In che modo la mappatura mentale ti aiuta a raccogliere idee più interessanti

Dedicato ad aiutare le persone a raggiungere il loro massimo potenziale attraverso una migliore gestione del tempo e produttività. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Esistono molti modi per pianificare progetti, idee e piani. Potresti usare un semplice pezzo di carta, uno strumento di pianificazione digitale o una mappa mentale.

Mi sono imbattuto per la prima volta in mappe mentali quando ero a scuola. Uno dei miei insegnanti ci ha mostrato come strutturare un saggio e il suo metodo era creare una mappa mentale e sviluppare argomenti utilizzando i rami della mappa, in modo da non perdere mai di vista la domanda.

La volta successiva che ho utilizzato ampiamente le mappe mentali è stato quando ho iniziato a creare presentazioni all'inizio degli anni 2000. In qualità di insegnante di comunicazione inglese che insegnava a dirigenti aziendali in Corea per comunicare meglio con i loro partner di lingua inglese, non insegnavo vocabolario, grammatica e struttura: i miei studenti lo avevano già. Insegnavo di più sulla cultura della comunicazione nel mondo di lingua inglese.

Ho scoperto che le mappe mentali mi hanno permesso di esplorare idee e punti di apprendimento prima di costruire la presentazione. E da allora ho utilizzato le mappe mentali per scoprire nuovi modi di gestire problemi difficili, sviluppare corsi online e pianificare ciò che voglio realizzare nei prossimi dodici mesi ea lungo termine.

In questo articolo, voglio mostrarti come puoi trarre vantaggio dall'aggiunta di mappe mentali alla tua produttività e kit di strumenti di pianificazione.

Come funzionano le mappe mentali?

La mappatura mentale funziona dandoti un mezzo visivo per riflettere sulle tue idee e, allo stesso tempo, fornirti le basi di una struttura che puoi utilizzare una volta completata la tua mappa mentale.

Inizi scrivendo al centro di una pagina ciò a cui vuoi rispondere. Le migliori mappe mentali hanno una domanda come titolo, anche se non devi usare le domande. Il motivo per cui le domande funzionano meglio è perché ogni volta che guardi la tua mappa mentale, coinvolgi le capacità di risoluzione dei problemi del tuo cervello.

Ad esempio, potresti porre la domanda: "Cosa devo fare per guadagnare $ 1 milione ogni anno?"

Quando usi una domanda "cosa devo fare per ...", il tuo cervello inizia a cercare modi per ottenere qualunque cosa tu stia chiedendo.

Se fai la domanda "come faccio a guadagnare $ 1 milione ogni anno", è probabile che il tuo cervello ti dia risposte non realistiche o poco chiare, come diventare CEO di un'azienda globale, vincere la lotteria o investire in attività ad alto rischio azioni in borsa.

Queste risposte non ti dicono "come" farai; tutto quello che fa è dirti "cosa" fare. Sarà comunque necessario approfondire ulteriormente. Quello che vuoi fare è mettere a punto la domanda in modo che le risposte che ottieni siano cose che puoi fare che ti porteranno da dove sei oggi a dove vuoi essere in futuro.

Se dovessi usare una mappa mentale per creare una presentazione, potresti usare la domanda "cosa devo fare per spiegare come costruire un podcast di successo a un pubblico che non ha mai creato un podcast?". / p>

Questo coinvolgerà il tuo cervello molto meglio che chiederti "come costruire un podcast di successo" perché ti aiuta a ricordare chi è il tuo pubblico, che è una parte fondamentale dell'intera esperienza di presentazione, oltre a ricordarti che devi mantieni le cose di base.

Dopo aver dedicato del tempo a sviluppare la tua mappa mentale, avrai un elenco di idee che puoi utilizzare per costruire il tuo progetto, obiettivo o presentazione. Ti consente di stabilire le priorità e organizzare i tuoi pensieri, quindi è più facile passare alla fase successiva di fare qualunque cosa tu voglia fare.

Come si crea una mappa mentale?

Sapere come funzionano le mappe mentali è diverso dall'applicarle. Ecco i 4 passaggi della mappatura mentale e come puoi applicarla nella tua vita.

1. Inizia con la tua domanda

Prima di iniziare, pensa a ciò su cui desideri eseguire la mappa mentale. Se prendiamo l'esempio di una presentazione a un pubblico, chiediti: "cosa voglio dire esattamente al mio pubblico?" e "Cosa voglio che lascino sapendo?"

Più chiara è la tua domanda, migliori saranno le risposte che otterrai.

