Raggiungere i tuoi obiettivi nel 2013: preparare il tuo kit di sopravvivenza

Coach e tirocinante consulente specializzato in salute mentale e dipendenza. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Con l'inizio del nuovo anno, è tempo che iniziamo a pensare a ciò che vorremmo ottenere nei prossimi dodici mesi.

Nel perseguire i tuoi obiettivi nel 2013, è probabile che prima ti lanciassi a capofitto nell'incredibile avventura che ti aspetta, pieno com'è probabile di successi e lotte, trionfi monumentali e forse il momento dispari tragedia, eppure, come tutte le avventure, vale la pena essere preparati.

Senza un'adeguata pianificazione e preparazione e senza mettere in valigia l'importantissimo kit di sopravvivenza, è probabile che incontrerai tutti i tipi di pericoli e situazioni che non sarai in grado di affrontare in modo efficace. Con questo in mente, quindi, ecco quattro strumenti di vitale importanza con cui dovresti armarti mentre parti per un'avventura alla ricerca dei tuoi obiettivi.

1. Una mappa

Abbastanza ovvio, vero? Dopo tutto, chi parte per un'avventura senza una mappa?

In questo caso particolare, i percorsi tracciati sulla mappa non saranno autostrade e strade secondarie disegnate da un cartografo esperto. Invece, tracceranno una rotta dalla tua posizione attuale a quella destinazione magica nota come successo.

Quando crei la tua mappa, devi disegnare tre cose cruciali:

  • Punto A

Dove sei adesso? Com'è la tua vita? Cosa speri di cambiare o migliorare intraprendendo questa avventura?

  • Punti da B a X (e qualsiasi altro punto a cui potresti doverti fermare)

Questi sono traguardi che dovrai raggiungere per arrivare al Punto Z. Senza tenere d'occhio questi traguardi, come saprai se il perseguimento dei tuoi obiettivi è in corso? Tracciare i tuoi punti B, C, D e così via ti aiuterà anche a mantenerti motivato: man mano che superi un traguardo dopo l'altro, sarai più determinato ad andare avanti.

  • Punto Z

Questi sono i tuoi obiettivi completati: il tesoro nascosto che è lo scopo della tua avventura.

2. La tua bussola

La maggior parte degli avventurieri intrepidi richiede una bussola di qualche tipo. Molto spesso, questi ci dicono da che parte è il nord, quale è il sud, da che parte dovremmo andare e quale non dovremmo.

Per il nostro perseguimento degli obiettivi, tuttavia, abbiamo bisogno di un diverso tipo di bussola. Ne abbiamo bisogno che ci dica quale azione è giusta, quale azione è sbagliata, cosa dovremmo fare e cosa non dovremmo fare.

Come molte persone, preferisco pensare a questo come a una "bussola morale". Puoi decidere di chiamarlo un elenco di valori, i tuoi dieci comandamenti personali o qualsiasi cosa ti piaccia. Il punto è avere una buona idea di cosa ti sta guidando, quali valori ti stanno più vicino e cosa sei (o non sei) pronto a fare per completare la tua avventura.