Come essere un leader efficace (una guida passo passo per migliorare le tue capacità di leadership)

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Molti dei testi più importanti e influenti mai scritti, come L'arte della guerra di Sun Tzu, Il principe di Niccolò Machiavelli o persino Come conquistare amici e influire le persone di Dale Carnegie, riguardano la leadership. Con centinaia di libri scritti sulla leadership, sarebbe facile capire come diventare un leader efficace, ma purtroppo semplicemente non è così.

Un leader deve essere una persona in grado di destreggiarsi tra molte enormi esigenze alla volta, deve considerare le opinioni, i bisogni e i desideri di tutti coloro che lo circondano. Devono essere una persona non solo capace di prendere decisioni difficili, ma anche la decisione giusta e difficile. Allo stesso tempo, devono sapere come prendersi cura della loro squadra, spingendola in avanti per raggiungere la grandezza.

Questo articolo serve come introduzione a una leadership efficace e ti fornirà una guida passo passo su come diventare un leader efficace.

Sommario

  1. La leadership è nata?
  2. Quanto è importante la leadership?
  3. Tratti di base per diventare un buon leader
  4. Competenze avanzate per diventare un leader efficace Leader di ritmo Comandante Leader Leader visionario Leader democratico Leader affiliato Leader del coaching
  5. Bonus: combina stili di leadership

La leadership è nata?

Leader forti e capaci nascono raramente (se non mai). Sii scettico riguardo alle affermazioni contrarie.

La ricerca in psicologia suggerisce che le persone diventano leader attraverso il processo di insegnamento, apprendimento e osservazione. [1]

Se metti da parte i tuoi preconcetti, vedrai chiaramente che le capacità di leadership non sono innate, ma devono essere apprese attraverso la formazione, la percezione, la pratica e l'esperienza nel tempo. E quando diciamo nel corso del tempo, intendiamo davvero per tutta la vita, poiché le persone di successo non smettono mai di imparare.

È vero. I grandi leader cercano costantemente opportunità di sviluppo che li aiutino ad acquisire nuove competenze. Se il tuo obiettivo è diventare un leader, dovresti fare lo stesso.

Quanto è importante la leadership?

Ci sono leader fantastici e stimolanti ovunque. Ovunque vedi una squadra che lavora bene insieme, una squadra che lavora costantemente al meglio indipendentemente dalla pressione, una squadra di persone fiduciose e determinate; vedi una squadra con un grande leader.

Qual è la definizione di un grande leader?

  • Un grande leader può unire un gruppo di persone, ciascuna con i propri obiettivi e interessi, e farli lavorare insieme in sincronia per un obiettivo comune.
  • Un grande leader è in grado di ispirare fiducia e resilienza.
  • Un grande leader è aperto alle buone idee degli altri. Sono buoni ascoltatori e sono aperti a imparare dalla loro squadra.

In definitiva, un grande leader trasforma un gruppo di persone in un'unità affidabile, affidabile, creativa, motivata ed efficace.

Ma come si fa a diventare un grande leader?

Per prima cosa, impara a conoscere i tratti di base elencati nella parte successiva. E quando avrai acquisito padronanza di questi tratti, dovrai passare a un livello avanzato di abilità per diventare un leader efficace.

Tratti di base per diventare un buon leader

Per sviluppare le tue capacità di leadership, è meglio individuare le aree in cui ritieni di non essere all'altezza e rafforzarle. Per semplificarti le cose, ho una guida completa su tutti i tratti di leadership più importanti suddivisi in tre aree:

  • Sviluppo personale
  • Comunicazione
  • Coinvolgimento del team

Nella guida imparerai come cogliere tutti i tratti e i comportamenti di leadership di base. Dai un'occhiata alla guida completa qui:

Successivamente, dovrai migliorare le tue capacità di leadership comprendendo i diversi tipi di leadership.

Competenze avanzate per diventare un leader efficace

La leadership più efficace non è una singola entità o un singolo insieme di valori o regole che una persona deve avere per guidare le persone. Esistono diversi stili di leadership, ciascuno con i propri vantaggi e regole. Se hai appreso le qualità di base della leadership, migliora le tue capacità di leadership identificando il tuo stile di leadership e padroneggiarlo.