Ad esempio: "Cosa devo fare per spiegare come creare un podcast di successo?" Questa è un'ottima domanda perché susciterà alcuni buoni punti che potrai sviluppare nella tua presentazione.

Una volta che conosci la tua domanda, scrivila al centro della pagina.

Anche se amo la tecnologia, preferisco comunque farlo sulla carta, ma puoi usare anche un software di mappatura mentale per questo. Dipende da come ti piace lavorare.

Per molte delle mappe mentali che creo oggi, utilizzo il mio iPad e Apple Notes per creare mappe mentali. Ma per mappe mentali più approfondite e complesse, il mio go-to è ancora carta e penna. C'è solo qualcosa nell'avere poche penne colorate e un evidenziatore con cui sedersi e iniziare a fare brainstorming.

2. Lascia andare la tua mente e scrivi quello che ti viene in mente

Dopo aver scritto la domanda, lasciati andare. Non provare a modificare te stesso. Non importa quanto possa sembrare folle, folle o stupido all'inizio, trasferiscilo nella tua mappa mentale. Puoi rimuovere le idee in un secondo momento.

In queste prime fasi, vuoi fare un brainstorming di idee. Modificare te stesso in questa fase non produrrà le tue idee migliori. Da quella che può sembrare un'idea stupida potrebbe nascere l'idea assassina.

Quando ho sviluppato il mio sistema di gestione del tempo Time Sector, l'idea originale mi è venuta mentre ero in palestra. Non appena sono tornato a casa, ho iniziato una mappa mentale dell'idea originale.

La domanda che ho usato è stata: "come faccio a creare un sistema di gestione del tempo per il 21 ° secolo?" e ho passato circa due ore a scarabocchiare tutte le idee che avevo. C'erano tutte le cose che sapevo sul motivo per cui le persone hanno lottato con sistemi più tradizionali e cosa era necessario per il modo in cui lavoriamo oggi.

Alla fine di quelle due ore, avevo molti punti, idee e soluzioni. Molte delle quali erano sciocche, ma tutto ciò a cui stavo pensando è venuto fuori e molto altro ancora perché le idee hanno suscitato altre idee.

3. Lascialo per qualche giorno

Questa parte è un passaggio importante. Dopo il tuo brainstorming iniziale, lascialo per alcuni giorni. Vuoi coinvolgere il tuo subconscio per sviluppare i tuoi pensieri e le tue idee.

Sfortunatamente, il tuo subconscio è lento. Analizza, pensa e collega nuove idee a vecchie esperienze e tutto ciò richiede tempo. Darti qualche giorno genererà più idee e ne espanderai altre.

Dopo alcuni giorni, torna alla tua mappa mentale e concediti un'altra o due ore con essa. Scoprirai di avere molte più idee da aggiungere e potresti anche vedere idee che non funzionano: puoi eliminarle se lo desideri, anche se preferisco lasciarle nel caso in cui suscitino altre idee in seguito.

Dopo questa sessione, avrai molte idee, risposte e passaggi. La fase successiva è quella in cui metti a punto queste idee e inizi a strutturare i passaggi successivi.

4. Numera le tue idee per importanza

Sia che stiate sviluppando un progetto, una soluzione a un problema esistente o preparando una presentazione, ora dovete decidere in quale ordine andrete avanti.

Se stai sviluppando un progetto, cosa deve succedere per avviare il progetto? Questo è il numero uno.

Esamina la tua mappa mentale e numera tutti i punti. Se stavi mappando mentalmente una presentazione, in che ordine porterai i tuoi punti? Se stavi sviluppando un podcast, cosa deve succedere dopo? Forse sarebbe iniziare a scrivere un elenco di venti argomenti.

Dopo aver numerato tutte le idee e i punti, puoi spostarli nel gestore dell'elenco delle cose da fare, nella presentazione o nei piani del progetto e posizionarli nell'ordine corretto. Potresti scoprire che quando inizi a lavorare sul tuo progetto, cambi il tuo ordine. Ma avendo un ordine iniziale dalla tua mappa mentale, avrai almeno un punto di partenza.

Conclusioni chiave

La mappatura mentale è un ottimo strumento per far uscire dalla mente molti pensieri confusi e disorganizzati e portarli allo scoperto e una volta lì, puoi facilmente organizzare questi pensieri e idee in modo da poter fare i primi passi per costruire qualcosa di eccezionale .

La mappatura mentale è un ottimo modo per incoraggiare il tuo cervello a sviluppare idee e trovare soluzioni ai problemi esistenti, creare nuove idee di prodotti e realizzare presentazioni coinvolgenti.

