Come il disordine drena il tuo cervello (e cosa puoi fare al riguardo)

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Sei seduto in metropolitana o in autobus e cerchi di leggere qualcosa. Potrebbe essere correlato a un progetto di lavoro o potrebbe anche essere per piacere. Una persona viene e si siede accanto a te. Sono nel mezzo di una forte conversazione personale sulle buffonate romantiche dei loro amici. Ora, invece di concentrarti sulla lettura, ti ritrovi a sentire parti della vita amorosa di qualcuno e, in effetti, devi concentrarti consapevolmente sull'ignorare quella conversazione per portare a termine la tua lettura.

La maggior parte delle persone pensa che sia facile ignorare queste piccole distrazioni, ma non lo è. Il cervello ha una quantità limitata di funzioni che può svolgere in un dato momento. Le distrazioni e il disordine che non meritano attenzione occupano parte di quello spazio nel cervello e riducono lo spazio rimanente per le cose che contano e per il pensiero in generale.

Ignorare qualsiasi cosa richiede energia e il cervello diventa passivo quando non riesce a controllare cosa pensare. Ignorare il disordine intorno a te (rumore, distrazioni) spesso richiede la stessa quantità di energia della concentrazione.

Le distrazioni inconsapevoli

In senso fisico, pensa alla tua scrivania al lavoro. Di solito ci sono cartelle, matite e altri soprammobili tutt'intorno. Sai che non dovresti giocherellare con questi - non è il punto e non ti aiuterà a concentrarti - ma mentre il giorno si avvicina e l'energia cala, sei spesso attratto da fare proprio questo. Ci vuole spazio nella tua mente per ignorare queste piccole cose.

Anche queste sono solo cose fisiche: l'esplosione del mondo digitale ha reso tutto questo ancora più complicato. Da qualche parte tra 89 e 115 miliardi di e-mail aziendali vengono inviate ogni giorno a livello globale [1] e molte persone non dispongono di buoni sistemi per organizzare le proprie caselle di posta. [2]

Lo stesso può accadere con elementi non fisici come le amicizie. Se sei in uno scambio di testo fastidioso con un amico e sai (dalla schermata di blocco) che l'ultimo messaggio appena arrivato è completamente fastidioso, potresti dire a te stesso: "Esco da questa conversazione e lo ignoro. " Ma sai che il testo è lì. Brucerai molta energia mentale cercando di evitare quel testo.

Tutto questo diventa un problema perché le nostre vite hanno così tanto disordine, sia fisico, mentale e digitale. Tutto ciò crea confusione e la necessità di ignorare, il che fa lavorare il cervello di più.

Troppe cose bruciano il cervello

Ora immagina questa situazione, odi leggere e ti ritrovi in ​​una stanza vuota con un libro. Cosa succederà alla fine? Leggerai quel libro.

Ma questa non è la solita realtà. La maggior parte delle stanze con i libri tende a contenere, o avere nelle vicinanze, anche TV, smartphone, computer e altre potenziali distrazioni. Chiederti di finire di leggere quel libro ti richiederà molte energie mentali per ignorare prima tutte le altre cose.