Scopri lo stile di leadership più adatto a te in questo diagramma di flusso:

Leader di passo

Un leader che definisce il ritmo si concentra sugli obiettivi e sulla velocità con cui tali obiettivi vengono raggiunti. Stabiliscono standard di prestazione e programmi per il team per raggiungere gli obiettivi e ottenere i migliori risultati.

I leader che stabiliscono il ritmo in genere si assicurano che il lavoro sia puntuale e raggiunga rapidamente gli obiettivi.

Tuttavia, il più grande svantaggio di una leadership che fissa il ritmo è essere troppo prevedibile. Molti leader che stabiliscono il ritmo opprimono i membri del team con le scadenze e danneggiano la loro creatività mentre si affrettano a finire il loro lavoro.

Di conseguenza, questo stile funziona meglio quando i dipendenti sono lavoratori altamente motivati ​​e già competenti. Ciò è utile anche se è necessario impostare una pianificazione chiara per un insieme specifico di attività.

Per crescere come leader di successo, coloro che stabiliscono il ritmo dovrebbero chiedere spesso il feedback dei membri del team e dare loro spazio per lavorare. Invece di concentrarsi sulle scadenze, dovrebbero concentrarsi sul processo per raggiungere un lavoro di qualità.

Jack Welch, ex amministratore delegato di General Electric, è un esempio di successo di chi fa il passo. Welch disprezzava la microgestione e i leader di pensiero dovevano concentrarsi maggiormente sulla definizione di esempi e scadenze. Questa è l'essenza di un leader al passo con i tempi.

Comandante al comando

Un leader autorevole prende le decisioni da solo e impartisce ordini ai membri per raggiungere gli obiettivi.

Un leader imponente può prendere decisioni rapidamente. Non hanno bisogno di passare attraverso alcuna discussione per prendere una decisione la maggior parte delle volte. Ciò consente di risparmiare tempo ed è utile soprattutto durante una crisi. I leader al comando sono spesso rispettati e raramente vengono sfidati dal team.

Sfortunatamente, i leader dominanti spesso inibiscono il pensiero critico e demoralizzano lo spirito di squadra dei dipendenti poiché le loro opinioni non sono valutate sotto tale leadership. I membri del team sono lì per l'esecuzione; fanno quello che gli viene detto e solo il leader dominante può portare avanti una decisione.

I leader in comando funzionano meglio quando si devono prendere decisioni rapide in una situazione di crisi o con membri del team inesperti. Di conseguenza, molti famosi generali e politici che operano in tempi di conflitto rientrano in questa categoria.

Winston Churchill è un esempio di leader imponente. Churchill era conosciuto soprattutto come un potente oratore e uomo in generale, e spesso era in grado di ispirare gli altri all'azione semplicemente attraverso i suoi discorsi e il suo punto di vista. Come accennato in precedenza, la sua grande leadership è stata determinante nella vittoria degli alleati durante la seconda guerra mondiale.

Leader visionario

I leader visionari sono in grado di vedere il quadro più ampio e fissare gli obiettivi generali per la squadra.

Questo tipo di leader ispira la creatività e il lavoro di squadra in quanto i membri del team sono incoraggiati dall'obiettivo finale più grande di ciò su cui stanno lavorando giorno per giorno. Jobs è uno degli esempi, ma anche molti amministratori delegati di aziende tecnologiche rientrano in questo tipo. Gli amministratori delegati delle startup spesso definiscono le decisioni sui prodotti intorno al "salvare il mondo", ed è qui che si trova la visione.

Il rovescio della medaglia di credere che stai lavorando a qualcosa che cambierà / salverà il mondo è che può ispirare una fede fanatica nel leader stesso. Un altro potenziale difetto è la sua forte dipendenza dal contesto, in altre parole, l'obiettivo finale. Con una costante attenzione a rendere il mondo un posto migliore, i membri del team a volte possono perdere la concentrazione sul loro piano quotidiano che devono eseguire.

I leader visionari sono bravi nelle situazioni di transizione. Pensa all'arrivo di un nuovo CEO che delinea immediatamente la visione a lungo termine di un posto dopo l'uscita in disgrazia del suo predecessore, l'azienda e i dipendenti ne traggono vantaggio in questo caso.

Un leader visionario, tuttavia, ha bisogno di luogotenenti che possano prendere la loro visione e tradurla nel lavoro quotidiano per il resto dell'organizzazione. Se è tutta una visione e una strategia senza alcun legame con l'esecuzione quotidiana, i dipendenti si confonderanno e alla fine se ne andranno.