Le mappe mentali sono una rappresentazione visiva dei tuoi pensieri e ti incoraggiano ad andare più a fondo con le tue idee, in modo che siano attentamente pensate e sviluppate.

Altri articoli sulle mappe mentali

  • Come utilizzare una mappa mentale per organizzare la tua vita
  • Come visualizzare la mappa mentale per visualizzare i tuoi pensieri (con esempi di mappe mentali)
  • Sii più produttivo utilizzando una mappa mentale come elenco di attività
  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Carl Pullein

Dedicato ad aiutare le persone a raggiungere il loro massimo potenziale attraverso una migliore gestione del tempo e produttività.

Di tendenza in termini di creatività

Altro di questo autore

Carl Pullein

Dedicato ad aiutare le persone a raggiungere il loro massimo potenziale attraverso una migliore gestione del tempo e produttività.

Di tendenza in termini di creatività

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 22 dicembre 2020

Il potere del pensiero profondo: essenza della creatività

Lean Six Sigma Master Black Belt e Red Team Critical Thinker Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Vero o Falso: "Questa frase è falsa."

Qual è stata la tua risposta alla domanda precedente? Hai lanciato rapidamente una risposta o dovevi pensarci e poi pensarci ancora un po '?

Immagina per un momento di poter indossare un set di occhiali invertiti e vedere il mondo attraverso una lente completamente diversa. Da un lato, vedresti letteralmente in modo diverso, ma potresti non vedere il mondo in modo diverso. Se guardiamo abbastanza in profondità e permettiamo a noi stessi di osservare da una nuova lente, lo faremo. Thomas S. Kuhn ha osservato in The Structure of Scientific Revolutions, [1]

"Ciò che un uomo vede dipende da ciò che guarda e anche da ciò che la sua precedente esperienza visiva concettuale gli ha insegnato a vedere."

Il potere del pensiero profondo è l'essenza della creatività. Imparando a pensare in modo diverso e profondo, scoprirai che non è solo il tuo pensiero creativo, ma le tue capacità di pensiero critico che migliorano notevolmente. Questo porta a livelli più elevati di pensiero e potenti capacità di risoluzione dei problemi che semplicemente non avevi prima.

Diamo un'occhiata a cos'è il pensiero profondo, perché dovresti impararlo e cosa farà per te.

Come fai a sapere di conoscere le cose che pensi di sapere?

Hai sentito il detto, più sai e meno sai? Se non l'hai fatto, prenditi un momento e pensa a quella frase. Osservando la Teoria della Conoscenza, possiamo porre la seguente domanda: come fai a sapere di conoscere le cose che pensi di sapere?

Vediamo un esempio. Risolvi quanto segue: 2 + 2 =?

Spero che tu abbia risposto 4! Tuttavia, diamo uno sguardo a un altro modo di vedere questo. In Plato and Platypus Walk into a Bar di Thomas Cathcart e Daniel Klein, troviamo la seguente storia.

A un antropologo occidentale viene detto da un Voohooni che 2 + 2 = 5. L'antropologo gli chiede come fa a saperlo. Il tribale dice,

"Contando, ovviamente. Per prima cosa, lego due nodi in una corda. Quindi lego due nodi in un'altra corda. Quando unisco le due corde insieme, ho cinque nodi. "

Il pensiero profondo significa pensare al pensiero

Rene Descartes ha affermato in modo famoso, "Cogito ergo sum" o "Penso, quindi sono" dove credeva che il pensiero fosse la caratteristica essenziale dell'essere umano.

In Perché il mondo non sembra avere un senso, Steve Hagen ha discusso che Descartes è arrivato al cogito attraverso un esperimento nel dubbio radicale per scoprire se c'era qualcosa di cui poteva essere certo; cioè, qualsiasi cosa di cui non poteva dubitare. [2] Hagen ha commentato,

"Ha iniziato dubitando dell'esistenza del mondo esterno. Poi ha provato a dubitare della propria esistenza. Ma per quanto dubitasse, continuava a scontrarsi con il fatto che c'era un dubbioso. Deve essere se stesso! Non poteva dubitare dei propri dubbi ".

Essenzialmente, la metacognizione è la consapevolezza della propria consapevolezza. È pensare al pensiero o alla cognizione sulla cognizione.

  1. Meta significa Oltre
  2. Cognizione significa pensare

Pertanto, Metacognition significa Beyond Thinking.

