Puoi prendere Tylenol durante la gravidanza?

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

La gravidanza è famigerata per avere effetti collaterali, alcuni dolorosi. Quando ho scoperto per la prima volta di essere incinta, ho smesso di bere caffeina tacchino freddo e di conseguenza ho avuto un mal di testa di tre giorni che è stato orribile. Con drastici cambiamenti ormonali, la donna incinta media può aspettarsi di sperimentare sintomi come mal di testa, mal di schiena e crampi mestruali per la prima metà del primo trimestre. Più avanti nella gravidanza, può aspettarsi gonfiore, mal di schiena, dolore alla sciatica, dolore all'anca e dolori muscolari e articolari vari. Dopo aver sperimentato questi sintomi, è normale voler raggiungere tutti gli antidolorifici antinfiammatori disponibili. Ma ciò che prendi come farmaco durante tutte le fasi della gravidanza è estremamente importante e può avere effetti duraturi sul tuo bambino e sul tuo corpo.

Quindi, Tylenol è sicuro?

Questo porta le donne alla domanda frequente: puoi prendere Tylenol (il marchio per l'antidolorifico da banco e riduttore di febbre noto come paracetamolo) durante la gravidanza? Il consiglio consueto dice che il Tylenol è il farmaco da banco più sicuro che le donne possono assumere durante la gravidanza per alleviare i sintomi del dolore. È generalmente preferito rispetto all'uso di ibuprofene o aspirina, che si dice abbiano causato difetti alla nascita se assunti durante la gravidanza, specialmente nel primo trimestre. Sebbene sia generalmente accettata come la scelta più sicura per alleviare il dolore, ci sono ragioni per cui una donna vorrebbe usare cautela nell'assumere Tylenol durante la gravidanza.

Gli studi dimostrano che esiste una correlazione con l'ADHD

Studi recenti hanno portato gli scienziati a credere che un uso eccessivo di Tylenol durante il primo trimestre di gravidanza causi tassi più elevati di ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività) nei bambini. Le donne più colpite hanno riferito di usare Tylenol per 20 settimane o più, specialmente durante gli ultimi mesi di gravidanza. I critici di questo studio affermano che la correlazione non prova necessariamente il nesso di causalità, ad esempio, una donna che prende Tylenol per sintomi dolorosi legati alla gravidanza può avere una condizione medica sottostante che richiede il suo uso di farmaci antidolorifici in primo luogo, e che forse è quella condizione che ha causato a suo figlio l'ADHD.

Soffrire di febbre alta può essere significativamente peggiore per il bambino

Le donne che potrebbero essere preoccupate di esporre il proprio bambino a un rischio maggiore di ADHD dovrebbero considerare la pericolosa possibilità che può causare febbre alta durante la gravidanza. Si consiglia alle donne incinte che hanno una febbre di 101 gradi Fahrenheit o più dovrebbero prendere un riduttore di febbre per evitare una moltitudine o rischi per il bambino. L'unico riduttore di febbre approvato per l'uso durante la gravidanza è Tylenol.

Se una donna sta provando un dolore che richiede l'uso di Tylenol, dovrebbe fare attenzione a prendere il dosaggio esatto raccomandato per lei. Le donne incinte possono assumere fino a 1.000 mg di paracetamolo ogni quattro ore fino a quattro volte al giorno per un'assunzione giornaliera massima non superiore a 4.000 mg.