Steve Jobs ha creato un'azienda che ha cambiato completamente diversi settori, e lo ha fatto esaminando singolarmente le possibilità che nessuno aveva mai considerato. Immagina dieci o vent'anni prima che uscisse il primo iPhone, se avessi descritto l'idea al tuo amico, probabilmente ti avrebbero riso e pensato che fossi un sognatore.

Leader democratico

I leader democratici prendono le decisioni insieme ai membri del team, indipendentemente dal grado, e lavorano a stretto contatto con il team per ottenere i migliori risultati.

La leadership democratica è utile per aumentare il morale del team e migliorare le relazioni tra leader e membri. Un ambiente aperto incoraggia un flusso costante di comunicazione e scambio di idee. Ad esempio, l'idea di Gmail è stata portata ai responsabili delle decisioni di Google da uno staff di livello inferiore, così come l'idea di AdWords. AdWords è un enorme motore di entrate per Google e non è necessariamente iniziato ai primi posti assoluti, ma i primi non sono stati minacciati quando è nata una nuova idea.

Tuttavia, l'autorità di un leader democratico può essere facilmente messa in discussione e causare inefficienza nel processo decisionale. Un processo decisionale collettivo di solito richiede più tempo.

I leader democratici funzionano meglio quando i membri del team hanno esperienza e hanno una solida conoscenza nella loro area funzionale. I membri inesperti potrebbero essere confusi sotto tale leadership o chiedersi perché la loro voce fosse ricercata nonostante la loro mancanza di esperienza.

John F. Kennedy è stato un leader democratico di successo. Quando Kennedy ha gestito la situazione della Baia dei Porci, ha dato una voce a tutti nella sua cerchia. Il modo in cui prendeva le decisioni aveva cambiato il processo decisionale per l'era moderna. [2]

Leader affiliato

I leader affiliati mostrano calore e accettazione ai membri e creano legami emotivi con loro.

Grazie alla cordialità fornita, i membri si sentono al sicuro, hanno un forte senso di appartenenza all'organizzazione e si comportano meglio. Google ha condotto studi su manager efficaci e ha scoperto che la cosa numero 1 che forniscono è la "sicurezza psicologica". I leader affiliati lo fanno.

Sfortunatamente, le prestazioni mediocri possono essere promosse sotto una leadership di affiliazione perché raramente mette sotto pressione i membri del team. Alcuni membri del team potrebbero ritenere di poter affrontare un determinato lavoro perché i loro manager li sosterranno sempre.

Questo stile di leadership funziona meglio in situazioni di stress o quando il morale dei membri del team è basso. In genere, viene utilizzato al meglio insieme ad altri stili principali.

Il Dalai Lama porta le persone con sé in un quadro più ampio di contentezza e sicurezza.

Leader del coaching

I leader del coaching sono i mentori dei membri del team più inesperti. Aiutano i membri a migliorare le loro capacità e prestazioni fornendo loro costantemente feedback.

Questo crea un ambiente di lavoro positivo in cui leader e dipendenti comunicano costantemente. Con la guida del leader del coaching, i membri del team crescono e migliorano continuamente.

Lo svantaggio del coaching regolare è che richiede tempo. Ci vuole anche pazienza per allenare ciascuno dei membri della squadra. In un'organizzazione che si concentra sui risultati immediati, il coaching non è preferito perché richiede tempo per vedere risultati significativi.

I leader del coaching lavorano al meglio con dipendenti inesperti desiderosi di imparare e crescere. Un leader che è abile nel convincere e influenzare gli altri eseguirà bene la leadership di coaching.

John Wooden, che ha vinto più campionati di basket NCAA di qualsiasi altro allenatore, è un leader di successo. Aveva un modello di coaching molto specifico che si concentrava sulla trasmissione delle informazioni anziché sulla correzione del corso. [3]

Non tutti gli stili possono essere applicati a ogni situazione e alcune persone potrebbero essere più brave in uno stile piuttosto che in un altro. Se usi lo stile giusto al momento giusto, l'effetto può essere sostanziale.

Bonus: combina stili di leadership

Tutti questi stili funzionano bene in situazioni specifiche e spesso i team hanno bisogno di un mix di diversi stili di leadership tra diversi team di lavoro e progetti di lavoro.