Per essere consapevoli, si riferisce alla capacità della mente di stare indietro e guardare se stessa in azione. Qui siamo in grado di esaminare il modo in cui apprendiamo, ricordiamo e pensiamo. La conoscenza di come elaboriamo le informazioni ci dà l'opportunità di cambiare il modo in cui le elaboriamo. [3]

Possiamo davvero sapere cosa sia?

Hagen pone la seguente domanda nel suo libro Perché il mondo non sembra avere un senso: eccolo, ma che cos'è? Sappiamo veramente cos'è qualcosa?

Quando proviamo a rispondere a questa domanda, abbiamo semplicemente risposto alla domanda "come la concepiamo?" o "come lo chiamiamo?" Rimangono alcune domande più profonde.

Ad esempio, se dico "Qui, in questa tazza, c'è l'acqua", potresti chiedere: "Che cos'è l'acqua?" Ma come scienziati potremmo desiderare di sottolineare, "l'acqua è idrogeno e ossigeno". Quindi, utilizzando metodi scientifici, sembra che possiamo scoprire di cosa è "fatta" l'acqua.

Con sicurezza diciamo: "Ciò che è veramente in questa tazza è l'idrogeno e l'ossigeno, combinati e trasformati in questa sostanza unica che chiamiamo 'acqua'". Ma le domande continuano.

Hagen conclude: "Che cos'è l'idrogeno? Cos'è l'ossigeno? Quindi guardiamo di nuovo, usando metodi scientifici, e diciamo: "L'idrogeno è un elemento composto da atomi, ciascuno costituito da un singolo protone e un singolo elettrone".

Ma le domande rimangono ancora: cosa sono gli atomi? Cosa sono i protoni e gli elettroni? Sembra che siamo partiti da una regressione infinita. Non arriviamo mai veramente all'altra estremità della domanda: "Che cos'è l'acqua?" Possiamo dare un nome all'oggetto mentale, persino scomporlo e nominarne le parti, ma ancora non rispondiamo veramente alla domanda. "

La lettura di questo passaggio mi porta a chiedermi: potremo mai sapere veramente cos'è qualcosa? Diamo un'occhiata a un altro esempio di Hagen.

Illustra quanto sia strano il nostro mondo attraverso la conversazione tra un fisico e un filosofo:

Fisico:… e quindi concludiamo che un elettrone è una particella.

Filosofo: Ma tu affermi anche che un elettrone è un'onda.

Fisico: Sì, è anche un'onda.

Filosofo: Ma sicuramente, non se si tratta di una particella.

Fisico: diciamo che è sia onda che particella.

Filosofo: Ma questa è una contraddizione, ovviamente.

Fisico: stai dicendo che non è né un'onda né una particella?

Filosofo: No, sto chiedendo cosa intendi con "esso".

Una lacuna nel flusso della coscienza

Ti starai chiedendo quale sia la differenza tra metacognizione e cognizione.

  • Cognizione. Questo è il processo di acquisizione della conoscenza per la comprensione. La cognizione è pensare.
  • Metacognizione. Ciò si basa sulla consapevolezza e sul controllo dei processi cognitivi. La metacognizione ti aiuterà a trovare lacune nel tuo apprendimento e nel tuo pensiero. Tuttavia, è necessario aver acquisito una conoscenza precedente su un argomento prima della metacognizione. Come accennato in precedenza, la metacognizione va oltre il semplice pensiero ... è pensare al pensiero.

Ora che hai compreso il principio fondamentale alla base del pensiero profondo, diamo un'occhiata a come svilupparlo.

Nel libro The Power of Now di Eckhart Tolle, [4] impariamo le seguenti lezioni.

Osserva costantemente la tua mente senza giudicare i tuoi pensieri

Qui dovremmo porre una semplice domanda: "Quale sarà il mio prossimo pensiero?" Provalo. Riesci a pensare al tuo prossimo pensiero? Probabilmente no.

Ponendoti continuamente questa domanda, puoi ritardare l'arrivo del tuo prossimo pensiero. Ciò è dovuto a quello che viene chiamato effetto zeno quantistico, in cui possiamo congelare il nostro stato attuale osservandolo. In sostanza, non possono esserci cambiamenti mentre lo guardi.

La vita è semplicemente una serie di momenti presenti

Qui siamo informati che il passato è semplicemente tutti i momenti presenti che sono passati. Tolle postula che l'unico momento importante sia il presente, per il quale pensiamo meno. Inoltre, il presente è semplicemente un momento presente futuro che aspetta di passare.

Immagina di lasciare il tuo corpo e di guardarti mentre pensi. Pensa a questo come a un film mentale in cui il tuo obiettivo non è giudicare gli attori, ma semplicemente osservarli.

