Perché è una bugia che il tempo guarisca tutte le ferite

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

È difficile perdere qualcuno che ami, sia che sia causato da una morte o da una rottura. Puoi combattere con varie emozioni o reazioni, il che è normale per le diverse fasi del dolore.

Hai visto persone che, dopo essersi lasciate, danno l'impressione di essere andate avanti. A volte, sembra che lo facciano quasi immediatamente. Vedi le foto sui social media di loro ubriachi a una festa e circondati da orde di persone che si "divertono". Oppure potrebbero esserci aggiornamenti di stato criptici con citazioni di chiunque, da Buddha ad Adele.

Eppure ciò che non viene mostrato sono le notti che trascorrono piangendo, chiedendo consigli e ossessionati da altre persone. Potrebbero essere necessarie settimane, mesi o addirittura anni prima che possano finalmente andare avanti.

In effetti, ci sono sette fasi del dolore secondo il ciclo Kubler-Ross: [1]

  • Shock: sentirsi intorpiditi dall'incredulità ti protegge emotivamente dall'essere sopraffatto.
  • Negazione: una volta che lo shock svanisce, non puoi credere che stia accadendo e tutto sembra surreale.
  • Rabbia: la fase successiva lascerà il posto al sentirsi arrabbiati e persino a scagliarsi contro gli altri.
  • Contrattazione: ti senti molto confuso e, di conseguenza, cerchi una via d'uscita disperata da questa angoscia che provi.
  • Depressione: un periodo di tristezza prende il sopravvento e potresti riflettere su ciò che è andato perduto. Potresti sentirti solo o disperato.
  • Test: la realtà sta iniziando a farsi strada e potresti sperimentare cose da fare che potrebbero aiutarti ad andare avanti.
  • Accettazione: nella fase finale, avrai accettato la situazione e iniziato ad andare avanti.

Non è mai facile superare tutte queste fasi, ma raggiungere l'ultima fase del dolore è essenziale per tutti per vivere. Ognuno vivrà le fasi del dolore in modo diverso perché le relazioni che abbiamo sono diverse e il modo in cui gestiamo le emozioni non è lo stesso.

Per qualcuno che piange per una morte, l'accettazione non significa che tu stia bene con la perdita.

È più che altro che tu abbia accettato la realtà che non sono più qui. Anche se ci pensi ancora, il modo in cui pensi a loro è cambiato.

Il tuo obiettivo è diverso. In precedenza, potresti essere stato inghiottito dalle fasi del dolore, ma la tua vita è tornata a una vecchia (o nuova) routine. Anche se la vita potrebbe non essere più la stessa, stai andando avanti e potresti persino iniziare a sentirti più fiducioso per il futuro.

Per qualcuno che piange la fine di una relazione, accettare significa aprirsi a una nuova vita.

Con una visione approfondita, puoi capire perché la relazione non ha funzionato e perché stai meglio per questo.

Quando il tuo telefono funziona, non speri più che sia il tuo ex. Non li controlli sui loro social media perché non ti senti più interessato o preoccupato per quello che stanno facendo nella loro vita.