Non essere mai quello che aspetta di dare fiori

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Troppo spesso non diciamo le cose che in realtà dovrebbero essere dette finché non è troppo tardi per dirle.

Quando qualcuno che amiamo o a cui teniamo profondamente lascia questa vita, così tante cose ci tornano in mente, come le cose che pensavamo di dire prima, ma semplicemente non abbiamo avuto il coraggio o il momento giusto per esprimerci . Quando qualcuno muore, è doloroso, persino frustrante e confuso. E se fossimo vicini a quella persona, lui o lei non lascerà la nostra mente o il nostro cuore molto presto.

L'importanza della gentilezza.

È sempre bello sentire le parole gentili che le persone che conoscevano quella persona hanno detto su di loro al funerale; l'abbondanza di doni e fiori che vengono dati alle loro famiglie o lasciati alla loro tomba; le conversazioni significative e sincere accendono sempre un fuoco di ammirazione e ci fanno riflettere su cosa deve fare quella persona nella sua nuova vita.

È davvero strano il motivo per cui le persone aspettano per regalare fiori e dicono parole gentili alle persone fino a dopo la loro morte. Ma lo facciamo comunque. Aspettiamo che sia troppo tardi per dire cosa si sarebbe potuto dire e per fare quello che si sarebbe potuto fare. Sento persone che parlano di come qualcuno che è morto abbia cambiato la loro vita in meglio o abbia detto loro qualcosa di speciale o importante che ha contribuito a plasmare il loro modo di vedere. E quelle parole sono veramente gentili, belle e significative.

Tuttavia, aspettiamo che sia troppo tardi per dire le stesse parole a quella persona. Quanto avrebbe significato di più per loro se li avessimo sorpresi con il bouquet mentre erano vivi? Sapevano almeno che ti sentivi speciali e pensavano di avere un buon impatto sulla tua vita? Forse l'hanno fatto. Forse non ci hanno pensato. Ma non dobbiamo indovinare a posteriori se abbiamo espresso i nostri sentimenti ora mentre abbiamo ancora tempo.

Il tempo non aspetta nessuno.

Quella persona che ha significato così tanto per noi può essere qui un minuto e poi andarsene. E il crepacuore si aggrava quando abbiamo così tanto dentro che avremmo potuto dire e così tanto che avremmo potuto dare, ma è troppo tardi.

La morte ha un modo per fermarci sulle nostre tracce e riportarci al centro. Ci aiuta a mettere la vita in prospettiva e prestare attenzione alle cose e alle persone che sono importanti. Tende a tirarci su e spingerci di nuovo insieme e ci fa pensare a qualcuno in un modo che sia significativo.

Molto spesso, ci concentriamo troppo su noi stessi per non avere il tempo di pensare agli altri e a cosa significano per noi. Siamo così concentrati su come andare avanti e avere successo, e dimostrare che siamo migliori che non pensiamo davvero a ciò che gli altri significano per noi abbastanza a lungo da agire effettivamente in base al pensiero e ringraziarli per qualunque cosa abbiano fatto per renderci quello che siamo.

Agisci adesso.

Quindi, in questo momento, fermati e pensa all'unica persona, o forse a più persone, che ha fatto qualcosa di speciale per te. Forse hanno avuto una parola incoraggiante per te quando ti sentivi scoraggiato, o erano gli unici a farti visita in ospedale, o hanno celebrato il tuo successo senza essere invidiosi, o ti hanno amato solo per quello che sei.