Tolle si riferisce all'entrare nell'Adesso o nel Presente come creare un vuoto nel flusso della mente. Porsi la domanda "Quale sarà il mio prossimo pensiero?" crea quel divario e ti permette di disidentificarti dalla tua mente. Una volta fatto questo, ti sei elevato al di sopra del pensiero. Questa è l'illuminazione.

Fasi del pensiero profondo

Prima di esaminare le strategie che puoi utilizzare per diventare un pensatore profondo, diamo un'occhiata brevemente alle fasi del pensiero profondo note come i Tre Livelli di Pensiero. [5]

  • Livello 1: pensiero di ordine inferiore. L'individuo non è riflessivo, ha un livello di abilità da basso a misto e si affida esclusivamente all'intuizione viscerale.
  • Livello 2: pensiero di ordine superiore. L'individuo è selettivo su cosa riflettere, ha un alto livello di abilità, ma manca di un vocabolario di pensiero critico.
  • Livello 3: pensiero di ordine più elevato. L'individuo è esplicitamente riflessivo, ha il più alto livello di abilità e utilizza abitualmente strumenti di pensiero critico.

Strategie per diventare un pensatore profondo

Per entrare nel pensiero dell'ordine più elevato, prova le seguenti strategie.

Aumenta la consapevolezza di sé pensando al pensiero

Immagina di poter diventare consapevole di come impari. Sappiamo che dobbiamo avere una base di conoscenza precedente su qualcosa per usare la metacognizione. Pensa alla tua intelligenza come a ciò che pensi e alla metacognizione come a come pensi. Diamo un'occhiata a una serie di domande che puoi porci utilizzando gli Elementi del pensiero. [6]

  • Scopo. Cosa sto cercando di ottenere?
  • Domande: quale domanda sto sollevando o affrontando? Sto considerando le complessità della domanda?
  • Informazioni: quali informazioni sto utilizzando per arrivare alla mia conclusione.
  • Inferenze: come sono arrivato a questa conclusione? C'è un altro modo per interpretare le informazioni?
  • Concetti: qual è l'idea principale? Posso spiegare questa idea?
  • Presupposti: cosa sto dando per scontato?
  • Implicazioni: se qualcuno accettasse la mia posizione, quali sarebbero le implicazioni?
  • Punti di vista. Da che punto di vista sto esaminando questo problema? C'è un altro punto di vista che dovrei considerare?

Sfida gli attuali metodi di apprendimento tramite meta-domande

Il Meta-Questioning è domande di ordine superiore che possiamo usare per esplorare idee e problemi. Ecco alcuni esempi.

  • Perché è successo?
  • Perché era vero?
  • Che relazione c'è tra X e Y?
  • Perché il ragionamento è basato su X anziché su Y?
  • Esistono altre possibilità?

Vediamo un esempio pratico.

  • Quando dici: "Non posso farlo". Cambia questo in: "Che cosa specificamente non posso fare?"
  • Dici: "Non posso fare esercizio". Quindi chiedi: "Cosa mi ferma?"
  • Dici: "Non ho tempo". Ora chiediti: "Che cosa deve succedere per iniziare a fare esercizio?"
  • Scoprite: "Quali perdite di tempo posso eliminare per avere più tempo per fare esercizio?"
  • Quindi immagina come potresti iniziare a fare esercizio: "Se potessi fare esercizio, come lo farei?"

Guarda il mondo con lenti diverse

Ecco una tecnica che puoi utilizzare per promuovere una comprensione più profonda di un problema: quattro modi di vedere:

  • Come si vede X se stesso?
  • Come si vede Y?
  • In che modo X visualizza Y?
  • In che modo Y visualizza X?

Prova ad applicare la tecnica in questo modo: supponiamo di essere negli Stati Uniti a guardare un paese straniero. Per prima cosa, disegna quattro caselle, quindi elenca le domande. In secondo luogo, inizia a rispondere alle domande.

  • Nel riquadro n. 1 chiedi: "Come vediamo gli Stati Uniti?"
  • Riquadro 2: "Come si vede la Cina?"
  • Riquadro 3: "Come vede la Cina gli Stati Uniti?"
  • Riquadro n. 4: "Come li vedi?"

Esperimenti di pensiero

Un'ultima tecnica che puoi utilizzare per diventare un pensatore profondo: gli esperimenti di pensiero. Questo è un dispositivo dell'immaginazione utilizzato per indagare la natura di qualsiasi cosa. [7] Gli esperimenti di pensiero cercano di apprendere la realtà attraverso il pensiero: