'importanza di cibi sani per la mente e ti consiglieremo i 9 migliori snack sani per aumentare le tue capacità intellettuali!

Sommario

  1. L'importanza del cibo per la mente e come aiuta il cervello
  2. Mancanza di cibo per la mente e suoi effetti sul cervello
  3. Quali alimenti danneggiano il cervello?
  4. 9 cibi sani per potenziare la tua capacità cerebrale
  5. Conclusione

L'importanza del cibo per la mente e come aiuta il cervello

Il nostro cervello controlla tutto ciò che facciamo. Alcune sostanze chimiche influiscono sul modo in cui funziona in modi positivi e negativi. Brian Food aiuta ad aumentare il tuo potere intellettuale! Secondo un articolo pubblicato da Fernando Gomez-Pinilla, Dipartimenti di Neurochirurgia e Scienze Fisiologiche dell'UCLA: [1]

"La ricerca negli ultimi 5 anni ha fornito prove entusiasmanti per l'influenza dei fattori dietetici su specifici sistemi molecolari e meccanismi che mantengono la funzione mentale. Ad esempio, una dieta ricca di acidi grassi omega-3 sta guadagnando apprezzamento per il supporto dei processi cognitivi negli esseri umani e la sovraregolazione dei geni che sono importanti per mantenere la funzione sinaptica e la plasticità nei roditori. "

Il detto classico "tu sei quello che mangi" ha molto valore e verità, come dimostrato dalla ricerca. Ecco alcune informazioni:

  • Gli amminoacidi derivano da proteine ​​e aiutano a supportare e collegare i tuoi neurotrasmettitori. I neurotrasmettitori aiutano a mantenere il cervello acuto: la dopamina per la funzione del sistema nervoso, la serotonina per l'umore, la memoria e l'apprendimento, la norepinefrina per la vigilanza e la concentrazione e l'acetilcolina per la conservazione e il ricordo della memoria.
  • Il glucosio è ciò che fornisce energia al cervello. I cervelli ottengono quasi tutta la loro energia dal glucosio.
  • Gli acidi grassi come polinsaturi, omega-3 e omega 6 aiutano a rafforzare le cellule nervose che aiutano a rafforzare la memoria.
  • Gli antiossidanti inibiscono l'ossidazione. Gli antiossidanti rimuovono gli agenti ossidanti dannosi negli organismi viventi.

Mancanza di cibo per la mente e suoi effetti sul cervello

Ho discusso del grande impatto del consumo di cibo per il cervello sul cervello. La mancanza di cibo per la mente avrà un impatto inverso. La mancanza di cibo per il cervello può causare memoria, cognitivo, squilibrio di zucchero nel sangue, annebbiamento del cervello, carenze di nutrienti e disturbi dell'umore.

La serotonina, il neurotrasmettitore che regola il sonno, l'appetito e l'umore, viene prodotta nel tratto gastrointestinale (il tratto digestivo che prende il cibo, digerisce, estrae e assorbe l'energia e i nutrienti dal consumo di cibo).

In poche parole, un corretto cibo per la mente è essenziale per la tua salute quotidiana. Il cibo per la mente è essenziale per un tratto digestivo sano che è necessario per livelli sani di serotonina. Livelli sani di serotonina sono essenziali per un sonno, un appetito e un umore sani.

Altre difficoltà fisiche possono derivare dalla mancanza di alimenti per il cervello: pressione sanguigna, maggiore acutezza e irritabilità per citarne alcuni.

Il cibo per la mente è essenziale per la nostra vita perché alimenta la macchina che ci fa andare avanti. La mancanza di cibo per la mente significa mancanza di cure adeguate per noi stessi.

Quali alimenti danneggiano il cervello?

Non è un segreto che alcuni tipi di alimenti ci fanno male in diversi modi. Il consumo di cibo per il cervello sano può essere considerato e gestito proprio come il consumo di cibo per dimagrire. Ci sono alcuni alimenti che nutrono il tuo intero essere per la salute generale e molti da cui dovresti stare lontano in quantità elevate perché hanno un impatto negativo su tutto il tuo essere, eccone alcuni:

  • Cibi e bevande zuccherati: livelli più alti di zucchero nel sangue possono aumentare il rischio di demenza.
  • Grassi trans e saturi: questo è noto per il peso; tuttavia, collegati al cervello, studi osservazionali hanno trovato un'associazione tra l'assunzione di grassi saturi e il rischio di malattia di Alzheimer.
  • Carboidrati raffinati - questo include anche lo zucchero. Tieni presente che i carboidrati raffinati si trasformano in zucchero. Ciò significa che si trasformano in alimenti ad alto indice glicemico. È stato scoperto che gli alimenti ad alto contenuto di GL (carico glicemico) compromettono la funzione cerebrale.
  • Aspartame - "ma mi è stato detto che è un dolcificante, un sostituto dello zucchero e migliore del consumo di zucchero". L'aspartame è usato come sostituto dello zucchero soprattutto per la perdita di peso perché ha 0 calorie. Può essere efficace per la perdita di peso; tuttavia, è un alimento che può essere dannoso per il cervello. L'aspartame è un prodotto composto da fenilalanina, metanolo e acido aspartico. [2]
  • Fenilalanina - può attraversare la barriera emato-encefalica e potrebbe interrompere la produzione di neurotrasmettitori - serotonina. [3]
  • Metanolo– può causare acidosi metabolica causando disturbi del sistema nervoso centrale. [4]
  • Alimenti trasformati: generalmente gli alimenti che si trovano nel mezzo del negozio di alimentari, questi alimenti tendono ad essere ricchi di grassi, zucchero e sale. Non solo questi alimenti causano aumento di peso, ma questo aumento è dannoso per il cervello.

Uno studio su 243 persone ha scoperto che un aumento del grasso intorno agli organi, o grasso viscerale, è associato a danni al tessuto cerebrale. [5] [6]

9 cibi sani per potenziare le tue capacità cerebrali

1. Avocado

Questi fantastici cerchi / ovali verdi di gioia sono ricchi di sostanze nutritive! Se ti piace il guacamole, allora ti piacciono gli avocado! L'avocado è un frutto composto da carboidrati sani, grassi e vitamine:

  • La vitamina K– sintetizza alcune proteine ​​che sono prerequisiti per la coagulazione del sangue.
  • Folato - una delle vitamine B necessarie per produrre globuli rossi e bianchi nel midollo osseo, convertire i carboidrati in energia e produrre DNA.
  • La vitamina C - non può essere prodotta dall'organismo, quindi la consapevolezza del consumo è essenziale. La vitamina C è un antiossidante necessario per rafforzare le difese naturali del corpo, noto anche come sistema immunitario.
  • Potassio - un minerale ed elettrolita che produce impulsi elettrici in tutto il corpo e aiuta con: pressione sanguigna, contrazioni muscolari, impulsi nervosi, digestione e ritmo cardiaco.
  • Vitamina B5– essenziale per la produzione di energia e la scomposizione di grassi e carboidrati.
  • Vitamina B6– necessaria per il normale sviluppo del cervello e per mantenere in salute il sistema nervoso e immunitario.
  • La vitamina E: dissolve il grasso e supporta la vista, la riproduzione e la salute di sangue, cervello e pelle.

2. Noci

Comprensibilmente, chi soffre di allergie alle noci non può consumare noci.

Per coloro che possono, le noci offrono incredibili benefici, come avere il doppio di antiossidanti rispetto a mandorle e arachidi. Queste piccole noci sono ricche di DHA (omega), proteine ​​e minerali.

3. Spinaci

Uno studio condotto dalla Rush University ha dimostrato che le persone che 1-2 porzioni di verdure, come gli spinaci, per 5 anni, avevano le capacità cognitive di qualcuno di 11 anni più giovane.

Gli spinaci sono ricchi di vitamina K, acido folico, beta carotene (un antiossidante) e luteina (un antiossidante).

4. Cioccolato fondente

Questa è una vittoria. cioccolato per il cibo per la mente!

Il cioccolato ha alti livelli di flavanoli. Il dottor Bret S. Stetka, MD, afferma quanto segue sui flavanoli:

"Questi abbondanti composti vegetali fenolici hanno spiccate proprietà antiossidanti e antinfiammatorie e si ritiene che siano responsabili di gran parte dei benefici per la salute attribuiti al consumo di cioccolato".

Studi come lo studio Swedish Mammography Cohort hanno trovato i seguenti risultati:

Ridotto l'aumento del consumo di cioccolato di 50 g a settimana

  • Rischio di infarto cerebrale del 12%
  • Rischio di ictus emorragico del 27%
  • Rischio totale di ictus del 14%

5. Tè verde

Il tè verde è noto per essere una potente bevanda antiossidante che aiuta a migliorare la funzione cerebrale, contribuisce alla perdita di grasso e riduce il rischio di cancro.

Inoltre, caricato con L-teanina (un amminoacido), aumenta la dopamina.

6. Kale

Kale ha così tanto di ciò di cui abbiamo bisogno in un gruppo. Ricco di ferro, acido folico, vitamina B6 e proteine, ha tutto ciò di cui il cervello ha bisogno per produrre serotonina e dopamina.