Quanto devi rinunciare per ricominciare?

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

È opinione comune che quando si vuole intraprendere o iniziare qualcosa di nuovo, che si tratti di un progetto, un hobby, un lavoro o un grande cambiamento di vita, è necessario fare un certo sacrificio. "Fuori il vecchio e dentro il nuovo" come si suol dire. È quasi come se non fossimo in grado di gestire più di ciò che già abbiamo a meno che non lasciamo andare qualcosa. Ma è davvero sempre così?

Quando ero giovane, ho preso lezioni di violino. Mi è piaciuto suonare il violino, ma quando ho visto un amico suonare la chitarra, mi sono interessato e volevo iniziare a suonare la chitarra. I miei genitori, tuttavia, hanno insistito che continuassi con le lezioni di violino e hanno ritenuto che dovessi prestare la mia completa attenzione a uno strumento, piuttosto che ad alcuni; non credevano nell'essere un tuttofare. E quindi, purtroppo, non ho mai avuto modo di prendere lezioni di chitarra.

Paura di rinunciare?

Ti sei trovato in una circostanza simile? Forse sei a un bivio in questo momento e stai cercando di decidere se continuare a svolgere il tuo lavoro attuale o passare a qualcosa di completamente diverso.

Non stai davvero facendo qualcosa che ami o di cui sei appassionato, quindi vuoi apportare quel cambiamento ... ma è un tuffo rischioso.

Dovrai sacrificare tutto ciò per cui hai lavorato nel corso degli anni. Dovrai dire addio a quel grande stipendio, ai vantaggi che derivano dal lavoro e dovrai adattarti ai cambiamenti.

Pensando a tutto ciò che ti sta già impedendo di uscire per fare quel grande passo, non è vero?

O forse hai molte responsabilità nella vita e poco tempo per te stesso. Hai un coniuge e dei figli di cui occuparti, forse hai persino dei genitori anziani a cui pensare.

Al lavoro, hai dei subordinati che ti aspettano per un consiglio. In qualità di leader, devi gestire la squadra. Hai teleconferenze in diversi fusi orari da prendere, viaggi di lavoro da fare, decisioni da eseguire.

Hai molto da fare e vorresti dedicare un po 'di tempo a goderti i piaceri della vita. Golf di più, porta i bambini di più, vai in vacanza di più.

Certo, se volessi tutto quel tempo, potresti accettare un lavoro meno retribuito che richiederebbe meno del tuo tempo. Ma ciò significherebbe un grande taglio di stipendio e meno comfort nella tua vita. In caso contrario, dovrai solo aspettare fino al pensionamento.

Gioca sul sicuro e rimpiangilo più tardi

In queste situazioni, di solito sembra un approccio tutto o niente. E poi diventa la cosa "intelligente" ignorare la sfida e restare. A meno che tu non sia eccessivamente sicuro che le cose funzioneranno o che tu abbia un piano di riserva in atto, la maggior parte delle persone non ha mai il coraggio di cogliere nuove opportunità dopo una certa età o fase della vita per paura di perdere, cadere dietro o dovendo rinunciare a ciò che hanno già realizzato finora.

Ma è anche qui che molte persone finiscono per provare rimpianto molto più tardi nella vita, forse quando si avvicinano al pensionamento e hanno un senso di insoddisfazione. C'è un vuoto o una mancanza che iniziano a sentire perché non hanno mai risposto alla loro "chiamata" o soddisfatto i desideri del loro cuore. Potresti finire per sentirti un po 'cambiato e insoddisfatto di come sono andate le cose.

La maggior parte delle persone finisce per sentirsi più amareggiata per i rimpianti di non aver fatto o provato qualcosa, piuttosto che per gli errori che hanno fatto quando hanno provato qualcosa. È sempre il "e se" che continuerà a perseguitarti.

Nessun sacrificio necessario!

La buona notizia è che in realtà non devi fare un così grande sacrificio quando si tratta di cambiare! Tutto ciò che hai mai raggiunto e che desideri realizzare viene da te: dalla tua mente.

Stabilisci i limiti e le aspettative per ciò che desideri nella vita, motivo per cui il primo passo per liberarti dai tuoi limiti è imparare a controllare e cambiare la tua percezione della situazione attuale. Con questo in mente, ora puoi assumerti attivamente il controllo delle tue circostanze per costruire e creare nuove opportunità.

Allora come inizi?

Pensa di essere in spiaggia, dove puoi vedere le maree in arrivo. Quando la marea è contro di te, sembra una battaglia in salita. Ma, quando la marea è con te, come quando stai surfando, improvvisamente c'è questa forza invisibile - uno slancio che ti spinge avanti; sei in grado di cavalcare le onde senza problemi, proprio come lo slancio ti spinge verso il tuo obiettivo.

Quindi parte della presa in carico delle proprie circostanze consiste nel ribaltare sistematicamente le sorti a proprio favore. Ciò significa sviluppare attivamente e strategicamente lo slancio per te stesso per spingerti dove vuoi andare. Ma prima devi sapere cosa vuoi. Devi sapere dove stai andando per impostare gli obiettivi giusti e le azioni giuste per iniziare ad arrivarci, giusto?

La vita nelle tendenze

Successivamente, devi anche vedere le cose in termini di tendenze. Credi che un grande cambiamento richieda una sorta di grande decisione drammatica? Non è sempre così!

La verità è che quel cambiamento, soprattutto un grande cambiamento, non avviene quasi mai come risultato improvviso e una tantum. Il cambiamento non avviene in una decisione improvvisa e impulsiva, perché quei tipi di cambiamenti non si risolvono quasi mai bene. I risultati che hanno successo sono il risultato di un accumulo di fattori sottostanti che probabilmente è iniziato molto tempo fa.

Pensa all'ultima decisione importante che hai preso. I semi che sono culminati in esso sono stati probabilmente piantati mesi o forse anche un anno prima - ho ragione? Puoi dire che quei semi hanno iniziato una nuova tendenza di vita che ha iniziato a prendere slancio man mano che ci mettevi più azioni. Ed è proprio così che funziona la tua vita.

La vita è una serie di tendenze. E una tendenza è una direzione del cambiamento: va sempre avanti.

Ma il problema delle tendenze è che stanno aumentando o diminuendo; alcuni si muovono più velocemente di altri, ma sono sempre in movimento. Un altro aspetto delle tendenze è che non noti il ​​cambiamento in atto in quel momento. La stragrande maggioranza dei cambiamenti avviene dietro le quinte e si accumula nel tempo. Non è fino a quando non supera un punto critico quando diventa improvvisamente evidente.