Molti di noi non riescono a identificare i nostri punti di forza e di debolezza perché abbiamo frainteso il loro significato

Denise condivide consigli sulla psicologia e sulla comunicazione su Lifehack. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

"Soooo, parlami dei tuoi punti di forza e di debolezza ..."

Ti capita di provare quella minacciosa sensazione di "cervo alla luce dei fari" quando senti questa domanda? Cosa significa anche? Quali sono le cose che identifichi come punti di forza? Perché li etichetti come tali? È perché è un'abilità o un'abilità in cui eccelli? È qualcosa che fai meglio della maggior parte delle persone? Chi o cosa misura cos'è una forza o una debolezza? Questa domanda, specialmente in un'intervista, può essere un terreno difficile da affrontare.

Come persona che si è seduta su entrambi i lati di questa domanda, cercherò di fornire alcune indicazioni e indicazioni su come affrontare questo pendio estremamente scivoloso.

Anche se sei bravo in qualcosa, è la tua debolezza se ti prosciuga.

Scoprire i tuoi veri punti di forza e di debolezza non è solo fondamentale per inchiodare un colloquio di lavoro. È una chiave fondamentale per il tuo successo in tutti gli aspetti della vita.

Marcus Buckingham, autore di Go Put Your Strengths To Work, fornisce la spiegazione più pura e concisa per determinare cosa è un punto di forza e cosa è un punto debole. E non ha nulla a che fare con ciò in cui sei bravo o con quanto sei leale nei confronti degli altri.

"Una migliore definizione di un punto di forza", ha detto Buckingham, "è un'attività che ti fa sentire forte. E una debolezza è un'attività che ti fa sentire debole. Anche se sei bravo, se ti prosciuga, è una debolezza ".

Considera questa affermazione per un momento. Stai iniziando a ottenere un po 'più di contesto e comprensione di quali sono i tuoi veri punti di forza e le tue carenze?

Ero orgoglioso della mia capacità di trattare con le persone, ma in seguito ho scoperto che non è la mia vera forza ...

Ecco un esempio tratto dall'esperienza personale.

Sono estremamente "bravo con le persone". Sono compassionevole, premuroso, attento, incoraggiante e accomodante. Sono bravo a ottenere il meglio dalle persone, a calmare situazioni intense e a far sentire le persone ascoltate, convalidate e apprezzate. Ci lavoro. Studio le persone. Sono uno studente di psicologia e interazione umana e di solito posso determinare il temperamento primario di una persona [1] nei momenti in cui lo incontro e posso adattarmi per giocare alla loro forza di temperamento.

Nelle interviste [2] ho sempre elencato le mie capacità interpersonali come uno dei miei punti di forza. Ma se faccio un passo indietro e valuto veramente questo "dono" scopro che non è davvero uno dei miei veri punti di forza. La verità è che le persone mi prosciugano e l'interazione umana, spesso, è come navigare in un campo minato. Preferisco stare da solo o con mio marito piuttosto che stare con gli altri. Le mie interazioni con le persone non fluiscono in modo naturale. Non sono istintivamente una "persona popolare". Devo calcolare le mie mosse e misurare le mie risposte prima di parlare. Sono per natura timida, incredibilmente introversa e socialmente goffa. Le mie capacità personali sono prodotte e sono state affinate per necessità. Non è un dono, è un'abilità ben sviluppata.

Di seguito sono riportati alcuni principi da considerare quando si valutano i propri punti di forza e di debolezza:

Non giudicare mai i tuoi punti di forza e di debolezza in base al confronto

Potresti essere migliore di chiunque altro intorno a te in qualcosa e comunque essere un punto debole per te. Una forza è qualcosa che ti dà energia e qualcosa per cui hai un'inclinazione naturale. Una persona affascinante, carismatica, un conversatore naturale e che ama stare con le persone e intrattenere le persone può elencare le "abilità interpersonali" come un punto di forza.

Un punto di forza è qualcosa su cui fai affidamento per raggiungere obiettivi e vincere, la debolezza sono ostacoli che devono essere superati o evitati per ottenere la vittoria. I tuoi punti di forza e di debolezza sono solo relativi a te. Il confronto tra te stesso e gli altri distorce la tua visione dei tuoi veri doni e delle aree di mancanza.

Non perdere tempo a lavorare su punti deboli non correlati al tuo obiettivo di vita

Puoi rafforzare le tue debolezze proprio come ho fatto con le mie interazioni con le persone. Tuttavia, non sarà mai un punto di forza. Una volta identificati i tuoi punti deboli, puoi attaccarli in due modi. In primo luogo, puoi lavorare per rafforzare la debolezza in modo che diventi meno carente. Oppure potresti rafforzare e imparare a sfruttare i tuoi punti di forza per compensare le tue debolezze.

Imparare a far fronte è fondamentale quando si tratta di gestire le aree deboli. È una perdita di tempo lavorare su debolezze che non sono legate allo scopo della tua vita o legate ai tuoi obiettivi.

Non possiedo, in alcun modo, forma o forma, il pollice verde. Piante e fogliame rabbrividiscono, avvizziscono e muoiono in mia presenza. Potrei imparare a prendermi cura delle piante e sviluppare questa abilità se lo avessi scelto anch'io. Tuttavia, non ha nulla a che fare con il mio destino, i miei obiettivi o il mio successo nella vita. Se ho bisogno di fiori per un evento, li acquisto appena prima di averne bisogno (altrimenti muoiono). Ho un bel cortile che pago qualcuno per mantenerlo. Trascorro il mio tempo e le mie energie lavorando su cose che contano e che mi spingono verso lo scopo della mia vita.

Il contesto dovrebbe essere preso in considerazione quando giudichi i tuoi punti di forza e di debolezza

Questo è un errore enorme che la maggior parte di noi commette. Prendiamo ad esempio le caratteristiche, l'introversione e l'estroversione. Entrambi questi tratti sono completamente benigni. Diventano buoni o cattivi solo con il contesto.

Come ho detto prima, sono molto introverso. Sono uno scrittore e lavoro in un ufficio con altri scrittori. Essere un introverso in questo ambiente è un punto di forza. In questo contesto, non ho bisogno di essere estroverso e loquace. Se lo fossi, ciò ostacolerebbe le mie prestazioni e metterebbe a dura prova l'ambiente di lavoro. Tuttavia, prima di diventare uno scrittore, ero un educatore. L'insegnamento richiede che tu sia estroverso, disponibile e abbia la capacità di connetterti sinceramente con le persone. In questo contesto, essere un introverso era una debolezza. Ho dovuto mettere il tempo, l'energia e la forza mentale per essere ciò di cui avevo bisogno per avere successo.

Evita di utilizzare termini generali per descrivere i tuoi punti di forza e di debolezza o sarai distratto