L'abuso di antibiotici sta uccidendo il nostro futuro e la vostra parte nel giocare la gestione degli antibiotici

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

La medicina moderna ci ha fornito gli antibiotici, la nostra prima linea di difesa. Non sono per virus come il comune raffreddore o l'influenza, ma quando si soffre di qualcosa di grave come la polmonite, la bronchite, ecc., C'è bisogno di qualcosa di serio; qualcosa di potente per uccidere i batteri e guarire.

Il problema è che i batteri sono diventati sempre più resistenti agli antibiotici, rendendo meno efficaci gli antibiotici che prontamente ricevi dal tuo medico. La resistenza agli antibiotici si verifica quando i batteri mirati mostrano resistenza a un antibiotico, continuando a prosperare e moltiplicarsi, anche in presenza dei livelli terapeutici di un antibiotico.

Che cos'è la pressione selettiva nella resistenza agli antibiotici?

La pressione selettiva è un'influenza antibiotica sulla selezione naturale in cui i batteri sensibili, o quelli che hanno scarse possibilità di sopravvivenza, vengono uccisi o inibiti dall'antibiotico mentre i ceppi batterici resistenti possono sopravvivere. Tuttavia, a volte, la selezione naturale per promuovere la resistenza agli antibiotici è influenzata a un livello basso senza l'azione umana: i batteri hanno la capacità di produrre e utilizzare antibiotici contro altri batteri.

Tuttavia, il livello più elevato di resistenza agli antibiotici odierno è dovuto esclusivamente all'abuso o all'uso eccessivo di antibiotici. È comune in alcuni paesi acquistare antibiotici da banco o assumere dosaggi non necessari per curare malattie virali, come il comune raffreddore.

Una questione di preoccupazione

Che si tratti di proteggere le persone da diverse classi di batteri o di salvare un numero infinito di vite da quando il primo antibiotico (penicillina) è stato clinicamente utilizzato negli anni '40, gli antibiotici hanno un'attribuzione significativa nella storia della salute umana. Tuttavia, la loro efficacia è diventata vulnerabile, dando origine a batteri resistenti ai farmaci.

Gran parte dell'efficacia degli antibiotici è minacciata nella moderna industria alimentare per animali dall'uso di basse dosi di antimicrobici per una crescita più rapida di animali da reddito e pollame e per compensare gli ambienti antigienici in cui vengono allevati. Ciò incoraggia i batteri a resistere farmaci e tali batteri resistenti ai farmaci entrano in contatto con il pubblico in generale, tramite cibo, trasportatori animali o umani.

1 morte ogni 3 secondi in tutto il mondo

Questa è una statistica pericolosa che diventerà presto una realtà entro il 2050 se i paesi non intraprenderanno azioni immediate per controllare la resistenza agli antibiotici. ResistanceMap, una piattaforma online altamente visiva e interattiva, mostra le tendenze attuali della resistenza agli antibiotici in tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Europa e paesi a basso e medio reddito (LMIC):

  • USA: 2 milioni di malattie gravi, 23.000 decessi, 20 miliardi di dollari di spese mediche annuali aggiuntive
  • Europa: 25.000 decessi, 1,5 miliardi di euro di costi annuali diretti e indiretti (EMA ed ECDC 2009)
  • India: 58.000 decessi per sepsi neonatale (Laxminarayan et al. 2013)
  • Tanzania e Mozambico: aumento delle morti di neonati e bambini sotto i 5 anni (Kayange et al. 2010; Roca et al. 2008)
  • In tutto il mondo: 935.000 decessi di bambini sotto i 5 anni a causa di polmonite (2013)

I dati 2000-10 di 71 paesi rivelano che il consumo globale di antibiotici è cresciuto da 50 miliardi a quasi 70 miliardi di unità standard, con un aumento di oltre il 30%. L'ottanta percento degli antibiotici viene utilizzato nella comunità della maggior parte delle nazioni, prescritto o meno da operatori sanitari, e il 20% viene utilizzato in ospedali e altre strutture (Kotwani e Holloway 2011).

Il nuovo rapporto del Journal of the American Medical Association conclude che gli studi medici, le cliniche e i pronto soccorso negli Stati Uniti prescrivono il 30% di antibiotici non necessari.

Raro "superbatterio" di E. coli resistente agli antibiotici rilevato per la prima volta

"L'armadietto dei medicinali è vuoto per alcuni pazienti", ha affermato il dott. Tom Frieden, direttore dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC). "È la fine della strada a meno che non agiamo con urgenza."

Frieden ha recentemente segnalato un segnale di avvertimento per gli Stati Uniti quando è stato trovato un raro mutante E. coli resistente alla colistina in una donna di 49 anni della Pennsylvania presso il Walter Reed National Military Medical Center. La colistina è un antibiotico di ultima istanza che la maggior parte dei medici usa quando tutti gli altri antibiotici non funzionano contro un batterio. Un ceppo simile di batteri resistenti agli antibiotici è stato trovato nell'intestino di un maiale dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA).

Esiste il pericolo che venga prodotto un superbatterio potenzialmente inarrestabile se l'E. coli resistente alla colistina interagisce con altri batteri che rispondono solo alla colistina.

Il CDC segnala un minimo di 2 milioni di casi di infezione da altri batteri resistenti agli antibiotici ogni anno e 23.000 decessi conseguenti per non dire altro. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) mette in guardia su una delle maggiori minacce alla salute globale a causa della resistenza agli antibiotici.

10 superbatteri che possono causare 10 milioni di morti ogni anno

  1. Gonorrea 350.000 casi negli Stati Uniti nel 2014, mostra resistenza a 5 antibiotici comuni. La malattia a trasmissione sessuale ora mostra resistenza agli unici due antibiotici rimasti per curarla, cioè azitromicina e ceftriaxone, secondo CDC. Secondo un rapporto, negli Stati Uniti c'è un aumento generale delle malattie a trasmissione sessuale.
  2. Enterococcus: un patogeno ESKAPE che resiste all'antibiotico vancomicina.
  3. Staphylococcus aureus: lo Staphylococcus aureus multiresistente (MRSA) causa il 64% di decessi in più rispetto alla sua forma non resistente.
  4. Klebsiella: un alto livello di batteri resistenti ai carbapenem.
  5. Acinetobacter: infetta comunemente i pazienti nelle unità di terapia intensiva (ICU) e in altre strutture sanitarie.
  6. Pseudomonas: responsabile di circa 51.000 infezioni nosocomiali (HAI) negli Stati Uniti ogni anno.
  7. E. coli: ora mostra resistenza ai fluorochinoloni, comuni farmaci antimicrobici orali per le infezioni del tratto urinario (UTI).
  8. Mycobacterium Tuberculosis (TB): l'India ha riportato una resistenza totale a tutti i farmaci per la tubercolosi. 480.000 casi di MDR-TB (multiresistente ai farmaci) in tutto il mondo e casi di XDR-TB (estensivamente resistenti ai farmaci) in 100 nazioni nel 2014.
  9. Influenza: l'influenza di tipo A e B causa da 250.000 a 500.000 decessi e da 3 a 5 milioni di casi di malattie gravi ogni anno.
  10. Febbre tifoide: colpisce 21 milioni di abitanti in tutto il mondo e causa 222.000 decessi (per lo più bambini) ogni anno.